12°

inchiesta

Ex scalo merci, il pm chiede 5 rinvii a giudizio

Abuso d'ufficio per i dirigenti Savi, Barbieri e Benecchiche seguirono il progetto

ex scalo merci

ex scalo merci

Ricevi gratis le news
0
Abuso d'ufficio 
per i dirigenti  Savi, Barbieri  e Benecchi
che seguirono il progetto

 

Georgia Azzali
Ognuno nel proprio ruolo, ma tutti - secondo la procura - sapevano che l'area dell'ex scalo merci presentava dei livelli di contaminazione. Eppure, il progetto per la riqualificazione partì ugualmente. La procura  ha chiesto il rinvio a giudizio per Ivano Savi, Costanza Barbieri, Stefania Benecchi, Paolo Giovanelli e Riccardo Mingori. I primi tre, dirigenti e funzionari pubblici che seguirono l'iter del procedimento tra il 2009 e il 2010,    sono imputati di abuso d'ufficio e violazioni del decreto 152 del 2006.  L'ex consulente esterno di Stt e l'imprenditore devono invece rispondere  solo di  contravvenzioni relative sempre  alla norma in materia ambientale  entrata in vigore sette anni fa.   L'udienza preliminare,   davanti al gup Maria Cristina Sarli, è stata fissata per il 23 gennaio.   La scorsa primavera, alla fine delle indagini preliminari,  erano usciti di scena l'ex assessore comunale all'Urbanistica, Francesco  Manfredi, e l'ex numero uno di Stu Stazione, Costantino Monteverdi, per i quali  il pm Paola Reggiani ha chiesto l'archiviazione dell'accusa di abuso d'ufficio.  
Nell'area dell'ex scalo merci, compresa tra viale Fratti e la ferrovia,  era prevista la realizzazione della  nuova questura, del polo pediatrico dell'Ausl e di un  centro direzionale-commerciale. Ma l'intera zona fu messa sotto sequestro nel gennaio 2011. E i sigilli furono tolti diversi mesi dopo, a partire dall'area Mingori-Unieco, seppure - nel caso dei comparti della questura e del polo pediatrico - dopo un'analisi del rischio. Per quanto riguarda la zona privata, infatti, la Conferenza dei servizi della Provincia aveva giudicato l'area «non contaminata», dal momento che i valori di riferimento erano quelli per le aree non residenziali. I lavori per il polo pediatrico sono cominciati la scorsa estate. Tramontato, invece, il progetto della questura. 
 Ma veniamo alle accuse. Secondo la procura, Savi, numero uno del settore pianificazione territoriale del Comune, e la Barbieri, come responsabile del procedimento, nel 2009 consentirono che il consiglio comunale approvasse la variante al Pua e fosse rilasciato il permesso di costruire a Mingori-Unieco. I due dirigenti, però,  si legge nella richiesta di rinvio a giudizio, sapevano che   «sull'area era stato rilevato il superamento delle concentrazioni soglia di contaminazione per il parametro della colonna A degli idrocarburi». Entrambi sarebbero stati anche a conoscenza delle concentrazioni oltre i limiti consentiti  anche nel  comparto del polo pediatrico, ma non informarono   Regione e Provincia: da qui le violazioni al decreto del 2006. 
Inoltre, tra luglio e agosto 2010, Savi, come direttore tecnico di Stt, e Stefania  Benecchi, allora direttore finanziario e amministrativo della holding comunale, pur sapendo che l'area destinata alla nuova questura era contaminata, «tacevano in maniera consapevole la circostanza appresa» sia preparando gli atti che  durante la conferenza dei servizi in Comune, sottolinea il pm.  In questo modo, secondo l'accusa, l'iter della progettazione arrivò fino in fondo, ma soprattutto nella spesa non venne contemplato il «vero» impegno economico per lo smaltimento dei materiali inquinanti: 150.000 euro i costi  presentati in sede di approvazione e stanziamento delle risorse, mentre quelli reali  per la bonifica erano  decisamente maggiorati. 
Né Savi né la Benecchi, inoltre, così come Giovanelli, pur sapendo che nell'area della questura le concentrazioni di elementi inquinanti superavano la soglia consentita, fecero una comunicazione agli enti preposti. Analoga contestazione, relativa sempre al decreto del 2006, per Mingori: avendo commissionato una serie di indagini conoscitive allo studio Alfa di Reggio, secondo la procura, era a conoscenza del superamento delle concentrazioni o comunque del pericolo concreto del superamento nella sua area, ma non comunicò la cosa alla Provincia. Accuse che Mingori ha sempre respinto.
 La palla passa ora al giudice. Primo appuntamento con l'udienza preliminare  tra meno di due mesi. 
Georgia Azzali

Ognuno nel proprio ruolo, ma tutti - secondo la procura - sapevano che l'area dell'ex scalo merci presentava dei livelli di contaminazione. Eppure, il progetto per la riqualificazione partì ugualmente. 
La procura  ha chiesto il rinvio a giudizio per Ivano Savi, Costanza Barbieri, Stefania Benecchi, Paolo Giovanelli e Riccardo Mingori. I primi tre, dirigenti e funzionari pubblici che seguirono l'iter del procedimento tra il 2009 e il 2010,    sono imputati di abuso d'ufficio e violazioni del decreto 152 del 2006.  L'ex consulente esterno di Stt e l'imprenditore devono invece rispondere  solo di  contravvenzioni relative sempre  alla norma in materia ambientale  entrata in vigore sette anni fa.   
L'udienza preliminare,   davanti al gup Maria Cristina Sarli, è stata fissata per il 23 gennaio. La scorsa primavera, alla fine delle indagini preliminari, erano usciti di scena l'ex assessore comunale all'Urbanistica, Francesco Manfredi, e l'ex numero uno di Stu Stazione, Costantino Monteverdi, per i quali il pm Paola Reggiani ha chiesto l'archiviazione dell'accusa di abuso d'ufficio.
Nell'area dell'ex scalo merci, compresa tra viale Fratti e la ferrovia, era prevista la realizzazione della nuova questura, del polo pediatrico dell'Ausl e di un centro direzionale-commerciale. Ma l'intera zona fu messa sotto sequestro nel gennaio 2011. E i sigilli furono tolti diversi mesi dopo, a partire dall'area Mingori-Unieco, seppure - nel caso dei comparti della questura e del polo pediatrico - dopo un'analisi del rischio. Per quanto riguarda la zona privata, infatti, la Conferenza dei servizi della Provincia aveva giudicato l'area «non contaminata», dal momento che i valori di riferimento erano quelli per le aree non residenziali. I lavori per il polo pediatrico sono cominciati la scorsa estate. Tramontato, invece, il progetto della questura.
Ma veniamo alle accuse. Secondo la procura, Savi, numero uno del settore pianificazione territoriale del Comune, e la Barbieri, come responsabile del procedimento, nel 2009 consentirono che il consiglio comunale approvasse la variante al Pua e fosse rilasciato il permesso di costruire a Mingori-Unieco. I due dirigenti, però, si legge nella richiesta di rinvio a giudizio, sapevano che «sull'area era stato rilevato il superamento delle concentrazioni soglia di contaminazione per il parametro della colonna A degli idrocarburi». Entrambi sarebbero stati anche a conoscenza delle concentrazioni oltre i limiti consentiti anche nel comparto del polo pediatrico, ma non informarono Regione e Provincia: da qui le violazioni al decreto del 2006.
Inoltre, tra luglio e agosto 2010, Savi, come direttore tecnico di Stt, e Stefania Benecchi, allora direttore finanziario e amministrativo della holding comunale, pur sapendo che l'area destinata alla nuova questura era contaminata, «tacevano in maniera consapevole la circostanza appresa» sia preparando gli atti che durante la conferenza dei servizi in Comune, sottolinea il pm. In questo modo, secondo l'accusa, l'iter della progettazione arrivò fino in fondo, ma soprattutto nella spesa non venne contemplato il «vero» impegno economico per lo smaltimento dei materiali inquinanti: 150.000 euro i costi presentati in sede di approvazione e stanziamento delle risorse, mentre quelli reali per la bonifica erano decisamente maggiorati.
Né Savi né la Benecchi, inoltre, così come Giovanelli, pur sapendo che nell'area della questura le concentrazioni di elementi inquinanti superavano la soglia consentita, fecero una comunicazione agli enti preposti. Analoga contestazione, relativa sempre al decreto del 2006, per Mingori: avendo commissionato una serie di indagini conoscitive allo studio Alfa di Reggio, secondo la procura, era a conoscenza del superamento delle concentrazioni o comunque del pericolo concreto del superamento nella sua area, ma non comunicò la cosa alla Provincia. Accuse che Mingori ha sempre respinto.
La palla passa ora al giudice. Primo appuntamento con l'udienza preliminare tra meno di due mesi. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

GAZZAFUN

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

La canzone di Libera contro la mafia dei ragazzi dell'Udu e dei pensionati Cgil

Tg Parma

Studenti e pensionati nella canzone di Libera contro la mafia

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Gli Harlem Globtrotters stregano il Palaraschi (1986)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Controlli congiunti della polizia municipale e ispettori Ausl: sequestrati alimenti in cattivo stato di conservazione in un esercizio commerciale

San Leonardo

Carne e pesce scaduti: denunciato il titolare di un negozio di alimentari

Inflitte anche multe per oltre duemila euro

1commento

Furto

Il ladro va in cantina e trova... il grande fratello

4commenti

CARABINIERI

Coltivano marijuana in casa: coppia agli arresti domiciliari a Colorno

Due 37enni sono stati arrestati in flagrante: sequestrate piante e 180 di marijuana in essiccazione

3commenti

ospedale

Ortopedia: ecco le nuove sale operatorie

Sono dotate delle più moderne attrezzature. Vaienti: «Più qualità e più sicurezza»

Parma

Sfondano la vetrina della concessionaria Boselli e rubano quattro moto nuove

Intervento della polizia in via La Spezia

2commenti

Tg Parma

Parco Ducale sempre più insicuro Video

1commento

LUTTO

Addio a Gianmaria Piccinini, fonico del Regio e tifoso del Parma Video

Tg Parma

Smog, per tre giorni consecutivi Pm10 fuori norma Video

1commento

PARMA

Inseguimento nella notte a San Pancrazio: un uomo abbandona l'auto e fugge

Dopo l'alt dei carabinieri, un africano alla guida di una Peugeot 307 è fuggito a fari spenti a tutta velocità

2commenti

Traffico

Strada chiusa per recuperare il camion incidentato

La provinciale Parma-Mezzani

PARMA

Black Friday: sale la febbre per gli sconti Video

CALCIO

Il Parma verso Carpi con un ballottaggio per il "vice Calaiò" Video

L'intervista

Il carabiniere investito: «Voglio tornare sulla strada»

Lutto

Addio Roberta, maestra di una volta

Sicurezza

La Cittadella al buio: nessuno ci va più

5commenti

PARMA

Centro Antiviolenza, aumentano le donne che chiedono aiuto: 265 quest'anno

Sono aumentate rispetto al 2016 le vittime di violenza che si sono rivolte all'associazione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi di Berlino. Cosa sconta la Merkel

di Domenico Cacopardo

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

5commenti

ITALIA/MONDO

spagna

Italiano ucciso in una rissa a Barcellona

MILANO

Ladro ucciso: l'oste pubblica le sue ricette per pagarsi il processo

1commento

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Milan e Atalanta, pari per la Lazio: tutte qualificate

IL CASO

Violenza sessuale: 9 anni a Robinho, ex del Milan

SOCIETA'

SALUTE

Quando il design aiuta le mani impacciate Gallery

Francia

Ustionato al 95%, vive per il trapianto di pelle dal gemello

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery