10°

20°

Parma

Chirurgo si offre volontario. Ma l'Ausl: «Non si può»

Chirurgo si offre volontario. Ma l'Ausl: «Non si può»
Ricevi gratis le news
0

Monica Tiezzi
Quando la burocrazia strangola l'entusiasmo per la propria professione e la voglia  di lavorare. E' la sintesi di questa storia, tanto più paradossale in un momento di crisi in cui le aziende devono fare i conti con tagli e ridimensionamenti. E nonostante questo, rifiutano  - e forse non possono davvero fare altrimenti - chi si offre di lavorare gratuitamente. Il protagonista della vicenda è un medico sessantenne andato in pensione un anno e mezzo fa, con un curriculum di tutto rispetto: laurea e specializzazione in chirurgia generale all'università di Parma, idoneità nazionale a primario, ulteriore specializzazione in igiene preventiva e sanità pubblica, 34 anni di esperienza ospedaliera,  qualifica di dirigente di chirurgia all'ospedale di Montecchio. «Amo il mio lavoro, ma ho deciso di lasciare perchè ero troppo stanco per continuare a fare le notti e le lunghe ore in sala operatoria» dice. 

 La vita da pensionato si rivela però noiosa e il medico sente di poter dare ancora molto, oltre a voler dimostrare «la mia gratitudine nei confronti di Parma, una città dove non sono nato, ma che mi ha dato tanto», aggiunge. Allora prende carta e penna e, l'ottobre scorso,  scrive all'Ausl di Parma: «Come da recente colloquio presso la direzione sanitaria, formalizzo la mia disponibilità ad attività ambulatoriale chirurgica, comprensiva anche della piccola chirurgia, per un massimo di sei ore settimanali, possibilmente distribuiti su tre giorni alla settimana da concordare. Confermo che tale attività verrà svolta dal sottoscritto gratuitamente con il solo rimborso delle spese di viaggio dalla mia abitazione in Montechiarugolo al luogo di lavoro, e di quelle assicurative concernente l'attività suddetta (Rc terzi) e KasKo per l'autovettura. Allego curriculum». Il medico, parlando al telefono con un dirigente dell'Ausl, suggerisce anche cosa potrebbe fare: «Poichè ho lavorato per un anno e mezzo, in convenzione, in un ambulatorio Ausl di Langhirano facendo piccola chirurgia  - cisti, lipomi, nevi, piccole formazioni cutanee, unghie incarnite - e poichè conosco bene i medici di base di quella zona, ho proposto di tornare in quell'ambiente per me familiare. Pur non escludendo qualsiasi altra sede o mansione l'Ausl avesse deciso di affidarmi. "Fatemi fare quello di cui avete bisogno, mettetemi alla prova. Se non vado bene, siete sempre  liberi di rimandarmi a casa", ho aggiunto».

 Una proposta «insolita», ammettono all'Ausl,  che si riserva  di prendere   tempo per valutare se la cosa è fattibile. La risposta arriva  a  meno di un mese dalla richiesta: «Pur valutando positivamente la sua disponibilità - scrive l'allora direttore sanitario Massimo Fabi, poche settimane dopo nominato direttore generale  -  devo purtroppo riscontrare che non è possibile aderire alla richiesta in quanto le tipologie di rapporto che è possibile instaurare con le Aziende Sanitarie non comprendono una simile fattispecie».  La lettera, ringraziando ancora per « la volontà di contribuire alle attività sanitarie svolte in provincia», chiude suggerendo di rivolgersi  alle «numerose associazioni di volontariato nelle quali la sua esperienza e professionalità può sicuramente trovare un proficuo riscontro».

 Una doccia fredda, ammette il medico. «Ho preso il telefono e chiesto  ulteriori spiegazioni. Mi è stato ribadito che ci sono difficoltà burocratiche  ed è stato aggiunto che l'azienda ‘deve far crescere i giovani’. Giustissimo, ho ribattuto: ‘Ma non potete farli crescere con me?  Io non ruberei lo stipendio  a  nessuno’».  Così, il medico volenteroso ha mollato. Nel tempo libero  si darà forse al giardinaggio.   Così vanno le cose in un'Italia dove  il governo  spinge per posticipare  l'età della  pensione, ma dove si lascia un chirurgo  - neanche sessantenne, e disposto a lavorare gratis - a potare le rose. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Trento doc «Etyssa», spumante di montagna nel nome dell'amicizia

IL VINO

Trento doc «Etyssa», spumante di montagna nel nome dell'amicizia

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

3commenti

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

INCIDENTE

Scontro auto-moto a Langhirano: un ferito grave

Lo scontro è avvenuto in via Roma

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

1commento

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

SERIE B

Parma, batti un colpo

MONCHIO

Rubata un'auto, razzia di attrezzi da lavoro e tentato furto in un bar

PEDRIGNANO

Pitbull assale la padrona e un suo amico

Cultura

Cimeli verdiani, Ministero interessato

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

6commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Garani è presidente del gruppo fotografico Obbiettivo Natura

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

LUCCA

E' morto il bimbo di un anno caduto dal trattore

Como

Anche la quarta figlia è morta nell'incendio

SPORT

Moto

Phillip Island: super Marquez, Dovizioso indietro

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

1commento

MOTORI

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va

IL MINI SUV

Da oggi la nuova Citroën C3 Aircross: