-4°

il caso

Neonato muore al Maggiore. I genitori: «Vogliamo chiarezza»

Il piccolo soffriva forse di una malattia congenita. Eseguita l'autopsia

Ospedale Maggiore, padiglione maternità

Ospedale Maggiore, padiglione maternità

0

 

Monica Tiezzi
Si chiamava Fallou, era un bel bambino e la gravidanza non era stata problematica. Eppure Fallou, nato martedì mattina nel reparto maternità dell'ospedale Maggiore, è morto 14 ore dopo nella Neonatologia. Uno di quei tre neonati  su mille (questo il tasso di mortalità in Italia) che  non  riescono  a  raggiungere l'anno di vita. E ora i genitori, entrambi di origine senegalese ma residenti da qualche anno in un comune della cintura cittadina, chiedono chiarezza: «Non riusciamo a capire cosa sia successo. Fino all'ultimo sembrava tutto a posto, mia moglie stava bene e così il piccolo. Era il nostro primo figlio, lo desideravamo tanto» dice con commozione il papà, 32 anni,  dipendente  di un'azienda a pochi chilometri dalla città. 
La moglie, 30 anni,  ieri era ancora ricoverata in ospedale. Poche parole: per la difficoltà di parlare italiano e per  il dolore.  
La donna, casalinga,  ha raggiunto il marito - arrivato dal Senegal cinque anni fa - il febbraio scorso ed è rimasta incinta dopo un mese. «Siamo sposati da otto anni, volevamo far nascere in Italia il piccolo», spiega l'uomo. La gravidanza è stata ben monitorata dai medici e dalle ecografie non era emerso nulla di anomalo. 
 Il travaglio della donna  (gravidanza a termine) è  iniziato alle 9 di martedì, e non è stato facile: si è tentato di far nascere il piccolo   dapprima con la ventosa, poi i medici sono dovuti intervenire con un cesareo e dal momento in cui è entrato in azione il bisturi il piccolo ha visto la luce in una decina di minuti. Ha pianto ma subito dopo ha mostrato gravi segnali di sofferenza. E' stato trasferito d'urgenza in Neonatologia dove, nonostante le cure dei medici (è stato rianimato e sottoposto a trasfusioni), è andato via via peggiorando. Fino al tragico epilogo  di mercoledì, quando alle due di notte Fallou se ne è andato.
«Forse era destino, forse Dio  ha voluto così»,  dice il padre, musulmano, con una pacatezza e una rassegnazione che però non  rinunciano  al bisogno di risposte: «Vogliamo vedere i risultati degli esami, capire cosa è andato storto. Credo che in questo momento non lo sappiano neppure i medici», dice il papà.   Lo zio del neonato   non esclude, «se sarà il caso», di compiere ulteriori passi per accertare la verità. Mentre la giovane mamma ha voluto essere sottoposta a tutti gli accertamenti   per capire se ci siano rischi per altre eventuali gravidanze.
Intanto, mercoledì stesso,  il piccolo è stato sottoposto   ad autopsia  nell'istituto di  Anatomia patologia dell'ospedale Maggiore e sono stati eseguiti prelievi  per gli esami istologici. Altri prelievi sono stati  spediti  all'ospedale pediatrico Mayer di Firenze,   specializzato in  malattie metaboliche. 
Anche se occorreranno ancora settimane per avere risultati chiarificatori, il sospetto dei medici  dell'ospedale di Parma è che il piccolo soffrisse di una malattia congenita, probabilmente metabolica. Lo suggerirebbero gli esami, gravemente alterati,  eseguiti durante le poche ore di vita del neonato.
«E' ancora presto per dire cosa sia successo. Ma credo che la tragedia   non sia da imputare ad una errata gestione del parto e agli esiti di un'asfissia  - dice la direttrice della Neonatologia, Cinzia Magnani, pur senza entrare, per ovvii motivi di privacy, nei particolari della vicenda  - Il bambino era apparentemente sano, non malformato,  e le ecografie  non potevano prevedere una malattia di base. Abbiamo tentato  il possibile per  salvarlo e tutto il team del reparto si è mobilitato fino all'ultimo. E' stato un dolore anche per noi vederlo spegnersi. Probabilmente ci troviamo di fronte a quell'un per mille di neonati che perdono la vita a causa di una patologia genetica». 
 «La sofferenza del parto non  sembra aver  determinato la morte del piccolo», si limita a confermare Daniela Viviani,  direttrice dell'Ostetricia e ginecologia dell'ospedale Maggiore, esprimendo grande dispiacere per l'accaduto e vicinanza alla famiglia del bambino.  

Monica Tiezzi

Si chiamava Fallou, era un bel bambino e la gravidanza non era stata problematica. Eppure Fallou, nato martedì mattina nel reparto maternità dell'ospedale Maggiore, è morto 14 ore dopo nella Neonatologia. Uno di quei tre neonati  su mille (questo il tasso di mortalità in Italia) che  non  riescono  a  raggiungere l'anno di vita. E ora i genitori, entrambi di origine senegalese ma residenti da qualche anno in un comune della cintura cittadina, chiedono chiarezza: «Non riusciamo a capire cosa sia successo. Fino all'ultimo sembrava tutto a posto, mia moglie stava bene e così il piccolo.
 Era il nostro primo figlio, lo desideravamo tanto» dice con commozione il papà, 32 anni,  dipendente  di un'azienda a pochi chilometri dalla città. La moglie, 30 anni,  ieri era ancora ricoverata in ospedale. Poche parole: per la difficoltà di parlare italiano e per  il dolore.  La donna, casalinga,  ha raggiunto il marito - arrivato dal Senegal cinque anni fa - il febbraio scorso ed è rimasta incinta dopo un mese. «Siamo sposati da otto anni, volevamo far nascere in Italia il piccolo», spiega l'uomo. La gravidanza è stata ben monitorata dai medici e dalle ecografie non era emerso nulla di anomalo.  Il travaglio della donna  (gravidanza a termine) è  iniziato alle 9 di martedì, e non è stato facile: si è tentato di far nascere il piccolo   dapprima con la ventosa, poi i medici sono dovuti intervenire con un cesareo e dal momento in cui è entrato in azione il bisturi il piccolo ha visto la luce in una decina di minuti. Ha pianto ma subito dopo ha mostrato gravi segnali di sofferenza. E' stato trasferito d'urgenza in Neonatologia dove, nonostante le cure dei medici (è stato rianimato e sottoposto a trasfusioni), è andato via via peggiorando. Fino al tragico epilogo  di mercoledì, quando alle due di notte Fallou se ne è andato.
«Forse era destino, forse Dio  ha voluto così»,  dice il padre, musulmano, con una pacatezza e una rassegnazione che però non  rinunciano  al bisogno di risposte: «Vogliamo vedere i risultati degli esami, capire cosa è andato storto. Credo che in questo momento non lo sappiano neppure i medici», dice il papà.   Lo zio del neonato   non esclude, «se sarà il caso», di compiere ulteriori passi per accertare la verità. Mentre la giovane mamma ha voluto essere sottoposta a tutti gli accertamenti   per capire se ci siano rischi per altre eventuali gravidanze.Intanto, mercoledì stesso,  il piccolo è stato sottoposto   ad autopsia  nell'istituto di  Anatomia patologia dell'ospedale Maggiore e sono stati eseguiti prelievi  per gli esami istologici. Altri prelievi sono stati  spediti  all'ospedale pediatrico Mayer di Firenze,   specializzato in  malattie metaboliche. Anche se occorreranno ancora settimane per avere risultati chiarificatori, il sospetto dei medici  dell'ospedale di Parma è che il piccolo soffrisse di una malattia congenita, probabilmente metabolica.
Lo suggerirebbero gli esami, gravemente alterati,  eseguiti durante le poche ore di vita del neonato.«E' ancora presto per dire cosa sia successo. Ma credo che la tragedia   non sia da imputare ad una errata gestione del parto e agli esiti di un'asfissia  - dice la direttrice della Neonatologia, Cinzia Magnani, pur senza entrare, per ovvii motivi di privacy, nei particolari della vicenda  - Il bambino era apparentemente sano, non malformato,  e le ecografie  non potevano prevedere una malattia di base. Abbiamo tentato  il possibile per  salvarlo e tutto il team del reparto si è mobilitato fino all'ultimo. E' stato un dolore anche per noi vederlo spegnersi. Probabilmente ci troviamo di fronte a quell'un per mille di neonati che perdono la vita a causa di una patologia genetica».  
«La sofferenza del parto non  sembra aver  determinato la morte del piccolo», si limita a confermare Daniela Viviani,  direttrice dell'Ostetricia e ginecologia dell'ospedale Maggiore, esprimendo grande dispiacere per l'accaduto e vicinanza alla famiglia del bambino.  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

7commenti

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

sisma e gelo

Catastrofe nel Centro Italia: Parma in prima linea nei soccorsi Video

Il Soccorso Alpino di Parma opera sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

4commenti

terzo furto

Ladri e vandali in azione a "La Bula" che chiede aiuto Video

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

6commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

4commenti

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Le immagini terribili dell'hotel Rigopiano Gallery

INGV

Le onde sismiche della scossa 5.5 nel Centro Italia Video

SOCIETA'

futuro

L'auto volante diventa realtà, prototipo entro il 2017

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta