-2°

Parma

La violenza sulle donne? Per i ragazzi può essere "normale"

La violenza sulle donne? Per i ragazzi può essere "normale"
Ricevi gratis le news
0

La violenza nella coppia? Nell'immaginario dei giovani rischia di diventare un fatto normale o comunque giustificabile. Secondo un'indagine sui giovani e la violenza commissionata dalla Provincia, ci sono dati allarmanti. Il test ha coinvolto 873 fra ragazzi e ragazze di età compresa fra i 14 e i 23 anni. Il 17% dichiara di essere stato vittima di spinte, scosse o lanci di oggetti. Il 14% dice di aver ricevuto uno schiaffo qualche volta e il 7% almeno una volta ha preso un calcio o un pugno. Solo 1,5% dice di non essere mai stato vittima di un comportamento violento. Essendo considerati eventi sporadici, i giovani vivono i comportamenti violenti come eccezionali e perdonabili.
E nel rapporto con l'altro sesso, emerge in sostanza una concezione «tradizionale» e standardizzata (guarda il video) (i commenti di Provincia e Università)
Dall'indagine è emerso che in genere per i maschi un uomo è violento soprattutto perché “malato”, mentre le ragazze tendono a ricondurre le cause a ragioni riferibili all’ambito della “naturale aggressività” dell’essere maschio. In generale, sia maschi che femmine riconducono la violenza a caratteristiche individuali e/o sociali dell’aggressore o della vittima (malattia,  mancanza di autocontrollo, esperienze pregresse, storie familiari, mancanza di una rete sociale, ecc.). I maschi si differenziano (almeno nel focus di soli maschi) per il fatto di attribuire una diretta responsabilità alle donne stesse, incapaci di far fronte alla situazione. E le ragazze arrivano a spiegare l’accettazione della violenza da parte delle donne con riferimento ad alcune qualità della relazione stessa, quali “un innamoramento eccessivo” o una relazione vissuta come “totalizzante”.
È condivisa l’idea che la violenza non sia un evento isolato ed estemporaneo, ma un vero e proprio modo di stare nella coppia: costituisce insomma una modalità relazionale di coppia. Questa idea è riferita al mondo adulto. Non è esclusa, nemmeno da parte delle ragazze, la possibilità che nella loro coppia possano essere agiti comportamenti violenti e che questi possano essere perdonati. La ragione che porta a “giustificare” l’atto violento è il sentimento di gelosia.

FACEBOOK, CHIUSO IL GRUPPO CHE INNEGGIA ALLA VIOLENZA. La pagina aperta da alcuni presunti «fan» dello stupro di gruppo è stata cancellata da Facebook. Forse era una bravata frutto di una goliardia di cattivo gusto, forse era una trovata con la speranza di qualcuno di far parlare di sé. Fatto sta che, dopo le furiose polemiche di ieri, la pagina-fan club (aperta a tutti gli utenti) «Stupro di gruppo» è stata eliminata. In compenso si sono rafforzati i gruppi che contestavano questo sconcertante «fan-club» e ne sono nati altri nel frattempo. Leggi l'articolo

GAROFANO (RIS): «LA BANCA DATI DEL DNA E' UTILE PER IDENTIFICARE GLI STUPRATORI».
Sì alla banca dati del Dna per individuare i responsabili di violenza sessuale, anche nel caso di stupri di gruppo: lo ha detto oggi a Roma il comandante del Reparto carabinieri investigazioni scientifiche (Ris) di Parma, Luciano Garofano.
Il colonnello è intervenuto in un convegno sul disegno di legge per l’istituzione della banca dati del Dna, approvato dal Senato in dicembre e che ora dovrebbe approdare alla Camera. Garofano ha sottolineato quanto sia utile l’analisi del Dna nel caso dello stupro di Guidonia, come in altre vicende. «Credo che al di là dei militari e delle telecamere - ha detto Garofano - abbiamo nella banca dati un presidio più valido, capace di garantire la maggiore efficienza dell’apparato investigativo, processi più snelli, minori costi e migliori livelli di giustizia».
La banca dati del Dna può essere utile, a volte determinante, per acciuffare i malviventi. Anche se nel caso di Guidonia le indagini hanno portato a risultati in tempi rapidi I militari, in seguito a controlli a tappeto sul territorio, hanno individuato 6 rumeni, dei quali quattro fermati mentre cercavano di prendere l'autostrada su una vecchia Bmw alla volta della Romania. All'uscita dalla caserma dei carabinieri si è radunata una folla inferocita, che avrebbe voluto mettere le mani sugli arrestati. A stento la folla è stata tenuta a freno dai militari dell'Arma.
Garofano ha sottolineato che anche tracce invisibili come quelle di sudore, con l’aiuto di un robot unico in Europa, possono rivelare i colpevoli di una violenza sessuale. «Abbiamo sviluppato una tecnica fondata sul prelievo gentile», ha detto Garofano mostrando le immagini di un tampone grande come un cerotto applicato al collo della vittima di una violenza. Premuto sulla pelle, il tampone raccoglie le tracce del sudore dal violentatore o dall’omicida: «abbiamo la capacità tecnica di individuare in questo modo l’aggressore». Lo strumento chiave è un robot che, con i suoi bracci meccanici, manipola provette e solventi in modo da prelevare le eventuali cellule e renderle disponibili per l’analisi del Dna. La stessa tecnica può naturalmente essere utilizzata per indagare su reati diversi, ma le vittime di violenza sessuale richiedono una particolare attenzione: «è un problema sul quale non siamo sufficientemente preparati. Si parla solo di prelievi convenzionali e non si pensa a proteggere indumenti mani in cerca di altre tacce, come il sudore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

8commenti

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

nuoto

Europei, bis d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

SOCIETA'

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260