13°

20°

noceto

Il Taro non dà tregua. Fecci chiede lo stato di calamità

Il sindaco si è attivato con gli enti preposti. L'esondazione di alcuni canali ha provocato molti allagamenti e danni

Il Taro non dà tregua. Fecci chiede lo stato di calamità

Il Taro

Ricevi gratis le news
1

Le piogge dei giorni scorsi hanno colpito pesantemente il Comune di Noceto per danni che ad una prima stima ammontano a decine di migliaia di euro, tanto che il sindaco Fabio Fecci ha inoltrato la richiesta alla presidenza del Consiglio dei ministri tramite gli enti preposti - Provincia e Regione – di inserire il territorio fra quelli in stato di calamità naturale. La piena del Taro l’11 e 12 novembre e la successiva esondazione di alcuni canali del reticolo secondario e di alcuni canali e fossi stradali hanno provocato l’allagamento di strade, piazzali, appezzamenti di terreni agricoli con danni ingenti alle colture.
Tra gli altri risulta colpito anche l’impianto sportivo per il gioco del calcio in via Sordi. Il perdurare delle piogge ha aggravato la situazione degli smottamenti e delle frane presenti sul territorio comunale ed in particolare in località Gabbiano.
La situazione, fin dalle fasi di preallarme, è stata monitorata continuamente dal personale dell’ufficio tecnico e della polizia municipale che ha provveduto anche ad attuare gli interventi più urgenti, sotto la supervisione diretta e il coordinamento del sindaco.
«Quanto sta accadendo evidenzia l’assoluta necessità della prevenzione, da effettuarsi con interventi di manutenzione e pulizia dei corsi d’acqua, canali e fossi stradali - ha dichiarato Fabio Fecci, che ha emesso un’ordinanza con cui ai privati viene intimato di procedere alla rimozione di arbusti e alberature e provvedere alla potature delle piante ad alto fusto che insistono sulle sedi stradali - Già a fine ottobre avevo segnalato al Servizio Regionale di Difesa del Suolo Bacini Affluenti del Po la necessità di proseguire con gli interventi di pulizia dell’alveo del torrente Recchio, con particolare attenzione del tratto a monte del ponte della Zanfurlina. Questa attività sarà meglio regolamentata da un protocollo che a breve sottoscriveremo con il Servizio Regionale».
Il sindaco ha anche provveduto a sollecitare l’ultimazione dei lavori delle casse di espansione, i due bacini artificiali creati a monte della frazione di Cella per la messa in sicurezza del torrente. «La nostra azione segue linee guida precise – ha concluso – che mettono in primo piano la prevenzione, il costante monitoraggio e la sinergia fra le forze preposte. Facciamo anche appello, per contrastare questi eventi eccezionali alla collaborazione attiva dei cittadini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Emanuele

    21 Novembre @ 09.48

    Fecci, beata ignoranza! Ancora con la storia di pulire i fossi e rimuovere la vegetazione. Ci troviamo in queste situazioni proprio perché lo si è fatto per 50 anni. Aggiornarsi e studiare le nuove pratiche di gestione del territorio non fa male, forza! In secondo luogo, il titolo è fuorviante: il fiume Taro non è esondato, ma solo il rio Manubiola e altri fossi secondari, a ulteriore dimostrazione che il Parco del Taro, che gestisce il fiume in modo naturalistico e gli lascia alveo da occupare, svolge perfettamente la sua funzione di cassa di espansione.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Spettacolo

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

La Bugatti guidata da Juan Pablo Montoya da 0 a 400 Km/h a 0 in  42"

AUTO

Bugatti Chiron: da 0 a 400 km/h a 0 in 42 secondi

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Spaghetti settembrini

LA RICETTA 

Gli "Spaghetti settembrini" della Peppa

Lealtrenotizie

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

5commenti

incidente

86enne in bici urtato da un'auto in via Baganza: è grave

OPERAZIONE

Milioni nascosti al Fisco, indagato anche il patron del Palermo Zamparini

Ritratto

Wally Bonvicini, l'imprenditrice che voleva fare il sindaco

Paladina dei diritti dei cittadini nella lotta contro la banche ed Equitalia, ma anche candidata alla poltrona di primo cittadino

6commenti

viabilità

Grosso ramo caduto in strada: chiusa per un'ora via Gramsci

Ponte chiuso

La sindaca di Colorno: «Un ponte di barche per le auto»

1commento

serie b

Parma-Empoli: dalle 17.30 «isola analcolica» e stop alle lattine

Dalle 20.30 la cronaca in diretta sul sito

Piazzale Maestri

Antiterrorismo «fai da te»: gli ambulanti si organizzano

1commento

Lutto

Addio a Pierino, il barista del Parco Ducale

1commento

MALTEMPO

Strada Naviglio Alto in versione lago

ieri sera

Black-out per un guasto nella zona Nord di Parma

3commenti

fotografia

L'affascinante spettacolo catturato dai parmigiani cacciatori di tornado Gallery

Borgotaro

C'erano una volta i «diavoli rossi»

SISSA

Pescando in Taro con il bilancione

Onorificenze

Salva una donna da un incendio: premiato in Provincia

serie B

Parma amaro: stop a Ceravolo. Ma Lizhang sarà al Tardini Video

L'attaccante è di nuovo alle prese con i problemi al tendine dell'adduttore destro

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

catania

Dottoressa della guardia medica violentata in ambulatorio: arrestato un 26enne

Birmania

Suu Kyi: "Più della metà dei villaggi Rohingya non colpiti da violenze"

2commenti

SPORT

parma calcio

Le pagelle in dialetto parmigiano

calcio

Rooney ubriaco alla guida, patente ritirata 2 anni

SOCIETA'

agroalimentare

«Caseifici aperti»: ecco dove andare nel Parmense

sant'andrea bagni

Le nozze del vicesindaco di Medesano

MOTORI

IL TEST

Nuova Polo: ecco come va la sesta generazione

MULTISPAZIO

Dacia Dokker Pick-Up: chi non lavora...