Ko al Tardini

Leonardi: "Abbiamo regalato 4 gol"

Leonardi: "Abbiamo regalato 4 gol"
Ricevi gratis le news
10

Qualche gol sulla coscienza ma anche l'arbitraggio non è stato d’aiuto. Per Roberto Donadoni, nella sconfitta di stasera col Milan, non è tutto da buttare, anzi. "Partita da cancellare? Non va dimenticato niente - la sua analisi - Il Milan non ci ha surclassati e questo deve darci grande orgoglio. Il risultato finale è negativo ma la partita non è stata interpretata male, se non qualche lettura individuale errata e anche qualche lettura errata dell’arbitro. Mi piacerebbe che si commentassero anche certi episodi che vanno a cambiare l’andamento della partita". Il riferimento non è tanto al rigore concesso al Milan ("se c'è stato fallo, è stato fuori area ma è un errore che ci può stare") quanto all’espulsione di Felipe. "La prima ammonizione non la capisco, poi non ha fatto nulla ed è scattato il secondo giallo e una squadra che cerca di recuperare il risultato viene penalizzata - si lamenta Donadoni - Sbagliamo noi ma sbagliare 2-3 volte in maniera così clamorosa dispiace, fa rabbia". Certo, il Parma ci ha comunque messo del suo, lasciando praterie per le scorribande dei rossoneri. "Dovevamo recuperare il risultati e gli spazi si aprono, se sei sotto qualcosa in più la devi concedere - spiega - Siamo però stati ingenui in 2-3 circostanze, abbiamo regalato 2-3 gol con una certa facilità, più per ingenuità nostra che per bravura degli avversari". Due sconfitte nelle prime due gare suonano come un piccolo allarme ma Donadoni resta sereno. "Possiamo fare un campionato all’altezza - conclude - Anche oggi abbiamo avuto assenze importanti, assenze come quelle di Paletta, Cassani e Biabiany, nell’economia della nostra rosa, hanno un peso. Ma sono contento di quello che i ragazzi hanno fatto, ripartiremo con più determinazione".

"Noi siamo scesi in campo sapendo che avevamo delle difficoltà, con le assenza di Biabiany, Paletta, di Cassano dell’ultimora. Noi abbiamo fatto i nostri quattro gol e tranne che per l’ultimo gli altri li abbiamo regalati al Milan. Ma nonostante tutte queste disavventure ho visto sempre la voglia di reagire". Così Pietro Leonardi, amministratore delegato del Parma parla alla Domenica Sportiva della sconfitta casalinga contro il Milan per 5-4. Sul futuro della società ducale, quindi, aggiuge: "Ghirardi ha già annunciato che ha ritirato le dimissioni visto che nessuno si è fatto avanti per acquistare la società, mentre per quanto riguarda la squadra noi dobbiamo partire da questi errori per non ripeterli più. Le nostre aspettative? Il Prma deve pensare a salvarsi" afferma. "Quello che abbiamo fatto l’anno scorso ce lo siamo guadagnato sul campo, ma abbiamo sempre detto che prima dovevamo pensare a salvarci!".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • amilcare

    15 Settembre @ 23.11

    E' vero che abbiamo regalato i gol ma anche il milan non è stato da meno. Il vero problema della squadra non è però la difesa e neanche l'attacco ma il centrocampo dove c'è il solo acquah che morde le caviglie, contrasta e si ripropone. Non è pensabile giocare con jorquera e lodi contemporaneamente perché come incontristi sono 0, quindi solo uno dei 2 ed ovviamente jorquera che ha dimostrato molta più personalità di lodi, acquisto per me completamente sbagliato. Jorquera è dotato anche di un buon tiro e nel secondo tempo giocando più avanzato ha dato il meglio di se e si è anche reso pericoloso in zona gol. Si potrebbe quindi giocare sempre con un centrocampo a 3 ma con 2 davanti alla difesa e jorquera più avanzato in una sorta di 4-2-3-1. Uno dei 2 mediani è senz'altro acquah e l'altro uno tra galloppa, mauri, mariga quando sarà pronto ma non scarterei anche gobbi che è esperto, sa marcare ed ha corsa. Penso che se non mettiamo a posto il centrocampo e se questo non sa coprire la difesa di gol ne prenderemo ancora tanti. I difensori non hanno fatto una grossa figura ieri perché arrivavano gli avversari in velocità da metà campo senza nessun contrasto se non quelle di acquah e per loro diventava molto dura riuscire ad intervenire con calma e lucidità anche per questo hanno commesso tanti errori.

    Rispondi

  • VELENOSO

    15 Settembre @ 20.51

    BELFODIL PALLADINO CODA non sono attaccanti di categoria

    Rispondi

  • scarpa & bonci

    15 Settembre @ 12.19

    peccato che il primo set sia stato sospeso per "oscurita'" in campo,alla ripresa proverei federer in mezzo al campo,per il resto e' vero abbiamo regalato,uno spettacolo circense, a gennaio comprerei moira orfei cosi' ce li abbiamo tutti

    Rispondi

  • limerick

    15 Settembre @ 11.12

    Si beh far giocare felipe al posto di paletta é dare un bel vantaggio al milan. Piuttosto schiera mendes ma non felipe. Cosa aveva paletta?!? E biabiany? Voleva giocare con la sciarpa del milan?!? Mah

    Rispondi

  • Vercingetorige

    15 Settembre @ 11.00

    I PUNTI PER LA SALVEZZA non si fanno col Milan , si fanno col Cesena ! Alla fine , sono quelli che mancano.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé

STATI UNITI

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé Foto

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

1commento

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

In manette la banda delle spaccate: 2 giovani arrestati dai carabinieri

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

Emergenza

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

8commenti

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

LUTTO

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

Paola Scaravonati è stata stroncata da un malore

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

gazzareprter

Piazzale Buonarroti, un salotto o una discarica?

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

INTERVISTA

Il prefetto: "Migranti, a Parma numeri destinati a calare" Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani tra i candidati supplenti. Capofila in Toscana 2 un giovane universitario della Scuola europea di Parma

DIPENDENZA

Droga: il racconto di chi ne è uscito 

Una sera con i Narcotici Anonimi

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

7commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Abusivo caricava ragazze davanti alle disco e le violentava Il video che lo incastra

CASSINO

Abusa della figlia 14enne: trovato impiccato davanti a una chiesa

SPORT

football americano

Superbowl: Patriots per la leggenda, Eagles per il paradiso

posticipo

L'Avellino espugna Brescia tra mille emozioni La classifica di serie B

SOCIETA'

FESTE PGN

Open Bar al castello di Felino Foto

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova