20°

31°

il caso

Malata di cataratta, aspetta l'intervento da otto mesi

Il figlio: «Hanno detto che ormai si andrà all'anno prossimo»

Bice Pisi, 86 anni, con il figlio Carlo Ferrari

Bice Pisi, 86 anni, con il figlio Carlo Ferrari

2

 

rancesco Bandini
Fare richiesta a marzo per un intervento di cataratta all'ospedale Maggiore e sentirsi dire a novembre, dopo otto mesi di attesa, che «ormai si andrà all'anno prossimo». Mentre, nel frattempo, la malattia progredisce e la vista peggiora notevolmente. Vittima di questo caso di ordinaria lentezza della sanità pubblica è una donna di 86 anni del Botteghino, Bice Pisi, invalida al 100%, dializzata e costretta su una sedia a rotelle, che da un occhio non vede praticamente più e dall'altro vede ormai pochissimo. Di fronte a un problema così grave che è in costante peggioramento, e soprattutto di fronte all'incertezza più totale sui tempi dell'intervento, il figlio dell'anziana, disperato, ha bussato a tutte le porte, fino a decidersi a denunciare pubblicamente la cosa. «Anche se è brutto da pensare - osserva amareggiato Carlo Ferrari - forse ha davvero ragione mia madre quando, piangendo, dice che l'operazione non gliela vogliono fare perché se nel frattempo muore risparmiano i soldi».
La vicenda inizia il 19 marzo di quest'anno, quando la signora fa richiesta di una visita pre-intervento in vista dell'operazione per la cataratta di cui soffre da tempo. La visita viene fissata per il successivo 13 giugno, ovvero tre mesi dopo: e già questa attesa non è certo poco. Finalmente arriva il 13 giugno e la signora viene visitata all'ambulatorio di oculistica del Maggiore, dove le dicono che sarà richiamata una volta fissata la data dell'intervento. La cosa sembra imminente, dal momento che alla signora vengono anche consegnati tutti i documenti contenenti le istruzioni da seguire prima dell'operazione e i moduli da restituire firmare.
«Da quel giorno, però, nessuno si è più fatto vivo con noi», spiega il figlio. Che dopo aver aspettato inutilmente per cinque mesi che il telefono squillasse, una settimana fa decide di andare direttamente all'ambulatorio di oculistica per chiedere informazioni sui tempi di questa operazione. «Lì mi hanno detto - ricorda ancora il figlio - che effettivamente sono indietro, che c'è un po' di ingolfamento e che a questo punto si andrà all'anno prossimo». Una risposta che non lo soddisfa per nulla, specie perché la vista della madre va sempre peggio. E così si rivolge prima al Tribunale per i diritti del malato e poi all'Ufficio relazioni con il pubblico dell'ospedale. Quest'ultimo raccoglie la sua segnalazione, acquisisce informazioni e ricontatta Ferrari, confermando che effettivamente esistono problemi legati ai tempi di attesa, dovuti in particolare al fatto che quel tipo di intervento richiede anche la presenza di un anestesista.
Ferrari a questo punto torna all'ospedale, sempre all'ambulatorio di oculistica, e chiede nuovamente se i tempi debbano essere proprio così lunghi come gli è stato prospettato, dal momento che la madre è in attesa già da tanto tempo. E in quell'occasione gli rispondono, ancora una volta, in modo evasivo. «Non mi è rimasto altro da fare che rivolgermi alla Gazzetta, perché è giusto che la gente sappia che all'ospedale esistono situazioni di questo tipo». E, con grande amarezza, aggiunge: «Se potessi permettermelo, avrei già fatto operare mia madre operare privatamente, pagando di tasca mia, ma purtroppo sono in mobilità e quei soldi non li ho».
E intanto la mamma non può nemmeno più guardare la tv o leggere la Gazzetta (se non, con grande fatica, usando una lente di ingrandimento), ovvero gli unici passatempi che coltivava dopo essere rimasta immobilizzata su una carrozzina. 
Francesco Bandini
Fare richiesta a marzo per un intervento di cataratta all'ospedale Maggiore e sentirsi dire a novembre, dopo otto mesi di attesa, che «ormai si andrà all'anno prossimo». Mentre, nel frattempo, la malattia progredisce e la vista peggiora notevolmente. Vittima di questo caso di ordinaria lentezza della sanità pubblica è una donna di 86 anni del Botteghino, Bice Pisi, invalida al 100%, dializzata e costretta su una sedia a rotelle, che da un occhio non vede praticamente più e dall'altro vede ormai pochissimo. Di fronte a un problema così grave che è in costante peggioramento, e soprattutto di fronte all'incertezza più totale sui tempi dell'intervento, il figlio dell'anziana, disperato, ha bussato a tutte le porte, fino a decidersi a denunciare pubblicamente la cosa. «Anche se è brutto da pensare - osserva amareggiato Carlo Ferrari - forse ha davvero ragione mia madre quando, piangendo, dice che l'operazione non gliela vogliono fare perché se nel frattempo muore risparmiano i soldi».............................L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ernesto

    28 Novembre @ 20.27

    Mi dispiace moltissimo per la Signora, ma a mio parere questa è la prassi dell'Ospedale di Parma, a parte qualche isola felice. Ciò che fu un grande e rinomato ospedale è ora divenuto un........ Un consiglio provi a cercare a Fidenza o soprattutto all'Arcispeale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. Forse non tutti sanno che al posto di Parma è divenuto un ospedale di eccellenza IRCSS. Auguri e che Dio la benedica.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    28 Novembre @ 17.37

    DUNQUE , questa situazione in Clinica Oculistica sta persistendo da anni ! INTANTO LA CLINICA OCULISTICA DEL PUBBLICO OSPEDALE DI PARMA NON FA VISITE OCULISTICHE ! O, meglio , le fa solo se richieste da uno specialista oculista esterno, o come interventi di Pronto Soccorso. In altre parole , per fare una visita in Clinica Oculistica nel nostro PUBBLICO OSPEDALE , ci vuole la richiesta di un oculista. Come a dire che , se avete la macchina guasta , per andare dal meccanico dovete avere la richiesta di un meccanico. PER QUANTO RIGUARDA GLI INTERVENTI PER CATARATTA , vengono eseguiti in larga parte in ambulatori e poliambulatori privati , ANCHE A SPESE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE. Per essere operati nella Clinica Oculistica dell' Ospedale , bisogna avere una richiesta in tal senso di un oculista esterno , il quale, però , di solito preferisce operare lui stesso . Oppure , chiedere una visita , libero - professionale , " a pagamento" ad un medico della Clinica.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera»

PERSONAGGI

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera» Foto

Grande Fratello UK

televisione

Rissa al Grande Fratello UK: interviene la security Video

1commento

Silvia Olari

musica

Torna Silvia Olari con il nuovo singolo: "Fuori di Testa"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Spaccata nella notte al barino: i ladri se ne vanno con la cassa  (vuota)

furto

Spaccata nella notte al Barino: i ladri se ne vanno con la cassa  Video

Il personaggio

Spadi, il maturando che dirigerà il Consiglio

Consigliera marocchina

Nabila: «Io, al servizio di Parma»

L'INTERVISTA

Pizzarotti: «Bocciata la politica che sa solo criticare»

Lutto

Di Camillo, il sorriso sopra il camice

Via Venezia

Devastati gli orti sociali

FIDENZA

Bagno notturno alla Guatelli: giovani multati

IL CASO

Omicidio di Alessia, nessun accordo per l'estradizione: Jella processato in Tunisia

Poggio di Sant'Ilario

L'ivoriano temeva di essere lasciato dalla moglie

PARMA

Vento e forte pioggia: danni a Marore e Monticelli, rami in strada in città Foto

Le foto dei lettori (scarica l'app Gazzareporter per inviarci foto e video)

2commenti

PARMA

Scontro auto-bici in via Europa: grave una 16enne

7commenti

Assemblea Upi

Figna al ministro Delrio: "Si trovino le risorse per TiBre, Pontremolese e aeroporto Verdi"

Bene l'economia di Parma, fiducia delle imprese ai massimi. Delrio promette defiscalizzazione e sostegno al lavoro

2commenti

Asessuali

Vivere senza sesso: il documentario della parmigiana Soresini

4commenti

Lo sconfitto

Scarpa: "Il Pd ha adottato Pizzarotti, trattandolo come enfant prodige"

Il Pd regionale: "Impariamo dalle sconfitte in Emilia-Romagna"

25commenti

PARMA

Bocconi avvelenati: allerta in Cittadella

ANTEPRIMA GAZZETTA

Intervista a Pizzarotti: i nomi della giunta e del nuovo Consiglio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Cinque anni fa vinse Grillo. Questa volta ha vinto lui

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

guardia di finanza

Indagine appalti, dipendente del Comune di Piacenza ai domiciliari

REGNO UNITO

Londra: ragazzo italiano accoltellato a morte

SOCIETA'

MALTEMPO

Albero sradicato a Monticelli: la foto di una lettrice

archeologia

Scoperta una piccola Pompei sotto la metro di Roma Gallery Video

SPORT

vela

America's Cup, trionfo New Zealand

Moto

Viñales ringrazia Dovizioso: "Grazie per avermi evitato"

2commenti

MOTORI

OPEL

Grandland X, via agli ordini. Si parte da 26 mila euro

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse