-2°

il caso

Le bande di giovanissimi che fanno paura alla città

Dal centro alla periferia i volti sono diversi ma la rabbia è la stessa. E qualcuno comincia ad aver timore ad andare a scuola

Baby gang

Baby gang

Ricevi gratis le news
25

Chiamatele baby gang, bande giovanili, chiamatele come volete. Tanto la storia è sempre la stessa. Una storia che si ripete in alcune aree del centro - la Galleria Polidoro, la zona intorno al Regio, i borghi vicini al Duomo - e in periferia -via Aleotti, via Carra, il parco Falcone e Borsellino - e di cui troppo spesso finiscono per occuparsi le pagine di cronaca. Che raccontano di ragazzi giovanissimi. Ma che fanno paura anche ai grandi. «Devi scegliere la tua banda, costruirti la fama di uno che picchia. E farti rispettare»: questa la raggelante filosofia di vita di alcuni di questi ragazzini - i più giovani hanno poco più di 14 anni - sentiti dalla «Gazzetta» di recente. Dopo che l'aggressione al metallaro errante, la maxi rissa per una ragazzina di piazzale Borri e diverse altre scaramucce hanno reso evidente che anche a Parma il disagio giovanile si esprime in gruppo. E l'alfabeto comune sono le botte. «Ci sono infatti alcune zone piuttosto calde», ammettono con cautela le forze dell'ordine che, infatti, come nel caso di sabato scorso, organizzano servizi mirati anche con agenti in borghese. Che identificano i più agitati e cercano di capire dinamiche e comprendere le gerarchie. Ma questi gruppi spesso si spostano, migrano in altre zone, cercano aree franche dove affrontarsi. Pronti a sparpagliarsi, svanire e ricomparire quando le divise non sono più in vista. E in questo senso la vicenda della rapina allo studente del liceo Bertolucci dell'altro giorno appare esemplare: qualcuno più prepotente, e che si ritiene più forte, pensa di poter fare qualunque cosa. Almeno se di fronte ci si trova qualcuno in apparenza indifeso.

«Il vero problema è che non si tratta di un caso isolato - racconta uno studente che frequenta una delle scuole della zona. - E' infatti grave la situazione che si è venuta a creare intorno al plesso scolastico di via Toscana: i parchi e i cortili attorno alle scuole sono infatti considerati da noi studenti dei luoghi pericolosi, in cui si deve aver paura di passare. Il rischio qui è attirare su di sè l’ira dei soliti bulli che stanno sulle panchine a fissare chi passa cercando l'occasione per litigare. Io credo che questo episodio non debba finire qui, ma debba essere interpretato come un importante segnale d’allarme. Non è concepibile che uno studente abbia paura di andare a scuola». Già, paura: lo stesso timore che raccontano i negozianti della galleria Polidoro che si devono barricare dietro le vetrine quando l'ondata di minorenni invade la galleria. «Ci ridono in faccia: sanno di non rischiare praticamente nulla», spiegano raccontando poi di zuffe e vandalismi a intermittenza. Dal centro alla periferia lo scenario non cambia. I volti sono diversi. Ma la rabbia è la stessa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Eddard

    02 Dicembre @ 14.32

    castamerains@gmail.com

    Qua non si tratta di xenofobia sig. Andrea qua si tratta che la gente è stanca!!! ma quale xenofobia questa parola di cui infarcite i discorsi non significa un c... ha capito??? Qua non si sa come arrivare a fine mese e si devono pure tollerare bastardelli figli di immigrati che invece di essere riconoscenti al paese che li ospita e ha dato loro una possibilità si permettono atteggiamenti simili!?!? Ma scherziamo ????????? La sua xenofobia se la può ficcare in quel posto!

    Rispondi

  • Andrea

    01 Dicembre @ 21.33

    E poi, dopo quello che mi avete detto, temo cento volte più voi che gli stranieri. Voi che dite, con una violenza che mi sconcerta (e senza rispondere a una delle domande che vi ho posto): «la volta che questi signori che lui difende andranno a rubargli in casa o la volta che suo figlio tornerà a casa con il naso rotto forse si sveglierà anche lui».

    Rispondi

  • Andrea

    01 Dicembre @ 12.18

    Non ho mai detto «razzista» o «razzisti», ho detto «xenofobi». Andate a vedervi la differenza, signori miei. Un vocabolario non vi farà male.

    Rispondi

  • Piero

    30 Novembre @ 11.39

    Maurizio, episodi di violenza e di furti ci sono sempre stati, questa non è una novità. Anche negli anni ottanta c'era chi si tirava cazzotti e chi rubava in casa (che poi al 99% erano zingari...), ma anche senza Gazzetta online, telefonini ecc... ricordo bene una sicurezza di gran lunga maggiore rispetto a oggi. Personalmente abitavo al piano terra, senza sbarre alle finestre e spesso, in estate, con la porta sul giardino socchiusa. Risultato MAI successo nulla! Ora, venir qui a dire che all'epoca era peggio di oggi significa spararla VERAMENTE grossa! Onestamente mi chiedo perchè negare la realtà, lei dice di non arrampicarsi sugli specchi? In pratica il suo ragionamento è come dire che, in base alla violenza sulle donne riscontrata in questi anni, la nostra visione della figura femminile e peggiore di quella che si ha nella società islamica, ho reso l'idea? Cerchiamo di smetterla di vedere razzisti ovunque, è esattamente come vedere solo presunte "toghe rosse".

    Rispondi

  • Piero

    28 Novembre @ 20.49

    Maurizio, ha deciso di sfidare Mauro in arrampicata sugli specchi? Tra un pò dirà 70 anni fa così da tirare in ballo i fascisti! Cerchiamo di essere seri. Come si dice da noi anche da più di 30, che becco di ferro... Se poi 30 anni fa lei girava per i centri (a)sociali, beh, allora i conti tornano!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

Scomparso a 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

calcio

Il Parma s'accontenta

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

Gara

La grande sfida degli anolini

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande