L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»
Ricevi gratis le news
1

Il geologo Valentino Straser spiega perché è avvenuto il terremoto e come è riuscito ad anticipare che sarebbe arrivato

Valentino Straser

La «Linea sismica del Taro», costituita da profonde fenditure nel sottosuolo che tagliano obliquamente le formazioni rocciose nel sottosuolo della provincia di Parma è tornata a dare segni di attività con lo sciame sismico che da pochi giorni sta scuotendo le valli del Taro e del Ceno.

Un «gigante della natura» che periodicamente si risveglia e sconquassa centri abitati, il patrimonio artistico e architettonico e la campagna della nostra provincia. Fortunatamente senza provocare gravi danni. I segnali di una brusca riattivazione della sismicità si sono manifestati nella prima settimana del mese, il 7 novembre, con un sisma di magnitudo M2 della Scala Richter nella zona di Berceto, di carattere essenzialmente strumentale, appena percepito dalla popolazione. Un breve intervallo e venerdì 10, la zona epicentrale di un terremoto di magnitudo M1.6 si è spostato più a valle, nei pressi di Solignano.

Ancora una pausa e due giorni fa, la zona che abbraccia i territori di Solignano, Terenzo, Varano Melegari e Fornovo Taro, è stata investita dalle onde telluriche di una decina di sismi registrati a livello strumentale, non percepiti dalla popolazione. Un incremento inusuale per la zona epicentrale situata nel Fondovalle Taro, usualmente interessata da terremoti sporadici, difficilmente associati a sciami sismici.

Una progressione proseguita anche nelle ore successive che lasciava presagire la possibilità di una scossa di energia molto maggiore delle precedenti. Un primo acuto è stato registrato dai sismometri dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia alle 13:10 circa, di magnitudo 3.3, distintamente avvertito dagli abitanti dei comuni di Varano Melegari, Fornovo Taro e Solignano. Una rapida escalation che ha portato al forte sussulto delle 13:37:43, che ha prodotto una magnitudo locale di 4.4 della Scala Richter: «un tonfo sordo accompagnato dall’oscillazione degli oggetti e dallo scricchiolio delle pareti» hanno commentato diversi residenti.

Ma, come spesso accade in simili circostanze, l’energia non si è interrotta dopo la scossa principale, ma è sfumata con sismi di minore intensità, rilevati dai sismometri, ma raramente avvertiti dalle persone. In queste ore ore sono stati una cinquantina i terremoti che hanno fatto tremare la Valle del Taro e del Ceno (17 superiori alla magnitudo 2). Difficilmente, considerando eventi simili del passato, si assisterà a una tregua della coda sismica e al raggiungimento di un nuovo precario equilibrio nel sottosuolo.

La profondità dove si sono generati i terremoti, gli ipocentri, oscilla fra i 20 e i 24 chilometri di profondità, ad eccezione del sisma di magnitudo M4.4, con un ipocentro stimato da Ingv, di 32 chilometri. Indubbiamente, si tratta di un terremoto inusuale, dal momento che le rocce interessate dal sisma riguardano un antico substrato profondo che sorregge le potenti sequenze delle rocce sedimentarie, normalmente interessate nelle dinamiche all’origine della sismicità locale.

La Linea sismica del Taro, come è stata descritta dai geologi dell’Università di Parma nel 1987, Giovanni Papani e Massimo Bernini, separa un’importante fascia di discontinuità che attraversa trasversalmente l’Appennino emiliano. Il Sistema del Taro, ha spiegato il professor Paolo Vescovi in una recente conferenza tenuta a Calestano, separa settori con dinamiche diverse. A Est del Sistema Taro l’Appennino è in fase di sollevamento maggiore rispetto al versante opposto e, spesso, gli epicentri e gli sciami sismici coincidono con le zone che si sono sollevate negli ultimi cinque milioni di anni e, in particolare, nell’ultimo milione di anni. In profondità si sviluppano sismi nelle rocce che si fratturano, liberando di colpo l’energia lentamente accumulata dallo sforzo tettonico, sintomo evidente di una catena Appenninica ancora in fase di evoluzione sollevamento.

In queste ultime settimane anomalie di natura elettromagnetica, rilevate lungo la direttrice del Sistema Taro, hanno segnalato stress crostali in atto e la progressione dei sismi, avvenuti a intervalli di tempo più ridotti nella stessa zona epicentrale, lasciavano presagire la possibilità di evento o eventi di maggiore intensità, compatibili con i terremoti avvenuti storicamente nella zona del Taro, con magnitudo raramente superiore a M5.2 ed eccezionalmente superiori a M5.5.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • RENZ

    22 Novembre @ 10.42

    R E N Z

    Le previsioni che si capiscono dopo, come è giusto che sia, dal tempo degli oracoli.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Oscar: 'La forma dell'acqua' accusata di plagio

cinema

Accuse di plagio per il film "La forma dell'acqua", candidato a 13 Oscar

Polvere bianca in una lettera a Harry e Meghan 

LONDRA

Polvere bianca in una lettera a Harry e Meghan 

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Vendeva cocaina in viale dei Mille: giovane pusher arrestato. Ma è subito libero

POLIZIA

Vende cocaina in viale dei Mille: giovane pusher arrestato. Ma è subito libero

Il giudice ha convalidato l'arresto e ha disposto la scarcerazione in attesa del processo, fissato per il 23 marzo

13commenti

PARMENSE

Neve anche a quote basse, pioggia in città Invia le tue foto

A Corniglio, 20 centimetri di neve

INCIDENTI

Incidente a Tortiano: disagi e deviazioni in mattinata. Scontro in piazza a Soragna

Auto fuori strada in A15: un ferito

COMUNE

Varato un piano triennale di opere pubbliche: investimenti per 134 milioni Video

I punti principali del programma di lavori pubblici: le interviste del TgParma

CORTE DEI CONTI

Nomina del direttore generale, Pizzarotti e Giorgi citati in giudizio

1commento

Terremoto

Scossa di magnitudo 3.3 a Castelnovo Monti. "Avvertita anche a Traversetolo"

Commenti sui social: c'è chi ha avvertito la scossa anche nella Val d'Enza parmense

Viale Piacenza

10eLotto, in otto vincono 160mila euro

LUTTO

Addio al ragionier Bandini

borgotaro

Caso Laminam: Oggi l'incontro al tavolo tecnico senza il comitato

GAZZAREPORTER

Incidente nella rotatoria del Petitot Foto

CALCIO

Verso Parma-Venezia, parla Gazzola: «Vincere per ripartire»

2commenti

Noceto

In piazza Lunardi residenti ostaggio delle fogne

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

1commento

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

Castell'arquato

Aggredisce moglie e figlio con chiave inglese: trasportati in fin di vita al Maggiore

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

GAZZAFUN

Come è bella Parma! Scegli il tuo posto all'aperto preferito!

ITALIA/MONDO

Modena

"Il contratto non prevede di spostare i letti, i bimbi dormano in terra"

12commenti

STATI UNITI

Florida: personale armato di fucile a scuola dopo la strage

SPORT

olimpiadi

Medaglia di bronzo per Arianna Fontana

SPORT

Formula Uno: la Mercedes svela la vettura W09

SOCIETA'

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra