21°

parma

Il Freee aperto nonostante l'ordinanza

Sopralluogo dei vigili urbani, che però non hanno preso provvedimenti

Discoteca Freee

Discoteca Freee

1

 

Andrea Del Bue
L’avevano annunciato e l’hanno fatto: i gestori del Freee, ex Astrolabio, la discoteca di via Zarotto per cui è stata ordinata, nel pomeriggio di venerdì, la chiusura da parte del Comune, ha comunque aperto i battenti.
Ore 2, musica a palla, balli in pista, bancone che lavora, ritardatari in coda per l’ingresso. Come se nulla fosse, come se il Comune non ne avesse sancito la «completa abusività» a causa, si legge nel comunicato emesso dai portici del grano, della mancanza «dell’autorizzazione di cui all’art. 68 e dell’agibilità di cui all’art. 80 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza». In altre parole, la discoteca «risulta priva di qualsivoglia licenza». 
Non abbastanza per i gestori del locale che sono andati avanti per la loro strada: «Abbiamo ricevuto la comunicazione solo alle 17 - spiega uno dei responsabili -: tenere chiuso, per noi, avrebbe significato una perdita di 10 mila euro tra oggi (venerdì, ndr) e sabato (ieri sera, ndr). All’interno ci saranno poco più di 150 persone, mentre una serata come questa dovrebbe farne 600: per noi il danno in termini di entrate, e soprattutto di immagine, è enorme». Verso l’1,30, la visita degli agenti della Polizia municipale: hanno scartabellato un po’ tra i documenti e hanno redatto un verbale di sopralluogo, che trasmetteranno poi all’autorità giudiziaria, in cui si attesta la violazione dell’ordinanza di chiusura. Ma non hanno imposto l’immediata chiusura del locale. 
«Teniamo aperto anche domani, non possiamo fare altrimenti - osservano dal Freee -: lunedì poi, come d’accordo coi vigili, porteremo tutti i documenti in Comune, per verificare cosa c’è e cosa manca». A questo punto uno dei gestori non fatica ad ammettere che «sicuramente abbiamo peccato in alcuni passaggi burocratici dalla precedente gestione, ma voglio anche dire che siamo aperti dal 5 ottobre e non c’è mai stato un problema di ordine pubblico». In questi casi, però, si sa che contano più le carte, che devono essere in regola. Sulla polemica riguardante il «devasto totale» che gli organizzatori della serata, intitolata «Caraffa party» (2 litri a 7 euro), hanno proposto via Facebook, dalla discoteca precisano: «Nel volantino promozionale non c’era nulla di tutto questo, ma solo lo spirito di aggregazione che volevamo condividere: le persone che bevono con la cannuccia dalla stessa caraffa. Invece qualcuno, su internet, è andato un po’ oltre. In ogni caso, siamo convinti che l’ordine di chiusura del Comune nasca proprio da questo polverone scatenatosi tra l’opinione pubblica e non dalla regolarità o meno dei permessi».  
Andrea Del Bue

 

L’avevano annunciato e l’hanno fatto: i gestori del Freee, ex Astrolabio, la discoteca di via Zarotto per cui è stata ordinata, nel pomeriggio di venerdì, la chiusura da parte del Comune, ha comunque aperto i battenti.Ore 2, musica a palla, balli in pista, bancone che lavora, ritardatari in coda per l’ingresso. Come se nulla fosse, come se il Comune non ne avesse sancito la «completa abusività» a causa, si legge nel comunicato emesso dai portici del grano, della mancanza «dell’autorizzazione di cui all’art. 68 e dell’agibilità di cui all’art. 80 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza». In altre parole, la discoteca «risulta priva di qualsivoglia licenza». Non abbastanza per i gestori del locale che sono andati avanti per la loro strada: «Abbiamo ricevuto la comunicazione solo alle 17 - spiega uno dei responsabili -: tenere chiuso, per noi, avrebbe significato una perdita di 10 mila euro tra oggi (venerdì, ndr) e sabato (ieri sera, ndr). All’interno ci saranno poco più di 150 persone, mentre una serata come questa dovrebbe farne 600: per noi il danno in termini di entrate, e soprattutto di immagine, è enorme». Verso l’1,30, la visita degli agenti della Polizia municipale: hanno scartabellato un po’ tra i documenti e hanno redatto un verbale di sopralluogo, che trasmetteranno poi all’autorità giudiziaria, in cui si attesta la violazione dell’ordinanza di chiusura. Ma non hanno imposto l’immediata chiusura del locale. «Teniamo aperto anche domani, non possiamo fare altrimenti - osservano dal Freee -: lunedì poi, come d’accordo coi vigili, porteremo tutti i documenti in Comune, per verificare cosa c’è e cosa manca». A questo punto uno dei gestori non fatica ad ammettere che «sicuramente abbiamo peccato in alcuni passaggi burocratici dalla precedente gestione, ma voglio anche dire che siamo aperti dal 5 ottobre e non c’è mai stato un problema di ordine pubblico». In questi casi, però, si sa che contano più le carte, che devono essere in regola. Sulla polemica riguardante il «devasto totale» che gli organizzatori della serata, intitolata «Caraffa party» (2 litri a 7 euro), hanno proposto via Facebook, dalla discoteca precisano: «Nel volantino promozionale non c’era nulla di tutto questo, ma solo lo spirito di aggregazione che volevamo condividere: le persone che bevono con la cannuccia dalla stessa caraffa. Invece qualcuno, su internet, è andato un po’ oltre. In ogni caso, siamo convinti che l’ordine di chiusura del Comune nasca proprio da questo polverone scatenatosi tra l’opinione pubblica e non dalla regolarità o meno dei permessi».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Laura

    18 Novembre @ 11.47

    Ma non avendo la licenza, questo locale le paga le tasse???? Come mai per il fruttivendolo di via spezia il Comune ha trovato mezzi, persone, tempo e risorse per farlo sgomberare mentre per questa discoteca hanno solo detto che non potevano aprire? Se manca l'agibilità vuol dire che le persone non sono al sicuro... come mai hanno fatto aprire il locale in ogni modo????

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito"

gossip

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito" Foto

Ghepardo, turista imprudente

VIDEO

Il ghepardo attacca la turista e cerca di azzannarla

Scocca l'ora di nove bellissime 50enni:  Cindy Crawford

L'INDISCRETO

Riuscireste a dire di no a queste nove bellissime 50enni?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Pedone investito in via Spezia: è grave

incidente

Pedone investito in via Spezia: è grave

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

lega pro

D'Aversa: "Ora deve tornare a scattare la scintilla dell'entusiasmo" Video

1commento

FORNOVO

Pochi iscritti alle elementari, è polemica

cibo on the road

Castle Street Food, continua l'assedio a Fontanellato Gallery

l'agenda

Una domenica tra feste di primavera, aquiloni e treni storici

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

2commenti

gazzareporter

Un lettore: "Ma i vigili controlleranno anche le Harley Davidson?"

SORBOLO

Quegli attori anti-truffa che educano i cittadini

Finto carabiniere

Truffati altri due anziani

Lavori pubblici

Ecco il rinato «Lauro Grossi»

EMILIAMBIENTE

Massari: «Piena fiducia nel cda»

cadute

Incidenti in moto a Noceto e Berceto, grave una 46enne di Salso Video

Sanità

Visite «bucate», arrivano le prime multe

7commenti

verso il 25 Aprile

"Bella ciao!": in centinaia a celebrare la Resistenza delle donne Foto

unione parmense

Il wifi copre la Pedemontana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

televisione

Morta a 56 anni Erin Moran, la Joanie di Happy Days

1commento

nairobi

Difende gli animali, spari contro la scrittrice Kuki Gallmann: ferita

WEEKEND

foto dei lettori

Aspettando la 1000 Miglia: lo sguardo di Paolo Gandolfi Foto

la peppa propone

Ricetta della domenica - Tortino tricolore: uno spuntino patriottico

SPORT

calcio

Dramma per Vidal: cognato ucciso a colpi di pistola alla testa

Ciclismo

Michele Scarponi è morto, post toccante della moglie

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"