EDITORIALE

Brexit, un pasticcio colossale

La Brexit fa paura, bruciati 130 mld
Ricevi gratis le news
4

A quasi sei mesi dall'attivazione dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona per far uscire il Regno Unito dall'Ue e 441 giorni dopo il voto referendario che sancì la volontà del popolo britannico di lasciare l'Unione, c'è una sola, sconcertante e incontrovertibile certezza: la Brexit è un colossale casino. Scusate il francesismo, ma i primi tre round negoziali tra Londra e Bruxelles non hanno prodotto nulla e la Gran Bretagna è avvitata su sé stessa. Basta sfogliare qualsiasi giornale inglese - dai tabloid popolari al compassato Times - per avere quotidiana conferma di una profonda sensazione di smarrimento in un popolo cresciuto a pane e democrazia e che quindi non può mettere in discussione la legittima vittoria popolare (oggi due terzi dei britannici ritengono corretta l'uscita dall'Ue) ma è frastornato dal governo di Theresa May, indebolito dal voto e dilaniato al proprio interno. Anzi, ogni volta che tenta una mossa peggiora le cose rendendo la Brexit una crisi sociale prima ancora che economica.
Limitandoci alle ultime ore, Theresa May è inciampata tre volte: l'intenzione di varare drastiche misure sull'immigrazione europea dal 2019 ha sollevato un violento coro di critiche da parte di aziende, politici (inclusi i ministri Amber Rudd e Damian Green!), università e analisti costringendo all'ennesimo imbarazzato cambio di rotta. Seconda perla: la May nel tentativo di riconquistare la City, avversa alla Brexit, ha inviato un lettera ai dirigenti di grandi società, un'intrusione maldestra poco apprezzata dall'opinione pubblica. Infine proprio ieri è iniziato l'apparentemente innocuo dibattito parlamentare sulla legge quadro che revoca la normativa europea (Brexit Repeal Act) e i laburisti si sono messi di traverso, pronti a votare contro magari contando di avere al loro fianco i conservatori più europeisti.
Sulle tre questioni fondamentali - il salatissimo conto da pagare a Bruxelles per gli accordi già sottoscritti sul budget al 2020, il confine con l'Irlanda e i diritti dei 3,2 milioni di cittadini europei in UK - non si è fatto un solo passo ma il ministro per la Brexit David Davis imbonisce l'opinione pubblica sostenendo che ci sono «buone prospettive» per un accordo di transizione. Con fare gattopardesco sembra che Londra cerchi di cambiare tutto per non cambiare niente ma semplicemente non può pensare di chiudere le frontiere a piacimento e di usufruire al tempo stesso dei vantaggi del mercato comune. L'Europa gongola: i 27 - per ora - sono compatti e comunque fino al voto tedesco del 24 settembre se ne stanno tranquilli.
La verità è che dal 23 giugno 2016 la Gran Bretagna è più povera: la sterlina è precipitata di oltre il 20%, l'inflazione corre (+2,6%) mentre gli stipendi non tengono il passo (+2,1%) e i consumi ristagnano per il diminuito potere d'acquisto. Le cose difficilmente miglioreranno perché il Regno Unito importa almeno la metà di ciò che consuma (e la bellezza del 44% del suo interscambio avviene con l'Ue) e sarà in una posizione di debolezza nel chiudere nuovi accordi commerciali. Non solo: Londra oltre alle merci da sempre importa anche capitale umano di qualità dall'Europa e oggi che l'incertezza regna sovrana in tanti stanno preparando il trasloco. Francoforte gongola: la meta più probabile della transumanza finanziaria prevede in cinque anni l'arrivo di diecimila lavoratori da colossi del calibro di Goldman Sachs, Morgan Stanley e Nomura. E allora torna alla mente un grande classico: nebbia sulla Manica, il Continente è isolato...

atagliaferro@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Goldwords

    09 Settembre @ 20.03

    Quello che succederebbe qui da noi! La sterlina è andata a fondo, così come la borsa e le grandi banche stanno scappando dalla City per le nuove sedi a Francoforte. La cosa più bella è che chi l'ha promosso, si è dato alla macchia appena vinto, della serie: avete votato per me, bene adesso arrangiatevi. Penso ai populisti nostrani e a cosa farebbero, se non copiare Farage e la sua incapacità?!

    Rispondi

  • Gugne

    09 Settembre @ 11.05

    Hai scritto che "oggi due terzi dei britannici ritengono corretta l'uscita dall'Ue". Non e vero, e il contrario! Come sempre i politici hanno detto bugie. Ci hanno promesso tutto e non ci daranno altro che il caos. Ora i cittadini non vogliono Brexit, ma non c'è niente che possiamo fare.

    Rispondi

  • gherlan

    08 Settembre @ 20.04

    per forza le università inglesi sono critiche: senza studenti che arrivino da paesi ue come l'italia, dove li trovano i volontari da mandare da quache parte in africa a farsi torturare e uccidere?

    Rispondi

  • Immanuel

    08 Settembre @ 17.49

    Interessante: con la Brexit l'Inghilterra stenta e l'Europa gioisce!! Quindi per quelli che sono ancora dentro è andata bene così? Alla fine per le altre nazioni è stato un bene ? Nessuno voleva che uscisse, ma adesso si gongola?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Scomparso a 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

Gara

La grande sfida degli anolini

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

calcio

Il Parma s'accontenta

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

2commenti

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande