19°

29°

il caso

Malata di cataratta, aspetta l'intervento da otto mesi

Il figlio: «Hanno detto che ormai si andrà all'anno prossimo»

Bice Pisi, 86 anni, con il figlio Carlo Ferrari

Bice Pisi, 86 anni, con il figlio Carlo Ferrari

Ricevi gratis le news
2

 

rancesco Bandini
Fare richiesta a marzo per un intervento di cataratta all'ospedale Maggiore e sentirsi dire a novembre, dopo otto mesi di attesa, che «ormai si andrà all'anno prossimo». Mentre, nel frattempo, la malattia progredisce e la vista peggiora notevolmente. Vittima di questo caso di ordinaria lentezza della sanità pubblica è una donna di 86 anni del Botteghino, Bice Pisi, invalida al 100%, dializzata e costretta su una sedia a rotelle, che da un occhio non vede praticamente più e dall'altro vede ormai pochissimo. Di fronte a un problema così grave che è in costante peggioramento, e soprattutto di fronte all'incertezza più totale sui tempi dell'intervento, il figlio dell'anziana, disperato, ha bussato a tutte le porte, fino a decidersi a denunciare pubblicamente la cosa. «Anche se è brutto da pensare - osserva amareggiato Carlo Ferrari - forse ha davvero ragione mia madre quando, piangendo, dice che l'operazione non gliela vogliono fare perché se nel frattempo muore risparmiano i soldi».
La vicenda inizia il 19 marzo di quest'anno, quando la signora fa richiesta di una visita pre-intervento in vista dell'operazione per la cataratta di cui soffre da tempo. La visita viene fissata per il successivo 13 giugno, ovvero tre mesi dopo: e già questa attesa non è certo poco. Finalmente arriva il 13 giugno e la signora viene visitata all'ambulatorio di oculistica del Maggiore, dove le dicono che sarà richiamata una volta fissata la data dell'intervento. La cosa sembra imminente, dal momento che alla signora vengono anche consegnati tutti i documenti contenenti le istruzioni da seguire prima dell'operazione e i moduli da restituire firmare.
«Da quel giorno, però, nessuno si è più fatto vivo con noi», spiega il figlio. Che dopo aver aspettato inutilmente per cinque mesi che il telefono squillasse, una settimana fa decide di andare direttamente all'ambulatorio di oculistica per chiedere informazioni sui tempi di questa operazione. «Lì mi hanno detto - ricorda ancora il figlio - che effettivamente sono indietro, che c'è un po' di ingolfamento e che a questo punto si andrà all'anno prossimo». Una risposta che non lo soddisfa per nulla, specie perché la vista della madre va sempre peggio. E così si rivolge prima al Tribunale per i diritti del malato e poi all'Ufficio relazioni con il pubblico dell'ospedale. Quest'ultimo raccoglie la sua segnalazione, acquisisce informazioni e ricontatta Ferrari, confermando che effettivamente esistono problemi legati ai tempi di attesa, dovuti in particolare al fatto che quel tipo di intervento richiede anche la presenza di un anestesista.
Ferrari a questo punto torna all'ospedale, sempre all'ambulatorio di oculistica, e chiede nuovamente se i tempi debbano essere proprio così lunghi come gli è stato prospettato, dal momento che la madre è in attesa già da tanto tempo. E in quell'occasione gli rispondono, ancora una volta, in modo evasivo. «Non mi è rimasto altro da fare che rivolgermi alla Gazzetta, perché è giusto che la gente sappia che all'ospedale esistono situazioni di questo tipo». E, con grande amarezza, aggiunge: «Se potessi permettermelo, avrei già fatto operare mia madre operare privatamente, pagando di tasca mia, ma purtroppo sono in mobilità e quei soldi non li ho».
E intanto la mamma non può nemmeno più guardare la tv o leggere la Gazzetta (se non, con grande fatica, usando una lente di ingrandimento), ovvero gli unici passatempi che coltivava dopo essere rimasta immobilizzata su una carrozzina. 
Francesco Bandini
Fare richiesta a marzo per un intervento di cataratta all'ospedale Maggiore e sentirsi dire a novembre, dopo otto mesi di attesa, che «ormai si andrà all'anno prossimo». Mentre, nel frattempo, la malattia progredisce e la vista peggiora notevolmente. Vittima di questo caso di ordinaria lentezza della sanità pubblica è una donna di 86 anni del Botteghino, Bice Pisi, invalida al 100%, dializzata e costretta su una sedia a rotelle, che da un occhio non vede praticamente più e dall'altro vede ormai pochissimo. Di fronte a un problema così grave che è in costante peggioramento, e soprattutto di fronte all'incertezza più totale sui tempi dell'intervento, il figlio dell'anziana, disperato, ha bussato a tutte le porte, fino a decidersi a denunciare pubblicamente la cosa. «Anche se è brutto da pensare - osserva amareggiato Carlo Ferrari - forse ha davvero ragione mia madre quando, piangendo, dice che l'operazione non gliela vogliono fare perché se nel frattempo muore risparmiano i soldi».............................L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ernesto

    28 Novembre @ 20.27

    Mi dispiace moltissimo per la Signora, ma a mio parere questa è la prassi dell'Ospedale di Parma, a parte qualche isola felice. Ciò che fu un grande e rinomato ospedale è ora divenuto un........ Un consiglio provi a cercare a Fidenza o soprattutto all'Arcispeale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. Forse non tutti sanno che al posto di Parma è divenuto un ospedale di eccellenza IRCSS. Auguri e che Dio la benedica.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    28 Novembre @ 17.37

    DUNQUE , questa situazione in Clinica Oculistica sta persistendo da anni ! INTANTO LA CLINICA OCULISTICA DEL PUBBLICO OSPEDALE DI PARMA NON FA VISITE OCULISTICHE ! O, meglio , le fa solo se richieste da uno specialista oculista esterno, o come interventi di Pronto Soccorso. In altre parole , per fare una visita in Clinica Oculistica nel nostro PUBBLICO OSPEDALE , ci vuole la richiesta di un oculista. Come a dire che , se avete la macchina guasta , per andare dal meccanico dovete avere la richiesta di un meccanico. PER QUANTO RIGUARDA GLI INTERVENTI PER CATARATTA , vengono eseguiti in larga parte in ambulatori e poliambulatori privati , ANCHE A SPESE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE. Per essere operati nella Clinica Oculistica dell' Ospedale , bisogna avere una richiesta in tal senso di un oculista esterno , il quale, però , di solito preferisce operare lui stesso . Oppure , chiedere una visita , libero - professionale , " a pagamento" ad un medico della Clinica.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

Moto

Travolto dopo l'incidente, paura per Federico Caricasulo

SOCIETA'

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

curiosità

Squalo volpe di 200 chili pescato nel crotonese

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti