14°

28°

donadoni

"La squadra onori la maglia. I tifosi ci aiutino"

Roberto Donadoni
Ricevi gratis le news
1

"Non può girare sempre male". Roberto Donadoni punta anche sulla legge dei grandi numeri per cercare di risollevare il morale a una squadra che ha perso 11 partite su 13 e che è ultima in classifica. Il suo Parma è spesso uscito dal campo senza meritare la sconfitta, ma alla fine contano solo i punti e per salvarsi bisogna cominciare a correre. Dopo il ko di domenica scorsa a Palermo, al Tardini arriva la Lazio di Pioli. "Al Barbera abbiamo perso, ma dobbiamo leggere la partita in chiave positiva - spiega il tecnico dei crociati in conferenza stampa -. Non è mai facile gestire una sconfitta dal punto di vista del morale, perchè perdere lascia sempre un pò disarmati, ma non può sempre girare male e sappiamo che solo attraverso la prestazione possono arrivare i risultati. Domani siamo chiamati a ripetere la prestazione di domenica scorsa, contro una squadra, la Lazio che ha valori superiori al Palermo e di questo siamo consapevoli". Donadoni sa che contro i biancocelesti serve una grande partita. "La Lazio arriva da un risultato positivo in Coppa e non conta che sia arrivato contro un avversario che disputa la serie B - spiega il tecnico dei crociati riferendosi al successo dei biancocelesti contro il Varese -. Non è mai facile affrontare queste gare, anche perchè a volte si utilizzano giocatori che hanno "meno gamba" rispetto ad altri perchè hanno giocato meno. La Lazio ha grande qualità: avere dubbi tra chi schierare, se Djordjevic o Klose, fa capire che rosa si ha a disposizione. Una rosa di spessore che dà la dimensione dell’avversario che avremo di fronte. Dovremo fare una
Per quel che riguarda il centrocampo, Donadoni spiega: "prediligo come sempre i giocatori che mi danno le maggiori garanzie, a partire dalla condizione fisica. Galloppa per esempio è riuscito ad aumentare il minutaggio. Dovrò essere attento a questo tipo di discorso, scegliere il giusto mix, altrimenti ci si trova nella condizione di dover fare cambi obbligati e poi se serve fare cambi tattici non se ne ha più la possibilità". Donadoni conclude parlando di De Ceglie. "Con la Juve è stato sostituito perchè infortunato ad un adduttore e poi ha avuto un problema a un dito che ancora un pò lo limita. Comunque si sta allenando regolarmente".
"La Lazio, attacco a parte, ha centrocampisti che si inseriscono bene, come Parolo e Lulic - ha proseguito Donadoni -. Come detto la rosa è molto valida, anche con le assenze del caso, e noi nello sviluppo del gioco dovremo essere bravi a posizionarci e avere grande determinazione". E dire che Lotito lo aveva cercato per dargli la panchina ora del parmigiano Pioli. "Intanto ritengo Pioli allenatore di valore e prima ancora persona di valore, ha principi di un certo tipo che sono quelli giusti nella vita e nello sport in generale. Per quanto mi riguarda quando faccio una scelta la porto avanti fino in fondo. Pensare a ritroso non rientra nelle mie corde. Per me è importante portare avanti il Parma perchè da questa situazione vogliamo fortemente uscire". Per farlo serve anche l’aiuto del pubblico, anche se domani al Tardini potrebbe esserci un clima difficile visto l’andamento della squadra. "Domani non mi aspetto nulla in particolare se non che i giocatori onorino la maglia prima di tutto per se stessi - spiega Donadoni -, poi mi auguro che il pubblico ci dia una mano anche se gli abbiamo dato poche soddisfazioni quest’anno. I ragazzi hanno bisogno del sostegno dei tifosi". Spazio ai singoli e alle condizioni degli acciaccati, si comincia con Mirante e Jorquera. "L'allenamento di oggi sarà un test decisivo: Mirante si è allenato con la squadra ma ha fatto un lavoro che possiamo definire "controllato". Se non dovesse farcela comunque c'è Iacobucci che ha disputato due buone gare. Stessa cosa si potrebbe dire per Jorquera: è sulla via del pieno recupero". Non ci sarà Felipe, in lizza per il suo posto Santacroce e Mendes. "Partono alla pari, anche se hanno caratteristiche diverse, dovrò capire innanzitutto le loro motivazioni". 
"La Lazio, attacco a parte, ha centrocampisti che si inseriscono bene, come Parolo e Lulic - ha proseguito Donadoni -. Come detto la rosa è molto valida, anche con le assenze del caso, e noi nello sviluppo del gioco dovremo essere bravi a posizionarci e avere grande determinazione". E dire che Lotito lo aveva cercato per dargli la panchina ora del parmigiano Pioli. "Intanto ritengo Pioli allenatore di valore e prima ancora persona di valore, ha principi di un certo tipo che sono quelli giusti nella vita e nello sport in generale. Per quanto mi riguarda quando faccio una scelta la porto avanti fino in fondo. Pensare a ritroso non rientra nelle mie corde. Per me è importante portare avanti il Parma perchè da questa situazione vogliamo fortemente uscire". Per farlo serve anche l’aiuto del pubblico, anche se domani al Tardini potrebbe esserci un clima difficile visto l’andamento della squadra. "Domani non mi aspetto nulla in particolare se non che i giocatori onorino la maglia prima di tutto per se stessi - spiega Donadoni -, poi mi auguro che il pubblico ci dia una mano anche se gli abbiamo dato poche soddisfazioni quest’anno. I ragazzi hanno bisogno del sostegno dei tifosi". Spazio ai singoli e alle condizioni degli acciaccati, si comincia con Mirante e Jorquera. "L'allenamento di oggi sarà un test decisivo: Mirante si è allenato con la squadra ma ha fatto un lavoro che possiamo definire "controllato". Se non dovesse farcela comunque c'è Iacobucci che ha disputato due buone gare. Stessa cosa si potrebbe dire per Jorquera: è sulla via del pieno recupero". Non ci sarà Felipe, in lizza per il suo posto Santacroce e Mendes. "Partono alla pari, anche se hanno caratteristiche diverse, dovrò capire innanzitutto le loro motivazioni". (ITALPRESS) 
Per quel che riguarda il centrocampo, Donadoni spiega: "prediligo come sempre i giocatori che mi danno le maggiori garanzie, a partire dalla condizione fisica. Galloppa per esempio è riuscito ad aumentare il minutaggio. Dovrò essere attento a questo tipo di discorso, scegliere il giusto mix, altrimenti ci si trova nella condizione di dover fare cambi obbligati e poi se serve fare cambi tattici non se ne ha più la possibilità". Donadoni conclude parlando di De Ceglie. "Con la Juve è stato sostituito perchè infortunato ad un adduttore e poi ha avuto un problema a un dito che ancora un pò lo limita. Comunque si sta allenando regolarmente". (ITALPRESS).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Ruggero

    07 Dicembre @ 13.35

    Oggi contro la Lazio è imperativo metterci l'anima, cosa che i giocatori hanno fatto raramente quest'anno, solo così potranno arrivare risultati positivi vittoria, auspicabile, o pareggio che sia. Giocare decentemente come a Palermo e perdere non ha nessun senso!

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti