-5°

noceto

Il Taro non dà tregua. Fecci chiede lo stato di calamità

Il sindaco si è attivato con gli enti preposti. L'esondazione di alcuni canali ha provocato molti allagamenti e danni

Il Taro non dà tregua. Fecci chiede lo stato di calamità

Il Taro

1

Le piogge dei giorni scorsi hanno colpito pesantemente il Comune di Noceto per danni che ad una prima stima ammontano a decine di migliaia di euro, tanto che il sindaco Fabio Fecci ha inoltrato la richiesta alla presidenza del Consiglio dei ministri tramite gli enti preposti - Provincia e Regione – di inserire il territorio fra quelli in stato di calamità naturale. La piena del Taro l’11 e 12 novembre e la successiva esondazione di alcuni canali del reticolo secondario e di alcuni canali e fossi stradali hanno provocato l’allagamento di strade, piazzali, appezzamenti di terreni agricoli con danni ingenti alle colture.
Tra gli altri risulta colpito anche l’impianto sportivo per il gioco del calcio in via Sordi. Il perdurare delle piogge ha aggravato la situazione degli smottamenti e delle frane presenti sul territorio comunale ed in particolare in località Gabbiano.
La situazione, fin dalle fasi di preallarme, è stata monitorata continuamente dal personale dell’ufficio tecnico e della polizia municipale che ha provveduto anche ad attuare gli interventi più urgenti, sotto la supervisione diretta e il coordinamento del sindaco.
«Quanto sta accadendo evidenzia l’assoluta necessità della prevenzione, da effettuarsi con interventi di manutenzione e pulizia dei corsi d’acqua, canali e fossi stradali - ha dichiarato Fabio Fecci, che ha emesso un’ordinanza con cui ai privati viene intimato di procedere alla rimozione di arbusti e alberature e provvedere alla potature delle piante ad alto fusto che insistono sulle sedi stradali - Già a fine ottobre avevo segnalato al Servizio Regionale di Difesa del Suolo Bacini Affluenti del Po la necessità di proseguire con gli interventi di pulizia dell’alveo del torrente Recchio, con particolare attenzione del tratto a monte del ponte della Zanfurlina. Questa attività sarà meglio regolamentata da un protocollo che a breve sottoscriveremo con il Servizio Regionale».
Il sindaco ha anche provveduto a sollecitare l’ultimazione dei lavori delle casse di espansione, i due bacini artificiali creati a monte della frazione di Cella per la messa in sicurezza del torrente. «La nostra azione segue linee guida precise – ha concluso – che mettono in primo piano la prevenzione, il costante monitoraggio e la sinergia fra le forze preposte. Facciamo anche appello, per contrastare questi eventi eccezionali alla collaborazione attiva dei cittadini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Emanuele

    21 Novembre @ 09.48

    Fecci, beata ignoranza! Ancora con la storia di pulire i fossi e rimuovere la vegetazione. Ci troviamo in queste situazioni proprio perché lo si è fatto per 50 anni. Aggiornarsi e studiare le nuove pratiche di gestione del territorio non fa male, forza! In secondo luogo, il titolo è fuorviante: il fiume Taro non è esondato, ma solo il rio Manubiola e altri fossi secondari, a ulteriore dimostrazione che il Parco del Taro, che gestisce il fiume in modo naturalistico e gli lascia alveo da occupare, svolge perfettamente la sua funzione di cassa di espansione.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

I crociati ritrovano la vittoria grazie a Evacuo: Parma-Santarcangelo 1-0

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

6commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

9commenti

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

30commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

6commenti

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

2commenti

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

Rugby

Zebre-London Wasps 13-22: ribaltato il vantaggio del primo tempo Foto

A Moletolo sono arrivati 300 tifosi inglesi

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Bonassola

Il parroco difende l'amore gay, il vescovo frena

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

Parma Calcio

D'Aversa: "Non è mia volontà mandare via Felice..."

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto