21°

35°

il caso

Affido, un'altra coppia gay: «Hanno fatto la cosa più bella al mondo»

La testimonianza di Vincenzo e Rocco, che convivono da cinque anni

Affido, un'altra coppia gay: «Hanno fatto la cosa più bella al mondo»
0

 

Mara Varoli
Hanno fatto la cosa più bella al mondo. Ognuno di noi ha tanto amore da offrire, perché non farlo?». Vincenzo è felice e orgoglioso per la coppia che ha avuto in affidamento la piccola di tre anni: «Un bimbo ha sempre bisogno di affetto e di sicurezza e se la mamma è sola va aiutata», continua. 
Anche Vincenzo, 57 anni e imprenditore, convive da tempo con un uomo. In una sera d'inverno di cinque anni fa ha conosciuto Rocco, 59 anni: «Un amico in comune ci ha invitato a una cena in un'enoteca - racconta Rocco -. E devo dire che ci siamo piaciuti subito: un colpo di fulmine. Entrambi uscivano da una storia lunga, per cui ci siamo scambiati il numero di telefono. Vincenzo mi ha invitato poco dopo in un ristorante per una cena di pesce e l'intesa è stata immediata. Così abbiamo iniziato a frequentarci e la convivenza è stata naturale: era nato un grande amore. Lui viveva da solo e aveva una casa tutta sua. Ho lasciato il mio paese e sono andato a vivere e a lavorare con lui».
«Siamo pere mature - prosegue Vincenzo - e quella sera abbiamo sentito le campane suonare. Da quel momento siamo diventati la stessa persona. Abbiamo insieme un'impresa di pulizie e a volte capita di fare colazione insieme: chi si alza prima, la prepara. A pranzo torniamo a casa, al limite ci telefoniamo per capire cosa manca in casa e al giovedì pomeriggio insieme andiamo al super che fa gli sconti. Ognuno fa quello in cui è bravo: a me per esempio vengono bene le ricette con le verdure, Rocco invece fa dei primi favolosi. Siamo due uomini e in casa nessuno ha un ruolo fisso: è parità assoluta».
Vincenzo e Rocco non sono sposati, ma la loro convivenza è regolarmente registrata in Comune: «Sì, anche per non avere guai - sottolineano -: la comunità deve sapere che qui vivono due persone. Al matrimonio non abbiamo mai creduto molto. In precedenza abbiamo avuto altre storie, ma poi capita che l'amore si spenga, così come nelle coppie etero: perché tutto finisce ma niente muore. Fortunatamente, alla nostra età si pondera bene prima di chiudere la porta e andarsene, è più facile che capiti quando sei giovane e pensi che dopo ti si possa aprire un portone».
Nessun «sì» ufficiale, ma una convivenza stabile e duratura. Chiaramente con i suoi alti e bassi, come capita a tutti, ma forte di un grande amore. E di adottare un figlio non ne avete mai parlato? «Se io avessi una condizione economica più agiata, non adotterei un figlio, ma lo prenderei in affidamento, proprio come ha fatto la coppia di Parma - confessa Vincenzo -. Bisogna premettere che per me il mestiere del genitore è il più difficile al mondo. In affidamento ho delle responsabilità che in adozione non avrei: se commetto un errore con il bambino so di essere controllato da un assistente sociale. E io ho bisogno, proprio perchè sono molto attento e rispettoso dell'altro, che qualcuno veda e provveda a ciò che faccio. Quando poi il bambino raggiungerà la maggiore età se vorrà essere adottato da noi allora lo accontenterei e gli offrirei la possibilità di avere anche il mio cognome. Ma dovrà essere lui a decidere». 
Vincenzo ha cinque nipoti e tutti lo adorano: «Addirittura, ho sempre guardato le trasmissioni per bambini, proprio per essere continuamente aggiornato sui loro interessi - dice -. Tant'è vero che quando vado al mare, in spiaggia, sono tanti i bimbi che mi chiamano nonno». Nessuna differenza quindi tra un papà eterosessuale e un papà omosessuale? «Assolutamente no - conclude Vincenzo -. Basta andare all'Arci Gay e vedere quanti papà etero continuino a fare il loro mestiere di genitore anche dopo avere scelto l'omosessualità. Oppure quanti uomini sposati con donne e con figli hanno in tasca la tessera dell'Arci gay: almeno una buona percentuale, il 60% degli iscritti».
Mara Varoli

 

Hanno fatto la cosa più bella al mondo. Ognuno di noi ha tanto amore da offrire, perché non farlo?». Vincenzo è felice e orgoglioso per la coppia che ha avuto in affidamento la piccola di tre anni: «Un bimbo ha sempre bisogno di affetto e di sicurezza e se la mamma è sola va aiutata», continua. Anche Vincenzo, 57 anni e imprenditore, convive da tempo con un uomo. In una sera d'inverno di cinque anni fa ha conosciuto Rocco, 59 anni: «Un amico in comune ci ha invitato a una cena in un'enoteca - racconta Rocco -. E devo dire che ci siamo piaciuti subito: un colpo di fulmine. Entrambi uscivano da una storia lunga, per cui ci siamo scambiati il numero di telefono. Vincenzo mi ha invitato poco dopo in un ristorante per una cena di pesce e l'intesa è stata immediata. Così abbiamo iniziato a frequentarci e la convivenza è stata naturale: era nato un grande amore. Lui viveva da solo e aveva una casa tutta sua. Ho lasciato il mio paese e sono andato a vivere e a lavorare con lui».«Siamo pere mature - prosegue Vincenzo - e quella sera abbiamo sentito le campane suonare. Da quel momento siamo diventati la stessa persona. Abbiamo insieme un'impresa di pulizie e a volte capita di fare colazione insieme: chi si alza prima, la prepara. A pranzo torniamo a casa, al limite ci telefoniamo per capire cosa manca in casa e al giovedì pomeriggio insieme andiamo al super che fa gli sconti. Ognuno fa quello in cui è bravo: a me per esempio vengono bene le ricette con le verdure, Rocco invece fa dei primi favolosi. Siamo due uomini e in casa nessuno ha un ruolo fisso: è parità assoluta».Vincenzo e Rocco non sono sposati, ma la loro convivenza è regolarmente registrata in Comune: «Sì, anche per non avere guai - sottolineano -: la comunità deve sapere che qui vivono due persone. Al matrimonio non abbiamo mai creduto molto. In precedenza abbiamo avuto altre storie, ma poi capita che l'amore si spenga, così come nelle coppie etero: perché tutto finisce ma niente muore. Fortunatamente, alla nostra età si pondera bene prima di chiudere la porta e andarsene, è più facile che capiti quando sei giovane e pensi che dopo ti si possa aprire un portone».Nessun «sì» ufficiale, ma una convivenza stabile e duratura. Chiaramente con i suoi alti e bassi, come capita a tutti, ma forte di un grande amore. E di adottare un figlio non ne avete mai parlato? «Se io avessi una condizione economica più agiata, non adotterei un figlio, ma lo prenderei in affidamento, proprio come ha fatto la coppia di Parma - confessa Vincenzo -. Bisogna premettere che per me il mestiere del genitore è il più difficile al mondo. In affidamento ho delle responsabilità che in adozione non avrei: se commetto un errore con il bambino so di essere controllato da un assistente sociale. E io ho bisogno, proprio perchè sono molto attento e rispettoso dell'altro, che qualcuno veda e provveda a ciò che faccio. Quando poi il bambino raggiungerà la maggiore età se vorrà essere adottato da noi allora lo accontenterei e gli offrirei la possibilità di avere anche il mio cognome. Ma dovrà essere lui a decidere». Vincenzo ha cinque nipoti e tutti lo adorano: «Addirittura, ho sempre guardato le trasmissioni per bambini, proprio per essere continuamente aggiornato sui loro interessi - dice -. Tant'è vero che quando vado al mare, in spiaggia, sono tanti i bimbi che mi chiamano nonno». Nessuna differenza quindi tra un papà eterosessuale e un papà omosessuale? «Assolutamente no - conclude Vincenzo -. Basta andare all'Arci Gay e vedere quanti papà etero continuino a fare il loro mestiere di genitore anche dopo avere scelto l'omosessualità. Oppure quanti uomini sposati con donne e con figli hanno in tasca la tessera dell'Arci gay: almeno una buona percentuale, il 60% degli iscritti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

francia

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

Clooney vende il marchio della sua tequila per un miliardo di dollari

Clooney con la moglie Amal. (foto d'archivio)

Il caso

Clooney vende il marchio della sua tequila per un miliardo di dollari

elefantino che rincorre gli uccelli

natura

L'elefantino che rincorre gli uccelli Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Da Romano», qualità a conduzione famigliare

CHICHIBIO

«Da Romano», qualità a conduzione famigliare

di chichibio

Lealtrenotizie

Pizzarotti-Scarpa, scontro a tutto campo. Diretta su Tv Parma

Piazza gremita per il colloquio Pizzarotti-Scarpa

Scintille in Piazza

Pizzarotti-Scarpa, scontro a tutto campo prima del ballottaggio

L'ultimo confronto pubblico tra i due candidati

5commenti

consiglio dei ministri

Stato emergenza a Parma e Piacenza per crisi idrica: fondi e prelievi di acqua in deroga - Video

Pomodoro in difficoltà: preoccupati agricoltori e trasformatori (Leggi)

1commento

viale piacenza

Patente falsa, auto senza revisione: denunciato un Ivoriano

2commenti

SALA BAGANZA

Le fiamme divorano il deposito di una disossatura: due vigili del fuoco feriti Video

Salvata la fabbrica vicina. Dipendenti al lavoro nello stabilimento produttivo 

weekend

Primo weekend d'estate: ecco le cose da non perdere

anteprima gazzetta

Ultimo "scontro": Scarpa e Pizzarotti parlano di sicurezza Video

il personaggio

Raffaella Bompani da record: è sempre lei la regina dei viaggi su misura

Per il quinto anno consecutivo è la miglior consulente di viaggio italiana

incidente

Frontale in via Baganzola: due feriti al Pronto soccorso

Tv Parma

Salvini: "Se votassi qui non darei il voto a Scarpa"

Questa sera intervista su Tv Parma

12commenti

SIENA

Palio Siena: ipotesi numero chiuso e vietato ad under 12

Misure a vaglio comitato sicurezza, non più di 15mila persone

Gaione

Ladri in camera da letto, anziana finge di dormire

6commenti

SONDAGGIO

Nel Parma in B preferireste rivedere Cassano o Gilardino? Votate

15commenti

via della salute

La banda degli scooter torna in azione. Ma stavolta è costretta a fuggire Foto

10commenti

sant'ilario

Rapina all’ufficio postale di Calerno: caccia all'uomo nel Parmense

Tre malviventi fuggiti con circa 2.000 euro

gazzareporter

Portici del Grano: parcheggio, simbolo o rappresentanza? Foto

tg parma

La città vissuta su una carrozzina: Scarpa e Pizzarotti in giro con Anmic Video

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Maturità, temi lontani dalla realtà della scuola

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

sanità

Bimbo di 6 anni muore per le complicanze del morbillo

teramo

Dottoressa accoltellata a morte: il presunto killer si è ucciso

SOCIETA'

galles

Il fidanzato la tradisce, lei si vendica sulla sua Bmw Video

GUSTO

I tortelli diversi: ecco le ricette

1commento

SPORT

calcio

Rivoluzione: la U20 cinese giocherà la serie D tedesca

tg parma

Il Parma in ritiro a Pinzolo dal 20 luglio al 3 agosto Video

MOTORI

novità

Volkswagen Arteon, salutate l'ammiraglia

TECNOLOGIA

L'auto? La proveremo sul divano. Parola di Ford