14°

il caso

Malata di cataratta, aspetta l'intervento da otto mesi

Il figlio: «Hanno detto che ormai si andrà all'anno prossimo»

Bice Pisi, 86 anni, con il figlio Carlo Ferrari

Bice Pisi, 86 anni, con il figlio Carlo Ferrari

Ricevi gratis le news
2

 

rancesco Bandini
Fare richiesta a marzo per un intervento di cataratta all'ospedale Maggiore e sentirsi dire a novembre, dopo otto mesi di attesa, che «ormai si andrà all'anno prossimo». Mentre, nel frattempo, la malattia progredisce e la vista peggiora notevolmente. Vittima di questo caso di ordinaria lentezza della sanità pubblica è una donna di 86 anni del Botteghino, Bice Pisi, invalida al 100%, dializzata e costretta su una sedia a rotelle, che da un occhio non vede praticamente più e dall'altro vede ormai pochissimo. Di fronte a un problema così grave che è in costante peggioramento, e soprattutto di fronte all'incertezza più totale sui tempi dell'intervento, il figlio dell'anziana, disperato, ha bussato a tutte le porte, fino a decidersi a denunciare pubblicamente la cosa. «Anche se è brutto da pensare - osserva amareggiato Carlo Ferrari - forse ha davvero ragione mia madre quando, piangendo, dice che l'operazione non gliela vogliono fare perché se nel frattempo muore risparmiano i soldi».
La vicenda inizia il 19 marzo di quest'anno, quando la signora fa richiesta di una visita pre-intervento in vista dell'operazione per la cataratta di cui soffre da tempo. La visita viene fissata per il successivo 13 giugno, ovvero tre mesi dopo: e già questa attesa non è certo poco. Finalmente arriva il 13 giugno e la signora viene visitata all'ambulatorio di oculistica del Maggiore, dove le dicono che sarà richiamata una volta fissata la data dell'intervento. La cosa sembra imminente, dal momento che alla signora vengono anche consegnati tutti i documenti contenenti le istruzioni da seguire prima dell'operazione e i moduli da restituire firmare.
«Da quel giorno, però, nessuno si è più fatto vivo con noi», spiega il figlio. Che dopo aver aspettato inutilmente per cinque mesi che il telefono squillasse, una settimana fa decide di andare direttamente all'ambulatorio di oculistica per chiedere informazioni sui tempi di questa operazione. «Lì mi hanno detto - ricorda ancora il figlio - che effettivamente sono indietro, che c'è un po' di ingolfamento e che a questo punto si andrà all'anno prossimo». Una risposta che non lo soddisfa per nulla, specie perché la vista della madre va sempre peggio. E così si rivolge prima al Tribunale per i diritti del malato e poi all'Ufficio relazioni con il pubblico dell'ospedale. Quest'ultimo raccoglie la sua segnalazione, acquisisce informazioni e ricontatta Ferrari, confermando che effettivamente esistono problemi legati ai tempi di attesa, dovuti in particolare al fatto che quel tipo di intervento richiede anche la presenza di un anestesista.
Ferrari a questo punto torna all'ospedale, sempre all'ambulatorio di oculistica, e chiede nuovamente se i tempi debbano essere proprio così lunghi come gli è stato prospettato, dal momento che la madre è in attesa già da tanto tempo. E in quell'occasione gli rispondono, ancora una volta, in modo evasivo. «Non mi è rimasto altro da fare che rivolgermi alla Gazzetta, perché è giusto che la gente sappia che all'ospedale esistono situazioni di questo tipo». E, con grande amarezza, aggiunge: «Se potessi permettermelo, avrei già fatto operare mia madre operare privatamente, pagando di tasca mia, ma purtroppo sono in mobilità e quei soldi non li ho».
E intanto la mamma non può nemmeno più guardare la tv o leggere la Gazzetta (se non, con grande fatica, usando una lente di ingrandimento), ovvero gli unici passatempi che coltivava dopo essere rimasta immobilizzata su una carrozzina. 
Francesco Bandini
Fare richiesta a marzo per un intervento di cataratta all'ospedale Maggiore e sentirsi dire a novembre, dopo otto mesi di attesa, che «ormai si andrà all'anno prossimo». Mentre, nel frattempo, la malattia progredisce e la vista peggiora notevolmente. Vittima di questo caso di ordinaria lentezza della sanità pubblica è una donna di 86 anni del Botteghino, Bice Pisi, invalida al 100%, dializzata e costretta su una sedia a rotelle, che da un occhio non vede praticamente più e dall'altro vede ormai pochissimo. Di fronte a un problema così grave che è in costante peggioramento, e soprattutto di fronte all'incertezza più totale sui tempi dell'intervento, il figlio dell'anziana, disperato, ha bussato a tutte le porte, fino a decidersi a denunciare pubblicamente la cosa. «Anche se è brutto da pensare - osserva amareggiato Carlo Ferrari - forse ha davvero ragione mia madre quando, piangendo, dice che l'operazione non gliela vogliono fare perché se nel frattempo muore risparmiano i soldi».............................L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ernesto

    28 Novembre @ 20.27

    Mi dispiace moltissimo per la Signora, ma a mio parere questa è la prassi dell'Ospedale di Parma, a parte qualche isola felice. Ciò che fu un grande e rinomato ospedale è ora divenuto un........ Un consiglio provi a cercare a Fidenza o soprattutto all'Arcispeale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. Forse non tutti sanno che al posto di Parma è divenuto un ospedale di eccellenza IRCSS. Auguri e che Dio la benedica.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    28 Novembre @ 17.37

    DUNQUE , questa situazione in Clinica Oculistica sta persistendo da anni ! INTANTO LA CLINICA OCULISTICA DEL PUBBLICO OSPEDALE DI PARMA NON FA VISITE OCULISTICHE ! O, meglio , le fa solo se richieste da uno specialista oculista esterno, o come interventi di Pronto Soccorso. In altre parole , per fare una visita in Clinica Oculistica nel nostro PUBBLICO OSPEDALE , ci vuole la richiesta di un oculista. Come a dire che , se avete la macchina guasta , per andare dal meccanico dovete avere la richiesta di un meccanico. PER QUANTO RIGUARDA GLI INTERVENTI PER CATARATTA , vengono eseguiti in larga parte in ambulatori e poliambulatori privati , ANCHE A SPESE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE. Per essere operati nella Clinica Oculistica dell' Ospedale , bisogna avere una richiesta in tal senso di un oculista esterno , il quale, però , di solito preferisce operare lui stesso . Oppure , chiedere una visita , libero - professionale , " a pagamento" ad un medico della Clinica.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici

televisione

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici, espulso Nicolas

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Tom Petty

Tom Petty

MUSICA

Tom Petty è morto per overdose accidentale

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

5commenti

PARMA

Scontro fra due auto in via Venezia

APPENNINO

Escursionisti in difficoltà per il ghiaccio: due interventi del Soccorso Alpino sul Marmagna

In salvo due 29enni toscane e due uomini del Parmense. Appello del Saer: "Usate l'attrezzatura adatta"

FURTI

Ladro in fuga si lancia da una finestra al quarto piano: ferito e... arrestato Foto

Di chi sono tutti questi oggetti rubati?

1commento

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

GAZZAREPORTER

"Tramonti infuocati": le foto del lettore Matteo

TG PARMA

Nuovi agenti di polizia municipale e telecamere a Parma Video

Festeggiato San Sebastiano, patrono della Municipale

droga

Arrestato mentre spaccia in viale dei Mille. Con 17 dosi pronte nelle siepi

incidente

Frontale nella notte al Botteghino: due feriti

via d'azeglio

Prima minaccia i clienti, poi lancia bottiglie contro le vetrine: inseguito e bloccato

5commenti

mobilità

Maxi zone a velocità limitata nel Cittadella e nel Montanara Video

4commenti

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

politica

Pizzarotti: "Nel M5s restano solo gli yes man. Con me usata la linea sovietica"

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La strana democrazia delle parlamentarie

di Francesco Bandini

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Turismo

Venezia, 1.100 euro di conto per 4 bistecche e una frittura di pesce

Lucca

Un escursionista muore sulle Apuane

SPORT

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: gli highlights della partita Video

Cremonese-Parma

D'Aversa: "Dispiace non vedere la 'cattiveria' giusta per portare a casa il risultato" Video

SOCIETA'

IL CASO

Tim Cook: "Non voglio che mio nipote sia sui social"

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"