11°

29°

INCONTRO

Coppie di fatto: al via i contratti di convivenza

Accordi per tutelare i diritti di chi ha scelto di stare insieme senza sposarsi

Coppie di fatto: al via i contratti di convivenza
2

 

Enrico Gotti
 Sui diritti civili, i politici sono stati sorpassati dai notai. In attesa che il parlamento approvi una legge ad hoc, hanno creato i «contratti di convivenza»: accordi che mettono per iscritto i diritti delle coppie e famiglie di fatto. 
Ieri l’ordine dei notai di Parma ha presentato la novità in un incontro pubblico, nella propria sede di piazzale Sant’Apollonia. 
Secondo i dati dell’Istat del 2011, i conviventi sono un milione, fra coppie gay ed eterosessuali. 
Sono raddoppiati rispetto a quattro anni prima, quando erano 500.000. «L’Italia è uno degli ultimi paesi d’Europa a non avere norme che tutelino i conviventi. C’è un vuoto normativo. Al di fuori del matrimonio è come se si fosse degli estranei. - dichiara il notaio Rossana Figlioli - Negli altri Paesi ci sono invece le unioni civili e i matrimoni fra persone dello stesso sesso».
 «Attualmente i conviventi non ottengono dei diritti, se non davanti al giudice. Non esistono norme di legge per chi sta insieme, magari per anni, e non è sposato», afferma il collega Alfredo D’Antonio. 
Un esempio pratico? Lo indica un signore in platea, sulla cinquantina: «In ospedale, per avere un’informazione sulla mia compagna ho dovuto dire alla caposala che eravamo marito e moglie. È andato tutto liscio, ma continueremo spudoratamente a mentire?». 
 Ma i disagi non riguardano solo i referti medici negati e l’assistenza al compagno, ma anche le questioni economiche, la gestione del patrimonio, che spesso sfocia in liti per l’eredità. 
«Come notai – dice D’Antonio – cerchiamo di anticipare, abbiamo l’obiettivo di trovare un punto di equilibrio fra esigenze contrapposte». 
I contratti fra conviventi servono per disciplinare aspetti patrimoniali, per mettere nero su bianco diritti e doveri, sull’abitazione, sul mantenimento e sull’assistenza del convivente in caso di malattia, sulla proprietà dei beni. 
Da domani, tutti gli studi notarli inizieranno a stipularli. «Un riconoscimento formale da parte dello Stato manca del tutto», afferma il notaio Federico Spotti. In passato ci fu la proposta di legge sui DICO, che riconosceva diritti di lavoro e di successioni alle coppie di fatto, comprese le unioni omosessuali. Ma il tentativo naufragò con la caduta del governo Prodi, che l’aveva avviato. «Ci sono tante altre proposte depositate in parlamento, però nel frattempo cosa si può fare? – chiede Spotti - Il legislatore è molto lento, però i problemi esistono oggi. I contratti di convivenza rispondono a tante cose, ma non a tutte le mancanze del legislatore».  
Enrico Gotti

Sui diritti civili, i politici sono stati sorpassati dai notai. In attesa che il parlamento approvi una legge ad hoc, hanno creato i «contratti di convivenza»: accordi che mettono per iscritto i diritti delle coppie e famiglie di fatto. Ieri l’ordine dei notai di Parma ha presentato la novità in un incontro pubblico, nella propria sede di piazzale Sant’Apollonia. Secondo i dati dell’Istat del 2011, i conviventi sono un milione, fra coppie gay ed eterosessuali. Sono raddoppiati rispetto a quattro anni prima, quando erano 500.000.
«L’Italia è uno degli ultimi paesi d’Europa a non avere norme che tutelino i conviventi. C’è un vuoto normativo. Al di fuori del matrimonio è come se si fosse degli estranei. - dichiara il notaio Rossana Figlioli - Negli altri Paesi ci sono invece le unioni civili e i matrimoni fra persone dello stesso sesso». «Attualmente i conviventi non ottengono dei diritti, se non davanti al giudice. Non esistono norme di legge per chi sta insieme, magari per anni, e non è sposato», afferma il collega Alfredo D’Antonio. Un esempio pratico? Lo indica un signore in platea, sulla cinquantina: «In ospedale, per avere un’informazione sulla mia compagna ho dovuto dire alla caposala che eravamo marito e moglie. È andato tutto liscio, ma continueremo spudoratamente a mentire?».  Ma i disagi non riguardano solo i referti medici negati e l’assistenza al compagno, ma anche le questioni economiche, la gestione del patrimonio, che spesso sfocia in liti per l’eredità. «Come notai – dice D’Antonio – cerchiamo di anticipare, abbiamo l’obiettivo di trovare un punto di equilibrio fra esigenze contrapposte». 
I contratti fra conviventi servono per disciplinare aspetti patrimoniali, per mettere nero su bianco diritti e doveri, sull’abitazione, sul mantenimento e sull’assistenza del convivente in caso di malattia, sulla proprietà dei beni. Da domani, tutti gli studi notarli inizieranno a stipularli. «Un riconoscimento formale da parte dello Stato manca del tutto», afferma il notaio Federico Spotti. In passato ci fu la proposta di legge sui DICO, che riconosceva diritti di lavoro e di successioni alle coppie di fatto, comprese le unioni omosessuali. Ma il tentativo naufragò con la caduta del governo Prodi, che l’aveva avviato. «Ci sono tante altre proposte depositate in parlamento, però nel frattempo cosa si può fare? – chiede Spotti - Il legislatore è molto lento, però i problemi esistono oggi. I contratti di convivenza rispondono a tante cose, ma non a tutte le mancanze del legislatore».  




 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oberto

    02 Dicembre @ 09.28

    bene tutelate i diritti, ma di doveri in questi casi non se ne sente mai parlate. In questi casi io non capisco mai cosa pretendano queste persone, qualcuno me lo può spiegare? perché da come la capisco io, queste persone vogliono i diritti di chi è coniugato ( aspetti di eredità, pensione di reversibilità, etc. etc.) ma i doveri? Se mi dicono che accettano anche i doveri non capisco cosa li trattenga dallo sposarsi in forma civile ( per chi può farlo in Italia, ovvero coppie eterosessuali), è un semplice contratto, e spendono meno che ad andare dal notaio .

    Rispondi

  • Biffo

    02 Dicembre @ 03.40

    Adesso lo sentite, notai eretici e laicisti, il vescovo Solmi! Anatema e scomunica su di voi, servi di Satana!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

3commenti

Con la lingua e il chewing gum fa una tazzina di caffè Video

incredibile

Con la lingua e il chewing gum fa una tazzina di caffè 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Chiesa gremita per l'addio a "Camelot"

VIA GRENOBLE

Chiesa gremita per l'addio a "Camelot"

indagini

Pasimafi, il giallo dei pc rubati

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

WEEKEND

Maschere in piazza, clown e... Cantine aperte: l'agenda

DOPO SEI ANNI

Miss Italia torna a Salso

Busseto

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

Autostrada

Il casello di Parma sarà chiuso per 3 notti

POLITICA

E adesso nasce anche «Effetto Langhirano»

Lutto

Addio a Erminio Sassi, anima della Fontanellatese

Lega Pro

La Lucchese ai raggi X

Polemica

«Climatizzatori nei bagni Tep ma bus roventi»

SAN GIOVANNI

Il piccolo falco «Sandro» è caduto dal nido

Elezioni 2017

Parlamentare M5S derubato: agorà su sicurezza e immigrazione con Ghirarduzzi

A Vittorio Ferraresi sono stati rubati i documenti prima di partire per Parma

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

1commento

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

3commenti

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

palermo

Bimbo di un anno muore soffocato da un'oliva

FERRARA

L'agente ferito da Igor racconta e si commuove: "Mi sono finto morto"

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

Calciomercato

Milan, ultimatum a Donnarumma

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima