crisi

Il Parma: "Difficoltà di liquidità. Ma l'azienda è sana"

Il Parma: "Difficoltà di liquidità. Ma l'azienda è sana"

Tommaso Ghirardi

Ricevi gratis le news
18

Pagamenti, ipotesi di cessione e, a 360 gradi, la situazione del Parma calcio, movimentata, degli ultimi giorni. La società interviene con una nota ufficiale. 
L’apertura della società verso un’ipotesi di cessione del club, ampiamente dettata dalla forte delusione e sfiducia generata all’indomani dell’esclusione dall’Europa League, per motivazioni che ancora oggi non sono state chiarite (tanto che il club si sta ancora battendo nelle sedi deputate per far valere le proprie ragioni), ha fatto sì che, negli ultimi mesi, siano giunte numerose manifestazioni di interesse da parte di investitori italiani e stranieri, desiderosi di potersi confrontare con il Campionato di Calcio di Serie A, mediante l'ingresso in Parma Fc.
Alcune di queste manifestazioni di interesse si sono tradotte in concrete trattative.
In particolare, una di queste - quella più avviata risalente al recente mese di ottobre - è stata oggetto di un approfondito confronto riguardante la situazione economica e patrimoniale della società.
Elemento essenziale di tale trattativa, così come consacrato negli accordi preliminari, era quello di perfezionare l’acquisto non oltre la scadenza del 10 novembre 2014, al fine di garantire i pagamenti inerenti le scadenze del 15 novembre 2014.
Nonostante l’avanzato stadio cui è giunta quest’ultima trattativa e nonostante gli impegni assunti dalle parti, il promissario acquirente ha, inaspettatamente, rimandato la chiusura dell’operazione oltre il suddetto termine concordato del 10 novembre 2014.
Parma Fc si è così venuto a trovare nelle condizioni di dover, in tempi strettissimi, intraprendere tutte le iniziative utili all’ottemperamento degli impegni di pagamento in scadenza (iniziative che aveva precedentemente pianificato ma che, in seguito alla firma del contratto preliminare di cui sopra, aveva poi conseguentemente accantonato). Parma Fc è dispiaciuto di non aver potuto rispettare le scadenze e, allo stesso modo, di non aver potuto, nei giorni scorsi, fornire informazioni circa l’esistenza di tale trattativa (tuttora in essere) essendo vincolato da un patto di riservatezza che ancora permane.
In riferimento alla situazione finanziaria del club, Parma Fc ribadisce che le problematiche da risolvere sono relative a momentanea mancanza di liquidità e che la continuità aziendale non è affatto in discussione. Allo stato attuale, dopo un difficile inizio di stagione, caratterizzato da risultati negativi imprevisti ma anche da un numero di infortuni decisamente straordinario, lo sforzo è teso al raggiungimento di una migliore posizione di classifica che garantisca la permanenza in serie A. Traguardo da centrare a tutti i costi e con tutte le energie disponibili, per ridare ai tifosi del Parma Fc le soddisfazioni che meritano. L’impegno in tal senso è massimo da parte di ogni componente della società. Del resto il campionato è difficile ma ancora lungo e il tempo per recuperare non manca. A tale ultimo proposito, si dovrà, purtroppo, fare i conti anche con sicuri punti di penalizzazione che, tuttavia il club, in tutte le sedi competenti, cercherà di ridurre al minimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gio

    19 Novembre @ 13.57

    Giorgio R.

    E allora perché Amauri che non è certo giovanissimo è andato via e Cassano vorrebbe fare altrettanto ? Avete nascosto alla gente la verità. L'UEFA alla evidente situazione che si è profilata ha fatto bene ad escludere il Parma. Lei Ghirardi si è dimesso urlando all'ingiustizia. Tanti che dicevano che anche altri in passato avevano avuto problemi ma non esclusi. Le regole europee nel calcio e non solo si sono fatte più certe e presenti e probabilmente se fosse stato solo per un pagamento in ritardo non sarebbe stato escluso. C'è un dissesto finanziario vero e proprio.

    Rispondi

  • Gio

    19 Novembre @ 13.54

    Giorgio R.

    Si sta profilando la fine della storia del crac del vecchio Parma che.....ecco spuntare un'ipotesi....Ora è inutile dire come fa Ghirardi che la colpa è dei probabili acquirenti del Parma se non si è tutto definito velocemente. Voglio dire e chiedere....se uno vuole acquistare un'azienda, di questo si tratta, che non sta producendo bene per di più con il morale a pezzi e scopre che ha una valanga di debiti .....si tira indietro. E' normale. Pubblicate i debiti che avete verso i vostri collaboratori, fornitori e calciatori. Quanto sarà sui 25 MLN di euro ? A parte le battute da bar o per parlare ma voi la prendereste ? Se pubblicate in evidenza sui giornali la vostra situazione almeno al 90% di sicuro chi si avvicinerà per l'acquisto lo farà a ragion veduta e non vi farà perdere tempo.

    Rispondi

  • calico

    19 Novembre @ 09.17

    E certo, pensavamo che il 17 (NON IL 15) dovesse pagare un altro. Fantastico, ma gli stipendi vanno pagati tutti i mesi, quello era solo il termine ultimo per evitare penalizzazioni. Se il Parma è sano doveva pagare prima gli stipendi di Luglio o no?

    Rispondi

  • Marco

    19 Novembre @ 00.41

    Anche la Parmalat nel 2001 diceva così ...

    Rispondi

  • LG

    18 Novembre @ 23.30

    Ogni scusa è superflua ormai la situazione si è troppo deteriorata, io non credo più neppure ad una parola di questi signori. Da adesso si giudicano i fatti.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

cinema

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

1commento

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Mago Gigo

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

1commento

Lealtrenotizie

Viale Bottego, fiamme in studio dentistico: evacuazione in corso di tutto il palazzo

incendio

Viale Bottego, fiamme in studio dentistico: evacuazione in corso di tutto il palazzo

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

3commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

IL CASO

Colf estorce 3.000 euro all'ex datore di lavoro. E patteggia 3 anni

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

PALLAVOLO A/2

Gibertini: «Il mio tris in Coppa Italia»

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

METEO

Ondata di gelo: il Burian siberiano verso l'Italia

Allarme

In dieci anni 166 medici in pensione

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

8commenti

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

1commento

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

1commento

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

gusto

La ricetta light - Brodo vegetale allo zenzero

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat