-1°

Parma

Napolitano, pranzo al Regio e applauso in via Garibaldi. Alle 14,40 la partenza dal "Verdi": "Parma esempio in Italia e in Europa di splendore culturale, laboriosità e dinamismo"

Napolitano, pranzo al Regio e applauso in via Garibaldi. Alle 14,40 la partenza dal "Verdi": "Parma esempio in Italia e in Europa di splendore culturale, laboriosità e dinamismo"
Ricevi gratis le news
1

Ultime battute della visita parmigiana del Presidente della Repubblica. Giorgio Napolitano, dopo il pranzo al teatro Regio, ha incontrato i giornalisti, con parole di speranze per la pace a Gaza; e ha poi ribadito la necessità - anche di fronte alla crisi economica - di una sempre maggiore integrazione fra i Paesi europei.

Alle 14,20 il Presidente ha lasciato il Regio, salutato in via Garibaldi da un nuovo caloroso applauso dei parmigiani presenti. Quindi è salito in auto alla volta dell'aeroporto Verdi, da dove alle 14,40 è ripartito per Roma.

LA MATTINATA - E' arrivato alle 10,28 al Teatro Regio a piedi, accompagnato da un lungo applauso. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, arrivato in città ieri pomeriggio, questa mattina ha inaugurato l'anno accademico del Diploma avanzato in studi europei del Collegio Europeo.  Poco prima di entrare, il capo dello Stato ha detto di essere già stato a Parma, città "sempre splendida" e di aver apprezzato molto la mostra del Correggio, restando in particolare affascinato "dalla volta del Duomo" che ha definito "impressionante".

Dopo il saluto d'apertura di Cesare Azzali, presidente del Collegio Europeo, ha preso la parola il sindaco di Parma Pietro Vignali, che rivolgendosi al presidente ha chiesto un "riconoscimento stabile" per il Collegio europeo di Parma, "al pari di altri Collegi europei". Il Presidente della Provincia ha invece incentrato il suo discorso sul valore dell'Europa e sulla vocazione europea del nostro territorio. Azzali, nel suo intervento, ha ricordato le persone che hanno fondato il Collegio, fra cui Andrea Borri, e ringraziato anche Prodi, assente perché in convalescenza a seguito di un intervento chirurgico. Prodi, fra le altre cose, ha ricordato Azzali, ha coinvolto il professor Alfonso Mattera, che da' un "contributo fondamentale all'attivita' culturale e scientifica". Sono stati poi consegnati i diplomi ai ragazzi dell'anno 2007-2008: vengono da Italia, Moldova, Egitto, Marocco, Spagna,Tunisia, Romania, Ucraina, Albania. Gli aspiranti studenti per il 2008-9 sono stati 184, da 43 Stati.

L'INTERVENTO DEL PRESIDENTE -  Alle 11.57 ha preso la parola il presidente della Repubblica, che si è detto felice di poter essere a Parma, "magnifica città esempio in Italia di splendore culturale, laboriosità e dinamismo". Napolitano, che ha detto di conoscere "da tempo i meriti e il ruolo del Collegio europeo di Parma", si è detto "preoccupato" per il risorgere in Europa di vecchie "illusioni e tentazioni", quelle che portano a ridurre tutto a "un puro approccio intergovernativo e alla retorica degli interessi nazionali che conduce inevitabilmente alla contesa e a un negoziato meschino e defatigante fra governi".  "Sento di poter garantire l'impegno europeista delle istituzioni nel nostro Paese attraverso il contatto diretto con quanti hanno rappresentato l'Italia - ha continuato -. Ma penso che abbiamo bisogno di una nuova formazione di europeisti, anche in Italia. Questo può dare splendidi frutti: l'abbiamo visto anche su questo palco (con la consegna dei diplomi agli studenti del Collegio europeo, ndr) ". Poi è salito sul palco Jacques Delors, ex presidente della Commissione europea per la presentazione dell'edizione italiana del suo libro di memorie.

NAPOLITANO SULL'EUROPA: "15 ANNI DI SORDITA' E SCETTICISMO" - Le indicazioni contenute nel  Libro Bianco del 1993, ha  osservato Napolitano, stranamente sono state scoperte da  qualcuno solo adesso di fronte al maturare della crisi  finanziaria internazionale. Quel rapporto indicava già  l'opportunità di intervenire in queste situazioni attraverso  l'emissione di eurobond. «Sono stati – ha aggiunto – 15 anni di  sordità e di scetticismo» che hanno prolungato un «ritardo»  che già si avvertiva nelle istituzioni comunitarie. Con voce  vibrante, Napolitano ha fatto osservare che da allora quelle  istituzioni non hanno ancora avuto che minimi aggiornamenti, che  non è stato ancora ratificato «neppure il modesto Trattato di  Lisbona elaborato dopo che era stato messo da parte il Trattato  Costituzionale firmato a Roma a ottobre del 2004».  Manca, ha detto il capo dello Stato, la comprensione  dell’importanza dei fattori tempo ed efficacia, resta la  contraddizione fra il grande potenziale dell’Europa unita e la  debole volontà politica di tradurlo in un ruolo e in un assetto  conseguente per il quale è necessario un sostanzialmente  rafforzamento delle istituzioni e anche una loro  differenziazione, «quella a cui Delors si richiama».  

Terminato l'incontro, al Teatro Regio si è tenuto un pranzo con Napolitano e altre 90 persone circa. Il menu è stato preparato da Massimo Spigaroli.

LA CRONACA DI IERI - Ieri il Capo dello Stato è arrivato alle 17,15 all'aeroporto Verdi di Parma, con un quarto d'ora di anticipo sulla tabella di marcia. Il capo dello Stato ha raggiunto la Prefettura alle 17,33 dove ha incontrato 21 bambini della 4^D del Convitto Maria Luigia che gli avevano scritto una lettera. Con loro anche Armando Acri, dirigente dell'Ufficio scolastico provinciale.

Alle 18,03 il presidente è uscito dalla Prefettura salutando i circa cinquanta parmigiani che lo stavano aspettando e stringendo anche qualche mano. E' quindi salito sull'auto che lo ha accompagnato alla Galleria Nazionale per la visita alla mostra del Correggio insieme al sindaco Pietro Vignali, al presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli, al presidente del Collegio europeo Cesare Azzali e alla sovrintendente Lucia Fornari Schianchi. "Una grande mostra - ha scritto sul libro dei visitatori -  che fa onore a Parma e all'Italia". Al Teatro Farnese, da cui è rimasto affascinato, si è messo in posa per le foto ufficiali.  Alle 18,45 è ripartito per il Duomo, dove è stato accolto dal vescovo Enrico Solmi. Alle 19,30 è rientrato a Palazzo Rangoni, dove ha trascorso la notte. La cena è stata preparata da Massimo Spigaroli: lo chef del Cavallino bianco si era messo ai fornelli anche per i presidenti Carlo Azeglio Ciampi e Luigi Scalfaro. 

Per vedere la diretta dal Regio di Tv Parma clicca qui

LE FOTO: 1- 2
I VIDEO: 1 -TGPARMA1 - TGPARMA2

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marzio

    08 Gennaio @ 14.29

    non e' che hannotenuto tutto il sale per far atterrare l'aereo del presidente? Sicuramente la citta' dove passaera' il presidente sara' ripulita a dovere... E' vero bisogna essere gentili e rispettosi per le alte cariche dello stato, ma guardatevi in giro in che stato siamo messi noi. Ieri in ospedale ( previe scuse del responsabile) era un disastro. per non parlare della viabilita' sui raccordi. Ma chi li progetta non conosce anche le eventuali problematiche che poterbbero esserci. Marzio

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

LUDOPATIA

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto di Nicola Riccò

calcio

Parma a caccia dei gol

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

FONTEVIVO

Furto di gasolio: romeno sorpreso e arrestato

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5