14°

il caso

Malata di cataratta, aspetta l'intervento da otto mesi

Il figlio: «Hanno detto che ormai si andrà all'anno prossimo»

Bice Pisi, 86 anni, con il figlio Carlo Ferrari

Bice Pisi, 86 anni, con il figlio Carlo Ferrari

2

 

rancesco Bandini
Fare richiesta a marzo per un intervento di cataratta all'ospedale Maggiore e sentirsi dire a novembre, dopo otto mesi di attesa, che «ormai si andrà all'anno prossimo». Mentre, nel frattempo, la malattia progredisce e la vista peggiora notevolmente. Vittima di questo caso di ordinaria lentezza della sanità pubblica è una donna di 86 anni del Botteghino, Bice Pisi, invalida al 100%, dializzata e costretta su una sedia a rotelle, che da un occhio non vede praticamente più e dall'altro vede ormai pochissimo. Di fronte a un problema così grave che è in costante peggioramento, e soprattutto di fronte all'incertezza più totale sui tempi dell'intervento, il figlio dell'anziana, disperato, ha bussato a tutte le porte, fino a decidersi a denunciare pubblicamente la cosa. «Anche se è brutto da pensare - osserva amareggiato Carlo Ferrari - forse ha davvero ragione mia madre quando, piangendo, dice che l'operazione non gliela vogliono fare perché se nel frattempo muore risparmiano i soldi».
La vicenda inizia il 19 marzo di quest'anno, quando la signora fa richiesta di una visita pre-intervento in vista dell'operazione per la cataratta di cui soffre da tempo. La visita viene fissata per il successivo 13 giugno, ovvero tre mesi dopo: e già questa attesa non è certo poco. Finalmente arriva il 13 giugno e la signora viene visitata all'ambulatorio di oculistica del Maggiore, dove le dicono che sarà richiamata una volta fissata la data dell'intervento. La cosa sembra imminente, dal momento che alla signora vengono anche consegnati tutti i documenti contenenti le istruzioni da seguire prima dell'operazione e i moduli da restituire firmare.
«Da quel giorno, però, nessuno si è più fatto vivo con noi», spiega il figlio. Che dopo aver aspettato inutilmente per cinque mesi che il telefono squillasse, una settimana fa decide di andare direttamente all'ambulatorio di oculistica per chiedere informazioni sui tempi di questa operazione. «Lì mi hanno detto - ricorda ancora il figlio - che effettivamente sono indietro, che c'è un po' di ingolfamento e che a questo punto si andrà all'anno prossimo». Una risposta che non lo soddisfa per nulla, specie perché la vista della madre va sempre peggio. E così si rivolge prima al Tribunale per i diritti del malato e poi all'Ufficio relazioni con il pubblico dell'ospedale. Quest'ultimo raccoglie la sua segnalazione, acquisisce informazioni e ricontatta Ferrari, confermando che effettivamente esistono problemi legati ai tempi di attesa, dovuti in particolare al fatto che quel tipo di intervento richiede anche la presenza di un anestesista.
Ferrari a questo punto torna all'ospedale, sempre all'ambulatorio di oculistica, e chiede nuovamente se i tempi debbano essere proprio così lunghi come gli è stato prospettato, dal momento che la madre è in attesa già da tanto tempo. E in quell'occasione gli rispondono, ancora una volta, in modo evasivo. «Non mi è rimasto altro da fare che rivolgermi alla Gazzetta, perché è giusto che la gente sappia che all'ospedale esistono situazioni di questo tipo». E, con grande amarezza, aggiunge: «Se potessi permettermelo, avrei già fatto operare mia madre operare privatamente, pagando di tasca mia, ma purtroppo sono in mobilità e quei soldi non li ho».
E intanto la mamma non può nemmeno più guardare la tv o leggere la Gazzetta (se non, con grande fatica, usando una lente di ingrandimento), ovvero gli unici passatempi che coltivava dopo essere rimasta immobilizzata su una carrozzina. 
Francesco Bandini
Fare richiesta a marzo per un intervento di cataratta all'ospedale Maggiore e sentirsi dire a novembre, dopo otto mesi di attesa, che «ormai si andrà all'anno prossimo». Mentre, nel frattempo, la malattia progredisce e la vista peggiora notevolmente. Vittima di questo caso di ordinaria lentezza della sanità pubblica è una donna di 86 anni del Botteghino, Bice Pisi, invalida al 100%, dializzata e costretta su una sedia a rotelle, che da un occhio non vede praticamente più e dall'altro vede ormai pochissimo. Di fronte a un problema così grave che è in costante peggioramento, e soprattutto di fronte all'incertezza più totale sui tempi dell'intervento, il figlio dell'anziana, disperato, ha bussato a tutte le porte, fino a decidersi a denunciare pubblicamente la cosa. «Anche se è brutto da pensare - osserva amareggiato Carlo Ferrari - forse ha davvero ragione mia madre quando, piangendo, dice che l'operazione non gliela vogliono fare perché se nel frattempo muore risparmiano i soldi».............................L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ernesto

    28 Novembre @ 20.27

    Mi dispiace moltissimo per la Signora, ma a mio parere questa è la prassi dell'Ospedale di Parma, a parte qualche isola felice. Ciò che fu un grande e rinomato ospedale è ora divenuto un........ Un consiglio provi a cercare a Fidenza o soprattutto all'Arcispeale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. Forse non tutti sanno che al posto di Parma è divenuto un ospedale di eccellenza IRCSS. Auguri e che Dio la benedica.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    28 Novembre @ 17.37

    DUNQUE , questa situazione in Clinica Oculistica sta persistendo da anni ! INTANTO LA CLINICA OCULISTICA DEL PUBBLICO OSPEDALE DI PARMA NON FA VISITE OCULISTICHE ! O, meglio , le fa solo se richieste da uno specialista oculista esterno, o come interventi di Pronto Soccorso. In altre parole , per fare una visita in Clinica Oculistica nel nostro PUBBLICO OSPEDALE , ci vuole la richiesta di un oculista. Come a dire che , se avete la macchina guasta , per andare dal meccanico dovete avere la richiesta di un meccanico. PER QUANTO RIGUARDA GLI INTERVENTI PER CATARATTA , vengono eseguiti in larga parte in ambulatori e poliambulatori privati , ANCHE A SPESE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE. Per essere operati nella Clinica Oculistica dell' Ospedale , bisogna avere una richiesta in tal senso di un oculista esterno , il quale, però , di solito preferisce operare lui stesso . Oppure , chiedere una visita , libero - professionale , " a pagamento" ad un medico della Clinica.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

1commento

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Parma espugna 1-0  Salò

lega pro

Basta un gol: il Parma espugna Salò (1-0) e risponde al Venezia Gallery Video: il gol

Mazzocchi e Corapi: "Partita rognosa, ma aabiamo portato a casa i tre punti" (Video) - Pacciani: "Poco brillanti, ma conta la vittoria" (Video)La squadra saluta gli oltre ottocento tifosi (Video)Il Venezia schiaccia la Samb 3-1. Anche il Padova vince (Risultati e classifica)

2commenti

parma-feralpi

D'Aversa. "Risultato importante, ma vorrei più personalità" Video

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

11commenti

gazzareporter

Il soffitto della palestra "Del Chicca" perde i pezzi

1commento

Carabinieri

Legna e pellet non pagati: commerciante di Parma raggirato nel Reggiano

Bagnolo in Piano: denunciato un 52enne di Crotone, la nipote e il suo compagno

Borgotaro

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Marocchino bloccato dai carabinieri 

7commenti

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

1commento

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

CURIOSITA'

Cartello «anti-rudo» al Campus

1commento

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

IL CASO

Sorbolo, contro furti e degrado il controllo si fa correndo

Nasce il progetto «Arrestiamoli»: lo sperimentano il sindaco e due runner

1commento

Sos animali

Cinque cuccioli cercano casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

10commenti

ITALIA/MONDO

ROVIGO

Errore in un documento: niente funerale, la defunta risulta viva

Esplosione

Catania, crolla palazzina: morta un'anziana, una bimba di 10 mesi in coma 

SOCIETA'

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

il libro

Vita, morte e miracoli: i Pearl Jam "scritti" da due fan

SPORT

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

SEI NAZIONI

L'Italia perde lottando a Twickenham

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia