12°

22°

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie
Ricevi gratis le news
1

Il mio primo approccio alla questione catalana fu la gentile risposta del ragazzo spagnolo – mi scuso, catalano –che mi faceva da guida alla mia domanda sulla strana bandiera, un misto tra quella classica spagnola e quella cubana, presente dappertutto sui muri sbrecciati della fabbrica della Sagrada Família che allora era davvero un cantiere. Era il 1979, non avevo ancora 18 anni ed era il mio primo viaggio in Spagna. Non che la spiegazione del valore nazionalistico della «Estrelada» – la bandiera nazionalista catalana, quel giorno in variante «vermella», cioè con la stella rossa e con il triangolo giallo ocra, visto che era la bandiera del Psc, il «Partit dels Socialistes de Catalunya», mentre quella più «ufficiale» ha la stella bianca e il triangolo azzurro – fosse in qualche modo esauriente. Un po’ per le difficoltà linguistiche del castigliano – allora il catalano non era diffuso come ora e comunque avrebbe reso la conversazione ancora più stentata –, un po’ perché ai miei occhi quella dimostrazione di orgoglio regionalistico appariva un’assurdità. Per un giovane italiano, infatti, esporre una bandiera regionalista in un Paese che era tornato alla democrazia da poco era una cosa bizzarra, un po’ come se, per dire, a Parma si fosse tornati a esporre la bandiera del Ducato. E non durante le rievocazioni storiche, ma con un chiaro intento politico. Già mi faceva ridere l’idea di un partito socialista, cioè internazionalista, che avesse una denominazione geografica come un salume tipico. Ma soprattutto mi sembrava strano che si volesse rimettere discussione il lento e sanguinoso cammino che aveva portato alla nascita degli stati nazionali europei. Un po’ come se, in Italia, si volesse rimettere in discussione il Risorgimento.
Era il 1979, come ho detto, e la Lega Nord era ancora nella mente di Umberto Bossi, forse. E io non venivo da una regione con un forte sentimento indipendentista, tipo la Sicilia o la Sardegna. Anzi la mia regione mi sembrava – e in realtà continua a sembrarmi – una costruzione artificiale: Emilia-Romagna con il trattino che non unisce, ma divide. Mi sentivo prima di tutto italiano e europeo, poi, magari, parmigiano anche se la trovavo una cosa un po’ claustrofobica, come l’aria della stanza da letto la mattina prima di aprire le finestre. Ma sicuramente non emiliano-romagnolo. O, per quel che vale, padano, ma allora l’aggettivo serviva a distinguere un tipo di formaggio più a buon mercato rispetto al Parmigiano.
Ora, naturalmente, dopo anni di propaganda separatista da parte della Lega Nord, la cosa mi sembra molto meno assurda anche se l’indipendentismo della Lega non ha mai oltrepassato la fase folklorica. Trovare delle ragioni storiche per dividersi non è difficile. In Catalogna esistono – il patrimonio linguistico, il mito della perdita di autonomia dopo la caduta di Barcellona nel 1714, il nazionalismo catalano dell’otto-novecento, l’enorme pressione centripeta e repressiva del franchismo –, ma anche dove non esistono si fa presto a inventarle. La tradizione, che sembra una cosa rigida e immutabile, infatti, è malleabile come il pongo. Solo che a volte il divorzio è di «velluto», come nell’ex Cecoslovacchia. E a volte è una macelleria messicana, come nell’ex Jugoslavia. Vale davvero la pena di correre questi rischi e mettersi volontariamente su un piano inclinato come quello su cui ora è la Spagna?

pferrandi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Indiana

    23 Settembre @ 21.25

    Indiana

    Forse lei troverà claustrofobica la sua piccola città,ma prima di essere europei siamo italiani,prima che italiani emiliani,prima che emiliani parmigiani. Almeno nel mio caso. A me non starà mai stretta la terra che ha dato i natali alla mia famiglia e a me. E sappia che la voglia di separazione da uno stato nasce dalla voglia di liberarsi da una zavorra che pretende senza dare! L'America,come anche la Svizzera e tanti altri paesi,con il federalismo funziona benissimo! Ma chissà perché quando la Sardegna vuole diventare svizzera tutti dicono che fa bene ma se vuole diventare indipendente una regione del Nord allora tutti hanno da dire. Me lo spieghi lei....Io sono assolutamente dalla parte del federalismo,che non significa non essere più fratelli d'Italia,ma avere ognuno un proprio governo indipendente da Roma. Tutto il mio sostegno ai catalani

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Anteprima Gazzetta

Anziani scippati, danni devastanti

Le anticipazioni della Gazzetta del direttore Michele Brambilla

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

2commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

22commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

chiesa

Smentite le voci sulla salute di Papa Ratzinger

2commenti

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

CHAMPIONS

La Juve soffre e vince, la Roma strappa il pari in casa del Chelsea

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»