11°

29°

Parma

Genitori e bimbi in piazza per rivendicare il diritto a nidi e materne

Flash mob a Parma e in 1.044 piazze italiane

Flash mob

Flash mob

9

 

Grande partecipazione al flash mob organizzato dai servizi educativi del Comune  che si è svolto in contemporanea in mille pizza d’Italia
Oggi, alle 10.44 in punto, in 1.044 piazze italiane si è svolta una gioiosa e colorata manifestazione per chiedere la revisione della legge 1044, che risale agli anni settanta e non tutela – come oggi sarebbe necessario – i diritti dei bambini ad avere la possibilità di accedere ai servizi educativi della prima infanzia, da zero a sei anni.
In tanti, operatori e genitori con i loro bambini, hanno accolto l’appello del Comune per  sollecitare lo Stato ad occuparsi di un problema sempre più sentito, dando vita ad  un incontro “colorato”, allegro e di gioco per grandi e piccini.
“Il coordinamento nazionale nidi e materne – fa notare il vicesindaco Nicoletta Paci – ci ha chiesto di collaborare ad organizzare questa manifestazione, e i nostri servizi educativi se ne sono fatti carico direttamente. La partecipazione registratata dimostra quanto questo problema sia sentito dai cittadini e dal mondo della scuola. Chiediamo che il Ministero della Pubblica Istruzione prenda in carico tutta l’attività educativa di nidi e scuole dell’infanzia, al fine di garantire l’accesso ai servizi e la continuità didattica nella fascia zero-sei. Comunque - insiste Paci - serve almeno una deroga al patto di stabilità per consentirci di investire nei servizi educativi per l’infanzia, garantendone la copertura economica. La capacità di sviluppare le intelligenze e le personalità dei propri cittadini è la ricchezza di un paese: iniziare dai più piccoli significa investire sul futuro”.
Il Coordinamento avanza richieste precise: una legge 0/6 anni che sancisca la continuità educativa; la collocazione del nido d’infanzia nel Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca; la deroga dal patto di stabilità per il mantenimento e per lo sviluppo dei servizi per la prima infanzia e un adeguato piano di finanziamento, almeno quinquennale, della legge.
Il messaggio è arrivato forte e chiaro, anche da Parma: ora tocca al Governo, anche se in tempi difficili, fare una scelta che scommetta sul futuro dei nostri bambini.
Comunicato stampa del Comune 

Grande partecipazione al flash mob organizzato dai servizi educativi del Comune  che si è svolto in contemporanea in mille piazze d’Italia. Oggi, alle 10.44 in punto, in 1.044 piazze italiane si è svolta una gioiosa e colorata manifestazione per chiedere la revisione della legge 1044, che risale agli anni Settanta e non tutela – come oggi sarebbe necessario – i diritti dei bambini ad avere la possibilità di accedere ai servizi educativi della prima infanzia, da zero a sei anni.
In tanti, operatori e genitori con i loro bambini, hanno accolto l’appello del Comune per  sollecitare lo Stato ad occuparsi di un problema sempre più sentito, dando vita ad  un incontro “colorato”, allegro e di gioco per grandi e piccini.
“Il coordinamento nazionale nidi e materne – fa notare il vicesindaco Nicoletta Paci – ci ha chiesto di collaborare ad organizzare questa manifestazione, e i nostri servizi educativi se ne sono fatti carico direttamente. La partecipazione registratata dimostra quanto questo problema sia sentito dai cittadini e dal mondo della scuola. Chiediamo che il Ministero della Pubblica Istruzione prenda in carico tutta l’attività educativa di nidi e scuole dell’infanzia, al fine di garantire l’accesso ai servizi e la continuità didattica nella fascia zero-sei.
"Comunque - insiste Paci - serve almeno una deroga al patto di stabilità per consentirci di investire nei servizi educativi per l’infanzia, garantendone la copertura economica. La capacità di sviluppare le intelligenze e le personalità dei propri cittadini è la ricchezza di un paese: iniziare dai più piccoli significa investire sul futuro”.
Il Coordinamento avanza richieste precise: una legge 0/6 anni che sancisca la continuità educativa; la collocazione del nido d’infanzia nel Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca; la deroga dal patto di stabilità per il mantenimento e per lo sviluppo dei servizi per la prima infanzia e un adeguato piano di finanziamento, almeno quinquennale, della legge.Il messaggio è arrivato forte e chiaro, anche da Parma: ora tocca al Governo, anche se in tempi difficili, fare una scelta che scommetta sul futuro dei nostri bambini.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giusy

    02 Dicembre @ 14.55

    Per finire un mese fa mi hanno licenziata. Per alcune donne che beatamente hanno il loro posto di lavoro, il marito, i nonni ecc…ecc…io dovrei lasciare il posto di mio figlio a loro e tenermi mio figlio a casa a piangere con me le disgrazie. Ma donne non sapete che si deve andare in giro a SUPPLICARE un lavoro voi che comodamente l’avete? Volete fare a cambio con me? Quando parlate del vostro lavoro sembra che sia una condanna. Lasciatelo se è cosi che ce lo prendiamo noi disoccupate. Ma sapete che gli “specialisti della crescita pediatrica” di alcuni bambini stanno attenti che costoro frequentano l asilo proprio per lo sviluppo psicologico? Ma sapete che molti bimbi figli di disoccupatientrano perché hanno delle patologie? Hanno punteggio più alto perché supportati da relazione degli assistenti sociali. Una relazione dell’assistente sociale non è una bellissima cosa. Sotto non c’è una bellissima situazione familiare e ci sono anche motivi di salute. Ma a voi non interessa perché vivi

    Rispondi

  • Giusy

    02 Dicembre @ 12.31

    Non definirei l’asilo o la materna dei luoghi di “parcheggio”. Molte etichette sono attaccate da persone che vogliono solo tirare l’acqua al proprio mulino, rabbiose per non aver di più di quanto hanno. Per molti bambini, che hanno situazioni familiari “particolari”, l’asilo e la scuola materna sono luoghi importanti che possono garantirgli una crescita psicologica più serena. Questo lo scrive una donna vedova con un figlio di 18 mesi. Io non ho, neanche, i nonni sui quali poter contare sia per attingere affetto e aiuto per il mio piccolo bambino. In tre sono alla Villetta. Mio figlio va all’asilo nido e pago 550 euro. Prima di metterlo al mondo avevo pensato a mettere da parte i soldi per garantirgli l’asilo e l’istruzione. Non si possono mettere al mondo i figli per poi andare a lamentarsi a destra e sinistra. Quello che non avevo previsto è la prematura morte del padre e dei nonni. Per finire un mese fa mi hanno licenziata. Per alcune donne che beatamente hanno il loro posto di l

    Rispondi

  • fabigio

    01 Dicembre @ 22.50

    Cara bichouk, è evidente che non ha mai letto il bando per accedere ai servizi educativi o almeno con poca attenzione. La precedenza ce l hanno i genitori con lavoro a tempo indeterminato. Al nido entrano tutti perché la retta è elevata e molti hanno rinunciato o preferito il privato. Infatti quest'anno ci sono molti posti liberi. Alla materna invece ci sono 500 bimbi in lista e immagino tutti con genitori precari o disoccupati. Io ho due figlie di 4 e un anno ed entrambe le ho iscritte al nido per motivi organizzativi. Le assicuro però che non è un parcheggio ma un luogo dove sperimentano, imparano a condividere, ad interagire ad amare il prossimo, ad aiutarsi e ad essere autonomi.

    Rispondi

  • gigiprimo

    01 Dicembre @ 21.49

    vignolipierluigi@alice.it

    Dovevano andarci ieri dalla kienge, se dobbiamo spendere soldi per mantenere i fantomatici immigrati, certo non ne resta per quelli che nel corso dei decenni hanno contribuito a creare questi servizi. Abbiamo pagato e checchè ne dica il buon Francesco, se questi 'rifugiati' avessero fame si adeguerebbero ai nostri consumi e costumi!

    Rispondi

  • xxl

    01 Dicembre @ 19.15

    nilus75

    ... italiano, pago le tasse, lavoro io e pure mia moglie, stipendio da ridere e ci dobbiamo pagare TUTTO l'asilo perchè non c'era neppure posto in convenzione... una vergogna sociale!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

3commenti

Con la lingua e il chewing gum fa una tazzina di caffè Video

incredibile

Con la lingua e il chewing gum fa una tazzina di caffè 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

Busseto

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

indagini

Pasimafi, il giallo dei pc rubati

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

WEEKEND

Maschere in piazza, clown e... Cantine aperte: l'agenda

DOPO SEI ANNI

Miss Italia torna a Salso

POLITICA

E adesso nasce anche «Effetto Langhirano»

Lutto

Addio a Erminio Sassi, anima della Fontanellatese

Elezioni 2017

Parlamentare M5S derubato non verrà a Parma: agorà su sicurezza e immigrazione con Ghirarduzzi

A Vittorio Ferraresi sono stati rubati i documenti prima di partire per Parma

Polemica

«Climatizzatori nei bagni Tep ma bus roventi»

Lega Pro

La Lucchese ai raggi X

SAN GIOVANNI

Il piccolo falco «Sandro» è caduto dal nido

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

9commenti

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

3commenti

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

4commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

FERRARA

L'agente ferito da Igor racconta e si commuove: "Mi sono finto morto"

STATI UNITI

E' morto Brezinski, esperto di comunismo alla Casa Bianca

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima