17°

30°

parma

Il pm: «Bernini prese 16.000 euro dai fondi per Haiti»

Chiesto il rinvio a giudizio dell'ex assessore. Ma lui ha sempre respinto le accuse: "Soldi donati"

Giovanni Paolo Bernini

Giovanni Paolo Bernini

2

 

Georgia Azzali
La procura ne è convinta: 16.000 euro sono finiti nelle tasche di Giovanni Bernini e non  ai bambini poveri di Haiti. La richiesta di rinvio a giudizio per l'inchiesta «Easy money», portata avanti dalla Finanza di Parma,  è stata depositata nei giorni scorsi dal pm Paola Dal Monte. 
L'ex assessore  comunale alla Scuola è accusato di  appropriazione indebita continuata e aggravata, perché tra marzo e agosto 2010,  come presidente del comitato  «Parma per Haiti», creato per  aiutare i piccoli colpiti dal terremoto,  avrebbe prelevato direttamente dal conto dell'associazione. In particolare, secondo quanto riportato nella richiesta di rinvio a giudizio, «in data 31/3/2010 emetteva “a me stesso” l'assegno... di euro 12.000», che poi  veniva  «dallo stesso posto all'incasso  in data 13/4/2010».   E gli altri 4.000 euro? Secondo la procura, il 28 luglio  e il 31 agosto 2010 Bernini avrebbe emesso due assegni, da 3.500 e 500 euro,  a favore del suo  segretario, Paolo Signorini, che, dopo averli incassati, avrebbe consegnato i contanti all'assessore.
Nessuna marcia indietro, dunque, da parte della procura.   Nonostante Bernini, il 13 marzo scorso,  dopo l'avviso di conclusione delle indagini,   si fosse fatto interrogare.  E  dopo un'ora e mezza davanti al pm, aveva ribadito  di non aver preso un euro: «Parma deve essere orgogliosa  di ciò che è stato fatto per Haiti, perché  quasi 300 bambini  sono stati curati - aveva sottolineato -. La raccolta di fondi  ha consentito  di donare all'ospedale di Saint Damien un'apparecchiatura francese grazie  alla quale sono stati operati  vari bambini feriti». 
Durante l'inchiesta  è stato sentito anche Renato Balestra,  protagonista di una  sfilata benefica al Regio, alla fine di febbraio 2010, a  favore del comitato «Parma per Haiti».  Ascoltato dagli investigatori come persona informata sui fatti, perché il nome dello stilista non è mai stato iscritto nel registro degli indagati.
Solo un  capitolo, quello delle donazioni   che avrebbero imboccato una rotta diversa.  Parte di un'inchiesta nata e incentrata sull'assegnazione degli appalti per le mense scolastiche. La procura ha infatti chiesto il rinvio a giudizio per Bernini   e Signorini anche per tentata concussione  e corruzione.  Nel dicembre 2010 l'assessore e il suo assistente  avrebbero infatti chiesto soldi a un dirigente della Camst e l'assunzione di una persona per garantire  la proroga dell'affidamento del servizio di ristorazione nelle scuole del Comune.  «Se volete il rinnovo  del contratto, ci vogliono i soldini»: queste le parole che  Signorini avrebbe pronunciato davanti al manager. Che non sborsò un euro e si precipitò in procura a fare denuncia.
Ma se quella volta la richiesta non andò in porto, alcuni mesi dopo Bernini e Signorini avrebbero  ottenuto  soldi da Mauro Tarana,  amministratore di Parma  Multiservizi, per confermare  l'affidamento  del servizio di ristorazione  nelle scuole e ottenere l'aggiudicazione  della gara d'appalto  per la gestione del servizio bar/ristorante  al quarto piano del Duc. Grazie alla copertura di  un contratto di sponsorizzazione sportiva, circa 8.000 euro in contanti sarebbero stati consegnati a Signorini. Denaro poi destinato a Bernini, secondo quanto sottolineava il gip nell'ordinanza di custodia cautelare. 
Corruzione: questo il reato per cui è stato chiesto  il rinvio a giudizio anche per Tarana. Nessuna  concussione,  dunque, per la procura,  come aveva invece stabilito il tribunale del Riesame rimettendolo in libertà.  Ma  ora la parola passa al giudice. Primo appuntamento, l'udienza preliminare. Che al momento non è ancora stata fissata.  
Georgia Azzali

 

La procura ne è convinta: 16.000 euro sono finiti nelle tasche di Giovanni Bernini e non  ai bambini poveri di Haiti. La richiesta di rinvio a giudizio per l'inchiesta «Easy money», portata avanti dalla Finanza di Parma,  è stata depositata nei giorni scorsi dal pm Paola Dal Monte. L'ex assessore  comunale alla Scuola è accusato di  appropriazione indebita continuata e aggravata, perché tra marzo e agosto 2010,  come presidente del comitato  «Parma per Haiti», creato per  aiutare i piccoli colpiti dal terremoto,  avrebbe prelevato direttamente dal conto dell'associazione. In particolare, secondo quanto riportato nella richiesta di rinvio a giudizio, «in data 31/3/2010 emetteva “a me stesso” l'assegno... di euro 12.000», che poi  veniva  «dallo stesso posto all'incasso  in data 13/4/2010».   E gli altri 4.000 euro? Secondo la procura, il 28 luglio  e il 31 agosto 2010 Bernini avrebbe emesso due assegni, da 3.500 e 500 euro,  a favore del suo  segretario, Paolo Signorini, che, dopo averli incassati, avrebbe consegnato i contanti all'assessore.Nessuna marcia indietro, dunque, da parte della procura.   Nonostante Bernini, il 13 marzo scorso,  dopo l'avviso di conclusione delle indagini,   si fosse fatto interrogare.  E  dopo un'ora e mezza davanti al pm, aveva ribadito  di non aver preso un euro: «Parma deve essere orgogliosa  di ciò che è stato fatto per Haiti, perché  quasi 300 bambini  sono stati curati - aveva sottolineato -. La raccolta di fondi  ha consentito  di donare all'ospedale di Saint Damien un'apparecchiatura francese grazie  alla quale sono stati operati  vari bambini feriti». Durante l'inchiesta  è stato sentito anche Renato Balestra,  protagonista di una  sfilata benefica al Regio, alla fine di febbraio 2010, a  favore del comitato «Parma per Haiti».  Ascoltato dagli investigatori come persona informata sui fatti, perché il nome dello stilista non è mai stato iscritto nel registro degli indagati.Solo un  capitolo, quello delle donazioni   che avrebbero imboccato una rotta diversa.  Parte di un'inchiesta nata e incentrata sull'assegnazione degli appalti per le mense scolastiche. La procura ha infatti chiesto il rinvio a giudizio per Bernini   e Signorini anche per tentata concussione  e corruzione.  Nel dicembre 2010 l'assessore e il suo assistente  avrebbero infatti chiesto soldi a un dirigente della Camst e l'assunzione di una persona per garantire  la proroga dell'affidamento del servizio di ristorazione nelle scuole del Comune.  «Se volete il rinnovo  del contratto, ci vogliono i soldini»: queste le parole che  Signorini avrebbe pronunciato davanti al manager. Che non sborsò un euro e si precipitò in procura a fare denuncia.Ma se quella volta la richiesta non andò in porto, alcuni mesi dopo Bernini e Signorini avrebbero  ottenuto  soldi da Mauro Tarana,  amministratore di Parma  Multiservizi, per confermare  l'affidamento  del servizio di ristorazione  nelle scuole e ottenere l'aggiudicazione  della gara d'appalto  per la gestione del servizio bar/ristorante  al quarto piano del Duc. Grazie alla copertura di  un contratto di sponsorizzazione sportiva, circa 8.000 euro in contanti sarebbero stati consegnati a Signorini. Denaro poi destinato a Bernini, secondo quanto sottolineava il gip nell'ordinanza di custodia cautelare. Corruzione: questo il reato per cui è stato chiesto  il rinvio a giudizio anche per Tarana. Nessuna  concussione,  dunque, per la procura,  come aveva invece stabilito il tribunale del Riesame rimettendolo in libertà.  Ma  ora la parola passa al giudice. Primo appuntamento, l'udienza preliminare. Che al momento non è ancora stata fissata.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • 18 Novembre @ 08.03

    Di nuovo Giovanni Paolo Bernini alle cronache giudiziarie: altro berlusconiano rampante, prima Forza Italia poi PDL e adesso di nuovo Forza Italia. Ma guarda che caso, anche lui ha guai con la giustizia come tanti altri del suo partito, primo fra tutti il pluripregiudicato leader nazionale Silvio Berlusconi, che ormai ha più condanne e capi d’imputazione che capelli in testa. Ecco il partito che doveva creare milioni di nuovi posti di lavoro e invece ha portato il paese sull’orlo del baratro sia economico che morale. Il partito di Berlusconi. Il partito con il più alto tasso di indagati, arrestati, prescritti e condannati di tutto il sistema solare.

    Rispondi

  • 18 Novembre @ 08.00

    Di nuovo Giovanni Paolo Bernini alle cronache giudiziarie: altro berlusconiano rampante, prima Forza Italia poi PDL e adesso di nuovo Forza Italia. Ma guarda che caso, anche lui ha guai con la giustizia come tanti altri del suo partito, primo fra tutti il pluripregiudicato leader nazionale Silvio Berlusconi, che ormai ha più condanne e capi d’imputazione che capelli in testa. Ecco il partito che doveva creare milioni di nuovi posti di lavoro e invece ha portato il paese sull’orlo del baratro sia economico che morale. Il partito di Berlusconi. Il partito con il più alto tasso di indagati, arrestati, prescritti e condannati di tutto il sistema solare.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Roger Moore: l'ex James Bond aveva 89 anni

cinema

E' morto Roger Moore: è il primo addio a un protagonista di "007"

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Cena romana per Ivanka a base di gnocchi cacio e pepe

LA VISITA

Cena romana per Ivanka a base di gnocchi cacio e pepe

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I due gatti

CHICHIBIO

"I due Gatti": qui è nata la pizza gourmet... E non solo

di Chichibio

Lealtrenotizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

COMO

False abilitazioni per autotrasportatori: un impiegato Parmalat fra i 12 arrestati

Coinvolti anche 73 autisti legati alla multinazionale. La Parmalat: "Sono collaboratori esterni, siamo parte lesa"

IL FATTO DEL GIORNO

I terroristi sono criminali paranoici ma noi siamo troppo deboli e divisi Video

CALCIO

Parma-Piacenza: ecco le modifiche alla viabilità. Vietata la vendita di alcolici

2commenti

Tg Parma

Cerca di rubare una bici: fermato in via Cavour da un agente fuori servizio Video

Inchiesta sanità

Interrogato De Luca, manager del colosso Angelini: "Ogni risposta è stata documentata" Video

Il manager è difeso da Giulia Bongiorno

CALCIO

Parma-Piacenza, contrattura per Lucarelli. Venduti più di 6mila biglietti

Problemi tecnici: posticipata la chiusura della prevendita per il settore Ospiti

San Leonardo

Ennesima rissa tra pusher

38commenti

novità

Ricevi gratis le news più importanti in tempo reale con il BOT di Gazzetta

Medesano

Incidente e incendio in zona Carnevala: code per un'ora verso Ramiola

corecom

"Campagna elettorale scorretta": esposto di Ghiretti contro Pizzarotti

6commenti

incendio

Via Farini, fiamme su un balcone: allarme rientrato Foto

Fidenza Salso

Addio a Monia Lusignani, l'angelo dei cani abbandonati

Oltretorrente

Si infila nel letto della ex ma trova la madre: arrestato 32enne Video

Nella fuga, l'uomo ha rubato un cellulare ma ha perso il suo: rintracciato e fermato dai carabinieri

2commenti

'NDRANGHETA

Il pentito contro Bernini: «Soldi in cambio di una sanatoria edilizia». La replica: "Bufala colossale"

1commento

Aveva 79 anni

Schianto di Ostia, il ritratto di Maria Dellasavina

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La forza di saper dire "scusate, ho sbagliato"

di Michele Brambilla

4commenti

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

Napoli

Accoltella un compagno in classe per "provare la lama"

Manchester

Kamikaze al concerto: 22 morti e 12 dispersi. L'Isis rivendica Foto

3commenti

SOCIETA'

avvistamenti

"Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino": le foto

2commenti

salute

Morbillo, tre fratellini ricoverati ad Arezzo con loro mamma

3commenti

SPORT

CESENA

Nicky Hayden: la famiglia acconsente all'espianto degli organi

GENOVA

E' morto Stefano Farina, designatore degli arbitri di serie B

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancor più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare