-5°

parma

Il Freee aperto nonostante l'ordinanza

Sopralluogo dei vigili urbani, che però non hanno preso provvedimenti

Discoteca Freee

Discoteca Freee

1

 

Andrea Del Bue
L’avevano annunciato e l’hanno fatto: i gestori del Freee, ex Astrolabio, la discoteca di via Zarotto per cui è stata ordinata, nel pomeriggio di venerdì, la chiusura da parte del Comune, ha comunque aperto i battenti.
Ore 2, musica a palla, balli in pista, bancone che lavora, ritardatari in coda per l’ingresso. Come se nulla fosse, come se il Comune non ne avesse sancito la «completa abusività» a causa, si legge nel comunicato emesso dai portici del grano, della mancanza «dell’autorizzazione di cui all’art. 68 e dell’agibilità di cui all’art. 80 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza». In altre parole, la discoteca «risulta priva di qualsivoglia licenza». 
Non abbastanza per i gestori del locale che sono andati avanti per la loro strada: «Abbiamo ricevuto la comunicazione solo alle 17 - spiega uno dei responsabili -: tenere chiuso, per noi, avrebbe significato una perdita di 10 mila euro tra oggi (venerdì, ndr) e sabato (ieri sera, ndr). All’interno ci saranno poco più di 150 persone, mentre una serata come questa dovrebbe farne 600: per noi il danno in termini di entrate, e soprattutto di immagine, è enorme». Verso l’1,30, la visita degli agenti della Polizia municipale: hanno scartabellato un po’ tra i documenti e hanno redatto un verbale di sopralluogo, che trasmetteranno poi all’autorità giudiziaria, in cui si attesta la violazione dell’ordinanza di chiusura. Ma non hanno imposto l’immediata chiusura del locale. 
«Teniamo aperto anche domani, non possiamo fare altrimenti - osservano dal Freee -: lunedì poi, come d’accordo coi vigili, porteremo tutti i documenti in Comune, per verificare cosa c’è e cosa manca». A questo punto uno dei gestori non fatica ad ammettere che «sicuramente abbiamo peccato in alcuni passaggi burocratici dalla precedente gestione, ma voglio anche dire che siamo aperti dal 5 ottobre e non c’è mai stato un problema di ordine pubblico». In questi casi, però, si sa che contano più le carte, che devono essere in regola. Sulla polemica riguardante il «devasto totale» che gli organizzatori della serata, intitolata «Caraffa party» (2 litri a 7 euro), hanno proposto via Facebook, dalla discoteca precisano: «Nel volantino promozionale non c’era nulla di tutto questo, ma solo lo spirito di aggregazione che volevamo condividere: le persone che bevono con la cannuccia dalla stessa caraffa. Invece qualcuno, su internet, è andato un po’ oltre. In ogni caso, siamo convinti che l’ordine di chiusura del Comune nasca proprio da questo polverone scatenatosi tra l’opinione pubblica e non dalla regolarità o meno dei permessi».  
Andrea Del Bue

 

L’avevano annunciato e l’hanno fatto: i gestori del Freee, ex Astrolabio, la discoteca di via Zarotto per cui è stata ordinata, nel pomeriggio di venerdì, la chiusura da parte del Comune, ha comunque aperto i battenti.Ore 2, musica a palla, balli in pista, bancone che lavora, ritardatari in coda per l’ingresso. Come se nulla fosse, come se il Comune non ne avesse sancito la «completa abusività» a causa, si legge nel comunicato emesso dai portici del grano, della mancanza «dell’autorizzazione di cui all’art. 68 e dell’agibilità di cui all’art. 80 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza». In altre parole, la discoteca «risulta priva di qualsivoglia licenza». Non abbastanza per i gestori del locale che sono andati avanti per la loro strada: «Abbiamo ricevuto la comunicazione solo alle 17 - spiega uno dei responsabili -: tenere chiuso, per noi, avrebbe significato una perdita di 10 mila euro tra oggi (venerdì, ndr) e sabato (ieri sera, ndr). All’interno ci saranno poco più di 150 persone, mentre una serata come questa dovrebbe farne 600: per noi il danno in termini di entrate, e soprattutto di immagine, è enorme». Verso l’1,30, la visita degli agenti della Polizia municipale: hanno scartabellato un po’ tra i documenti e hanno redatto un verbale di sopralluogo, che trasmetteranno poi all’autorità giudiziaria, in cui si attesta la violazione dell’ordinanza di chiusura. Ma non hanno imposto l’immediata chiusura del locale. «Teniamo aperto anche domani, non possiamo fare altrimenti - osservano dal Freee -: lunedì poi, come d’accordo coi vigili, porteremo tutti i documenti in Comune, per verificare cosa c’è e cosa manca». A questo punto uno dei gestori non fatica ad ammettere che «sicuramente abbiamo peccato in alcuni passaggi burocratici dalla precedente gestione, ma voglio anche dire che siamo aperti dal 5 ottobre e non c’è mai stato un problema di ordine pubblico». In questi casi, però, si sa che contano più le carte, che devono essere in regola. Sulla polemica riguardante il «devasto totale» che gli organizzatori della serata, intitolata «Caraffa party» (2 litri a 7 euro), hanno proposto via Facebook, dalla discoteca precisano: «Nel volantino promozionale non c’era nulla di tutto questo, ma solo lo spirito di aggregazione che volevamo condividere: le persone che bevono con la cannuccia dalla stessa caraffa. Invece qualcuno, su internet, è andato un po’ oltre. In ogni caso, siamo convinti che l’ordine di chiusura del Comune nasca proprio da questo polverone scatenatosi tra l’opinione pubblica e non dalla regolarità o meno dei permessi».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Laura

    18 Novembre @ 11.47

    Ma non avendo la licenza, questo locale le paga le tasse???? Come mai per il fruttivendolo di via spezia il Comune ha trovato mezzi, persone, tempo e risorse per farlo sgomberare mentre per questa discoteca hanno solo detto che non potevano aprire? Se manca l'agibilità vuol dire che le persone non sono al sicuro... come mai hanno fatto aprire il locale in ogni modo????

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Ecoincentivi per auto metano o gplmetanogp

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

5commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

24commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

9commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

4commenti

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

TV PARMA

Primarie del centrosinistra: i candidati scenderanno a tre? Video

1commento

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

17commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

5commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

WASHINGTON

Trump ha giurato: è il nuovo presidente

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta