10°

20°

Tracollo crociato

Il Parma sprofonda a Bergamo

Il Parma sprofonda a Bergamo
Ricevi gratis le news
39

Un altro gol all'ultimo istante e il Parma sprofonda in classifica (anche se la vittoria dei bergamaschi è decisamente meritata). Decide un gol di Boakye al 90'. A Bergamo il Parma, dopo la sosta, non cambia rotta: ora i crociati sono ultimi, soli, a tre punti.  Subito dopo il fischio finale che ha decretato la sconfitta di Bergamo i tifosi del Parma hanno invitato la squadra a fermarsi sotto il settore ospiti per chiedere spiegazioni sulla prestazione poco convincente fornita contro l’Atalanta. Otto ultras emiliani si sono seduti a cavalcioni della barriera di vetro e hanno ascoltato le giustificazioni di alcuni gialloblu. Tutto si è svolto senza particolari tensioni e dopo qualche minuto di discussione i giocatori sono rientrati negli spogliatoi.
Roberto Donadoni ha teso la mano verso i suoi sostenitori. ''Se vogliono confrontarsi con noi non c'è problema - ha detto -. Lo spirito dei tifosi deve essere però quello di spronare la squadra per uscire al più presto dalle difficoltà. Da parte nostra, ripeto, c'è la massima disponibilità al dialogo».

La partita

Un gol di Boakye segnato nell’ultimo minuto di gioco fa sprofondare il Parma all'ultimo posto in classifica, solitario, regalando all’Atalanta 3 punti d’oro in chiave salvezza e la prima vittoria casalinga: 1-0 il risultato finale, contro un Parma ben organizzato in fase difensiva ma per nulla concreto in attacco. Colantuono, che dopo sei giornate conta una sola vittoria in casa del Cagliari, opta per il 4-3-3, con D’Alessandro e Maxi Moralez ad agire a supporto di Denis. Sponda parmense, Donadoni, con soli tre punti conquistati da inizio campionato, deve fare i conti con le numerose assenze e con Paletta, Biabiany, Palladino e Cassani ancora ai box decide di schierare la sua squadra con il 3-5-2, con Ristovski e Gobbi sugli esterni e Coda e Cassano in attacco. I primi minuti di gara sono un incubo per i difensori parmensi, che devono fare gli straordinari per arginare la manovra offensiva atalantina. Al 3', la prima azione pericolosa dei padroni di casa che con un’azione sull'asse Denis-D’Alessandro fa venire i brividi a Mirante che viene salvato dalla propria difesa. Al 9', Dramè ci prova dalla distanza ma il pallone è deviato da Felipe che col corpo manda in corner. Sullo stesso calcio da fermo arriva l’azione da gol più netta del primo tempo: Maxi Moralez serve Denis che di testa, a botta sicura, deve arrendersi all’intervento difensivo di Lucarelli che salva in modo provvidenziale il risultato. Il Parma prova a scuotersi e la prima vera opportunità da gol per i ducali arriva al 14': bel triangolo Mauri-Cassano, ma il giovane centrocampista colpisce male pallone sprecando da ottima posizione. campato il pericolo, l’undici di Colantuono torna in possesso del gioco e, al 32', dopo una fase di gioco povera di gioco ma ricca di agonismo, torna a farsi pericoloso con Moralez che, servito da Denis, sfiora il palo con una conclusione a mezz'aria che di fatto chiude la prima frazione di gioco. Al ritorno sul campo, Donadoni decide di fare a meno di Ristovski per Ghezzal mentre Colantuono si affida all’undici iniziale. Il film della partita anche nella seconda frazione di gioco continua sullo stesso filo conduttore del primo ed allora è ancora l’Atalanta a rendersi pericolosa in fase offensiva: al 3', Moralez, ricevuto il pallone dopo una azione confusa dei suoi compagni, dall’interno dell’area avversaria conclude di prima intenzione ma il pallone finisce fuori di poco facendo tirare un sospiro di sollievo a Mirante. Il Parma prova a dire la sua e, al 10', sfiora il vantaggio con Acquah che dalla distanza lascia partire una potentissima conclusione che sfiora il palo alla destra di Sportiello. Dopo più di 50 minuti giocati su ritmi altissimi, il match conosce una lunga fase di stanca in cui tatticismi, nervosismo ed agonismo la fanno da padroni, ma, al 33', è Baselli, su sponda di Bianchi, ad andare vicino al gol con un violento sinistro da buona posizione che non inquadra la porta. I padroni di casa ci provano in tutti i modi ed, al 45', il neo entrato Boakye, dopo aver sfruttato la mancata presa di Mirante su conclusione dalla distanza di Cigarini, mette a segno la rete del vantaggio con una facile conclusione a rete dalla breve distanza che regala una vittoria importantissima in ottica salvezza alla squadra di Colantuono.
Scampato il pericolo, l’undici di Colantuono torna in possesso del gioco e, al 32', dopo una fase di gioco povera di gioco ma ricca di agonismo, torna a farsi pericoloso con Moralez che, servito da Denis, sfiora il palo con una conclusione a mezz'aria che di fatto chiude la prima frazione di gioco. Al ritorno sul campo, Donadoni decide di fare a meno di Ristovski per Ghezzal mentre Colantuono si affida all’undici iniziale. Il film della partita anche nella seconda frazione di gioco continua sullo stesso filo conduttore del primo ed allora è ancora l’Atalanta a rendersi pericolosa in fase offensiva: al 3', Moralez, ricevuto il pallone dopo una azione confusa dei suoi compagni, dall’interno dell’area avversaria conclude di prima intenzione ma il pallone finisce fuori di poco facendo tirare un sospiro di sollievo a Mirante. Il Parma prova a dire la sua e, al 10', sfiora il vantaggio con Acquah che dalla distanza lascia partire una potentissima conclusione che sfiora il palo alla destra di Sportiello. Dopo più di 50 minuti giocati su ritmi altissimi, il match conosce una lunga fase di stanca in cui tatticismi, nervosismo ed agonismo la fanno da padroni, ma, al 33', è Baselli, su sponda di Bianchi, ad andare vicino al gol con un violento sinistro da buona posizione che non inquadra la porta. I padroni di casa ci provano in tutti i modi ed, al 45', il neo entrato Boakye, dopo aver sfruttato la mancata presa di Mirante su conclusione dalla distanza di Cigarini, mette a segno la rete del vantaggio con una facile conclusione a rete dalla breve distanza che regala una vittoria importantissima in ottica salvezza alla squadra di Colantuono.

 

Donadoni: "Ora non siamo all'altezza della situazione" (Leggi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • GIGI67

    20 Ottobre @ 13.53

    GIGI67

    Almeno fare finta di giocare, di correre, di lottare su ogni pallone, ma......BUIO TOTALE! Se fossi stato a Bergamo ieri avrei saputo io cosa urlargli ma sono anche consapevole che non è tutta colpa loro. Confesso che quest'estate avevo creduto alla buona fede di Ghirardi ma non posso che essere assolutamente d'accordo con Velenoso....

    Rispondi

  • VELENOSO

    20 Ottobre @ 12.00

    Albi, rispondo io alla tua domanda. Se CERCI avesse segnato il rigore della qualificazione, non sarebbe cambiato niente perchè Ghirardi avrebbe continuato a seminare vento e si sarebbe dimesso adducendo la presunta combine tra Fiorentina e Torino, quindi mettiti l'animo in pace. La vera ragione di questa pagliacciata è che Ghirardi non ha soldi voleva un pretesto per indebolire la squadra.Se non hai capito questo amico mio sei un ingenuone. Se andiamo in B, sappi che a differenza dell'ultima volta, in cadetteria metteremo le radici. Ghirardi se non lo sai, è alla canna del gas.

    Rispondi

  • calico

    20 Ottobre @ 11.52

    Sarebbe proprio la degna conclusione se un presidente in evidente malafede, dopo aver ritirato le (finte) dimissioni subito dopo la chiusura del calciomercato, esonerasse l'allenatore perchè perde tutte le partite con una squadra da lui smantellata. Sarebbe una beffa, l'unico che deve mollare (ma purtroppo non è così facile come cambiare tecnico) è Ghirardi. Se fosse onesto il passo indietro lo dovrebbe fare ora, tenere la proprietà, ma presentare al consiglio le dimissioni vere.

    Rispondi

  • DAVIDE

    20 Ottobre @ 11.29

    Accidenti, quanti bei commentini che si leggono !!! Il commento che si possa fare oggi è semplice e linerare: siamo in serie B. Basta. Senza tanti "ma" o "se" o "colpa di questo...." o "godo di qua, godo di la". Ripartiamo dalla B. Punto e stop. Faremo qualche annetto nella serie cadetta (vi ricordo che prossimamente sarà ridimensionato il campionato di A. Quindi meno promozioni) e poi proveremo a ritornare in A. Nessun dramma. Io continuerò a seguire la MIA squadra in serie B,C,D,E ecc. (come faccio da 37 anni a questa parte) e amen. Qualcuno smetterà di scrivere cose.... cattive (evito di usare epiteti volgari che ci starebbero benissimo) in questi commenti (ben venga la serie B, allora !!!!!!). E' chiaro che non godo delle disgrazie della MIA squadra, ma non posso esimermi da ammettere che in questo momento la squadra fa schifo ed è inguardabile. Ne usciremo ? Non lo so. In questo momento le premesso sono negativissime. Da questo punto di vista, non posso che confermare inoltre quello che ha scritto @Caronte. Tanti commenti arrivano da gente a cui del Parma non gliene frega niente e che fortunatamente spariranno non appena il Parma sarà retrocesso (per quanto riguarda il Tardini, @Caronte, ti confermo che una grossa ditta edile aveva offerto al comune di costruire gratuitamente uno stadio in periferia purchè gli lasciasse la zona del Tardini per costruire dei condomini. Il Tardini però è un'area vincolata, per quel che ne so, e non posso essere effettuate costruzioni di edilizia civile). Per quanto riguarda Ghirardi e tutte le sue....schiocchezze (per non usare altre parole più pesanti) c'è da dire che senza di lui faremmo la fine del Siena. Un'ultima cosa: @federicot, tu che guardi le partite solo con Sky, vorrei per una volta tanto che scrivessi che godi come un riccio che la Juve, la grande "corazzata", sabato sia stata fermata da una squadra provinciale ultima in classifica. Dubito di leggerti........

    Rispondi

  • VELENOSO

    20 Ottobre @ 10.53

    L'allenatore non si tocca nemmeno se perderemo le prossime venti partite però lui ci deve GARANTIRE e lo deve dire pubblicamente, che anche lui verrà con noi in serie B PER PORTARCI il più velocemente possibile, in serie A.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

SERIE B

Parma, batti un colpo

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: si vota per la finale

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

MONCHIO

Rubata un'auto, razzia di attrezzi da lavoro e tentato furto in un bar

Cultura

Cimeli verdiani, Ministero interessato

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Garani è presidente del gruppo fotografico Obbiettivo Natura

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

LECCE

Bimbo di due anni muore schiacciato dal televisore

SPORT

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

F1 GP USA

Libere: domina Hamilton. Vettel (terzo) gira poco

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

MOTORI

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va

IL MINI SUV

Da oggi la nuova Citroën C3 Aircross: