12°

manenti arrestato

I capi della banda: "Ce lo ricompriamo noi il Parma" - I soldi? Via hacker

I capi della banda: "Ce lo ricompriamo noi il Parma" - I soldi? Via hacker
Ricevi gratis le news
4

«Ottimo dai, praticamente ce lo ricompriamo noi il Parma». Lo dice, in una conversazione intercettata del 13 febbraio, Angelo Augelli parlando col socio Adelio Zangrandi, arrestati assieme al patron del Parma Giampietro Manenti. Dunque i capi della banda a cui si era rivolto Manenti avevano dei progetti a lungo termine per il club. Augelli è l’uomo che tratta con Manenti per trovargli 4,5 milioni di euro di provenienza illecita per pagare gli stipendi ed evitare il fallimento del Parma. Zangrandi si informa con Augelli sul cash flow, la liquidità della società. «Hanno un debito di 100 milioni - risponde Augelli -, hanno incassi più diritti televisivi intorno ai 40 milioni l’anno e spese pari grossomodo se non di più». «Adelio io ti dico che ci sarebbe da divertirsi se fossimo già a posto - osserva ancora Augelli -, ma a prescindere dal pallone, eh. Praticamente ce la mette a disposizione, hai capito?». «Ma noi già solo con un cash flow così gli faccio vedere io cosa combiniamo», dice Zangrandi, che ipotizza di rinviare di 30 giorni i pagamenti del club e intanto usare i milioni per il trading finanziario sulla piazza di Londra, aprendo una società ad hoc. Tre milioni e 800 mila euro il guadagno ipotizzato in un solo mese. «Ottimo dai, praticamente ce lo ricompriamo noi il Parma»

I soldi? Via hacker

I Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma hanno eseguito questa mattina una vasta operazione delegata dalla Procura della Repubblica della Capitale, con l’arresto di 22 persone per reati di peculato, associazione a delinquere, frode informatica, utilizzo di carte di pagamento clonate, riciclaggio ed autoriciclaggio, in alcuni casi aggravati dal metodo mafioso e l’esecuzione di 65 perquisizioni su tutto il territorio nazionale. Tutti i 22 arrestati sono stati condotti in carcere, tranne uno, che è ai domiciliari.

Per quanto riguarda l'arresto di Giampietro Manenti, le indagini avrebbero appurato che 4,5 milioni di euro per l'acquisto del Parma Calcio sarebbero dovuti finire nelle sue tasche grazie ad operazioni di hackeraggio. In pratica i soldi sarebbero stati prelevati da carte di credito clonate e conti violati da un gruppo di hacker. E attraverso « l’uso delle somme in operazioni commerciali come sponsorizzazioni, gadget e abbonamenti allo stadio». Lo ha detto il procuratore aggiunto di Roma Michele Prestipino. L’operazione di riciclaggio non è andato a buon fine per problemi tecnici e a quel punto sono intervenuti i finanzieri. "Manenti era in contatto con uno dei componenti del gruppo di hacker, è lui che contatta questo personaggio milanese componente della banda specializzata in riciclaggio, e sarebbe stato il beneficiario di una somma di 4,5 milioni, facendo 50 e 50". Per lui non c'è l'aggravante mafiosa. Dalle indagini non è emersa alcuna corresponsabilità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • navolta

    18 Marzo @ 19.08

    Ce lo RIcompriamo?

    Rispondi

  • Andrea

    18 Marzo @ 16.42

    bravi, ora a marcire in galera

    Rispondi

  • Midel

    18 Marzo @ 16.19

    spero che andiate TUTTI in galera SCHIFOSI!

    Rispondi

  • leone

    18 Marzo @ 16.05

    ottimo, dai, e adesso rispondete ai magistrati

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

'A Ciambra' escluso dalla corsa agli Oscar

cinema

"A Ciambra" escluso dalla corsa agli Oscar

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

1commento

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Montagna

Corniglio, «class action» contro Enel?

sciopero

Froneri, la solidarietà ai lavoratori sfila nel cuore della città Foto

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

1commento

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

3commenti

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Ex calciatore ucciso, fermati una donna e il figlio. Volevano sciogliere il cadavere nell'acido

IL CASO

La svolta: Ryanair riconosce i sindacati

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260