21°

L'INTERVISTA

Pizzarotti: «Parma insicura? Non è colpa degli immigrati ma dei criminali»

«L'emergenza sicurezza è frutto della mancata certezza delle pene e delle espulsioni difficili» dice Pizzarotti a pochi giorni dall'udienza con papa Francesco.

Pizzarotti: «Parma insicura? Non è colpa degli immigrati ma dei criminali»
Ricevi gratis le news
54

L’arrivo dei richiedenti asilo non ha reso Parma una città più insicura, perché il fenomeno dell’immigrazione andrebbe scisso una volta per tutte dai problemi di sicurezza e ordine pubblico.

A sostenere questa posizione è il sindaco e vicepresidente dell’Anci, Federico Pizzarotti, che accetta di anticipare i punti chiave del discorso che terrà in Vaticano, sabato 30 settembre, durante l’udienza concessa da papa Francesco ad una delegazione dell’associazione nazionale dei Comuni italiani, relativamente al tema dell’immigrazione e dell’accoglienza.

Nelle ultime settimane si sono verificati alcuni drammatici episodi di criminalità da strada. Parma è diventata una città più insicura anche a causa dell’arrivo di numerosi migranti?

«L’insicurezza non è aumentata per colpa dei richiedenti asilo. Al di là dei proclami di alcune parti politiche, il vero tema legato all’insicurezza riguarda la non certezza delle pene, a cui va aggiunta la grande difficoltà nell’effettuare le espulsioni. Ci sono spacciatori arrestati più volte che sono già a piede libero. E’ questo il vero problema e non il colore della pelle di chi delinque».

Collegare l’insicurezza all’immigrazione è quindi un errore?

«Dobbiamo scindere una volta per tutte il tema dell’immigrazione da quello della sicurezza, o perderemo su entrambi i fronti. Riusciremo a sconfiggere le forme di razzismo solo se sapremo far comprendere che l’immigrazione è un fatto storico ineludibile, mentre la sicurezza trascende ogni momento storico. La sicurezza, ripeto, non dipende dal colore della pelle delle persone, ma da leggi che purtroppo non sanno più essere efficaci».

Cosa può fare il Comune per favorire l’integrazione degli stranieri ed evitare fenomeni di emarginazione, disagio e delinquenza?

«Uno degli obiettivi di questa amministrazione è quello di riuscire a lavorare a stretto contatto con le comunità straniere, perché parte di questa tensione sociale che si è creata colpisce anche loro. Queste comunità saranno interessate a separare chi delinque da chi non lo fa e chi, fra i richiedenti asilo, segue un percorso di integrazione e chi no».

All’interno della macchina comunale ci sarà qualcuno incaricato di gestire i rapporti con le comunità straniere?

«Spero di nominare a breve il delegato all’integrazione. Questa figura terrà anche i rapporti con le Onlus, seguirà i loro progetti e segnalerà alla prefettura eventuali mancanze rispetto alle funzioni che devono svolgere».

Quali sono le buone pratiche da mettere in campo per offrire vere occasioni di accoglienza ai richiedenti asilo?

«Bisogna focalizzarsi sulle attività lavorative. Il Comune dovrà collaborare con le Onlus nel proporre progetti che tengano impegnati i richiedenti asilo in attività utili per la cittadinanza. A Parma alcuni gruppi di richiedenti asilo sono stati destinati alla pulizia dei parchi e dei bordi delle strade, grazie ad una collaborazione fra le Onlus, il Comune ed Iren».

La distribuzione dei migranti sul territorio nazionale ha sollevato tensioni anche a livello locale. E’ possibile adottare un sistema meno impattante sulla vita delle comunità?

«Credo che occorra passare dalla gestione prefettizia dei Cas (centri di accoglienza straordinaria, ndr) a quella comunale del progetto Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, ndr). A tal proposito ricordo l’esistenza di una convenzione fra l’Anci e il ministero dell’Interno. Il vantaggio offerto dallo Sprar nella ridistribuzione dei richiedenti asilo riguarda il rispetto della quota di tre migranti ogni mille abitanti. Quota che ora non viene rispettata, tanto che Parma ha più richiedenti asilo rispetto al 3 per mille della popolazione. Questo squilibrio si è determinato perché non tutti i Comuni hanno fatto la loro parte. E’ stato calcolato che su ottomila Comuni italiani, solo tremila sono quelli che accolgono i richiedenti asilo. Questa sproporzione rischia di rendere difficile ogni progetto di reale integrazione».

Quanto conosci Federico Pizzarotti? CLICCA QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • burdlazz

    25 Settembre @ 16.52

    Non è questione di razza o colore ma noto, dai dati ufficiali al il 31-12-2016 erano presenti a Parma 2470 filippini, 819 cinesi, 1561 tunisini, 1450 nigeriani. I libici ( dove la guerra c'è davvero) sono SETTE, i siriani 50. Mai visto un filippino o un cinese spacciare, ubriacarsi, far casino, pisciare qua e là. Le moldave di sesso femminile sono addirittura 3195. Credo ci sia gente che arriva a Parma e in Italia in generale per lavorare, altra per fare altro. Tutti migranti economici ma ben diversi tra loro.

    Rispondi

  • cobra

    25 Settembre @ 12.42

    Leggendo l'intervista mi rendo conto che per Pizzarotti oramai, non c'è più speranza... è andato.

    Rispondi

  • la rivolta di atlante

    25 Settembre @ 03.53

    la rivolta di atlante

    È COME DIRE CHE LA COLPA DEI FEMMINICIDI È PERCHÉ CI SONO LE DONNE CON LE GONNE CORTE. ORMAI CON QUESTE BATTUTE DA SIPARIETTO POLITICO .... STA' PERDENDO COLPI SU COLPI.

    Rispondi

  • antonio

    24 Settembre @ 22.41

    Spettabile sindaco verifichi in via burla quello che afferma e si faccia um giro in città quando non e impegnato a dire castronerie e poi ci saprà dire quanti criminali immigrati ha accolto e quanti nostrani......

    Rispondi

  • Annarita

    24 Settembre @ 22.32

    Per paolo: forse cinque o otto anni fa era micro criminalità ora è molto bene strutturata e certamente molto difficile da combattere. Comunque sapere o pensare che i capi sono nostrani francamente non frega niente a nessuno. I grandi traffici mafiosi sono combattuti a livello nazionale,e per quanto riguarda Parma rendere l'acquisto della droga piu difficoltoso e complicato sarebbe già un bel risultato. Nasconderci sempre dietro a qualcosa di più grande è un alibi ridicolo.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Il CineFilo per domenica 22 ottobre - La battaglia dei sessi - Nico 1988 - It - Blade runner 2049 -

IL CINEFILO

It, il nuovo Blade Runner, La battaglia dei sessi: i film della settimana

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

SPORT

Rugbista colpito da un pugno: è all'ospedale con lo zigomo rotto

Il terza linea è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

12commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

36commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

AUTOSTRADA

Incidente in A1: coda tra Parma e Fidenza questa mattina

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

"Parcheggio inadeguato in via Jacchia"

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro