22°

Parma

Alimentazione forzata: quando Parma fu al centro di un caso nazionale

Alimentazione forzata: quando Parma fu al centro di un caso nazionale
Ricevi gratis le news
1

Gabriele Balestrazzi

La lacerante storia di Eluana richiama alcune vicende che hanno toccato anche Parma (lunedì sera a “Chi l’ha visto?” c’è stata la toccante testimonianza di Paola Onori, oggi la Gazzetta  ricorda la storia di Mara Dallari). Ma forse non tutti sanno o ricordano che proprio Parma, all’inizio degli anni ’80, fu al centro di un altro caso nazionale: diversissimo come origine, ma alla fine ugualmente sfociato in un dibattito fra diritto e morale sulla possibilità di stabilire per legge una alimentazione forzata o altri interventi terapeutici per salvaguardare la vita di una persona.
E’ quello che passò alle cronache come “il caso dei tre detenuti digiunatori”: tre sospetti terroristi che, per protestare contro le lungaggini dei rispettivi processi e contro le condizioni di vita all’interno del carcere milanese di San Vittore, iniziarono nel settembre 1981 un lunghissimo sciopero della fame. Due di loro, poche settimane dopo, vennero trasferiti nel carcere parmigiano di San Francesco, dotato di un attrezzato centro clinico, e da lì all’ospedale Maggiore.
Il protrarsi del digiuno (in pratica si nutrivano di soli liquidi) provocò un deprimento delle loro condizioni tale da minacciarne la stessa sopravvivenza. E a quel punto, proprio come nel caso di Eluana, si accese una fortissima battaglia fatta di interpretazioni giuridiche, contrapposizioni politiche e confronto di impostazioni morali che coinvolse tutta l’Italia avendo proprio l’amministrazione comunale di Parma (guidata allora da Lauro Grossi) al centro dell’attenzione e delle polemiche.
Fu anche quello uno scontro durissimo, che vide fra i protagonisti Mario Tommasini, allora assessore comunale alla sanità, che insieme al sindaco (ma il dibattito coinvolse ovviamente tutto il mondo politico di Parma) diede vita ad un fortissimo braccio di ferro con il governo, e in particolare con il ministro della Giustizia Darida, che più volte intimò agli amministratori parmigiani di applicare ai detenuti un trattamento sanitario obbligatorio, come quello previsto allora e tuttora per il ricovero di pazienti psichici.
Anche allora ci si pose il problema del rapporto fra legge dello stato e volontà individuale, e ci si chiese a chi spettasse la decisione finale. Un dibattito che, per di più, si sovrappose allora a quello sui tempi lunghissimi della giustizia e sul sovraffollamento delle carceri: vien da dire che, 28 anni dopo, su tutti questi temi siano ancora a quel punto…
Il caso dei digiunatori si chiuse dopo ben 70 giorni, quando gli stessi tre detenuti accettarono di riprendere l’alimentazione. E nel caso dei due “parmigiani”, quella vicenda fu anche la palestra per una iniziativa-pilota di  inserimento di detenuti al lavoro esterno (per uno dei due proprio a Parma, in una cooperativa per disabili). Ma le tante promesse che da più parti vennero fatte in quelle settimane e proprio a seguito del dibattito, ovvero una legge equilibrata sull’alimentazione forzata, e un riesame dell’organizzazione carceraria e della organizzazione della giustizia, rimasero in buona parte promesse, una volta che la vicenda smise di “fare notizia”. Proprio come molti temono possa accadere oggi, una volta dissolti il clamore e la mobilitazione suscitati dalla storia di Eluana.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giancarlo

    11 Febbraio @ 18.13

    Nessuno può violare la volontà della persona.Neanche lo Stato.Qualora dovesse succedere una cosa del genere non saremmo più padroni della nostra vita e della nostra libertà.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

BASSA

Dalla Regione Lombardia arrivano 3 milioni per il ponte sul Po Video

Primo stanziamento per il ponte fra Colorno e Casalmaggiore

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

1commento

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»