11°

17°

Movida

Bivacco sotto i Portici dell'Ospedale Vecchio: è tolleranza zero

Dalle 18 all'alba vietato bere, mangiare, sedersi e sdraiarsi. Prorogata la disciplina sugli orari di chiusura dei locali in centro

Bivacco sotto i Portici dell'Ospedale Vecchio: è tolleranza zero
Ricevi gratis le news
63

Senza girarci troppo intorno: regole mirate, interventi precisi e anche una telecamera per provare a fare ordine nella movida più contestata, quella di via D'Azeglio. E' quello che prevede il nuovo regolamento sulla movida, presentato in Commissione e pronto ad approdare - dopo qualche modifica - sui banchi del Consiglio comunale.

Le novità principali riguardano soprattutto la zona dell'Ospedale Vecchio: divieto di bivacco dalle 18 all'alba sotto i Portici dello storico edificio. Tradotto: vietato consumare cibi e bevande, sdraiarsi e sedersi in modo continuato. E a vigilare ci sarà anche una telecamera puntata proprio su quell'area. I locali del comparto D'azeglio dovranno poi chiudere entro emzzanotte dal lunedì al giovedì, e all'una nel weekend, con deroga di un'ora in più per chi somministra bevande all'interno, nei dehors o ai tavoli. E ai gestori sarà chiesto anche un esercizio "matematico" per evitare il sovraffollamento: dovranno calcolare di somministrare bevande a quante persone - e non di più - possono contenere il locale, lo spazio esterno (marciapiede) e l'eventuale dehors, pena sanzioni.

In generale, per chi non rispetta gli orari di chiusura scatterà prima una multa e poi, in caso di seconda violazione,  la sospensione dell’attività fino a 30 giorni. Fino alla revoca della licenza per i recidivi. Il mancato rispetto del divieto di vendere alcolici da asporto comporterà da subito una sospensione di tre giorni. 

PROROGATE LE REGOLE SULLA CHIUSURA DEI LOCALI IN ZONA MOVIDA. Il Comune ha prorogato la disciplina degli orari dei locali nella zona della movida, che scadeva il 30 aprile. Il sindaco Federico Pizzarotti ha deciso la proroga in attesa della versione definitiva del regolamento. 

 

Ecco il comunicato del Comune:

Con propria ordinanza il Sindaco ha prorogato la disciplina degli orari di chiusura degli esercizi pubblici operanti nell’area della Movida, con scadenza al 30 aprile 2014, fino all’approvazione della versione definitiva del Regolamento per la convivenza.
La proroga è stata disposta in attesa dell’approvazione della versione definitiva del Regolamento per la convivenza, adottato in via sperimentale per un anno con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 16 del 19/02/2013 ed entrato in vigore il 10 marzo 2013, la cui proposta è già stata pubblicata sul sito internet del Comune e presentata al Comitato di monitoraggio in cui sono presenti residenti, esercenti ed Associazioni del commercio e di cui si prevede l’approvazione in Consiglio Comunale indicativamente per la fine del mese di marzo 2014.
In particolare, proprio alla luce delle problematiche emerse in sede di Comitato di monitoraggio in merito al comparto D’Azeglio, coinvolgenti profili di ordine e sicurezza pubblica nonché di tutela della salute, ambiente e beni culturali, si sono resi necessari approfondimenti congiunti con Prefettura, forze di Polizia e ARPA, il cui esito ha appena trovato composizione mediante l’acquisizione di appositi pareri.

Pertanto, fino all’approvazione del Regolamento definitivo (il cui procedimento è in itinere e la relativa proposta di Deliberazione è già inserita nell’iter per la sottoposizione al Consiglio comunale), stante il perdurare delle criticità, occorre mantenere una disciplina degli orari che consenta di contemperare gli interessi di operatori e avventori con quelli connessi al diritto al riposo ed alla salute dei residenti nonché alla tutela dell’ambiente e del patrimonio culturale.
L’Ordinanza entra in vigore dal 01 maggio 2014, è resa pubblica mediante pubblicazione all’Albo Pretorio per 30 giorni, sul sito web del Comune e trasmissione ai mezzi di informazione e avrà efficacia fino all’approvazione della versione definitiva del Regolamento per la convivenza e della successiva Ordinanza sindacale attuativa.
Per motivazioni di chiarezza espositiva vengono, infine, riportati nell’Ordinanza di proroga i punti da 1 a 7 dell’Ordinanza Sindacale n. 107270 del 21/06/2013

Si ricorda che la disciplina degli orari si applica a bar/ristoranti, circoli privati, esercizi commerciali ed artigianali alimentari, operanti nelle seguenti strade:

· Str. D’Azeglio, B.go Marodolo, Str. Inzani, P.le Inzani, Str. Imbriani, P.le Bertozzi, B.go P. Cocconi, B.go P.A. Bernabei e P.le S. Croce fino alla confluenza con Via Kennedy, P.le della Pace, P.za Ghiaia, P.za Garibaldi, Str. Garibaldi, B.go Mazza, Via Mameli, Via Carducci;
· Str. Farini, B.go della Salina, B.go del Carbone, P.le del Carbone, Via Sauro, B.go Tommasini, Via Maestri, P.le della Rosa, P.le Sant’Apollonia, Via Torrigiani, V.lo Cinque Piaghe, V.lo Politi, Str. Collegio dei Nobili, P.le San Lorenzo, V.lo Giandemaria, P.le Venticinque Aprile.
In particolare, tutti gli esercizi operanti in tali aree, che generano impatto acustico esterno, in quanto utilizzino impianti di diffusione sonora e/o svolgano trattenimenti musicali, salvo che non abbiano adottato adeguati piani di contenimento delle immissioni sonore atti a garantire il rispetto dei limiti acustici di zona e che non inducano stazionamenti della propria clientela all’esterno, devono osservare i seguenti orari di chiusura:
· ore 24.00 dalla domenica al giovedì;
· ore 01.00 il venerdì, il sabato e i prefestivi.
L’Ordinanza, inoltre, proroga gli accordi già sottoscritti e le autorizzazioni alla deroga oraria rilasciate aventi scadenza al 30 aprile 2014, fino alla data di acquisizione di efficacia del Regolamento per la Convivenza e della successiva Ordinanza sindacale attuativa. Tutti gli altri esercenti operanti in area zonizzata non in possesso di autorizzazione alla deroga oraria, potranno presentare istanza di autorizzazione con la procedura ad oggi vigente, ossia previa sottoscrizione di accordi con l’Amministrazione finalizzati a minimizzare l’impatto sulla residenza, sull’ambiente e sui beni culturali, che presuppongono che l’interessato non sia stato destinatario di procedimenti sanzionatori in materia commerciale nei sei mesi antecedenti, applicandosi, a tal fine, i principi di cui alla Legge n. 689/1981 e s.m.i..
Gli esercizi pubblici che hanno esclusiva ospitalità interna, che siano insonorizzati ovvero che non generino impatto verso l’esterno (in quanto non utilizzino impianti di diffusione sonora e non svolgano trattenimenti musicali) e, che non inducano stazionamenti della propria clientela all’esterno del locale, non sono assoggettati a limitazioni orarie ed è sufficiente che comunichino all’Amministrazione tale condizione a mezzo Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà ai sensi dell’Articolo 47 del D.P.R, n. 445/2000 e s.m.i..
La violazioni alle disposizioni dell’Ordinanza, sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria da Euro 25,00 ad Euro 500,00 con pagamento in misura ridotta pari ad Euro 300,00 (ex Deliberazione di Giunta Municipale n. 257 del 03/05/2013); inoltre, in caso di concessione dell’autorizzazione alla deroga oraria, la seconda violazione nello stesso anno comporta la decadenza della stessa.
La violazione dell’obbligo di esporre gli accordi e l’autorizzazione alla deroga sono punite con la sanzione pecuniaria da euro 25,00 ad Euro 500,00 con pagamento in misura ridotta pari ad Euro 300,00 (ex Deliberazione di Giunta Municipale n. 257 del 03/05/2013)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nanni

    30 Aprile @ 14.45

    Cicileu La Movida e il degrado che ha portato sono la vera causa della morte della via . NELLE ALTRE CITTÀ LA VIA DEL DIVERTIMENTO NON È MAI LA VIA DOVE SI AFFACCIA UNA SEDE DI UNA FACOLTÀ UNIVERSITARIA . NON È MAI in UN ASSE VIABILISTICO IMPORTANTE SOPRATTUTTO PER I MEZZI DI SOCCORSO ( tragitto più breve per raggiungere Ospedale ) NON È MAI IN UNA STRADA A COSÌ ALTA DENSITÀ ABITATIVA (la più alta della città caro cicileu informati )

    Rispondi

  • Claudio

    30 Aprile @ 13.01

    Ohhhh, che onore, Giuliò! Sei andato persino a guardarti la mia pagina in Fb? Devo starti molto a cuore! Sono sinceramente lusingato delle tue attenzioni! Ma, di grazia, potrei conoscere i nomi dei miei "discutibili" amici in Fb? Forse delinquenti e malfattori? Sarei proprio curioso! Ora che hai gettato il sasso non puoi ritirare la manina! Si tratta di persone che mi chiesero, tutte, l'amicizia in Fb e che mi STIMANO MOLTISSIMO e sono onorate della mia amicizia! Ti parrà strano, ma è così! Un "esame di coscienza"? Sicuramente! Chi, fra noi miseri peccatori, non deve farlo? Tu ne sei forse esente?! Cmq grazie del disinteressato consiglio e buon proseguimento, Giuliò! P.S. E meno male che vi sono ancora persone (tra cui StefanoC) che, al di là di ipocrisie di facciata, scrivono ancora le cose come stanno! Bravo Stefano!

    Rispondi

  • StefanoC

    30 Aprile @ 12.11

    Per chi dice viva la Spagna, " in Spagna si fa tutto" etc... lo invito caldamente a trasferirsi e a provare a fare il caos di via d'Azeglio. Sono appena tornato dal mio Erasmus di 9 mesi, e devo dire che uno schifo come lì non esiste. A Valencia, via d'Azeglio avrebbe 3 pattuglie di Polizia: una all'inizio fissa, una che gira avanti e indietro e una che gira passando anche nei vicoli, a piedi, controllando e perquisendo tutti quelli sospetti ( visti con i miei occhi). A Valencia, la Polizia gira in coppia e mentre uno ti controlla il secondo tiene il manganello in mano e la pistola pronta e mano sopra a coprire il collega. A Valencia se fai il furbo lanciando la spazzatura o tirando calci a qualsiasi cosa, il poliziotto ti prende e ti fa ripulire anche se c'è un mucchio attorno al cestino. Là nessuno si azzarda a fare lo stupido. A Valencia i locali sono insonorizzati, e pur stando DENTRO i palazzi, a porte chiuse e musica da ballo non ci sono problemi per i vicini. In Spagna il rispetto degli altri è ben più presente di quello che abbiamo a Parma, e se non lo hai, la Polizia ha l'autorizzazione di insegnartelo! Non come qui che subito tutti a piangere "cattivo poliziotto, mi fa la bua" A Parma e in Italia la civiltà è morta. è morta. StefanoC.

    Rispondi

  • Giulio

    30 Aprile @ 11.39

    che poi sai una cosa claudiò? è bello vedere questa tua facciata di linguaggio altolocato e la propensione alla pace e la tranquillità. poi però su facebook devo dire che hai un bel profilo con delle belle amicizie. credo che dovresti un attimo guardarti allo specchio e farti un esame di coscienza. saluti e pace.

    Rispondi

  • Lizzy

    30 Aprile @ 11.34

    Ma io nn capisco: ma invece si lamentarvi cosí perché nn affittate i vostri superappartamenti che valgono miliardi (altro che svalutati) agli studenti e ve ne andate a vivere a neviano degli arduini che nn vola una mosca? Cioé lí troverete tutta la pace del mondo per potervi alzarvi e dormire sereni. E affittate sti maledetti appartamenti. Ma perché ci ostinate a vivere lì??? ? Cmq nn é colpa dei bar se la gente urina ovunque. E la volante col piffero che viene in via d'azeglio.. Perché han paura di prender su! Di vigili o carabinieri o esercito nn se n'é mai visti! E meno male! Mi sentirei molto meno sicura se ci fossero loro. Nn é giusto che pee 4 nador che stan sotto i portici a farsi le canne ci devono rimettere tutti! AFFITTATE LE CASE E ANDATE A VIVERE IN CAMPAGNA! Io e il mio compagno é un anno che cerchiamo un appartamento in oltretorrente ma niente da fare. Si lamentan tutti ma poi stannolì

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va