Parma

Parma in bianco & nero- Via Saffi, una strada e mille storie. Non sempre di cazzotti

Parma in bianco & nero- Via Saffi, una strada e mille storie. Non sempre di cazzotti
Ricevi gratis le news
0

di Francesca Lombardi
 

Nella via del caos regna il silenzio. O meglio, il rumore c'è: basta girare l'angolo di via Repubblica e subito è tutto un mischiarsi di motori, di tintinnar di tazzine, di “buongiorno” e di chiacchiere. Ma i discorsi finiscono presto, quando si parla dei cattivi. Di quelli che spacciano, che fanno risse, che rubano, che accoltellano. C'è un velo di omertà, “mediatica”, o non solo. “Se vado sul giornale vengono a cercare me e non lei: io qui ci lavoro, e di problemi ne ho già abbastanza”.

VIDEO - Passeggiata virtuale

Tutti sanno cosa c'è qui che non va. E chi non lo sa, lo legge sui quotidiani o lo vede in tv. Passa una certa ora, ne passano due, tre, otto, e quando ci si sveglia – se non è notte – magari ci si ritrova un lago di pipì davanti al portone di casa. Capita. Non sempre, ma capita. “Sa come si fa per vivere bene qui? Con questo”. E' un attrezzo da lavoro, di ferro. Che se lo si prende in testa fa male.
C'è chi dice che qualcosa è cambiato, dall'accoltellamento di un mese fa. Che ci sono più controlli. C'è chi dice di no.
Ahmed svolta in via Saffi dalla via dello “shopping bene”. Tiene in mano una borsa di plastica. Luisa lo schiva. Si ferma sul marciapiede e si svolta a guardarlo con gli angoli della bocca che guardano in giù. Ahmed sta tornando dal lavoro: sono le 16,30. In quella borsa ha la tuta che indossa otto ore al giorno, cinque giorni a settimana.

L'INGRESSO EUROPEO – Quattro e mezza del pomeriggio. In via Saffi è l'ora del suono che è come l'intrecciarsi dei suoi borghi pieni di storie: internazionale. Europeo, in questo caso. Dalla “Scuola per l'Europa” esce una frotta chiassosa di bambini. Qualcuno parla in francese, qualcun altro in inglese. Altri ancora in lingue sconosciute. Fuori, ad aspettarli, tante delle due ruote-simbolo di Parma, il servizio che rende bella la nostra città nei convegni sulla pubblica amministrazione, l'happybus. E qualche mamma con il velo. Non mancano le auto, parcheggiate un po' come si riesce , per chi arriva da più lontano.

 IL SOGGIORNO PARMIGIANO IN ARTE POVERA – Franca, che è andata a prendere il figlio a scuola, cammina per la via. Ci passa tutti i giorni, in via Saffi: in quella via ci è anche nata. Così spesso ne approfitta per fare due chiacchiere. Saluta Fulvio Pia, che ha un negozio di biciclette (qualcuna negli ultimi tempi gli è stata rubata) e prosegue verso viale Mentana. Scambia due parole con un barista che agli stranieri “balordi” fa pagare il caffè 5 euro per non farli più entrare, e saluta il barbiere Valerio.
Il signor Marchi tira avanti la bottega dal 1 giugno 1965. Nel suo negozio si respira calma e storia. Un grosso calendario alla parete, tanti, troppi boccetti sopra gli specchi, qualche pupazzetto arrivato chissà da dove, sedie di una pelle sempre bella, immortale. Su una di quelle è seduto un cliente. Marchi tira fuori le sue forbici e comincia a tagliuzzare velocemente i capelli grigi. “Il rasoio elettrico? No, io non lo uso. Ma sa, con quello si fa prima. I ragazzi non sono mica stupidi!”. Non è per un rasoio elettrico che abbandonerà le forbici: lo farà per l'età, perché a 72 anni è giusto “lasciar spazio ai giovani”. A fine anno, abbasserà per sempre la saracinesca.
Lo farà anche Ivano Dalla Romanina, che per tutti è Ivanoe. Ma senza l'”h” in mezzo, come lui stesso scrive sul muro della sua falegnameria: che l'eroe positivo di Sir Wlater Scott si offenderebbe. O si offenderebbe Ivano. “Sembra un nome russo, e invece è di un cavaliere inglese”, dice con orgoglio mentre fa l'amore con il toscanello che non molla mai. Ivanoe è originario di Noceto e ha 70 anni: da 30, lavora dieci ore al giorno. “Ogni mattina mi sveglio alle 6,30 e vengo a controllare che il tarlo abbia lavorato”. Del resto, se non ci fosse il tarlo, non ci sarebbero i restauratori di mobili antichi. E lui nella sua casa-officina ne ha tanti, di vecchi e vecchissimi. Addirittura del 1500. Alcuni sono meno antichi, ma sempre di prego. Come il juke box che gli ricorda i tempi “delle tante limonate” (Ma questo non lo dice forte, che poi sua moglie lo sgrida).
Il suo mobile preferito, però, resta sempre la pialla. Perché è quella che usa di più. Impossibile per lui concepire che qualcuno non la sappia usare. “Una volta sono venuti qui dei ragazzi, e quando ho fatto una piallata e sono usciti i riccioli di legno facevano a gara per averli. Come se fossero chissà cosa”. Ma se i bambini gli hanno “rubato” i riccioli, qualcuno si è spinto oltre, e un giorno Ivanoe ha visto sparire una rastrelliera per le biciclette: un'altra volta si è trovato i mobili in strada.

FOTO - Guarda le immagini

LA CAMERA ETNICA -Muhammad Shahazad per la sicurezza spende 1800 euro all'anno. Ha una convenzione con l'Ivri: in caso di bisogno schiaccia un bottone sotto il bancone e arrivano i soccorsi. Ha anche le telecamere, un monitor di sorveglianza, e sulla vetrina ha appiccicato un cartello che dice che davanti al suo market è vietato fermarsi a bere. Muhammad arriva dal Pakistan, ha una moglie che gli dà il cambio quando lui va a vendere al mercato, e quattro figli tutti piccioli. Nel suo negozio si baciano i profumi, i sapori, le visioni d'oriente. Kebab surgelati da cucinare in casa, panjab tinda, punjabi pakori, farina di ceci, polvere di curry e di zenzero, riso invadono gli scaffali. Ci sono anche prodotti per la casa italiani (“Il 40% dei miei clienti è italiano) e quadri pakistani da regalare ai clienti fissi. A nessuno è negato un dolcetto al cocco quando arriva alla cassa, e se qualcuno chiede musica etnica, ecco che scatta la chiamata a un imprenditore di Brescia specializzato nella vendita di cd che non si trovano nei negozi italiani. Qualcuno, sì, è diffidente nel vedere un negozio dove sono esposte le banconote dei Paesi di cui sono originari i clienti- dall'Iran alla Libia, al Brasile - “sono le persone più anziane”, dice Muhammad. Quelle per cui prima di aprire la sua bottega, “ha mangiato cento chili di polvere”. E senza metafore.
Samir e Kamir la mangiano tutti i giorni. Un po' al lavoro, e un po' quando passeggiando per strada vengono guardati male solo perché tunisini. “Ci dispiace essere etichettati. Noi qui vogliamo solo stare tranquilli”. Abitano in via Corso Corsi: dei problemi della via non parlano. “Ripeto: voglio stare tranquillo. Ho mia moglie incinta. Guarda: sono appena andata a prenderle una crema”. E apre la Borsa. Anche Samir è stanco della prostituzione in fondo alla via (“vai a fare un giro là in fondo e trovi tutto quello che vuoi”), del casino la notte in borgo delle Colonne. “Nel nostro Paese, se uno fuma una canna, va in galera un anno”. Anche Kamir è stanco. Entrambi sognano una via pedonalizzata, “così potrei passeggiare tranquillamente con mia moglie”.
“Anche se sono cittadina italiana mi sento sempre straniera - dice una signora moldava -. Tanti italiani rispondono male, guardano storto”. La sua amica Vera, 28 anni e due figli con i nomi italiani, Matteo e Adriana, ha avuto problemi all'ospedale. Sua figlia è stata operata a quattro anni, e ora dovrebbe fare degli esami di controllo, ma servono dei documenti che vanno tradotti ufficialmente dal moldavo, e per tradurli occorrono un sacco di soldi.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

2commenti

PARMA

Renzi: "Da noi proposte concrete, dagli altri invenzioni"

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

anteprima gazzetta

60 anni della legge Merlin, cosa è cambiato nella prostituzione (a Parma)

tg parma

Edicola in stazione ultimo giorno: domani saracinesca chiusa Video

METEO

Perturbazione in arrivo: previste piogge e neve fra collina e montagna

Sarà colpito prima il centro-sud, poi anche il nord Italia (Emilia-Romagna compresa)

gazzareporter

I cinghiali attraversano la strada a Tabiano Video

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

1commento

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

2commenti

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

parma

Lucarelli non molla: "Per la A ci proveremo fino alla fine"

1commento

parma calcio

Le pagelle in dialetto parmigiano Video

Iren

Parma-Venezia al Tardini, esposizione contenitori rifiuti sabato entro le 9: le vie coinvolte

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

SOCIETA'

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

salute

Infertilità maschile, la prima causa è l'inquinamento

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto