-0°

12°

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»
Ricevi gratis le news
1

Il geologo Valentino Straser spiega perché è avvenuto il terremoto e come è riuscito ad anticipare che sarebbe arrivato

Valentino Straser

La «Linea sismica del Taro», costituita da profonde fenditure nel sottosuolo che tagliano obliquamente le formazioni rocciose nel sottosuolo della provincia di Parma è tornata a dare segni di attività con lo sciame sismico che da pochi giorni sta scuotendo le valli del Taro e del Ceno.

Un «gigante della natura» che periodicamente si risveglia e sconquassa centri abitati, il patrimonio artistico e architettonico e la campagna della nostra provincia. Fortunatamente senza provocare gravi danni. I segnali di una brusca riattivazione della sismicità si sono manifestati nella prima settimana del mese, il 7 novembre, con un sisma di magnitudo M2 della Scala Richter nella zona di Berceto, di carattere essenzialmente strumentale, appena percepito dalla popolazione. Un breve intervallo e venerdì 10, la zona epicentrale di un terremoto di magnitudo M1.6 si è spostato più a valle, nei pressi di Solignano.

Ancora una pausa e due giorni fa, la zona che abbraccia i territori di Solignano, Terenzo, Varano Melegari e Fornovo Taro, è stata investita dalle onde telluriche di una decina di sismi registrati a livello strumentale, non percepiti dalla popolazione. Un incremento inusuale per la zona epicentrale situata nel Fondovalle Taro, usualmente interessata da terremoti sporadici, difficilmente associati a sciami sismici.

Una progressione proseguita anche nelle ore successive che lasciava presagire la possibilità di una scossa di energia molto maggiore delle precedenti. Un primo acuto è stato registrato dai sismometri dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia alle 13:10 circa, di magnitudo 3.3, distintamente avvertito dagli abitanti dei comuni di Varano Melegari, Fornovo Taro e Solignano. Una rapida escalation che ha portato al forte sussulto delle 13:37:43, che ha prodotto una magnitudo locale di 4.4 della Scala Richter: «un tonfo sordo accompagnato dall’oscillazione degli oggetti e dallo scricchiolio delle pareti» hanno commentato diversi residenti.

Ma, come spesso accade in simili circostanze, l’energia non si è interrotta dopo la scossa principale, ma è sfumata con sismi di minore intensità, rilevati dai sismometri, ma raramente avvertiti dalle persone. In queste ore ore sono stati una cinquantina i terremoti che hanno fatto tremare la Valle del Taro e del Ceno (17 superiori alla magnitudo 2). Difficilmente, considerando eventi simili del passato, si assisterà a una tregua della coda sismica e al raggiungimento di un nuovo precario equilibrio nel sottosuolo.

La profondità dove si sono generati i terremoti, gli ipocentri, oscilla fra i 20 e i 24 chilometri di profondità, ad eccezione del sisma di magnitudo M4.4, con un ipocentro stimato da Ingv, di 32 chilometri. Indubbiamente, si tratta di un terremoto inusuale, dal momento che le rocce interessate dal sisma riguardano un antico substrato profondo che sorregge le potenti sequenze delle rocce sedimentarie, normalmente interessate nelle dinamiche all’origine della sismicità locale.

La Linea sismica del Taro, come è stata descritta dai geologi dell’Università di Parma nel 1987, Giovanni Papani e Massimo Bernini, separa un’importante fascia di discontinuità che attraversa trasversalmente l’Appennino emiliano. Il Sistema del Taro, ha spiegato il professor Paolo Vescovi in una recente conferenza tenuta a Calestano, separa settori con dinamiche diverse. A Est del Sistema Taro l’Appennino è in fase di sollevamento maggiore rispetto al versante opposto e, spesso, gli epicentri e gli sciami sismici coincidono con le zone che si sono sollevate negli ultimi cinque milioni di anni e, in particolare, nell’ultimo milione di anni. In profondità si sviluppano sismi nelle rocce che si fratturano, liberando di colpo l’energia lentamente accumulata dallo sforzo tettonico, sintomo evidente di una catena Appenninica ancora in fase di evoluzione sollevamento.

In queste ultime settimane anomalie di natura elettromagnetica, rilevate lungo la direttrice del Sistema Taro, hanno segnalato stress crostali in atto e la progressione dei sismi, avvenuti a intervalli di tempo più ridotti nella stessa zona epicentrale, lasciavano presagire la possibilità di evento o eventi di maggiore intensità, compatibili con i terremoti avvenuti storicamente nella zona del Taro, con magnitudo raramente superiore a M5.2 ed eccezionalmente superiori a M5.5.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • RENZ

    22 Novembre @ 10.42

    R E N Z

    Le previsioni che si capiscono dopo, come è giusto che sia, dal tempo degli oracoli.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Cecilia Rodriguez accolta dai fischi in discoteca fa il gesto dell'ombrello

Gf Vip

Fischi per Cecilia Rodriguez, che fa il gesto dell'ombrello

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo"

Spettacolo

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Superati i 10 metri d'acqua: il ponte sull'Enza a rischio chiusura

sorbolo

Raggiunti gli 11 metri d'acqua: chiuso il ponte sull'Enza

1commento

maltempo

Vetroghiaccio, disagi in Appennino. Berceto, tante case senza luce Le foto

ALLE PORTE DELLA CITTA'

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

17commenti

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

1commento

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

legambiente

Ecco le 10 linee ferroviarie peggiori d'Italia. C'è anche la Brescia-Parma

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

1commento

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

sos animali

Sospetto avvelenamento di un cane in Cittadella

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Rimpatriata

Caro, vecchio quartiere Marchi

Intervista

Paolo Fresu mercoledì al Regio

ecco la neve in città

Parma indossa un manto bianco Gallery

inverno

Neve nel Parmense: rischio strade ghiacciate. Treni fermi. Bardi e Berceto: scuole chiuse Video - Foto

1commento

gabriella corsaro

Concerto di Natale al presidio Froneri Video

1commento

antidroga

Marijuana tra i mattoni della Pilotta e nelle siepi di via dei Mille: blitz dei carabinieri

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, il difficile comincia adesso

di Paolo Ferrandi

L'ESPERTO

Naspi cumulabile con altri redditi? Sì, ma solo in determinati casi

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

Bitcoin, la nuova era: al via il primo future

GRAN BRETAGNA

Neve, caos a Heathrow. Scuole chiuse e -15°

SPORT

POSTICIPO

Il Milan soffre ma piega il Bologna

SERIE B

Il Palermo stende il Bari 3-0 e prende il volo. Parma secondo La classifica

SOCIETA'

NOVITA'?

Fiori d’arancio per Justin e Selena?

Calcio

Le magie di Zola nel disco del rocker King Krule Video

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS