10°

comune

Piano neve: a disposizione quasi un milione di euro

Ma ci sono anche le incombenze per i cittadini

Pronto il piano neve

Pronto il piano neve

5

 

Comunicato

Per affrontare i rigori dell’inverno, il Comune ha approntato il “Piano Neve 2013 - 2014”. Il Piano Neve scatta quanto la coltre nevosa a terra raggiunge i 5 centimetri circa, un’indicazione di massima, legata alle effettive condizioni climatiche presenti al momento della nevicata: in caso di temperature sopra lo zero, il piano potrebbe scattare in un momento successivo a fronte dello scioglimento della neve stessa. Il Piano Neve è coordinato dal Servizio Manutenzioni Infrastrutture di Parma Infrastrutture che ha appalto il servizio dello sgombero neve ad un’associazione temporanea di imprese. La città è stata divisa in cinque zone per rendere organico e efficace l’operatività del Piano stesso: la Zona 1 comprende gli svincoli delle tangenziali, la Zona 2 la grande viabilità, la Zona 3 il Centro Storico, la Zona 4 la parte Sud della città e la Zona 5 la parte Nord della città. I costi preventivati ammontano ad una parte fissa pari a circa 360mila euro e ad una parte variabile, in funzione delle precipitazioni nevose, di circa 590mila euro che sarà determinata solo a saldo dell’effettive azioni portate a termine a fronte di gelate e nevicate. Sono 214 i mezzi impiegati e 108 gli operatori coinvolti. I mezzi: 113 spartineve con lama oltre 2,5 metri, 27 spartineve con lama inferiore a 2,5 metri, 11 pale per caricamento e spalatura, 10 autocarri con portata superiore a 3,5 tonnellate, 31 autocarri con portata inferiore a 3,5 tonnellate, 15 mezzi spargisale e 7 spargi cloruro. Il Personale: 83 operai spalatori e 25 tecnici. Piano operativo prevenzione ghiaccio, si articola in 4 livelli in base all’abbassamento della temperatura. Esso si sostanzia attraverso lo spargimento di materiali disgelanti, per evitare la formazione di lastre e croste ghiacciate nonché per sciogliere le stesse nel caso in cui fossero già formate anche in assenza di precipitazioni nevose. I mezzi per lo spargimento dei materiali disgelanti saranno dotati di apparecchiature per il rilevamento della posizione Gps e collegati al sistema cartografico comunale che in tempo reale permette di visualizzarne la posizione ed il percorso effettuato.
L’attivazione dello Sgombero Neve si sviluppa per zone di intervento nelle quali sono stati definiti numerosi percorsi ognuno dei quali è gestito da un certo numero di mezzi e personale specificatamente identificato, istruito e responsabilizzato per la buona riuscita dei lavori. Zona 1 - Svincoli e Tangenziali, suddivisa in n° 5 percorsi per strade e parcheggi con l’utilizzo di 20 mezzi. Zona 2 : Grande Viabilità , suddivisa in n° 12 percorsi per strade e parcheggi, con l’utilizzo di 22 mezzi. Zona 3 : Centro Storico , suddivisa in n° 11 percorsi per strade e parcheggi e n° 7 percorsi per interventi su marciapiedi, piste ciclo-pedonali, passaggi pedonali, fermate bus, scuole e mercati rionali, con l’utilizzo di 43 mezzi a cui si aggiungono 31 spalatori manuali. Zona 4 : Viabilità Sud , suddivisa in n° 30 percorsi per strade e parcheggi e n° 9 percorsi per interventi su marciapiedi, piste ciclo-pedonali, passaggi pedonali, fermate bus, scuole e mercati rionali, con l’utilizzo di 60 mezzi a cui si aggiungono 29 spalatori manuali. Zona 5 - Viabilità Nord, suddivisa in n° 24 percorsi per strade e parcheggi e n° 8 percorsi per interventi su marciapiedi, piste ciclo-pedonali, passaggi pedonali, fermate bus, scuole e mercati rionali, con l’utilizzo di 47 mezzi e 23 spalatori manuali.
Scuole – Per le scuole statali: primarie, secondarie di primo grado e secondarie di secondo grado, compete al Comune la pulizia dei soli spazi esterni. Scale e cortili sono in carico al personale ausiliario delle scuole stesse. Per le scuole comunali, materne e nidi, le operazioni di sgombero neve saranno a carico del Comune.
Mercati – Sarà garantita da parte del Comune la pulizia delle zone mercatali in caso di precipitazioni nevose.
Portale del Comune – Sito Internet di aggiornamento – Sarà attivato sul portale del Comune di Parma, www.comune.parma.it., una sezione specifica dedicata all’argomento Piano Neve con tutti gli aggiornamenti del caso: www.pianoneve.comune.parma.it.
Incombenze dei cittadini in caso di nevicate – In base al vigente Regolamento di Polizia Urbana – deliberazione C.C. n. 321/65 del 22/12/1997 – spetta ai privati lo sgombero della neve lungo i marciapiedi per tutta la lunghezza che confina con le abitazioni dei privati stessi, negozi, stabili, orti e giardini. E’ quindi fondamentale la collaborazione dei cittadini in questa circostanza, per cui sarà necessario togliere la neve dal proprio passo carrabile, dal proprio accesso pedonale e dai marciapiedi prospicienti le abitazioni private, accumulando la neve ai lati senza gettarla in strada. Una volta tolta la neve è consigliato lo spargimento del sale al fine di evitare la formazione di ghiaccio. Con 1 kg di sale è possibile trattare 20 metri quadrati di superficie calpestabile. E’ sconsigliata la pratica di gettare acqua su neve e ghiaccio.
Mezzi di trasporto – consigli utili . Utilizzare mezzi pubblici di trasporto in modo da facilitare la pulizia delle strade. Non parcheggiare su strade o aree pubbliche. Usare l’auto di proprietà solo in caso di necessità. Adottare una guida prudente mantenendo sempre la distanza di sicurezza. Non usare mezzi a 2 ruote.
Pedoni – consigli utili. Indossare scarpe adatte con suola in gomma per evitare cadute. Non camminare nelle vicinanze di alberi e cornicioni in caso di disgelo. Percorrere preferibilmente marciapiedi e strade già liberate da neve e ghiaccio
Persone anziane – consigli utili. Fare scorte alimentari in attesa che il tempo migliori . Acquistare pale e sale e segnalare eventuali criticità e pericoli imminenti:

NUMERO VERDE: 800484896





 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    14 Dicembre @ 12.19

    SI RICCARDO , per fortuna i cardiopatici sono una minoranza della popolazione , ma non sono poi così pochi. Tieni anche presente che molte persone cardiopatiche non sanno di esserlo. Qui, su questo "sito" , è riportato un articolo in cui si dice che l' aumento delle " polveri sottili " aumenterebbe il rischio di incidenti cardiovascolari , quindi potrebbe perfino esserci un effetto sinergico che aggraverebbe le cose. Ora vedremo quando , come ci è stato promesso, quel "lavoro" sarà pubblicato , se troverà conferma in altri studi. Tu dici che gli altri, non cardiopatici , possono spalare. Questo è vero , però , a parte il cavillo per cui bisogna vedere se davvero non sono cardiopatici , o se lo sono ma non lo sanno , UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NON PUO' FARE "ORDINANZE" CHE METTANO A REPENTAGLIO LA SALUTE E LA VITA DI UNA PARTE , PUR MINORITARIA , DELLA POPOLAZIONE . NON SI PUO' ANDARE IN GIRO , O MANDARE VIGILI IN GIRO , A "SPARARE NEL MUCCHIO" . Si deve valutare caso per caso . Il Regolamento Comunale di Parma sullo sgombero della neve risale al 1997 , quindi fu fatto da una Giunta di centro-sinistra. La storica , sempre invocata, "ordinanza" di Maria Luigia era un pò diversa. Per esempio faceva obbligo ai "frontisti" di pulire non solo i marciapiedi , ma anche la carreggiata stradale , fino a metà. Il Comune puliva solo la Piazza Grande (piazza Garibaldi) e i ponti. Ma il contesto sociale dei tempi di Maria Luigia era molto diverso da quello di oggi . Solo per farti un esempio , i muratori, a quei tempi , venivano licenziati in autunno e riassunti a primavera , per cui, per tutto l' inverno , dovevano mantenersi con lavori occasionali, come la spalatura della neve . Oggi , alle otto del mattino , se ha nevicato , tu cosa fai ? Vai a lavorare o spali la neve ?

    Rispondi

  • Riccardo

    14 Dicembre @ 08.47

    Ric Per il commento del 13/12 alle 18.51, in realtà non solo in città, ma dappertutto i frontisti dovrebbero togliere la neve, non solo a parma città per i vari regolamenti,detto questo il tuo ragionamento sulle persone con problemi è corretto, ma quanti ce ne sono a parma, rispetto agli abitanti normali? Io abito in un paese di provincia, in una via con una 20 di case, tutte famigliari, con suddetto regolamento, sono l'unico che tira via la neve, anche ad alcuni vicini di mia iniziativa; sono daccordo per chi ha problemi, ma tutti gli altri? Non si può fare il ragionamento "non lo fa nessuno, non lo faccio neanch'io", se qualcuno si fa male sul marciapiede con la neve, mi sembra che siano grane del frontista

    Rispondi

  • marirhugo

    14 Dicembre @ 00.17

    ma non erano 2 qualche ora fa?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    13 Dicembre @ 18.51

    GLI AMMALATI DI CUORE , portatori di cardiopatia ischemica , insufficienza coronarica , scompenso cardiaco , aritmie , che hanno avuto angioplastiche , bypass , interventi cardiochirurgici NON SI METTANO A SPALARE NEVE. Compiere sforzi fisici prolungati al freddo può essere , per loro , molto pericoloso. E neanche hanno l' obbligo di pagare qualcuno che lo faccia per loro conto. Non paghino multe ! Facciano ricorso al Giudice di Pace , portandogli in visione le proprie cartelle cliniche , e vedremo qual' è il Giudice che potrà imporre loro di rischiare il suicidio ! Le "Ordinanze di Maria Luigia" risalgono a tempi in cui solo la vita di nobili e ricchi valeva qualcosa. Quella della gente comune non valeva una cicca..........ma, per il momento , non siamo ancora tornati a quel punto , anche se siamo sulla strada buona...............

    Rispondi

  • Stefanus

    13 Dicembre @ 17.39

    Mi pare giustissimo che i frontisti puliscano i loro marciapiedi e se non lo fanno loro lo facciano fare a qualcuno

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

gossip

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Video Gigi Pacifico Fidenza

fidenza

"Io non so" l'ultimo video di Gigi Pacifico

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Duc, si lavora per riaprirlo

Il caso

Duc, si lavora per riaprirlo

CRIMINALITA'

Razzia di tonno, liquori e caffè in un magazzino

CALCIO

Parma, i conti tornano

Lutto

Franco Scarica, addio alla fisarmonica da Oscar

Donatori

Elezioni Avis: Giancarlo Izzi «in pole»

AL CAMPUS

Elio e le Storie Tese in forma per l'Europa

Collecchio

E' morto a 51 anni Massimiliano Ori

RUGBY

Zebre, altro mesto rinvio

viale mentana

Auto si ribalta e sbatte contro altre vetture: donna incastrata, 5 feriti Foto Video

viale fratti

Duc, cinque piani allagati: uffici chiusi per due giorni Video 1-2 Foto

Attivati due sportelli per le emergenze. Ed è corsa a salvare più documenti possibili

4commenti

FelegarA

Auto distrutta dai vandali nella notte

I teppisti sapevano come agire, hanno usato una candela da automobile: rompe il vetro facilmente e fa poco rumore

anteprima gazzetta

Ranieri esonerato: "Pro e contro", tra sport e costume

maltempo

Allerta meteo Protezione civile: forti temporali in Emilia Romagna

Allerta arancione per il rischio idrogeologico

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

11commenti

tg parma

Parma, rinnovi per Baraye e Nocciolini. Scaglia in attacco a Salò?

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

IL CASO

Troppo sport fa male al desiderio

1commento

svezia

Sesso in pausa pranzo: proposta choc in un comune artico

WEEKEND

L'INDISCRETO

Da Presley a Hemingway: nipoti d'arte

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Calciomercato

Ranieri: "Il mio sogno è morto"

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia