10°

22°

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura
Ricevi gratis le news
15

«Pizzarotti sapeva degli accordi collusivi con Remilia e avrebbe potuto non aggiudicare la gara»: questo uno degli aspetti che emerge dagli atti dell'inchiesta sulla cessione della Stu Pasubio. Leggi tutti i dettagli

La vendita della Stu Pasubio a Remilia? Pizzarotti avrebbe dovuto - e potuto - evitarla. Non una questione di «opportunità» ma di legge, secondo la procura. Perché il sindaco avrebbe «ricevuto più comunicazioni anche per iscritto dai dirigenti dei settori interessati (contratti e urbanistica) che lo notiziavano ufficialmente del contenuto degli accordi con la società Unieco/Remilia, consapevole pertanto delle collusioni tra il Comune e la società». Eppure, il sindaco dette il via libera a quella vendita, «pur avendo, in ragione del suo ufficio, il potere di non aggiudicare - senza penali - la cessione». E' quanto sta scritto nell'avviso di conclusione delle indagini che Pizzarotti, insieme all'ex commissario straordinario del Comune Mario Ciclosi e ai sette consiglieri d'amministrazione della partecipata comunale in carica nel 2012, ha ricevuto alla fine dello scorso mese. Tutti sono indagati in concorso per turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, il reato che prevede fino a 5 anni di pena per chi «con violenza o minaccia, o con doni, promesse, collusioni o altri mezzi fraudolenti, turba il procedimento amministrativo diretto a stabilire il contenuto del bando o di altro atto equipollente al fine di condizionare la modalità di scelta del contraente da parte della pubblica amministrazione».

Quelle scadenze differite

La procura non ha dubbi: il bando per la cessione del 52% della quota comunale della Stu Pasubio, la società per la riqualificazione del comparto della zona di via Pasubio, fu costruito su misura per la reggiana Remilia, l'azienda del gruppo Unieco che si aggiudicò la gara nell'ottobre 2012. Gli accordi illeciti sarebbero stati stretti tra Ciclosi e gli allora membri del cda della Stu Pasubio, da una parte, e da un rappresentante di Remilia, dall'altra. Ma, secondo la procura, Pizzarotti, eletto da pochi mesi, non si sarebbe limitato a portare avanti il disegno del suo predecessore, ma «si rendeva parte attiva - si legge nell'atto di conclusione delle indagini - concedendo per ben due volte con deliberazioni di giunta del 19/7/2012 e del 4/10/2012 la proroga del termine per presentare l'offerta d'acquisto, alterando così nuovamente il procedimento amministrativo diretto a stabilire il contenuto del bando».

LE CLAUSOLE «CONTRATTATE»

Ma quali furono gli accordi sottobanco con Remilia? Una serie di clausole inserite nel bando dopo diversi incontri riservati organizzati in Comune. A quei colloqui, Dario Ibattici (non indagato), in rappresentanza della società reggiana, avrebbe chiesto e ottenuto - secondo gli inquirenti - «oltre all'evidente vantaggio della rinuncia in favore della stessa Pasubio da parte del Comune a un credito di 5.335.000 euro, anche il pagamento di 3.831.873 euro, subordinato all'approvazione di varianti urbanistiche a priori irrealizzabili, nonché un aumento di circa 1.600 metri quadrati di superficie lorda utile rispetto all'originario progetto e non destinati, come previsto, ad uso esclusivamente pubblico».

NESSUNA CONFERENZA DEI SERVIZI

Insomma, qualche variante e - soprattutto - più spazio per costruire, anche ad uso privato, oltre alla rinuncia al credito milionario: questi sarebbero stati gli accordi pattuiti con Remilia. Non solo. Anche le «raccomandazioni» della Regione sarebbero state ignorate. Secondo la procura, infatti, nell'aprile 2012 Ciclosi avrebbe chiesto alla Regione il via libera per la cessione della quota comunale della Stu Pasubio. Da Viale Aldo Moro arrivò una risposta possibilista, ma allo stesso tempo si precisò che per eventuali modifiche rispetto all'accordo di programma del 2003 sul piano di riqualificazione dell'area, «vi era la necessità di provvedervi solo a mezzo conferenza dei servizi», si sottolinea nell'avviso di conclusione delle indagini. Ma nessuna conferenza fu mai convocata. E il 19 ottobre 2012 le azioni della Stu Pasubio furono cedute a Remilia, unica società partecipante al bando.

«Continuo ad essere tranquillo, perché so che il risultato è stato salvaguardare l'interesse dei parmigiani», ribadisce Pizzarotti facendo riferimento a ciò che aveva scritto sul suo profilo Facebook, a fine luglio, annunciando la chiusura dell'indagine. Ma ora spetterà al pm Paola Dal Monte, titolare dell'inchiesta, decidere se chiedere il rinvio a giudizio o archiviare le accuse, dopo aver interrogato gli indagati che desidereranno farsi avanti.

Notizie di agosto: hai letto attentamente la Gazzetta? CLICCA QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • PaoloUno

    22 Agosto @ 22.27

    Se si potesse scommettere punterei decisamente sull'archiviazione delle accuse.

    Rispondi

  • ANONIMUS

    22 Agosto @ 20.26

    LASCIATELO LAVORARE!! Sta ancora cercando chi l ha offeso scrivendo sui muri..

    Rispondi

  • Patrizia Adorni

    22 Agosto @ 17.00

    the mari.... Sindaco Pentastellato???? non si è accorto che il 5 stelle di Parma l'ha denunciato da tempo? Forse i parmigiani piano piano cominceranno a capire in che mani si sono voluti rimettere!!!!! il 5 stelle E' TUTTA UN'ALTRA COSA!!!!

    Rispondi

    • the mari

      22 Agosto @ 18.58

      certo pentastellato ( si era fatto eleggere nei 5stelle e all epoca dei fatti ne faceva parte) per questa ragione dico "incoerente" per usare un eufemismo

      Rispondi

  • Michele

    22 Agosto @ 16.20

    mandra_sala@libero.it

    È stato un sindaco pentastellato per qualche mese... forse. Ora non sembra così "onesto". Quante sono tre... quattro volte indagato ? Io nemmeno una.

    Rispondi

  • the mari

    22 Agosto @ 15.49

    Beh se c è reato lo deciderà Il p.m. ma che un sindaco pentastellato abbia avallato certi accordi me lo rende un attimino incoerente ...

    Rispondi

    • Filippo Bertozzi

      22 Agosto @ 21.13

      Non è il pm a decidere, ma il giudice: la tua ignoranza denota alla perfezione l'elettore tipo di pizzarotti.

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter dalla pornostar

storie di ex

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter da una pornostar

Primo evento ufficiale per il principe Harry e la fidanzata

gossip reale

Primo evento ufficiale per il principe Harry e la fidanzata Foto

Rolling Stones: gli highlander del rock

Il concerto

Stones: immortali! (Jagger canta in italiano)(Le polemiche)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Tetti in eternit nell'ex fornace di Felegara: la paura dei cittadini

Allarme

Tetti in eternit nell'ex fornace di Felegara: la paura dei cittadini

Furto

Ennesimo raid al centro diurno Fiordaliso

boretto

La sorella di Bebe Brown: «Ancora troppi misteri sulla sua morte»

Sabato 7 ottobre il funerale

L'INTERVISTA

Tajani: «Candidarmi? No, il mio posto è a Bruxelles»

CANTIERI

Tangenziale Sud di Fidenza: iniziati i lavori

FIDENZA

Uova contro le vetrine dei negozi

COLORNO

Ponte inagibile e treni insufficienti

Volontariato

Assistenza pubblica, numeri da record

FACCIA A FACCIA

Ateneo al voto, candidati a confronto

CARABINIERI

Entrano i ladri, donna finge di dormire per paura di violenze: arrestato 32enne di Sorbolo Video

Arrestato a Reggio Emilia un albanese che abita nel paese della Bassa. I due complici sono riusciti a fuggire

2commenti

COLLECCHIO

Gli agenti fermano un camionista ubriaco e scoprono una storia di sfruttamento 

Un 48enne romeno è stato multato e gli è stata ritirata la patente. Lavora in condizioni molto dure e per pochi soldi per un'agenzia intestata a un italiano

4commenti

Tuttaparma

Portinerie e portinai di un tempo

1commento

COMUNE

Sauro Fontanesi è il nuovo delegato alla Sicurezza del Comune

Fontanesi lascerà il comando della Municipale di Castelnovo Monti. Il suo ruolo: affiancherà l'assessore nella gestione degli interventi

2commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

San Leonardo: furto al centro diurno, nel laboratorio dei disabili

Le anticipazioni della Gazzetta di Parma di domani

tg parma

San Michele Tiorre, trasferiti da Parma i primi 8 migranti Video

4commenti

Via Burla

Rissa fra detenuti, agente ferito a Parma. Il Sappe: "Carcere praticamente in mano ai detenuti"

Il sindacato Sappe ribadisce i problemi di organico della polizia penitenziaria

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La piccola vittoria di una grande Merkel

di Paolo Ferrandi

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Colpita da un ramo tagliato dal marito: muore una 70enne

COMO

Morta con fazzoletti in bocca: giallo alla casa di riposo

SPORT

serie B

Verso la Salernitana: il Parma già al lavoro a Collecchio Video

RUGBY

Zebre nella storia: prima squadra italiana a vincere in Sudafrica Le foto

SOCIETA'

Fisco

Spesometro: una settimana di proroga

russia

Fermata una coppia di cannibali: resti umani nel frigo

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery