16°

sicurezza

I ciclisti illuminati: "In questo modo non si rischia la vita"

Per un utilizzo più consapevole della bici. Pedalata della Fiab dopo l'inchiesta della Gazzetta sui "colleghi" indisciplinati.

Ciclisti con giubbotto catarifrangente

Ciclisti con giubbotto catarifrangente

10

 

Andrea Del Bue
Hanno sfidato il freddo pungente, muniti di pettorina catarifrangente. Ma si sono detti che ne sarebbe valsa la pena, per dimostrare come si circola in bicicletta quando c’è buio.
 Erano in una trentina e si sono dati appuntamento in via D’Azeglio, davanti alla chiesa della Santissima Annunziata, in sella alle loro due ruote, giubbetto ad alta visibilità indossato e fanali anteriori e posteriori accesi. 
A richiamarli, Bicinsieme-Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta), per il flash mob intitolato «Il ciclista illuminato»; un nome che contiene un efficace gioco di parole: ciclista intelligente, che viaggia con i fari accesi di notte. 
Per farsi vedere, per non rischiare la vita. Alle 18, il via alla dimostrazione: tutti sul ponte di Mezzo e poi giù, in discesa, fino a piazza Garibaldi. In tasca, hanno tutti il decalogo del buon ciclista: dieci consigli per pedalare più sicuri. «Qui ci sono ciclisti che rispettano le regole - spiega il presidente di Bicinsieme-Fiab, Andrea Mozzarelli -, ma siamo al corrente, come rilevato dalla Gazzetta di Parma nei giorni scorsi, che ci sono anche molti ciclisti indisciplinati che, è proprio il caso di dirlo, non si illuminano, perché vanno in strada a fari spenti». 
Per questo, il flash mob: da una parte per dire che non tutti i ciclisti sono uguali, dall’altra per orientare gli amanti delle due ruote ad un utilizzo della bicicletta più sicuro e consapevole.
 «Noi facciamo il possibile, facciamo sicurezza stradale in continuazione - sottolinea Mozzarelli -. Ogni mail che mandiamo ai nostri soci, per esempio, contiene un piccolo consiglio per viaggiare in sicurezza. Il decalogo è nato due anni fa, in collaborazione con Infomobility, ma la Fiab è già da parecchi anni che si occupa di sicurezza stradale, che rimane la sua principale missione».
 Per chi non ha le luci accese, 25 euro di multa: «Alla Polizia Municipale chiediamo però che gli utenti, prima di tutto, vengano richiamati; poi, in caso di recidiva, ovviamente è giusto che scatti la sanzione».
In campo, per battere gli incidenti sulla strada, scenderanno anche le istituzioni: «Con l’amministrazione comunale - informa Mozzarelli - daremo vita a una campagna sulla sicurezza stradale che coinvolga noi, Aci, Polizia Municipale, Assistenza Pubblica e Avis: bisogna fare rete, perché è tutta la città a volere che non si verifichino più gli incidenti mortali che hanno coinvolto ciclisti e pedoni negli ultimi mesi». 
In alcuni casi, basta veramente poco per non rischiare la vita: «Pochi euro: due per le luci, quattro per una pettorina - conclude il presidente di Bicinsieme-Fiab -: è obbligatoria col buio, fuori dai centri abitati, ma noi la consigliamo anche in città». 
Andrea Del Bue

Hanno sfidato il freddo pungente, muniti di pettorina catarifrangente. Ma si sono detti che ne sarebbe valsa la pena, per dimostrare come si circola in bicicletta quando c’è buio. 
Erano in una trentina e si sono dati appuntamento in via D’Azeglio, davanti alla chiesa della Santissima Annunziata, in sella alle loro due ruote, giubbetto ad alta visibilità indossato e fanali anteriori e posteriori accesi. A richiamarli, Bicinsieme-Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta), per il flash mob intitolato «Il ciclista illuminato»; un nome che contiene un efficace gioco di parole: ciclista intelligente, che viaggia con i fari accesi di notte.......................Articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

 

Ma intanto troppi altri ciclisti continuano a mettere a rischio la propria e l'altrui incolumità circolando a fari spenti. Secondo voi occorrono controlli più severi e più contravvenzioni per chi non è in regola? Dite la vostra nello spazio commenti di questo articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Danyel

    11 Gennaio @ 12.48

    Come hanno gia' scritto in molti, le leggi ci sono gia'!Ma ci vogliono i vigili ed equiparati che le facciano rispettare!!! Oltre alle luci e pettorine e campanelli, i ciclisti dovrebbero ache evitare di viaggiare appaiati in due o(ci sono anche quell)piu'!!!Anche per questa violazione, c'e' il codice della Strada che vieta ai ciclisti di viaggiare appaiati...ma il Buon Senso e' merce rara, in questo periodo!

    Rispondi

  • Nocciolina

    03 Dicembre @ 11.02

    Ottime le pettorine per i ciclisti! Certo che se i vigili continuano a ignorare le bici anche questa cosa finirà in niente... Già esiste l'obbligo di accendere i fanalini e la maggioranza dei ciclisti non lo fa! Per i pedoni sarebbe un provvedimento inutile poiché i pedoni circolano sui marciapiedi e in genere gli attraversamenti sono illuminati. Iniziate a multare i ciclisti e a pretendere da loro il rispetto del CdS. Vedrete che le nostre strade ne guadagneranno in sicurezza e fluidità!

    Rispondi

  • gigiprimo

    03 Dicembre @ 08.12

    vignolipierluigi@alice.it

    caro 20,37, non occorrerebbe tutto di quello che hai menzionato, basterebbe un pochino di 'buon senso'. Tutti nasciamo 'pedoni', poi 'studiamo' per poter guidare una moto o una macchina, ma ritorniamo sempre pedoni, anche per poco. Non fidiamoci degli altri! appena possibile ' buon senso ', solo questo ci può salvare!

    Rispondi

  • filippo

    02 Dicembre @ 23.32

    Ma anche i pedoni? Con la pettorina? Ma davvero lo pensate? Se siamo a questo punto vietiamo agli incapaci di usare la macchina perche a qualcuno sta dando di volta il cervello. Abbiamo gia devastato l'ambiente stravolto la città spesi migliaia di euro e respirato cancerogeni come benzene pm10 ecc. In nome delle automobili simbolo del progresso e desso anche la pettorina ai pedoni? Per permettere di usare la macchina a qualche farabutto che non è capace di fare i 50 in città? Siamo alla frutta come paese e come società. Io appena posso emigro perchè chi ien dvinté tut mat!

    Rispondi

  • xxl

    02 Dicembre @ 20.37

    nilus75

    mettiamo obbligatorio per ciclisti e pedoni un elmetto stile II guerra mondiale con in alto un lampeggiante bianco, inoltre muniamoli di sirena tipo nave da crocera così che possano essere visti e sentiti! Su non esageriamo, ci sono già un milione di leggi, leggine, ordinanze, divieti, non si vive più. Se uno preferisce crepare piuttosto che circolare come un pagliaccio lasciatelo stare!!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Bullismo

«Non voglio più andare a scuola»

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

INTERVISTA

L'8 maggio Nucci al Regio per l'Hospice

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

LEGA PRO

Parma, pronto a cambiare

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

anteprima gazzetta

La nuova (spregevole) trovata dei truffatori? Il rilevatore del gas

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

polizia

Paura a Londra e Berlino: tensione a Westminster (terrorismo) e spari in un ospedale (un ferito) Foto

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling