Parma

Alimentazione forzata: quando Parma fu al centro di un caso nazionale

Alimentazione forzata: quando Parma fu al centro di un caso nazionale
Ricevi gratis le news
1

Gabriele Balestrazzi

La lacerante storia di Eluana richiama alcune vicende che hanno toccato anche Parma (lunedì sera a “Chi l’ha visto?” c’è stata la toccante testimonianza di Paola Onori, oggi la Gazzetta  ricorda la storia di Mara Dallari). Ma forse non tutti sanno o ricordano che proprio Parma, all’inizio degli anni ’80, fu al centro di un altro caso nazionale: diversissimo come origine, ma alla fine ugualmente sfociato in un dibattito fra diritto e morale sulla possibilità di stabilire per legge una alimentazione forzata o altri interventi terapeutici per salvaguardare la vita di una persona.
E’ quello che passò alle cronache come “il caso dei tre detenuti digiunatori”: tre sospetti terroristi che, per protestare contro le lungaggini dei rispettivi processi e contro le condizioni di vita all’interno del carcere milanese di San Vittore, iniziarono nel settembre 1981 un lunghissimo sciopero della fame. Due di loro, poche settimane dopo, vennero trasferiti nel carcere parmigiano di San Francesco, dotato di un attrezzato centro clinico, e da lì all’ospedale Maggiore.
Il protrarsi del digiuno (in pratica si nutrivano di soli liquidi) provocò un deprimento delle loro condizioni tale da minacciarne la stessa sopravvivenza. E a quel punto, proprio come nel caso di Eluana, si accese una fortissima battaglia fatta di interpretazioni giuridiche, contrapposizioni politiche e confronto di impostazioni morali che coinvolse tutta l’Italia avendo proprio l’amministrazione comunale di Parma (guidata allora da Lauro Grossi) al centro dell’attenzione e delle polemiche.
Fu anche quello uno scontro durissimo, che vide fra i protagonisti Mario Tommasini, allora assessore comunale alla sanità, che insieme al sindaco (ma il dibattito coinvolse ovviamente tutto il mondo politico di Parma) diede vita ad un fortissimo braccio di ferro con il governo, e in particolare con il ministro della Giustizia Darida, che più volte intimò agli amministratori parmigiani di applicare ai detenuti un trattamento sanitario obbligatorio, come quello previsto allora e tuttora per il ricovero di pazienti psichici.
Anche allora ci si pose il problema del rapporto fra legge dello stato e volontà individuale, e ci si chiese a chi spettasse la decisione finale. Un dibattito che, per di più, si sovrappose allora a quello sui tempi lunghissimi della giustizia e sul sovraffollamento delle carceri: vien da dire che, 28 anni dopo, su tutti questi temi siano ancora a quel punto…
Il caso dei digiunatori si chiuse dopo ben 70 giorni, quando gli stessi tre detenuti accettarono di riprendere l’alimentazione. E nel caso dei due “parmigiani”, quella vicenda fu anche la palestra per una iniziativa-pilota di  inserimento di detenuti al lavoro esterno (per uno dei due proprio a Parma, in una cooperativa per disabili). Ma le tante promesse che da più parti vennero fatte in quelle settimane e proprio a seguito del dibattito, ovvero una legge equilibrata sull’alimentazione forzata, e un riesame dell’organizzazione carceraria e della organizzazione della giustizia, rimasero in buona parte promesse, una volta che la vicenda smise di “fare notizia”. Proprio come molti temono possa accadere oggi, una volta dissolti il clamore e la mobilitazione suscitati dalla storia di Eluana.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giancarlo

    11 Febbraio @ 18.13

    Nessuno può violare la volontà della persona.Neanche lo Stato.Qualora dovesse succedere una cosa del genere non saremmo più padroni della nostra vita e della nostra libertà.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

"Video troppo osè": pop star egiziana condannata a 5 anni di carcere

MUSICA

"Video troppo osé": popstar egiziana condannata a 2 anni di carcere

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

E' morta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I rilievi dopo l'incidente

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

BASSA

Fracasso (Fai): "La grande bellezza di Colorno va tutelata"

polizia

Via Pelizzi, i ladri narcotizzano il cane e minacciano con le mazze il padrone di casa

Tre furti compiuti, uno tentato e due cassaforti sparite in un solo pomeriggio

1commento

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

polizia municipale

Irregolarità e cibi avariati: 11 sospensioni di attività e 100 persone identificate in tre mesi Video

Due esercizi sono stati chiusi definitivamente, per altri 9 è scattata la chiusura temporanea

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

parma calcio

Verso Parma-Cesena, D'Aversa si affida a difesa e Insigne Video

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

SPORT

MILANO

Fischi e insulti per Donnarumma a San Siro

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS