19°

29°

Serie A

Parma, un pareggio che fa ancora sperare

Due espulsioni e un rigore parato poi trasformato in gol da Biabiany. Retrocedono Bologna, Catania e Livorno

Parma, un pareggio che fa ancora sperare
Ricevi gratis le news
16

Il Torino spreca il primo match ball per l'Europa League, ma grazie al pareggio contro il Parma e alla sconfitta del Milan nell’anticipo contro l’Atalanta, potrà giocarsene un altro la prossima settimana a Firenze, dove però sarà obbligato a vincere. Donadoni parte molto coperto con il solo Cassano sulla linea offensiva ed un centrocampo molto folto per non dare al Torino il vantaggio numerico sulle fasce.

Il Toro prova subito a fare la partita, soprattutto con delle rapide verticalizzazioni per Immobile e Cerci. Nella prima mezz'ora però le emozioni latitano, con le due squadre probabilmente bloccate dall’altissima posta in palio. Quando le due formazioni provano ad inventare qualcosa, soprattutto con la coppia Immobile-Cerci il Torino e con il duo Cassano-Parolo per il Parma, sono soprattutto i due gladiatori difensivi Bovo e Lucarelli a sbrogliare la matassa. Qualche altra emozione la regala anche Immobile con una rovesciata volante finita alta e dall’altra parte Antonio Cassano, sempre bravissimo ad imbucare i vari Biabiany e Molinaro ai quali però manca precisione nella conclusione. Al 37' la prima vera palla-goal dell’incontro: missile terra-aria di Parolo che impegna Padelli ad una difficile deviazione in corner. Al 41' il Torino passa in vantaggio: grave errore di Paletta che sbaglia il retropassaggio per Mirante, scatenando la furia di Immobile, il quale si avventa sul pallone e spara su Mirante, ma l’attaccante di scuola Juve ribadisce in rete. 

Donadoni nella ripresa, per cercare di ribaltare il risultato, schiera il "Levriero" Schelotto al posto di Molinaro, ma i granata sono solidi in difesa. I ducali comunque avanzano la propria pressione e mettono sempre più in difficoltà i padroni di casa, ma l’espulsione di Lucarelli al 19' per fallo da ultimo uomo su Immobile lanciato a rete taglia le gambe agli emiliani. Il Torino però si addormenta e ne approfitta il Parma con una percussione centrale di Acquah che si porta in area , dove Glik commette una leggerezza provocando un netto calcio di rigore. Se ne incarica Cassano che si fa ipnotizzare da Padelli, ma sulla ribattuta Bianiany non sbaglia. Il Torino, oltre al vantaggio, getta al vento anche la superiorità numerica, visto che Ciro Immobile si fa espellere per un doppio cartellino giallo, il secondo dei quali per una simulazione in area. Donadoni si fa allora temerario e, dopo aver iniziato la gara copertissimo, getta nella mischia Amauri. Le due squadre si spezzano e lasciano ampio spazio alle ripartenze. Biabiany a 10' dal termine avrebbe sui piedi la palla della vittoria , ma il suo tiro è facile preda di Padelli. Nel finale le due squadre appaiono stanche e provano a farsi pericolose soprattutto con dei tiri da lontano, ma l’incontro si chiude in parità. (ITALPRESS).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • VELENOSO

    13 Maggio @ 22.37

    Ragazzi, siamo nelle mani di Pepito. LUI NON CI TRADIRA'.Ci pensate, il Torino sta vincendo a Firenze, poi entra Pepito, uno dei nostri e a un minuto dal termine segna il pareggio. e andiamo in Europa. Son certo che in piazza Garibaldi, verrebbe rimossa l'eroe dei due mondi per mettere quella di Pepito. Fantascienza? Beh, lasciatemi sognare.

    Rispondi

  • Stefano

    12 Maggio @ 11.03

    Bravi ragazzi, peccato per il primo tempo buttato via(a mio avviso l'idea Gobbi/Molinaro è stata fallimentare, in ogni caso il cambio di rotta tra primo e secondo tempo è stato perfetto), grande cuore nel recuperare un risultato che lascia accesa la speranza..... SEMPRE E COMUNQUE FORZA PARMA....

    Rispondi

  • amilcare

    12 Maggio @ 10.56

    Bisogna fare i complimenti per questa stagione soprattutto ad una persona, Donadoni, perchè ha saputo dare un gioco alla squadra che ha reso molto di più di quella che è la qualità di ogni singolo giocatore. Penso che l'anno prossimo, comunque vada, bisogna pensare di ricominciare tutto da capo perchè un ciclo, per ragioni anagrafiche e di opportunità, è finito e bisogna iniziarne uno nuovo. Mi fido di Leonardi che in questo è un maestro, penso che qualche giocatore di qualità debba essere venduto per una questione di motivazioni e di incasso da parte della società (paletta, parolo, biabiany e penso anche cassano), qualcun' altro per questioni anagrafiche (marchionni, amauri, lucarelli), per altri penso non valga la pena investire per il riscatto (gargano, felipe, obi, rossini), altri debbono essere ceduti perchè non si sono inseriti (munari). Sicuramente deve invece essere riscattato acquah e tenuto perchè la sua quotazione, giocando con continuità, è destinata ad aumentare notevolmente l'anno prossimo, per scheletto che ha fatto abbastanza bene bisogna vedere le richieste dell'inter che mi sembrano elevate (se non si abbassano drasticamente meglio lasciar perdere). Abbiamo tantissimi giocatori in giro per l'italia e il mondo, penso che sia arrivato il momento di fare rientrare i più promettenti e per il resto la società saprà come intervenire scovando qualcuno come ha fatto con i vari sansone, paletta ecc.

    Rispondi

  • parmigianoreggiano

    12 Maggio @ 09.49

    parmigianoreggiano

    MOLTO meglio in B CON DIGNITÀ che in Europa SENZA.

    Rispondi

  • Alessandro

    12 Maggio @ 08.53

    tranquilli,la fiorentina giocherà in ciabatte,toro già in europa purtroppo..una squadra penosa,tutto difesa e contropiede è riuscita a rimanerci davanti..no comment sul finale di campionato del Parma (Genoa,Bologna,Lazio,Cagliari) e no comment su Paletta..

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

Moto

Travolto dopo l'incidente, paura per Federico Caricasulo

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti