12°

23°

Parma

Provincia: l'assessore Conte condannato per peculato si dimette

Provincia: l'assessore Conte condannato per peculato si dimette
Ricevi gratis le news
3

L'assessore provinciale allo sport Emanuele Conte si è dimesso, dopo essere stato condannato in primo grado in un procedimento per peculato. Ecco il comunicato diffuso poco dopo le 13 dallo stesso Conte:


Vi annuncio le mie dimissioni dalla Giunta provinciale. Il procedimento che                                                                                                      mi vede imputato per peculato d'uso ( utilizzo improprio di un'auto di servizio
della provincia) e' arrivato ieri ad una sentenza di condanna di primo grado.
E' un atto contro il quale farò appello, giudicandolo assolutamente infondato e
ingiusto.
Ma sono consapevole del fatto che questa è una posizione personale e che come
amministratore e per come io concepisco questo ruolo, sono tenuto a rispettare
la sentenza della magistratura.
Per questo davanti a questa condanna, la coerenza mi impone di dimettermi
dagli incarichi pubblici che ricopro.
Questo mi consentirà di essere trasparente di fronte ai cittadini, e di
potermi meglio difendere nelle sedi opportune.
La scelta delle dimissioni, credetemi è una scelta sofferta. innanzitutto
perché, a pochi mesi dalla fine legislatura, queste sono settimane in cui si
sta lavorando per concludere diverse iniziative.
Ma lascio l'incarico con convinzione anche e soprattutto perché questa
vicenda non offuschi il lavoro che in questi anni abbiamo realizzato insieme su
temi importanti. Penso innanzitutto allo sport e a tutto quel che e'
stato fatto per renderlo  più accessibile a tutti e promuovendo le varie
discipline "anche le minori".
Per questo, esprimendo il mio dispiacere, sincero, per l'imbarazzo che questa
vicenda personale ha creato al Presidente e ai colleghi della Giunta, ho
presentato ieri pomeriggio le mie dimissioni. (Emanuele Conte)

LA CONDANNA - Emanuele Conte, assessore allo Sport della Provincia di Parma, ex di Rifondazione, ora senza partito, ha rassegnato le dimissioni a seguito di una condanna per peculato d’uso. Il Gup Maria Cristina Sarli ha condannato Conte a due mesi di reclusione (sospesi e condonati) per aver utilizzato un’auto della Provincia per fini personali. All’ex assessore sono state riconosciute le attenuanti generiche, il fatto di lieve entità e il comportamento di lieve entità.
La vicenda risale a tre anni e mezzo fa. Conte, dopo essersi recato a Fontevivo (piccolo paese del parmense) per un incontro politico, sulla strada del ritorno fu fermato da una pattuglia di vigili urbani. La procura ha indagato per verificare l'ipotesi di peculato e, al termine delle indagini, ha chiesto l'archiviazione al Gip del Tribunale, che ha disposto invece l'imputazione coatta ravvisando i profili dell’illecito. Ieri, nel corso dell’udienza preliminare, il legale dell’ex assessore ha chiesto il procedimento abbreviato ed è arrivata, a sorpresa, la richiesta di pena della Procura e poi la condanna.

IL COMMENTO DI BERNAZZOLI - “Avevo dichiarato che intendevo attendere il giudizio della magistratura prima di assumere decisioni in merito a questa vicenda. Ora il giudice di prima istanza si è espresso. Non sono intervenuto direttamente solo perché l’assessore, in coerenza con quanto si era ripromesso, già ieri sera ha rassegnato le proprie dimissioni, che ho accolto”. Inizia così la dichiarazione con cui il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli commenta la scelta dell’assessore provinciale allo Sport di lasciare l’incarico assunto nel 2004 nella Giunta provinciale, dopo che ieri è stata pronunciata la sentenza di condanna di primo grado nel procedimento che vedeva Emanuele Conte imputato per peculato d'uso (utilizzo improprio di un'auto di servizio della Provincia).
“Mi auguro che questa vicenda – sottolinea il presidente - non offuschi quanto di buono Emanuele Conte ha fatto in questi cinque anni in particolare a favore della promozione dello sport, dell’associazionismo sportivo e del diritto allo sport anche per le persone deboli in particolare dei disabili, manifestando in tal mondo anche la sua spiccata sensibilità sociale. Nelle settimane che mancano alla fine della legislatura proseguiremo ad operare anche in questi ambiti secondo questa linea, che è quella del nostro programma, senza sostituire l’assessore in Giunta

LA LEGA NORD: "DIMISSIONI DOVUTE" - Le dimissioni dell’Assessore Provinciale di Parma allo Sport, Emanuele Conte, a seguito della condanna riportata in primo grado per il reato di peculato, scrive la Lega Nord in una nota stampa, sono un atto dovuto. "La Lega Nord non si iscrive alla lista dei 'giustizialisti un tanto al chilo' - continua -, pertanto non intendiamo speculare politicamente su questa vicenda, anche perché, a quanto è dato sapere, la sentenza non è ora diventata definitiva. Riteniamo che i fatti oggetto della vicenda giudiziaria che ha interessato l’assessore Conte (anche se non definitiva), così come riportati dai mezzi di informazione, servano da monito a tutti coloro che rivestono responsabilità pubbliche, che dovrebbero avere ben presente, tra i doveri imprescindibili, l’assoluto rispetto dei beni e delle risorse pubbliche. Amministrare vuol dire soprattutto rispettare ed avvalersi del ruolo di responsabilità a cui si è chiamati dai cittadini con metodo “francescano”, senza mai dimenticarsi che il ruolo che si occupa è “in prestito”, perché viene dai cittadini ed appartiene al popolo, e non a chi temporaneamente è chiamato a ricoprirlo. Che la sinistra non potesse dare lezioni di morale a nessuno è cosa nota da tempo e purtroppo anche a Parma gli esempi non mancano.
Sul tema, la Lega Nord è come il sole a mezzogiorno, senza ombre attorno".
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • sara.madureri

    28 Marzo @ 19.33

    emanuele e' stato vittima (come solito)degli schifosi giochi polititi.Con tutti quei poco di buono che stanno seduti sugli scanni del parlamento ci tocca assistere ad una conclusione ridicola di una storia che sa tanto di artefatto a due mesi dalle elezioni .Forza emanuele non mollare e dimostra di valere piu' di quanto valgono tanti altri politici che adesso godono della tua disavventura.. Con la stima di sempre . Sara e Dino

    Rispondi

  • Kant

    28 Marzo @ 11.56

    Ha fatto bene Conte a dimettersi, ma non per quello che gli è stato contestato, risibile, perchè faceva parte dei suoi compiti. Perchè così mette in mostra quella parte di magistratura che preferisce guardare le pagliuzze, ignorando poi i grandi reati, che magari vengono fuori in TV a Striscia. Dà anche una lezione a molti deputati che non se ne vanno anche davanti a contestazioni ben più pesanti!! Auguri Assessore, non ti conosco, ne sono del tuo partito, ma brevo!!

    Rispondi

  • marco

    27 Marzo @ 17.30

    Vorrei esprimere la mia solidarietà all' amico Emanuele Conte anche perché non mi sembra l'unico ad aver usato la vettura di servizio per altri scopi ma l'unico ad essere condannato e l'unico(giustamente) ad essersi dimesso.mezzadri marco

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Via libera della Giunta al progetto esecutivo di valorizzazione e recupero del limite Nord-Est del Parco Ducale. Sarà demolito il muro su viale Piacenza. Stanziati 1.281.000 euro

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Anteprima Gazzetta

Intervista all'avvocato parmigiano che sparò ai ladri

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

E' da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al nostro sondaggio

1commento

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

E' al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

Regione

Bagarre sulla chiusura dei punti nascita

1commento

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

6commenti

SALUTE

Dire addio ai malanni di stagione seguendo semplici suggerimenti

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

10commenti

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: è Willy l'ottavo finalista

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

2commenti

SIRIA

Raqqa è stata liberata Il video

SPORT

CHAMPIONS

Napoli battuto a Manchester: recrimina per un rigore sbagliato

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»