22°

Parma

Processo Tommy - La difesa della Conserva: "Raimondi non è credibile"

Ricevi gratis le news
3

Comunicato stampa

Appare molto strano che - nonostante si sia compreso aldilà di ogni ragionevole dubbio, che Raimondi non fosse quel "santo e strumentalizzato ragazzo (ma in fondo uno che "soltanto" guidato un motorino)", nonostante sia stato assodato che fosse invece presente al momento dell'omicidio di Tommaso sulla scena del crimine,  che abbia egli sfilato il povero bambino dal seggiolone, che abbia raccontato un sacco di balle -
nessuno di coloro i quali hanno sbagliato a credergli, facciano pubblica ammenda e chiedano scusa ai Familiari di Tommy, a noi della difesa di Antonella Conserva, al Popolo italiano, alla Giustizia ed alla Verità: come mai?
Se chi indaga "IN NOME DEL POPOLO ITALIANO" e i "difensori" dei famigliari della piccola vittima, invece di perdere tempo a confutare i nostri tentativi di fare emergere la verità anche su Raimondi e le nostre certezze sul mendacio dello stesso, avessero fatto il loro dovere contotali  FREDDEZZA, DISTACCO, PROFESSIONALITA' e SENZA INNAMORAMENTI DELLA TESI, Raimondi non sarebbe stato processato solo per concorso in rapimento ... ma per altro ... con altra condanna (!?): ci accorgiamo o non che chiaveva il dovere istituzionale di proteggere la Verità e l'Indagine si è fatto turlupinare dalle chiacchiere di un furbacchione?
Appare strano, inoltre, che qualche giornale o emittente televisiva non si sia accorto di questa allucinante e ridicola situazione, cioè, che è stato difeso e santificato chi era sulla scena del delitto mentre Tommy veniva massacrato e che non potrà mai essere processato per omicidio perché i "grandi investigatori" gli hanno creduto.
Con la speranza che questo mio concetto ed espressione di Giustizia vengano pubblicati, commentati e discussi, anche col fiele e con la contestazione.
Dott. Carmelo Lavorino Criminologo Consulente della Difesa di Antonella Conserva
www.detcrime.com

Non sappiamo a chi si riferisca il consulente Lavorino quando parla di giornali o emittenti televisive. Ma visto che tira in ballo anche i mass media, da parte nostra, non possiamo che ripetere quanto abbiamo già scritto più volte: per ora ci sono tre sentenze di condanna (una in appello, due di primo grado) e sono quelle che fanno testo, anche se nei prossimi gradi di giudizio potrebbero essere modificate.

Di certo ci sono due individui che insieme  hanno sequestrato un bimbo di 18 mesi, che poco dopo è stato ucciso (da uno solo di loro, da tutti e due insieme?). E c'è una terza persona (Antonella Conserva) che ha professato la sua innocenza ma è stata condannata per il sequestro, mentre il quarto imputato (Barbera) pur fra alcuni sospetti è stato giudicato innocente. Lasciamo al consulente e ai giudici il loro lavoro, che dovrà portare alle sentenze: quanto a noi, sicuramente nessun giornalista di Parma (e non solo) può anche solo pensare ad indulgenze verso l'uno o l'altro dei due orchi che in 3 anni da quel tragico sequestro non hanno saputo esibire un pentimento minimamente credibile. La nostra pietà, in questa vicenda, è tutta e solo per Tommy e per la sua famiglia.    (G.B.)
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Veronica

    14 Febbraio @ 11.52

    Ma come mai critica tanto i mass media e poi li sfrutta per farsi pubblicità? Siamo alle solite...

    Rispondi

  • anna rispoli

    13 Febbraio @ 18.16

    Il dttot Lavorino ha ragione da vendere. Ma se la sentenza di Parma ha detto che l'assassino è anche raimondi, come mai nessuno ha <<messo alla berlina>> chi aveva sbagliato a credergli, a cominciare dai 3 pubblici ministeri e da tutti, compresi gli avvocati di Onofri che credevano a Raimondi? Perché non ammettonodi avere sbaliato e non ringraziano Lavorino? Attenzione !!!!!!!! Un assassino di Tommaso non ha pagato con l'ergastolo perché è stato molto furbo!!!!!!!

    Rispondi

  • Carmelo Lavorino

    13 Febbraio @ 15.45

    Voi siete stati sempre impecabili e precisi nel riportare le nostre considerazioni, e di questo ve ne ho dato sempre merito. Il problema è un altro, ed esattamente il fatto oggettivo che la notte del 2 marzo 2006, ore 20,17 - ore 20,25, accanto o vicinissimi al piccolo Tommy massacrato, morente e poi vigliaccamente sepolto, vi erano SENZA OMBRADI DUBBIO Mario Alessi e Salvatore Raimondi: però, mentre gli investigatori, gli inquirenti, i difensori dei famigliari della vittima hanno creduto incondizionatamente al Raimondi che dichiarava falsamente di non essere presente all'omicidio, noi della difesa di Antonella Conserva non gli abiamo creduto ed abbiamo sudato le proverbiali sette camicie per dimostrarlo. La Corte d'Assise ci ha dato ragione, quindi, ha dato torto ai pm, agli inquirenti, agli investigatori ed alle parti civili: di fatto c'è chi oggettivamente ha difeso un bugiardo, c'è chi (noi) invece lo demistificato. Domanda: come mai tutto questo non si sa a livello nazionale? come mai non abbiamo letto una parola di critica per l'attività investigativa che si è fatta "infinocchiare" dal "santo" Raimondi? come ma nessuno si pone il problema che se Raimondi non è stato processato per quell'omicidio che la Corte d'Assise di Parma di fatto lo "possibilizza", dobbiamo ringraziare i pm e i loro collaboratori, oltre che le "parti civili"? Come mai il giornalismo italiano non vuole guardare dentro questo buco nero dell'orrore e dell'errore? Grazie. Dott. Carmelo Lavorino

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

20commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

5commenti

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Vola con la tuta alare e si schianta: morta una donna

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»