11°

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie
Ricevi gratis le news
1

Il mio primo approccio alla questione catalana fu la gentile risposta del ragazzo spagnolo – mi scuso, catalano –che mi faceva da guida alla mia domanda sulla strana bandiera, un misto tra quella classica spagnola e quella cubana, presente dappertutto sui muri sbrecciati della fabbrica della Sagrada Família che allora era davvero un cantiere. Era il 1979, non avevo ancora 18 anni ed era il mio primo viaggio in Spagna. Non che la spiegazione del valore nazionalistico della «Estrelada» – la bandiera nazionalista catalana, quel giorno in variante «vermella», cioè con la stella rossa e con il triangolo giallo ocra, visto che era la bandiera del Psc, il «Partit dels Socialistes de Catalunya», mentre quella più «ufficiale» ha la stella bianca e il triangolo azzurro – fosse in qualche modo esauriente. Un po’ per le difficoltà linguistiche del castigliano – allora il catalano non era diffuso come ora e comunque avrebbe reso la conversazione ancora più stentata –, un po’ perché ai miei occhi quella dimostrazione di orgoglio regionalistico appariva un’assurdità. Per un giovane italiano, infatti, esporre una bandiera regionalista in un Paese che era tornato alla democrazia da poco era una cosa bizzarra, un po’ come se, per dire, a Parma si fosse tornati a esporre la bandiera del Ducato. E non durante le rievocazioni storiche, ma con un chiaro intento politico. Già mi faceva ridere l’idea di un partito socialista, cioè internazionalista, che avesse una denominazione geografica come un salume tipico. Ma soprattutto mi sembrava strano che si volesse rimettere discussione il lento e sanguinoso cammino che aveva portato alla nascita degli stati nazionali europei. Un po’ come se, in Italia, si volesse rimettere in discussione il Risorgimento.
Era il 1979, come ho detto, e la Lega Nord era ancora nella mente di Umberto Bossi, forse. E io non venivo da una regione con un forte sentimento indipendentista, tipo la Sicilia o la Sardegna. Anzi la mia regione mi sembrava – e in realtà continua a sembrarmi – una costruzione artificiale: Emilia-Romagna con il trattino che non unisce, ma divide. Mi sentivo prima di tutto italiano e europeo, poi, magari, parmigiano anche se la trovavo una cosa un po’ claustrofobica, come l’aria della stanza da letto la mattina prima di aprire le finestre. Ma sicuramente non emiliano-romagnolo. O, per quel che vale, padano, ma allora l’aggettivo serviva a distinguere un tipo di formaggio più a buon mercato rispetto al Parmigiano.
Ora, naturalmente, dopo anni di propaganda separatista da parte della Lega Nord, la cosa mi sembra molto meno assurda anche se l’indipendentismo della Lega non ha mai oltrepassato la fase folklorica. Trovare delle ragioni storiche per dividersi non è difficile. In Catalogna esistono – il patrimonio linguistico, il mito della perdita di autonomia dopo la caduta di Barcellona nel 1714, il nazionalismo catalano dell’otto-novecento, l’enorme pressione centripeta e repressiva del franchismo –, ma anche dove non esistono si fa presto a inventarle. La tradizione, che sembra una cosa rigida e immutabile, infatti, è malleabile come il pongo. Solo che a volte il divorzio è di «velluto», come nell’ex Cecoslovacchia. E a volte è una macelleria messicana, come nell’ex Jugoslavia. Vale davvero la pena di correre questi rischi e mettersi volontariamente su un piano inclinato come quello su cui ora è la Spagna?

pferrandi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Indiana

    23 Settembre @ 21.25

    Indiana

    Forse lei troverà claustrofobica la sua piccola città,ma prima di essere europei siamo italiani,prima che italiani emiliani,prima che emiliani parmigiani. Almeno nel mio caso. A me non starà mai stretta la terra che ha dato i natali alla mia famiglia e a me. E sappia che la voglia di separazione da uno stato nasce dalla voglia di liberarsi da una zavorra che pretende senza dare! L'America,come anche la Svizzera e tanti altri paesi,con il federalismo funziona benissimo! Ma chissà perché quando la Sardegna vuole diventare svizzera tutti dicono che fa bene ma se vuole diventare indipendente una regione del Nord allora tutti hanno da dire. Me lo spieghi lei....Io sono assolutamente dalla parte del federalismo,che non significa non essere più fratelli d'Italia,ma avere ognuno un proprio governo indipendente da Roma. Tutto il mio sostegno ai catalani

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

2commenti

ALLUVIONE

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

PARMA

Accordo fra Tep e sindacati: oggi niente sciopero, autobus regolari

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

Meteo: le previsioni comune per comune

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove sono

1commento

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

AUTOSTRADE

Scontro fra due camion: mattinata di disagi attorno a Bologna

SPAZIO

E' atterrata la Soyuz: l'astronauta Paolo Nespoli è tornato sulla Terra

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

Serie B

Ternana-Parma: le pagelle in dialetto Video

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS