11°

sicurezza

I ciclisti illuminati: "In questo modo non si rischia la vita"

Per un utilizzo più consapevole della bici. Pedalata della Fiab dopo l'inchiesta della Gazzetta sui "colleghi" indisciplinati.

Ciclisti con giubbotto catarifrangente

Ciclisti con giubbotto catarifrangente

Ricevi gratis le news
10

 

Andrea Del Bue
Hanno sfidato il freddo pungente, muniti di pettorina catarifrangente. Ma si sono detti che ne sarebbe valsa la pena, per dimostrare come si circola in bicicletta quando c’è buio.
 Erano in una trentina e si sono dati appuntamento in via D’Azeglio, davanti alla chiesa della Santissima Annunziata, in sella alle loro due ruote, giubbetto ad alta visibilità indossato e fanali anteriori e posteriori accesi. 
A richiamarli, Bicinsieme-Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta), per il flash mob intitolato «Il ciclista illuminato»; un nome che contiene un efficace gioco di parole: ciclista intelligente, che viaggia con i fari accesi di notte. 
Per farsi vedere, per non rischiare la vita. Alle 18, il via alla dimostrazione: tutti sul ponte di Mezzo e poi giù, in discesa, fino a piazza Garibaldi. In tasca, hanno tutti il decalogo del buon ciclista: dieci consigli per pedalare più sicuri. «Qui ci sono ciclisti che rispettano le regole - spiega il presidente di Bicinsieme-Fiab, Andrea Mozzarelli -, ma siamo al corrente, come rilevato dalla Gazzetta di Parma nei giorni scorsi, che ci sono anche molti ciclisti indisciplinati che, è proprio il caso di dirlo, non si illuminano, perché vanno in strada a fari spenti». 
Per questo, il flash mob: da una parte per dire che non tutti i ciclisti sono uguali, dall’altra per orientare gli amanti delle due ruote ad un utilizzo della bicicletta più sicuro e consapevole.
 «Noi facciamo il possibile, facciamo sicurezza stradale in continuazione - sottolinea Mozzarelli -. Ogni mail che mandiamo ai nostri soci, per esempio, contiene un piccolo consiglio per viaggiare in sicurezza. Il decalogo è nato due anni fa, in collaborazione con Infomobility, ma la Fiab è già da parecchi anni che si occupa di sicurezza stradale, che rimane la sua principale missione».
 Per chi non ha le luci accese, 25 euro di multa: «Alla Polizia Municipale chiediamo però che gli utenti, prima di tutto, vengano richiamati; poi, in caso di recidiva, ovviamente è giusto che scatti la sanzione».
In campo, per battere gli incidenti sulla strada, scenderanno anche le istituzioni: «Con l’amministrazione comunale - informa Mozzarelli - daremo vita a una campagna sulla sicurezza stradale che coinvolga noi, Aci, Polizia Municipale, Assistenza Pubblica e Avis: bisogna fare rete, perché è tutta la città a volere che non si verifichino più gli incidenti mortali che hanno coinvolto ciclisti e pedoni negli ultimi mesi». 
In alcuni casi, basta veramente poco per non rischiare la vita: «Pochi euro: due per le luci, quattro per una pettorina - conclude il presidente di Bicinsieme-Fiab -: è obbligatoria col buio, fuori dai centri abitati, ma noi la consigliamo anche in città». 
Andrea Del Bue

Hanno sfidato il freddo pungente, muniti di pettorina catarifrangente. Ma si sono detti che ne sarebbe valsa la pena, per dimostrare come si circola in bicicletta quando c’è buio. 
Erano in una trentina e si sono dati appuntamento in via D’Azeglio, davanti alla chiesa della Santissima Annunziata, in sella alle loro due ruote, giubbetto ad alta visibilità indossato e fanali anteriori e posteriori accesi. A richiamarli, Bicinsieme-Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta), per il flash mob intitolato «Il ciclista illuminato»; un nome che contiene un efficace gioco di parole: ciclista intelligente, che viaggia con i fari accesi di notte.......................Articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

 

Ma intanto troppi altri ciclisti continuano a mettere a rischio la propria e l'altrui incolumità circolando a fari spenti. Secondo voi occorrono controlli più severi e più contravvenzioni per chi non è in regola? Dite la vostra nello spazio commenti di questo articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Danyel

    11 Gennaio @ 12.48

    Come hanno gia' scritto in molti, le leggi ci sono gia'!Ma ci vogliono i vigili ed equiparati che le facciano rispettare!!! Oltre alle luci e pettorine e campanelli, i ciclisti dovrebbero ache evitare di viaggiare appaiati in due o(ci sono anche quell)piu'!!!Anche per questa violazione, c'e' il codice della Strada che vieta ai ciclisti di viaggiare appaiati...ma il Buon Senso e' merce rara, in questo periodo!

    Rispondi

  • Nocciolina

    03 Dicembre @ 11.02

    Ottime le pettorine per i ciclisti! Certo che se i vigili continuano a ignorare le bici anche questa cosa finirà in niente... Già esiste l'obbligo di accendere i fanalini e la maggioranza dei ciclisti non lo fa! Per i pedoni sarebbe un provvedimento inutile poiché i pedoni circolano sui marciapiedi e in genere gli attraversamenti sono illuminati. Iniziate a multare i ciclisti e a pretendere da loro il rispetto del CdS. Vedrete che le nostre strade ne guadagneranno in sicurezza e fluidità!

    Rispondi

  • gigiprimo

    03 Dicembre @ 08.12

    vignolipierluigi@alice.it

    caro 20,37, non occorrerebbe tutto di quello che hai menzionato, basterebbe un pochino di 'buon senso'. Tutti nasciamo 'pedoni', poi 'studiamo' per poter guidare una moto o una macchina, ma ritorniamo sempre pedoni, anche per poco. Non fidiamoci degli altri! appena possibile ' buon senso ', solo questo ci può salvare!

    Rispondi

  • filippo

    02 Dicembre @ 23.32

    Ma anche i pedoni? Con la pettorina? Ma davvero lo pensate? Se siamo a questo punto vietiamo agli incapaci di usare la macchina perche a qualcuno sta dando di volta il cervello. Abbiamo gia devastato l'ambiente stravolto la città spesi migliaia di euro e respirato cancerogeni come benzene pm10 ecc. In nome delle automobili simbolo del progresso e desso anche la pettorina ai pedoni? Per permettere di usare la macchina a qualche farabutto che non è capace di fare i 50 in città? Siamo alla frutta come paese e come società. Io appena posso emigro perchè chi ien dvinté tut mat!

    Rispondi

  • xxl

    02 Dicembre @ 20.37

    nilus75

    mettiamo obbligatorio per ciclisti e pedoni un elmetto stile II guerra mondiale con in alto un lampeggiante bianco, inoltre muniamoli di sirena tipo nave da crocera così che possano essere visti e sentiti! Su non esageriamo, ci sono già un milione di leggi, leggine, ordinanze, divieti, non si vive più. Se uno preferisce crepare piuttosto che circolare come un pagliaccio lasciatelo stare!!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

GAZZAFUN

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

La canzone di Libera contro la mafia dei ragazzi dell'Udu e dei pensionati Cgil

Tg Parma

Studenti e pensionati nella canzone di Libera contro la mafia

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Gli Harlem Globtrotters stregano il Palaraschi (1986)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Il Parco Ducale «occupato» da spacciatori e alcolizzati

Il Giardino

Il Parco Ducale «occupato» da spacciatori e alcolizzati

Tribunale

Pusher tentò di uccidere un carabiniere: condannato a 7 anni

La testimonianza

«Plagiata e poi schiavizzata; vi racconto il mio incubo»

Calcio

Insigne, fratelli da primato

Borgotaro

Tre furti in tre abitazioni lo stesso giorno

Shopping

Black friday, scatta la corsa agli acquisti

Traversetolo

Tre anni di carcere al bullo che rapinava i coetanei

MUSICA

Gli Snakes cantano per beneficenza

San Leonardo

Carne e pesce scaduti: denunciato il titolare di un negozio di alimentari

Inflitte anche multe per oltre duemila euro

1commento

Furto

Il ladro va in cantina e trova... il grande fratello

4commenti

CARABINIERI

Coltivano marijuana in casa: coppia agli arresti domiciliari a Colorno

Due 37enni sono stati arrestati in flagrante: sequestrate piante e 180 di marijuana in essiccazione

3commenti

ospedale

Ortopedia: ecco le nuove sale operatorie

Sono dotate delle più moderne attrezzature. Vaienti: «Più qualità e più sicurezza»

Parma

Sfondano la vetrina della concessionaria Boselli e rubano quattro moto nuove

Intervento della polizia in via La Spezia

2commenti

Tg Parma

Parco Ducale sempre più insicuro Video

1commento

LUTTO

Addio a Gianmaria Piccinini, fonico del Regio e tifoso del Parma Video

Tg Parma

Smog, per tre giorni consecutivi Pm10 fuori norma Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi di Berlino. Cosa sconta la Merkel

di Domenico Cacopardo

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

5commenti

ITALIA/MONDO

spagna

Italiano ucciso in una rissa a Barcellona

MILANO

Ladro ucciso: l'oste pubblica le sue ricette per pagarsi il processo

1commento

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Milan e Atalanta, pari per la Lazio: tutte qualificate

IL CASO

Violenza sessuale: 9 anni a Robinho, ex del Milan

SOCIETA'

SALUTE

Quando il design aiuta le mani impacciate Gallery

Francia

Ustionato al 95%, vive per il trapianto di pelle dal gemello

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery