Parma

E i maestri boicottano il voto numerico

E i maestri boicottano il voto numerico
Ricevi gratis le news
4

Il voto numerico nella scuola primaria? «No, grazie». Un rifiuto che per i docenti del circolo didattico «Fratelli Bandiera» di Parma non è solo di principio, ma concreto. Tant'è vero che nelle schede di valutazione del primo semestre (ovvero le pagelle) che stanno arrivando ai genitori, in molti casi i voti non sono espressi in numeri, come previsto dalla riforma della scuola del ministro Gelmini, ma con le vecchie valutazioni. E ora cosa succede? Secondo l'assessore comunale alle Politiche scolastiche, Gianpaolo Lavagetto, «si apre la strada all'arrivo degli ispettori ministeriali», come già avvenuto a Bologna, dove per protesta i maestri di una scuola hanno dato 10 a tutti gli alunni.
Secondo quanto riportato in un documento del collegio docenti del circolo didattico Fratelli Bandiera, l'organismo «ha espresso il proprio no all'introduzione dei voti nella scuola primaria e il 90% ha dichiarato che non utilizzerà il voto sulla scheda di valutazione». La scelta viene motivata in due pagine fitte di argomentazioni. «Come maestri - si legge - riteniamo che nell’applicazione delle norme sulla valutazione numerica non si sia minimamente tenuto conto degli elementi propri di bambini dai 5 agli 11 anni». Valutare, secondo i firmatari del documento, «non è trascrivere dati, non è la misurazione di bilanci: stiamo parlando di materiale umano e come tale va guidato con cura e rispetto, allontanando qualsiasi semplicista ricetta».
Una scelta che l'assessore Lavagetto non esita a definire «assurda». «Perché - si chiede - a farne le spese devono essere i bambini? Hanno riflettuto su cosa può comportare per un alunno  l'utilizzo di un metro di valutazione diverso? Come cittadini hanno tutti gli strumenti per dissentire (sindacati, scioperi, luoghi di dibattito), ma come dipendenti pubblici devono rispettare le leggi approvate dal parlamento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • salvatore pizzo

    21 Febbraio @ 16.14

    Per xxx, la scuola non dev'essere un parcheggio per intrattenere i bambini perchè i genitori lavorano! A scuola si sta per imparare. Intrattenere è il ruolo dei baby sitter, la scelta del tempo pieno la si fa per una convinzione e non per scaricare sul comparto pubblica istruzione le carenze dell'assistenza sociale. Gli insegnanti non sono dei tuttologi ed hanno sicuramente il dovere di aggiornarsi anche per meglio riconoscere la dislessia. Il problema è che sono gli unici al mondo a dover aggiornarsi a proprie spese, addirittura a chi si aggiorna di più non viene riconosciuto nemmeno il tempo, deve organizzarsi da se. I genitori che fanno fare i compiti ai bambini si sostituiscono a loro, non è certamente una bella cosa. (Ovviamente ci sono anche tra di noi persone senza il buon senso, ma attenti a generalizzare) Salvatore Pizzo "Maestre e Maestre, autoconvocati, di Parma e provincia 0521/238918 - 338/8103820 salvatorepizzo@libero.it

    Rispondi

  • xxxx

    21 Febbraio @ 15.41

    Fossero questi i problemi veri della scuola saremmo tutti a cavallo...i problemi sono ben altri: maestri che non hanno le capacità e le conoscenze per riconoscere la dislessia in un bambino ed invece che aiutarlo continuano a mortificarlo..siamo a questi punti. Oltre a questo gli insegnanti delle scuole elementari non fanno altro che rimandare a casa quello che non sono in grado di far fare ai bambini durante l\'orario scolastico: se un genitore inserisce il figlio nel tempo pieno è perchè lavora tutto il giorno e torna a casa la sera tardi. Com\'è possibile che questi bambini abbiamo giornalmente da fare a casa, dopo l\'orario scolastico (cioè dalle 8 di mattina alle 16 del pomeriggio) compiti di italiano, matematica, inglese (immagino che in successivamente si aggiungeranno anche storia e geografia) tutti i giorni??????Ma stiamo scherzando? I genitori non possono sostituire gli insegnanti.

    Rispondi

  • salvatore pizzo

    21 Febbraio @ 13.18

    Per il Signor Ososita: 1) lo scrutinio è iniziato con i giudizi scrtti che sono cinque: non sufficiente, sufficiente, buono, distinto e ottimo. Non esiste una tabella di euquipollenza, la "novità" è intervenuta nel corso dell'anno scolastico, a pochi giorni dalla fine del primo quadrimestre, mancano i regolamenti attuativi che i signori politici dovrebbero produrre; 2) In una situazione così assurda, come si fa la media per dare un numero finale? 3) Non c'è nessuna "regola" che imponga i numeri ma, per adesso, solo una circolare che in quanto tale non è un atto vincolante. Nessuno per adesso ci ha ordinato niente, è tutta politica! Le regole per essere violate dovrebbero essere prima create... Informarsi prima dire le cose! Salvatore Pizzo "Maestre e Maestri, autoconvocati, di Parma e provincia" 338/8103820 - 0521/238918 salvatorepizzo@libero.it

    Rispondi

  • ososita

    21 Febbraio @ 10.12

    Ennesimo esempio dell'incapacità generale degli insegnanti di fare il proprio mestiere. Vorrei sapere cosa ci sia di tanto impossibile, traumatico e arduo nel dare un semplice voto a un alunno. Cosa cambia se ha 7 anni o 12? Gli insegnanti devono tornare ad essere capaci di valutare i propri studenti e se proprio ci tengono ad argomentare possono sempre convocare i genitori o mandare periodici aggiornamenti sull'andamento del bambino. Ma il voto numerico è chiaro e indiscutibile. Un 6 è un 6 e questo aiuta lo studente a capire se ha fatto bene, male o così-così. Ma come sempre, all'atto pratico gli studenti sono l'ultimo pensiero. Inoltre, come si può pretender che i ragazzi imparino l'obbedienza e il rispetto delle regole se i loro insegnanti sono i primi a farsene regolarmente beffa?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polemica tomori

Il messaggio

Toffa, malattia, post e polemiche: "Nadia, il cancro non rende fighi"

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche  Foto

social

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche Foto

Oscar: 'La forma dell'acqua' accusata di plagio

cinema

Accuse di plagio per il film "La forma dell'acqua", candidato a 13 Oscar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Ondata gelo in arrivo come quelle del 2012 e 1985

maltempo

Gli esperti: "In arrivo un'ondata di gelo come quelle del 2012 e del 1985"

Le temperature percepite arriveranno fino a - 15 gradi

2commenti

Pioggia

Carambola di auto e frontale, due incidenti nella zona Ovest di Parma: due feriti Foto e Video

PARMENSE

Neve anche a quote basse, pioggia in città Invia le tue foto

A Corniglio, 20 centimetri di neve

1commento

domani al Tardini

D'Aversa: "Con il Venezia conta solo vincere" Video. Un passo falso costa i play off

I convocati: Ciciretti, Di Gaudio, Mazzocchi e Munari out

PARMA

Impresa Pizzarotti e Sonae costruiranno il centro commerciale in zona fiera

Investimento da 200 milioni di euro. Nel 2019 l'inaugurazione

POLIZIA

Vende cocaina in viale dei Mille: giovane pusher arrestato. Ma è subito libero

Il giudice ha convalidato l'arresto e ha disposto la scarcerazione in attesa del processo, fissato per il 23 marzo

18commenti

diplomazia

Il sindaco Pizzarotti incontra la console generale Usa Foto

GAZZAFUN

Come è bella Parma! Scegli il tuo posto all'aperto preferito!

europa league

Le star del Borussia in hotel a Parma (e allenamento a Collecchio) Gallery

COMUNE

Varato un piano triennale di opere pubbliche: investimenti per 134 milioni Video

I punti principali del programma di lavori pubblici: le interviste del TgParma

CORTE DEI CONTI

Nomina del direttore generale, Pizzarotti e Giorgi citati in giudizio

7commenti

Terremoto

Scossa 3.3 a Castelnovo. "Avvertita anche a Traversetolo"

Commenti sui social: c'è chi ha avvertito la scossa anche nella Val d'Enza parmense

Viale Piacenza

10eLotto, in otto vincono 160mila euro

LUTTO

Addio al ragionier Bandini

GAZZAREPORTER

Incidente nella rotatoria del Petitot Foto

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Caso Embraco, l'Europa dimostri di esistere

di Aldo Tagliaferro

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

molestie

Scandalo Oxfam: ex capo di Save The Child lascia l'Unicef

Modena

"Il contratto non prevede di spostare i letti, i bimbi dormano in terra"

12commenti

SPORT

Formula 1

E' nata la nuova Ferrari Foto

SPORT

Formula Uno: la Mercedes svela la W09

SOCIETA'

Lutto

E' morta "Sirio", l'astrologa dei vip: aveva 85 anni

LONDRA

Polvere bianca in una lettera a Harry e Meghan

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra