11°

17°

Parma

Stop al traffico: 81 controlli e 8 multe

Stop al traffico: 81 controlli e 8 multe
Ricevi gratis le news
6

Oggi torna il blocco del traffico. Il divieto di circolazione (a Parma come nelle altre città della regione) sarà applicato ogni giovedì fino a fine marzo dalle 8,30 alle 18,30 ed è conseguenza dell’accordo regionale sulla qualità dell’aria. Si tratta di un provvedimento finalizzato a contrastare l’inquinamento da Pm10.
I risultati di questa prima giornata di blocco del 2009? La Polizia municipale ha controllato 81 veicoli nell'area interessata dal blocco e sono state comminate 8 sanzioni. "I controlli sono stati particolarmente intensi nell’area del centro storico - spiegano in Comune -per verificare il rispetto del blocco totale del giovedì, ma sono stati effettuati in tutte le zone della città, anche per verificare il rispetto dell’altra ordinanza (relativa ai mezzi più inquinanti) scattata il 7 gennaio. La circolazione è stata molto limitata nel centro storico, anche sui viali che delimitavano l’area del divieto". La Polizia municipale assicura che i controlli "continueranno in modo capillare anche nelle prossime settimane".

Il divieto
Il divieto totale di circolazione sarà istituito all’interno dell’area delimitata dalle seguenti strade e piazze, che resteranno percorribili: viale Bottego, piazzale Dalla Chiesa, via Garibaldi (tra viale Bottego e viale Mentana), viale Mentana, piazzale Vittorio Emanuele II, viale San Michele, piazza Risorgimento, stradone Martiri della Libertà, viale Berenini, ponte Italia, piazzale Marsala, viale Caprera, piazzale Barbieri, viale Dei Mille, viale Vittoria, piazzale Santa Croce, via Kennedy  (tratto compreso tra piazzale Santa Croce e parcheggio), viale Pasini, via Trombara, viale Piacenza e ponte delle Nazioni. 
Sarà consentito usufruire dei parcheggi Toschi e Goito, percorrendo rispettivamente via IV Novembre, viale Toschi e viale Berenini, via Camillo Rondani e borgo Salnitrara. Va sottolineato che il divieto totale di circolazione potrà essere revocato in caso di particolari condizioni, tra le quali la presenza di forti venti e piogge oppure di precipitazioni nevose. In caso d’inosservanza, sono previste multe di 74 euro.

Le deroghe 
Sono esclusi dalle limitazioni della circolazione i seguenti veicoli: autoveicoli alimentati a benzina omologati euro 4 ed euro 5, autoveicoli ad alimentazione elettrica o ibrida,    autoveicoli ad alimentazione a gas metano o Gpl, veicoli ad accensione spontanea (diesel) omologati euro 4, dotati di filtri antiparticolato dei quali risulti annotazione sulla carta di circolazione, autoveicoli con almeno tre persone a bordo se omologate a 4 o più posti, e con almeno 2 persone se omologate a 2 posti (car pooling), auto condivisa (car sharing).
Deroghe anche per  mezzi di emergenza e di soccorso, compreso il soccorso stradale, mezzi per la sicurezza pubblica, della procura, veicoli adibiti a servizi di Stato, veicoli di istituti di Vigilanza, veicoli per trasporto persone immatricolate per trasporto pubblico, veicoli delle testate radiotelevisive e degli organi di stampa, carri funebri, mezzi di appoggio e veicoli al seguito, veicoli e motocicli di interesse storico e collezionistico, veicoli di servizio di enti pubblici per interventi di emergenza, autoveicoli diretti agli alberghi della città se muniti di prenotazione o fattura, veicoli di paramedici ed assistenti domiciliari in servizio di assistenza domiciliare con attestazione rilasciata dalla struttura pubblica o privata di appartenenza, veicoli di medici/veterinari in visita domiciliare urgente muniti di contrassegno rilasciato dal rispettivo ordine, nel tragitto casa-ambulatorio-paziente, veicoli attrezzati per il pronto intervento di impianti pubblici e privati. 
Potranno circolare anche veicoli adibiti alla manutenzione di pozzi neri e condotti fognari limitatamente ad interventi di emergenza, adibiti al trasporto di farmaci e prodotti per uso medico, adibiti al trasporto di prodotti deperibili, veicoli che trasportano attrezzature e merci per il rifornimento di strutture pubbliche e di assistenza socio-sanitaria, scuole e cantieri, autoveicoli di lavoratori in servizio presso aziende, o presso enti pubblici, o di lavoratori autonomi, in cui l’orario di servizio abbia inizio o fine in periodi non coperti dal trasporto pubblico, limitatamente ai percorsi casa-lavoro. 
La deroga riguarda, altresì, i lavoratori in pronta reperibilità o disponibilità per chiamate d’urgenza. I lavoratori interessati dovranno essere muniti di certificazione rilasciata dal datore di lavoro o di tessera di riconoscimento dell’attività svolta. Qualora si tratti di lavoratori autonomi sarà sufficiente l’autocertificazione. 
Non sono valide certificazioni o autocertificazioni  per percorsi casa-lavoro inferiori a due chilometri. Infine, le deroghe riguardano anche i mezzi ufficialmente adibiti al servizio di portatori di handicap e mezzi privati con a bordo portatori di handicap, in possesso di apposito contrassegno arancione; i veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili per la cura di malattie gravi; i veicoli di autoscuole, i veicoli per il trasporto dei bambini da/per gli asili nido, le scuole materne, le scuole elementari, mezz'ora prima e mezz'ora dopo l'orario di ingresso e di uscita.

Navette
In tutte le giornate di blocco le navette dai quattro parcheggi scambiatori aumenteranno la loro frequenza, passando ogni 7 minutti e mezzo (rispetto ai 1 minuti abituali). Il biglietto costa 1,10 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marzio

    15 Gennaio @ 20.31

    e' meglio che vadano a spalare la neve....

    Rispondi

  • walter

    15 Gennaio @ 19.27

    io non so che vantaggi ci sono con queste disposizioni di bloccare il traffico in centro città, mentre si può liberamente circolare nei viali della prima periferia. Non esistono paratie che evitano l´aria inquinata si estenda verso il centro città. Negli anni 1970, periodo della crisi energetica ci fu si il blocco totale alla circolazione per 24ore in tutta Italia non viaggiavano nemmeno i motorini solo filobus, treni e biciclette, anche nei piccoli paesi vigeva questa norma e ile locali forze dell´ordine facevano rispettare il divieto. Il diviero decorreva dalle ore 0 del sabato alle ore 24 della domenica. I locali da ballo, cinema e vari chiudevano alle 24, non è morto nessuno, ma ritengo cxhe questa soluzione sarebbe da riprendere se vogliamo che l´impatto ambientale migliori. Non pretendiamo di fermare l´aria proveniente dalle regioni confinanti se loro il blocco del traffico lo ridpettano in giorni diversi, e poi il traffico autostradale dove lo mettiamo????? lasciamo i commenti ad altri tanto i nostri politici come al solito fanno sempre del gran fumo. Buon inquinamento a tutti !!!!!

    Rispondi

  • renzo

    15 Gennaio @ 18.38

    vorrei che questi provvedimenti una volta decisi, vengano attuati seriamente e senza tante e troppe deroghe (fatta eccezione disabili e poche altre categorie di persone), altrimenti non servono a nulla. oggi, rispetto a ieri, i bimbi e gli anziani soffrono sempre piu di affezioni alle vie respiratorie...sarà anche colpa di questo benedetto PM10???

    Rispondi

  • giampy

    15 Gennaio @ 18.06

    concordo in pieno con ososita! Sono un residente del centro .

    Rispondi

  • ososita

    15 Gennaio @ 11.19

    Non è che dalle 18:30 non si inquini più, ma il fatto è che i residenti avranno o no il diritto di rientrare a casa proprio prima o poi?? Ma lo sapete che con questi stupidissimi quanto inutili blocchi un residente del centro che usa l'auto perchè lavora, ipotizziamo, a Langhirano o Collecchio, non può tornare a casa prima della fine del blocco?? E' assurdo... Per me questo provvedimento non serve proprio a un tubo, solo a far fioccare altre multe e fare cassa. Non sarebbe meglio obbligare tutti i veicoli a fare il bollino blu? E per "tutti i veicoli" intendo proprio tutti: dal motorino al trattore, dalla gazzella allo spazzino? E magari estendere questo obbligo a tutta la provincia? Sarebbe un piccolo passetto avanti, ma almeno renderebbe più omogeneo il beneficio che un controllo regolare del filtro dell'aria porta all'inquinamento prodotto dai motori a idrocarburi... Anche perchè non è certo un confine cittadino che tiene fuori (o dentro) lo smog. Altra cosa, altra sciocchezza forse, ma non sarebbe il caso di adeguarsi alle città un po' più evolute e far sì che gli autobus passino con regolarità fino a mezzanotte? Le mie proposte sono piccolezze, ma occorre stabilire un nuovo punto di partenza prima di darsi ai blocchi del traffico e amenità simili. Prima miglioriamo il migliorabile, poi blocchiamo. No?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

DA GENNAIO

E la Ue "sdogana" gli insetti a tavola

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va