-2°

tavolo di crisi

Slitta la riunione di domani (mercoledì)

Problemi di salute

Slitta la riunione di domani (mercoledì)
Ricevi gratis le news
8

Slitta ancora. Era fissato per oggi, poi era stato deciso di incontrarsi domani e alla fine, forse, ci si riunirà giovedì.
Dopo la telenovela bonifici, ora Giampietro Manenti mette in scena anche il valzer delle date e cancella volta per volta tutti i summit fissati con il sindaco di Parma. Domani a Collecchio era previsto il faccia a faccia fra il primo cittadino parmigiano Federico Pizzarotti ed il numero uno crociato per programmare il futuro del club, anche a fronte dell’istanza di fallimento presentata dalla Procura di Parma per inadempienze fiscali. Il pressing verso Manenti è chiaro: convincerlo a gettare la spugna visto che di soldi per ora non c'è traccia e così agevolare il percorso del Tribunale. Il presidente del Parma Fc anche ieri però ha ribadito di essere pronto ad andare avanti ma di dirlo in faccia al sindaco per ora non se ne parla.
Ufficialmente Manenti non potrà essere a Parma per un problema familiare, la madre domani dovrà essere sottoposta ad un intervento chirurgico, ma sale ancora di più il nervosismo, soprattutto fra giocatori e dipendenti. Questi ultimi oggi si sono incontrati con i propri rappresentanti sindacali per tutelare i propri diritti. Per gran parte di loro l’ultimo stipendio ricevuto è quello di novembre e da allora non ci sono state più garanzie da parte dei dirigenti che si sono avvicendati alla guida del club.

Alborghetti: "Il sindaco mi ha invitato a partecipare"

Nel primo pomeriggio, prima del rinvio, era intervenuto Fiorenzo Alborghetti, il manager tirato in ballo da Manenti per la gestione di questa vera e propria "patata bollente" che, poi, in un secondo tempo si era, per così dire, smarcato, sarà comunque presente domani alla riunione-tavolo di lavoro sindaco-Manenti: "Mi ha chiamato anche il sindaco per essere presente. Dovrei esserci, ma se non c'è Manenti tutto è inutile". E proprio sulla presenza del presidente, non è sicuro: "Aspetto la conferma da lui". Il manager è intervenuto, in diretta, alla trasmissione di Tv Parma "Palla in tribuna", precisando: "Speriamo arrivi (Manenti) con qualcosa di concreto, sennò....". Un tavolo che diventa quasi una sorta di ultima spiaggia: "Tutti mettono le proprie idee e vediamo cosa salta fuori, ma ripeto su cose concrete e cose conrete devono saltare fuori". Manenti ha promesso un piano per risanare le casse e far uscire il Parma dalla palude. Prima, però, serve un po' di liquidità: "Le cose vanno di pari passo - ha detto Alborghetti-: serve prima un'iniezione di liquidità e poi il piano può partire". Il manager, comunque, difende Manenti su un aspetto: "Gli è stata data una croce a livello mediatico e lui, a livello di comunicazione, non è stato capace di gestire la cosa". Da più parti arrivano indicazioni per portare i libri in tribunale: "E'una delle soluzioni che analizzeremo domani. Domani le proviamo tutte, ripeto anche questa". E richiama Manenti alle sue responsabilità: "Se non viene con qualcosa di concreto è inutile sedersi attorno ad un tavolo". Insomma i toni sono diversi da quelli della presentazione della nuova società: "C'era ottimismo perchè Manenti ha dispensato ottimismo. Se poi è venuto meno alle promesse non ne so i motivi". E sulla misteriosa fideiussione da 100 milioni, Alborghetti ha detto: "Non lo so, se ha fatto vedere qualcosa vuol dire che qualcosa aveva da far vedere".

Abodi (presidente Lega di Serie B): "regole insufficienti, presenteremo un nostro piano"

"Siamo consapevoli che situazioni societarie come quella che si sta vivendo oggi al Parma non si sviluppano in poco tempo ed allora questo non significa che non si è vigilato al momento delle iscrizioni, ma è la conferma che le regole che ci siamo dati non sono sufficienti e quindi occorre che vi siano norme più efficaci e per questo motivo al prossimo consiglio federale di marzo la Lega di serie B presenterà un proprio piano di norme per scongiurare situazioni del genere in tutte le categorie". Lo ha detto il presidente della Lega di serie B, Andrea Abodi, intervenendo a Perugia all’incontro sul tema "Regoliamoci. Le regole del gioco pulito". Il presidente della Lega di B ha sottolineato che "le nuove regole che verranno proposte dovranno anche essere un filtro per coloro che si avvicinano al tavolo delle squadre di calcio, proponendosi per acquisire nuove società, affinchè abbiano la necessaria credibilità e la dovuta solvibilità, perchè non dobbiamo più permettere che nel nostro mondo si affaccino avventurieri, minando la credibilità del calcio stesso verso i tifosi e verso tutte le componenti. Le regole dovranno essere chiare anche su quello che potrà essere l’indebitamento delle società - ha detto Abodi - perchè non possiamo contemplare che vi siano club con debiti di cento milioni di euro. Non dobbiamo guardare all’Inghilterra, dove c'è una mentalità diversa e il rispetto di regole non scritte, perchè noi siamo l’Italia, un Paese diverso, e le regole dobbiamo crearle e poi rispettarle". 
Abodi ha quindi affermato che "la credibilità del calcio la si garantisce anche allenando le coscienze di chi opera in questo mondo, anticipando i rischi di penetrabilità di chi sceglie di sfruttare le singole partite per diffondere le scommesse illecite. Incontreremo per questo tutte le squadre di serie B, come stiamo facendo, ma non per terrorizzare - ha detto Abodi - quanto piuttosto far conoscere queste patologie e i regolamenti vigenti in materia, in un percorso che vede impegnate, per la prima volta insieme, Lega di Serie A e B e Lega Pro e l’Istituto per il Credito Sportivo, portatore di sani valori per lo sport". 
Abodi ha quindi affermato che "la credibilità del calcio la si garantisce anche allenando le coscienze di chi opera in questo mondo, anticipando i rischi di penetrabilità di chi sceglie di sfruttare le singole partite per diffondere le scommesse illecite. Incontreremo per questo tutte le squadre di serie B, come stiamo facendo, ma non per terrorizzare - ha detto Abodi - quanto piuttosto far conoscere queste patologie e i regolamenti vigenti in materia, in un percorso che vede impegnate, per la prima volta insieme, Lega di Serie A e B e Lega Pro e l’Istituto per il Credito Sportivo, portatore di sani valori per lo sport". 

Del caso Parma se ne parlerà in Lega

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • SILENZIOSO

    25 Febbraio @ 08.56

    Pizzarotti, per quanto tempo ancora si farà prendere per i fondelli da Manenti ? O le interessa invece che la vicenda duri a lungo per lucrare un po' di visibilità ?

    Rispondi

  • eugenio

    24 Febbraio @ 21.32

    Sarà anche proprietario ma secondo me può easere estromesso legalmente per i suoi comportamenti folli

    Rispondi

  • Massimiliano

    24 Febbraio @ 20.40

    Ma il sindaco ma la procura la federazione la lega non vedono che questo pagliaccio e sottolineo pagliaccio vi sta prendendo per il....... Sono tanto schifato che penso di non guardare più il calcio ah e vero dimenticavo che siamo in Italia ridicoli

    Rispondi

  • eugenio

    24 Febbraio @ 20.27

    Perseverare è diabolico

    Rispondi

  • Massimiliano

    24 Febbraio @ 18.31

    Questo mi sembra il rag. Filini e Manenti e fantozzi

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

1commento

TV PARMA

Parma calcio, stasera a Bar Sport parla la società: in studio Malmesi

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

1commento

Iren

Parma-Venezia al Tardini, esposizione contenitori rifiuti sabato entro le 9: le vie coinvolte

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

1commento

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa