Parma

E' morto Mauro Saviola, il re del legno

E' morto Mauro Saviola, il re del legno
Ricevi gratis le news
0

"Stiamo recuperando legno, aiutateci a salvare gli alberi". Recita così la frase riportata sulle centinaia di camion del Gruppo Mauro Saviola che ogni giorno percorrono in lungo e in largo la penisola. Il riciclaggio del legno usato, così come i pannelli di truciolato e poi i mobili in kit, erano stati la grande intuizione di Mauro Saviola, l'imprenditore di Viadana scomparso martedì all'età di 70 anni, stroncato da una malattia che lo aveva colpito alcuni mesi fa. Aveva cominciato a lavorare a soli 11 anni nella falegnameria del padre e nel corso degli anni aveva creato dal nulla un vero e proprio impero, il Gruppo Mauro Saviola, che oggi conta venti stabilimenti sparsi in tutt'Italia e all'estero, 1800 dipendenti e 800 milioni di euro di fatturato all'anno. Un imprenditore, Saviola, molto conosciuto anche a Parma, dove veniva spesso e dove aveva diverse proprietà. In particolare, ha gestito - fino alla recente chiusura - il Centro medico Simonetta in borgo delle Colonne, mantenendo anche dopo la chiusura la proprietà del palazzo storico in cui il centro aveva sede. Così come era proprietario di diversi altri palazzi in centro storico, come in via Cavour e in via Repubblica (possedeva lo stabile dove si trova il ristorante Parizzi).
«Ho solo un rimpianto, di non averlo conosciuto prima», dice Alberto Ziliani, consuocero di Saviola (la figlia Veruschka ha sposato uno dei due figli dell'imprenditore, Alessandro) e originario di Parma. «Era un uomo eccezionale, che dal niente ha creato un impero, un uomo generoso, leale. Per me era come un fratello, ma un fratello amico. Il fatto di aver gestito tutto quell'impero e che non ci sia mai stata una sola ora di sciopero o un solo giorno di cassa integrazione, la dice lunga su come sapeva rapportarsi con la dirigenza e gli operai. Era un uomo trasparente, forte e coraggioso». Ricorda che qualche anno fa Saviola rifiutò una proposta degli americani che gli offrivano una cifra astronomica per rilevare il suo gruppo. «Mi disse: “Ma cosa me ne faccio dei soldi? Preferisco lavorare a andare avanti con l'azienda che ho creato”». Da ragazzo andava a vendere il carbone e la legna con il triciclo. «Una persona che non ha ereditato la sua fortuna - osserva Ziliani - ma che se l'è fatta da solo, creando un impero dopo essere partito veramente da zero». Un lavoro di espansione che non ha mia interrotto. «Ha sempre continuato ad aprire nuovi stabilimenti, anche quando poteva fermarsi. Ultimamente poi stava pensando di trasferire in aperta campagna gli impianti che si trovano in paese a Viadana».
Il motto che amava ripetere era: «Diecimila alberi salvati ogni giorno». Perché la sua passione per il lavoro andava a braccetto con la sua attenzione per l'ambiente e la sua vocazione all'ecologia, quella vera, praticata sul campo giorno dopo giorno nell'attività delle sue fabbriche. Dove si producono pannelli truciolari utilizzando soltanto materiale di recupero.
Saviola era nato a Viadana nel 1938. Il padre Alfredo lavorava i manici di scopa nella sua falegnameria e ben presto il figlio cominciò ad aiutarlo in bottega. Poi cominciarono a commerciale legname e carbone per riscaldamento, fino a quando Mauro capì che il futuro poteva essere nel legno di scarto, quello che abbondava nella vicina golena del Po. Da qui l'idea di creare pannelli in truciolare, salvaguardando gli alberi vergini e recuperando legno che altrimenti sarebbe andato perduto. Nascono così i pannelli ecologici, dei quali Saviola ha ideato i relativi processi di realizzazione e perfino i macchinari per la lavorazione. Dopo quella geniale intuizione è stato un crescendo continuo, con l'apertura di nuovi stabilimenti prima a Viadana - da cui non si è mai voluto allontanare e dove tuttora ne esistono tre - e poi un po' in tutt'Italia e anche all'estero, fino in Sudamerica. Mezzo milione i pannelli costruiti ogni mese, venduti fra gli altri anche a Ikea, il colosso svedese dell'arredamento.
Quel suo pallino di lavorare con il legno usato, salvando così milioni di alberi, ha fatto di lui un vero e proprio paladino dell'ecologia anche agli occhi dei mass media. Spesso veniva invitato a partecipare a trasmissioni televisive, dove spiegava con naturalezza quella sua filosofia del recupero, che era convinto potesse contribuire davvero alla costruzione di un mondo migliore.
Il suo attaccamento al lavoro e alle sue fabbriche era tutt'uno con l'affetto per la grande famiglia dei suoi dipendenti. Che ogni anno, il primo maggio, invitava in massa a partecipare al pranzo che offriva nella sua villa. Per quell'appuntamento venivano da tutti gli stabilimenti italiani e anche dall'estero: l'ultima volta erano in ottocento. E poi c'era l'amore per la pittura, un altro dei modi attraverso i quali esprimeva la propria creatività. E le sue opere, ovviamente, non poteva che realizzarle dipingendo sui suoi pannelli ecologici.
I funerali saranno celebrati oggi alle 14.30 a Viadana, con partenza dall'abitazione di viale Lombardia 15 per la chiesa di Santa Maria del Castello.f.ban.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel 'Corsaro Nero'

TELEVISIONE

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel "Corsaro Nero" Video

1commento

Colin Firth e Woody Allen

Colin Firth e Woody Allen

NEW YORK

Molestie: Woody Allen, anche Colin Firth si sfila. Carriera finita?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

CARIGNANO

Raccolte 500 firme per non chiudere l'asilo

WEEKEND

Teatro, escursioni e lo spettacolo dei fuoristrada: l'agenda 

SQUADRA MOBILE

Nella borsa aveva un chilo di marijuana: 34enne arrestata

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

TECNOLOGIA

Alla Stazione sperimentale gli alimenti si stampano in 3D

Dopo l'alluvione

Argini dell'Enza: lavori per 330mila euro tra Sorbolo e Coenzo

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

Poste Italiane

Quella raccomandata in viaggio da oltre 40 giorni e mai recapitata

il caso

Episodio di omo-transfobia in via Cavour: insultato un 37enne Video

sabato

Cremona, quasi 2.000 tifosi crociati per una trasferta (e rivalità) d'altri tempi

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

1commento

IL FATTO DEL GIORNO

Lupi e polemiche: dite la vostra, ma con garbo e correttezza Video

3commenti

polizia locale

Unione Pedemontana, camionisti sempre più indisciplinati: 213 sanzioni su 263 mezzi controllati I dati

23 gennaio

Oltre 5.000 candidati per un posto da infermiere: affittato il Palacassa Tutte le info

Comitato di vigilanza con 160 operatori aziendali, bus navetta dalla stazione ferroviaria

3commenti

p.le della pace

La città che cambia: ecco la (ex) sede della Provincia vuota Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Smartphone al volante? L'auto progredisce. L'uomo regredisce

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Francia

La Vedova nera delle Costa azzurra condannata a 22 anni

AUTO

Da febbraio notifica delle multe con la mail certificata

1commento

SPORT

STORIE DI EX

Prandelli ancora un flop, via anche dall'Al Nasr

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

televisione

Armando Gandolfi (e il pomodoro) protagonisti sabato su Rai1 Video

BASSA REGGIANA

Due "super siluri" pescati a Boretto

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"