POLITICA

Privatizzazioni: botta e risposta Dall'Olio-M5s

Prosegue la polemica sulla Tep

Deposito Tep

Deposito Tep

Ricevi gratis le news
3

Botta e risposta fra il capogruppo Pd Nicola Dall'Olio e quello dei Cinque stelle Bosi, sul tema delle privatizzazioni. Ecco i due comunicati:

Pizzarotti e le privatizzazioni: l'antica arte della smentita
 
Il sindaco Pizzarotti, sempre più in difficoltà con le incoerenze del suo operato rispetto ai proclami elettorali e agli anatemi di Grillo, sta diventando un vero esperto in smentite, del tutto simile ai tanto disprezzati esponenti della vecchia politica che il suo MoVimento si propone di sostituire. Unica vera novità: ora le smentite arrivano via Internet, attraverso Facebook e Twitter.
 
Dopo l’inceneritore, che non aveva mai promesso di chiudere, con un nuovo post Pizzarotti ci dice che non ha “mai pensato di privatizzare il trasporto pubblico”. Non si capisce allora come si dovrebbe chiamare la vendita a privati del 49% di Tep, con diritto di nomina dell’amministratore delegato da parte del socio entrante, approvata in aprile con un bando di gara poi andato deserto. Operazione analoga a quella che intendeva fare il sindaco di Genova Doria contro cui si è scagliato Beppe Grillo scendendo in piazza per chiamare a raccolta il paese in una battaglia epocale “perché i trasporti sono un bene pubblico e nessuno deve arrogarsi il diritto di venderli ai privati”. Se per Grillo la cessione di quote ai privati è una sciagura perché allora non è venuto in piazza a Parma per bloccare la gara di Tep?
 
La verità è che l’amministrazione Pizzarotti, in tema di privatizzazioni e non solo (vedi inceneritore) fa l’esatto contrario di quanto dice Grillo, paladino un po’ strabico della gestione pubblica dei servizi locali. Sull’acqua, in barba alle mozioni del suo stesso gruppo consiliare, ha dato di fatto il via libera alla cessione nel 2015 alle banche creditrici delle azioni IREN, cosa che porterà alla perdita di ogni controllo sulle scelte di investimento e di gestione del servizio idrico; sui servizi all’infanzia, dopo avere promesso nel programma elettorale la chiusura della s.p.a. Parma 06, si è deciso di allungare da 12 a 13 anni il contratto in essere con il Comune; e sulla gestione della raccolta dei rifiuti, nonostante nell’ultimo Consiglio sia stata approvata una mozione del gruppo PD per l’affidamento a un soggetto totalmente pubblico, la Giunta, attraverso l’assessore Folli, ha fatto capire che si andrà verso un modello pubblico-privato secondo le stesse modalità seguite per Tep.
 
Piuttosto che smentire la realtà, Pizzarotti dovrebbe preoccuparsi di smentire il suo collega di partito On. Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera, che ieri sulla TV nazionale, al programma dell’Annunziata, dopo aver concionato sulla coerenza politica del M5S rispetto agli altri partiti ha dichiarato che la Tep “non è una società di trasporto essenziale, ma uno dei tanti carrozzoni organizzati negli anni che si sta cercando di razionalizzare”. Una dichiarazione lesiva della dignità dell’azienda e di chi ci lavora che dimostra la totale ignoranza della realtà aziendale, una delle poche società di trasporto pubblico in Italia con bilanci in attivo, liquidità e capacità di investimento.
 
Su questo però Pizzarotti tace. Nemmeno un tweet, un post. Un vecchio politico vestito di nuovo che non difende nemmeno il proprio Comune contro affermazioni infondate e infamanti di esponenti nazionali del proprio partito. Se questi sono la novità, la città e il paese ne possono fare davvero a meno. 
 
Nicola Dall'Olio
Capogruppo PD Consiglio Comunale di Parma

COMUNICATO DALL'OLIO

Pizzarotti e le privatizzazioni: l'antica arte della smentita 

Il sindaco Pizzarotti, sempre più in difficoltà con le incoerenze del suo operato rispetto ai proclami elettorali e agli anatemi di Grillo, sta diventando un vero esperto in smentite, del tutto simile ai tanto disprezzati esponenti della vecchia politica che il suo MoVimento si propone di sostituire. Unica vera novità: ora le smentite arrivano via Internet, attraverso Facebook e Twitter.
 
Dopo l’inceneritore, che non aveva mai promesso di chiudere, con un nuovo post Pizzarotti ci dice che non ha “mai pensato di privatizzare il trasporto pubblico”. Non si capisce allora come si dovrebbe chiamare la vendita a privati del 49% di Tep, con diritto di nomina dell’amministratore delegato da parte del socio entrante, approvata in aprile con un bando di gara poi andato deserto. Operazione analoga a quella che intendeva fare il sindaco di Genova Doria contro cui si è scagliato Beppe Grillo scendendo in piazza per chiamare a raccolta il paese in una battaglia epocale “perché i trasporti sono un bene pubblico e nessuno deve arrogarsi il diritto di venderli ai privati”. Se per Grillo la cessione di quote ai privati è una sciagura perché allora non è venuto in piazza a Parma per bloccare la gara di Tep?
 
La verità è che l’amministrazione Pizzarotti, in tema di privatizzazioni e non solo (vedi inceneritore) fa l’esatto contrario di quanto dice Grillo, paladino un po’ strabico della gestione pubblica dei servizi locali. Sull’acqua, in barba alle mozioni del suo stesso gruppo consiliare, ha dato di fatto il via libera alla cessione nel 2015 alle banche creditrici delle azioni IREN, cosa che porterà alla perdita di ogni controllo sulle scelte di investimento e di gestione del servizio idrico; sui servizi all’infanzia, dopo avere promesso nel programma elettorale la chiusura della s.p.a. Parma 06, si è deciso di allungare da 12 a 13 anni il contratto in essere con il Comune; e sulla gestione della raccolta dei rifiuti, nonostante nell’ultimo Consiglio sia stata approvata una mozione del gruppo PD per l’affidamento a un soggetto totalmente pubblico, la Giunta, attraverso l’assessore Folli, ha fatto capire che si andrà verso un modello pubblico-privato secondo le stesse modalità seguite per Tep.
 
Piuttosto che smentire la realtà, Pizzarotti dovrebbe preoccuparsi di smentire il suo collega di partito On. Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera, che ieri sulla TV nazionale, al programma dell’Annunziata, dopo aver concionato sulla coerenza politica del M5S rispetto agli altri partiti ha dichiarato che la Tep “non è una società di trasporto essenziale, ma uno dei tanti carrozzoni organizzati negli anni che si sta cercando di razionalizzare”. Una dichiarazione lesiva della dignità dell’azienda e di chi ci lavora che dimostra la totale ignoranza della realtà aziendale, una delle poche società di trasporto pubblico in Italia con bilanci in attivo, liquidità e capacità di investimento.
 
Su questo però Pizzarotti tace. Nemmeno un tweet, un post. Un vecchio politico vestito di nuovo che non difende nemmeno il proprio Comune contro affermazioni infondate e infamanti di esponenti nazionali del proprio partito. Se questi sono la novità, la città e il paese ne possono fare davvero a meno. 
 
Nicola Dall'Olio
Capogruppo PD Consiglio Comunale di Parma

COMUNICATO BOSI

La gara a doppio oggetto pubblico-privato è stato l’unico tentativo possibile compiuto da questa Giunta per mantenere Tep in mani pubbliche. E questo Dall’Olio lo sa bene, ma in vista del Congresso del Pd deve tirare forzatamente acqua al suo mulino (tanto per parlare della politica coerente). Il Patto Stabilità voluto dal Pd e dal Pdl non permette al Comune di Parma di avere un servizio completamente pubblico in-house, anche se noi avremmo voluto mirare proprio a questo. E anche questo Dall’Olio lo sa, ma si guarda bene dal dirlo, dato che c’è di mezzo il suo coerente partito. Così l’Amministrazione ha pensato di creare un bando in cui il pubblico avrebbe mantenuto la maggioranza di Tep, mentre il privato sarebbe sì subentrato, ma in minoranza e soltanto per un periodo limitato di tempo, e con i profitti riutilizzati solo ed esclusivamente per i lavoratori Tep e per il servizio di trasporto al cittadino. Consigliere Dall’Olio, quando dà informazioni, le dia complete.

Marco Bosi

Capogruppo

Movimento 5 Stelle Parma  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • silvia

    26 Novembre @ 11.49

    s!lvia

    Non ho ascoltato Di Maio, gli interventi demenziali dei grillini di Parma mi bastano e avanzano. Sconnessi e demenziali proprio

    Rispondi

  • Paolo72

    26 Novembre @ 01.41

    Di Maio non ha parlato espressamente di TEP, ha parlato di molte infrastrutture inutili, e di migliore funzionamento generale. Come al solito si strumentalizzano le parole, da una parte e dall'altra.

    Rispondi

  • nebbiaabanchi

    25 Novembre @ 19.41

    Bosi, invece due paroline su Di Maio...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

2commenti

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat