14°

EDITORIALE

L'uscita dall'euro. Perché Di Maio sbaglia

Luigi Di Maio

Luigi Di Maio

Ricevi gratis le news
5

Si potrebbe disquisire amabilmente sulla lunga teoria di gaffe inanellate da Luigi Di Maio, il grillino in giacca e cravatta di lotta (poca) e di governo (se M5S trova alleati): metteremmo insieme Pinochet collocato in Venezuela, i congiuntivi masticati a caso in un famigerato post, l'uso di “alter ego” nel senso di “omologo” e via dicendo. Lasciamo la materia al folklore politico, ma vale la pena di spendere due parole sull'ultima perla, quella fatta luccicare in tv lunedì a “L'aria che tira” quando Di Maio ha parlato di un referendum sull'uscita dall'euro (definito “extrema ratio”): “E' chiaro che voterei per l'uscita”, ha chiosato.
Politicamente è uno scivolone, tra l'altro fuori tempo massimo perché gli euroscettici di ogni latitudine continentale hanno abbandonato l'idea di uscire dalla moneta unica, ritornello che da Salvini alla Le Pen per un certo periodo era stato intonato a pieni polmoni populisti. Sebbene Di Maio abbia tentato dopo poche ore una imbarazzata retromarcia, quella frase è il sintomo che sotto sotto l'idea cova ancora nelle viscere dell'euroscetticismo e la tentazione di utilizzarla come grimaldello elettorale sembra più forte della ragione. Cerchiamo di capire perché uscire dall'euro è di fatto impossibile.
In primo luogo non è contemplata la possibilità di indire un referendum abrogativo di una legge che ratifica trattati internazionali né un referendum “di indirizzo”. Il Trattato di Maastricht non prevede la procedura di uscita di un Paese dalla moneta comune e si è visto nell'ultimo anno che ginepraio sia la Brexit per Londra, che pure ha la sua divisa. Ma ammettendo che si potessero superare i vincoli costituzionali e i patti europei, cosa produrrebbe l'uscita dall'euro che nemmeno la derelitta Grecia ha percorso?
Nelle intenzioni degli euroscettici significherebbe la liberazione dal giogo di una divisa che aiuta i Paesi forti a discapito di quelli periferici, permettendo la svalutazione come ai tempi della lira per dare un forte impulso all'export. Ma non andrebbe così, per almeno due motivi, solo per soffermarci sull'aspetto industriale: intanto le importazioni di materie prime, in particolare quelle (strategiche) di energia, lieviterebbero; in secondo luogo la diffusione delle filiere globali ha ridotto da tempo i vantaggi competitivi di quando le economie avanzate producevano tutto in casa: oggi si importano semilavorati in grande quantità e occorrerebbero anni per riposizionarsi sul mercato. Non potremmo permettercelo. Ma quel che è peggio è il contesto in cui tutto ciò maturerebbe: l'uscita dall'euro provocherebbe una forte svalutazione stimata intorno al 30% della moneta, il disallineamento degli spread renderebbe insostenibile il debito pubblico. L'Italia si rifinanzia sui mercati per circa 1 miliardo al giorno, chi comprerebbe i titoli? Non certo gli investitori stranieri che fuggirebbero in massa. Certo: senza vincoli si potrebbero abbassare le tasse in deficit ma Bankitalia sarebbe costretta a intervenire alimentando la spirale dell'inflazione. La lista è lunga: per molte aziende ottenere credito diventerebbe quasi impossibile, crollerebbero i prezzi di immobili e terreni...
Con tutti i difetti dell'euro - viziato dalla mancanza di unificazione dei mercati, delle politiche lavorative e dei regimi fiscali perché un tasso di interesse comune possa funzionare in maniera simmetrica - l'uscita di Di Maio è meglio dimenticarsela in fretta.
atagliaferro@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Medioman

    22 Dicembre @ 14.06

    Beh, non sono per niente d'accordo. Se io, oggi, importo materie prime pagando con franchi svizzeri, ed esporto il prodotto finito incassando franchi svizzeri, non vedo dove stia il problema "svalutazione". Semmai, dovrò decidere se e quando convertire i franchi svizzeri nella valuta legale italiana, che sia l'euro o la "nuova lira". Gli "stranieri" non comprerebbero titoli italiani? Ma mi faccia il piacere! Fanno addirittura "futures" sui bitcoin! A parte il fatto che, spesso, gli "stranieri" sono in realtà fondi di diritto lussemburghese (con molti soci italiani) o governi "amici" che comprano i titoli per motivi politici, non certamente per motivi economici.

    Rispondi

  • Alessandro

    22 Dicembre @ 09.06

    In realtà ci sono economisti e premi Nobel che sostengono come si debba e si possa uscire dall'euro. Basta volerlo.

    Rispondi

  • Filippo

    22 Dicembre @ 07.11

    filippo.cabassa.1970@gmail.com

    E' pur vero che con l'euro i prezzi al consumo sono raddoppiati ma i salari sono rimasti gli stessi. Altro che le amenità di cui parlava Prodi

    Rispondi

    • StekkoPardo

      22 Dicembre @ 14.11

      I prezzi raddoppiati si potevano facilmente evitare: bastava che il governo di allora attuasse dei controlli ed emanasse qualche legge sensata ed intelligente (allo scopo). Ma il governo allora era di destra e quindi...meglio coprire il tutto e continuare a sparare contro gli altri

      Rispondi

  • Il prode Gedeone

    21 Dicembre @ 14.22

    Di Maio sbaglia solamente perché è un incapace. Potrebbe al massimo fare il leader in un centro estetico

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Foto con Romina, Lecciso lascia Al Bano, lo rivela 'Oggi'

gossip

La Lecciso lascia Al Bano. Colpa di Romina

Romanzo famigliare supera i 5 milioni di spettatori è campione di ascolti in tv

TELEVISIONE

Romanzo famigliare supera i 5 milioni di spettatori è campione di ascolti in tv

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta

LONDRA

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Alluvione, il pm: «Pizzarotti non lanciò mai l'allarme, nemmeno dopo il crollo del ponte della Navetta»

L'INCHIESTA

Alluvione, il pm: «Pizzarotti non lanciò mai l'allarme, nemmeno dopo il crollo del ponte della Navetta»

Tabaccheria di via Parigi

Rapinatori messi in fuga dalla vittima

Lutto

Langhirano piange il veterinario Alfio Monti

Il caso

Zebre «private»: soci contro amministratori

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

TECNOLOGIA

Custom, fatturato oltre 130 milioni

UNIVERSITÀ

Andrei: «Nuovo corso di laurea dedicato al food»

LUTTO

Collecchio, è morto Rodolfo Bianchi: finisce una dinastia di sarti

SISSA

Chiude la storica ferramenta Besagni

tg parma

Alluvione 2014, chiusa l'indagine. Tra i 6 indagati c'è Pizzarotti

Il sindaco su Fb: "Abbiamo fatto tutto quello che si doveva fare, prima, durante e dopo"

tg parma

22enne di Parma travolto da un treno in stazione: è gravissimo in Rianimazione Video

sicurezza

Massese, il prefetto promette nuovi autovelox Video

dopo l'Inchiesta Stige

Bola: "Per Gigliotti mai ruoli societari nel Gs Felino"

Il presidente: "Non sono dimissionario". Domenica manifestazione di sostegno con i bambini del settore giovanile

serie B

Parmamercato: Faggiano scatenato...a tutto campo

1commento

festa

Sant'Antonio, la messa per i piccoli-grandi "amici" è sempre un successo Gallery

anteprima

Alluvione 2014, chiuse le indagini: domani sulla Gazzetta tutti i particolari Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

L'EDITORIALE

I fantasmi evocati dalla razza bianca

di Vittorio Testa

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

di Daniele Rubini*

1commento

ITALIA/MONDO

IL CASO

Le due Coree sfileranno insieme alle Olimpiadi Video

roma

Maiale tra i rifiuti a Roma, la Raggi: "E' di un Casamonica"

1commento

SPORT

football americano

Jags, Patriots, Vikings (da infarto) e Eagles a caccia del Superbowl

CALCIO

Uefa: "Il fairplay finanziario ha portato dei frutti"

SOCIETA'

ASSICURAZIONI

Rc Auto: saranno riconosciute le coppie di fatto

gusto light

La ricetta "green" - Riso venere con porri e curry

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Subaru XV, il Suv delle Pleiadi svelato in 5 mosse

DETROIT

Le novità del Salone: è sfida tra pick-up Gallery