13°

20°

cantiere

Scuola Europea, Millecolori: "Perchè altri 4 milioni? Qualcuno ha sbagliato?"

L'associazione: "Sindaco e assessore non spiegano la nuova richiesta di fondi al Governo. E' la "solita" trasparenza..."

Scuola Europea

Scuola Europea

Ricevi gratis le news
0

 

Dopo l’intervento dei consiglieri di opposizione - che hanno informato i cittadini dell’esistenza di una lettera con la quale il Sindaco avrebbe chiesto altri € 4.000.000,00 (quattromilioni) al Governo - l’Assessore Alinovi ha dichiarato che la transazione non sarebbe stata firmata dall’impresa.
L’Assessore non ha spiegato però di quale transazione si tratterebbe!
La transazione firmata da Fochi il 3/8/2012 era firmata anche dalle imprese ed era venuta meno solo perché il Comune non si era pronunciato.
La successiva transazione del 31 gennaio 2013 (quella con la quale si riconoscevano alle imprese 700.000 euro in più rispetto a quella di Fochi - con la chicca della lettera di patronage firmata da Pizzarotti senza passare dal consiglio comunale – come obbligatorio per legge - e senza neppure informarlo) era firmata sia da Conca (subentrato a Fochi) che dalle imprese.
Di quale altra transazione parla l’Assessore?
Non ritengono il Sindaco e l’Assessore di fare chiarezza ed informare i cittadini (con gli atti, non con chiacchiere confuse) su come stanno le cose? Eppure sarebbe semplice: basterebbe pubblicare sul sito del Comune tutti gli atti transattivi firmati e pure quelli proposti, così come le diverse lettere, in modo che i cittadini possano da soli rendersi conto dei fatti veri e reali (benedetta trasparenza proclamata e non attuata!).
Perché il Comune non pubblica tutti questi atti e gli eventuali altri tenuti nascosti?
Si ricorda che il contratto prevedeva che la scuola Pascoli doveva essere trasferita alle imprese quale parziale pagamento per l’esecuzione dei lavori. La transazione Fochi prevedeva che la scuola avrebbe potuto trasferirsi anticipatamente alle imprese solo se queste avessero presentato una fideiussione.
La transazione Conca (oltre ai 700.000 euro in più alle imprese) prevedeva invece il trasferimento anticipato al 30/9/2013, senza necessità di fideiussione alcuna, alla sola condizione che al 30/9/2013 fossero stati pagati i subappaltatori. Insomma mentre Fochi ci garantiva la restituzione del valore della scuola in caso di non corretto adempimento da parte delle imprese Conca non ci garantiva affatto. Di questo siamo certi perché gli atti sono in nostro possesso. Il Comune poi non ha mai spiegato perché tutto questo sia avvenuto con grave dispendio dei nostri soldi.. 
Tornando ai 4 milioni: non è per caso che la Pascoli non è stata trasferita entro il 30/9/2013 (perché Conca si è avveduto che sarebbe stato folle trasferire la scuola senza garanzie) e quindi che le imprese hanno chiesto i danni a causa di tale mancato trasferimento anticipato? Sicuramente non sarà così.
Chiariscano però il Sindaco e l’Assessore Alinovi i motivi che li hanno indotti a cercare-richiedere allo Stato ulteriori 4 milioni da devolvere alle imprese. Sono dovuti (ed allora debbono spiegare le ragioni del perché sono dovuti) oppure sono un regalo? Siamo certi che sono dovuti (perché non crediamo che Sindaco ed Assessore vogliano regalare questi soldi) ma se lo sono, perché lo sono? Per caso qualcuno ha sbagliato e si cerca di correre ai ripari chiedendo aiuto al Governo? Se fosse così di chi è la colpa? 
Se poi la risposta dovesse essere….dov’è il problema visto che questi soldi li tirerebbe fuori lo Stato non il Comune (come hanno infelicemente detto per i 900.000 euro delle vetrate del Ponte Nord – altra bella vicenda che il Comune lascia giacere nei cassetti) la sostanza non muta: perché 4 milioni in più alle imprese e, se del caso, per colpa di chi?
Non è che i 4 milioni chiesti dal Sindaco al Governo servono per pagare questi danni?
Speriamo che il Comune voglia pubblicare tutti i documenti e, se del caso, mandare a casa chi ha concorso a creare tale dannosa situazione.
La trasparenza non è uno slogan ma una pratica virtuosa, anche se faticosa. Una pratica che il Sindaco non ha di certo applicato firmando il patronage senza neppure informare il consiglio comunale, così come non ha applicato quando, senza informare il consiglio comunale, ha richiesto al Governo ulteriori 4 milioni. Speriamo di non essere tornati indietro nel tempo quando solo grazie all’attività dei consiglieri di opposizione i nodi sono venuti al pettine e le pentole hanno suonato in piazza. Parma ha bisogno di competenza, idee e trasparenza. Cosa c’è da nascondere sig.ri Sindaco ed Assessore?
Speriamo che le cose vengano spiegate chiaramente ai cittadini, con documenti in bella mostra, perché sono loro, prima ancora della Corte dei Conti (che il problema già ben conosce), ad avere il diritto di essere correttamente e compiutamente informati.
 
"Dopo l’intervento dei consiglieri di opposizione - che hanno informato i cittadini dell’esistenza di una lettera con la quale il Sindaco avrebbe chiesto altri quattro milioni al Governo - l’Assessore Alinovi ha dichiarato che la transazione non sarebbe stata firmata dall’impresa.L’Assessore non ha spiegato però di quale transazione si tratterebbe!". Parte da qui l'associazione Millecolori, tornando sulla vicenda del cantiere della Scuola Europea e chiedendo chiarezza alla Giunta Pizzarotti. 
"La transazione firmata da Fochi il 3/8/2012 - ripercorre Millecolori - era firmata anche dalle imprese ed era venuta meno solo perché il Comune non si era pronunciato.La successiva transazione del 31 gennaio 2013 (quella con la quale si riconoscevano alle imprese 700.000 euro in più rispetto a quella di Fochi - con la chicca della lettera di patronage firmata da Pizzarotti senza passare dal consiglio comunale – come obbligatorio per legge - e senza neppure informarlo) era firmata sia da Conca (subentrato a Fochi) che dalle imprese.Di quale altra transazione parla l’Assessore? Non ritengono il Sindaco e l’Assessore di fare chiarezza ed informare i cittadini (con gli atti, non con chiacchiere confuse) su come stanno le cose?".
" Eppure sarebbe semplice - continua l'associazione -: basterebbe pubblicare sul sito del Comune tutti gli atti transattivi firmati e pure quelli proposti, così come le diverse lettere, in modo che i cittadini possano da soli rendersi conto dei fatti veri e reali (benedetta trasparenza proclamata e non attuata!).Perché il Comune non pubblica tutti questi atti e gli eventuali altri tenuti nascosti? Si ricorda che il contratto prevedeva che la scuola Pascoli doveva essere trasferita alle imprese quale parziale pagamento per l’esecuzione dei lavori. La transazione Fochi prevedeva che la scuola avrebbe potuto trasferirsi anticipatamente alle imprese solo se queste avessero presentato una fideiussione.La transazione Conca (oltre ai 700.000 euro in più alle imprese) prevedeva invece il trasferimento anticipato al 30/9/2013, senza necessità di fideiussione alcuna, alla sola condizione che al 30/9/2013 fossero stati pagati i subappaltatori. Insomma mentre Fochi ci garantiva la restituzione del valore della scuola in caso di non corretto adempimento da parte delle imprese, Conca non ci garantiva affatto. Di questo siamo certi perché gli atti sono in nostro possesso. Il Comune poi non ha mai spiegato perché tutto questo sia avvenuto con grave dispendio dei nostri soldi.. Tornando ai 4 milioni: non è per caso che la Pascoli non è stata trasferita entro il 30/9/2013 (perché Conca si è avveduto che sarebbe stato folle trasferire la scuola senza garanzie) e quindi che le imprese hanno chiesto i danni a causa di tale mancato trasferimento anticipato? Sicuramente non sarà così.Chiariscano però il Sindaco e l’Assessore Alinovi i motivi che li hanno indotti a cercare-richiedere allo Stato ulteriori 4 milioni da devolvere alle imprese. Sono dovuti (ed allora debbono spiegare le ragioni del perché sono dovuti) oppure sono un regalo? Siamo certi che sono dovuti (perché non crediamo che Sindaco ed Assessore vogliano regalare questi soldi) ma se lo sono, perché lo sono? Per caso qualcuno ha sbagliato e si cerca di correre ai ripari chiedendo aiuto al Governo? Se fosse così di chi è la colpa? Se poi la risposta dovesse essere….dov’è il problema visto che questi soldi li tirerebbe fuori lo Stato non il Comune (come hanno infelicemente detto per i 900.000 euro delle vetrate del Ponte Nord – altra bella vicenda che il Comune lascia giacere nei cassetti) la sostanza non muta: perché 4 milioni in più alle imprese e, se del caso, per colpa di chi?Non è che i 4 milioni chiesti dal Sindaco al Governo servono per pagare questi danni?Speriamo che il Comune voglia pubblicare tutti i documenti e, se del caso, mandare a casa chi ha concorso a creare tale dannosa situazione.La trasparenza non è uno slogan ma una pratica virtuosa, anche se faticosa. Una pratica che il Sindaco non ha di certo applicato firmando il patronage senza neppure informare il consiglio comunale, così come non ha applicato quando, senza informare il consiglio comunale, ha richiesto al Governo ulteriori 4 milioni. Speriamo di non essere tornati indietro nel tempo quando solo grazie all’attività dei consiglieri di opposizione i nodi sono venuti al pettine e le pentole hanno suonato in piazza. Parma ha bisogno di competenza, idee e trasparenza. Cosa c’è da nascondere sig.ri Sindaco ed Assessore?Speriamo che le cose vengano spiegate chiaramente ai cittadini, con documenti in bella mostra, perché sono loro, prima ancora della Corte dei Conti (che il problema già ben conosce), ad avere il diritto di essere correttamente e compiutamente informati. "

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Spettacolo

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Artaj", osteria moderna all'insegna della tradizione

IL RISTORANTE

"Artaj", osteria moderna all'insegna della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Doccia fredda al  Tardini, Parma-Empoli 0-1 al 25'

serie b

Doccia fredda al Tardini, Parma-Empoli 0-1

D'Aversa ha rimescolato le carte, molte novità in formazione

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

33commenti

PARMA-EMPOLI

Ultimissime dal Tardini: D'Aversa stravolge il Parma Video

anteprima gazzetta

Tante truffe, quando i tecnici veri suonano e si trovano una pistola finta

tg parma

Furgone come ariete: spaccata alla Moto Ducati di Pilastrello

2commenti

tamponamento

Incidente in Tangenziale Nord (via Venezia): in due al Ps Foto

nella notte

Incidente, schianto contro un traliccio in via Langhirano

elettricità

Il guasto è nel campo coltivato: black-out nella zona di Gaione

incidente

86enne in bici urtato da uno scooter in via Baganza: è grave

1commento

annuncio

Parma si candida a capitale italiana della cultura 2020

7commenti

Economia

Banca di Parma entra in Emil Banca

inchiesta

Milioni nascosti al fisco, Zamparini: "Nessuna attività illecita"

Ritratto

Wally Bonvicini, l'imprenditrice che voleva fare il sindaco

Paladina dei diritti dei cittadini nella lotta contro la banche ed Equitalia, ma anche candidata alla poltrona di primo cittadino

11commenti

viabilità

Grosso ramo caduto in strada: chiusa per un'ora via Gramsci

2commenti

Ponte chiuso

La sindaca di Colorno: «Un ponte di barche per le auto»

3commenti

serie b

Parma-Empoli: dalle 17.30 «isola analcolica» e stop alle lattine

Dalle 20.30 la cronaca in diretta sul sito

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

ONU

Trump: "Se la Corea del Nord attacca la distruggiamo"

boretto

Si schianta al limite del coma etilico, denunciato. E rischia multa fino a 10mila euro

SPORT

calcio

Cori sulla sua virilità a Lukaku, tifosi dello United accusati di razzismo

MotoGp

Vale torna in pista a Misano. Il padre: "Ottimista per Aragon"

SOCIETA'

Inghilterra

In due aggrediscono autista: ma lui è esperto di arti marziali Video

USA

Toys R' Us getta la spugna: chiesta la bancarotta

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

IL TEST

Nuova Polo: ecco come va la sesta generazione