12°

22°

Smog

Pm10 sotto l'albero: è lo sforamento numero 26. E scatta il blocco domenicale

Folli: "Misura comunque poco efficace, da ridiscutere in Regione. Nel futuro valuteremo le targhe alterne tutti i giorni"

Smog a Parma

Smog a Parma

Ricevi gratis le news
10

 

"Sotto l'albero solo smog: 26 giorni di sforamenti consecutivi". L'ennesima denuncia del Gcr -a 26esima di questa ennesima serie, appunto - precede di un'ora il provvedimento preso dal Comune: il blocco del traffico straordinario per domenica prossima, come previsto dagli accordi regionali.

 Il blocco sarà in vigore dalle 8.30 alle 18.30, entro i viali di circonvallazione (con delimitazione entro le Barriere di Repubblica, Farini, Bixio, Santa Croce, Garibaldi). "Il provvedimento - si legge nella nota del Comune - viene adottato in base a quanto stabilito dal protocollo sottoscritto con la Regione sulla qualità dell’aria. A Parma siamo giunti al ventiseiesimo giorno consecutivo di sforamento delle polveri sottili. Si tratta di un provvedimento che interesserà anche le altre città capoluogo dell’Emilia Romagna, in base a quanto stabilito dall’accordo stesso. Considerato che le previsioni meteo annunciano già da domani condizioni di mal tempo, nel caso in cui il livello degli inquinanti nell’aria dovesse subire riduzioni, non è escluso che lo stesso venga revocato".

 Ma che il blocco del traffico non convinca, lo ammette l'assessore all'Ambiente  Gabriele Folli: “Ho parlato con i miei colleghi assessori e con il direttore generale del Settore Ambiente in Regione: ritengo che queste misure vadano riviste dal momento che sono poco efficaci e mal accolte da una parte della cittadinanza. Per il futuro valuteremo targhe alterne tutti i giorni come misura emergenziale, fino all'abbassamento dei livelli del particolato atmosferico. A gennaio fisseremo un incontro in Regione per discuterne”.

 

DEROGHE PRINCIPALI - Anche per il blocco di domenica 29 dicembre 2013 valgono alcune deroghe fra cui la possibilità di circolare per i mezzi esclusi dall’ordinanza stessa se vi sono a bordo 3 persone - car pooling - se omologate a 4 o più posti, e con almeno 2 persone se omologate a 2/3 posti, così come per le auto a metano/gpl. Sono, altresì, esclusi dai limiti imposti dal blocco gli autoveicoli ad alimentazione elettrica o ibrida, car sharing (auto condivisa), i mezzi di emergenza e di soccorso, oltre ai mezzi di per la sicurezza pubblica, i taxi, gli autoveicoli diretti ad alberghi della città, mezzi ufficialmente adibiti al trasporto dei portatori di handicap e mezzi privati con a bordo portatori di handicap in possesso di apposito contrassegno e ed altre fattispecie meglio precisate nel testo completo dell’ordinanza. Sono previste deroghe per veicoli condotti da ultrasettantenni.

PARCHEGGI E SANZIONI – Si potrà accedere ai parcheggi Toschi e Goito, percorrendo rispettivamente via IV Novembre, Viale Toschi e Viale Berenini, Via Camillo Rondani e Borgo Salnistrara. In caso d’inosservanza delle disposizioni dei provvedimenti è prevista la sanzione amministrativa di 163 euro, con la possibilità di beneficiare di una riduzione della multa pari al 30%. pagando la multa entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notificazione del verbale della violazione al codice della strada che prevede il pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria.

 

 

Il Gcr: "80 superamenti rispetto a 35 consentiti. E' ora di agire" 


Ecco il comunicato integrale del Gcr. "Ieri, con le polveri sottili a 63 microgrammi, Parma ha tagliato il traguardo dei 26 giorni consecutivi di aria fuori legge. Dal 28 novembre la città è circondata da una nube formata da una miscela cancerogena, come ha deciso l'Oms lo scorso ottobre. E' il Natale del carbone, tutti appassionatamente uniti nell'aria infetta, tutti dentro le auto a scorrazzare per la città, in perenne coda, tutti con i camini a mille, nonostante la temperatura mite che aiuta a non far schizzare ancora di più i livelli di inquinamento. Su 35 superamenti consentiti dalla legislazione, Parma è arrivata con ieri a 80, il 128% in più di quanto consenta la normativa, che ricordiamolo è ancora blanda e non ha recepito l'indicazione dell'Oms di portare a 25 giorni il numero massimo di eccezioni (e a 20 microgrammi il limite da non superare).

Il problema ovviamente non è solo di Parma ma di tutta la regione Emilia Romagna, che ancora tace e non accenna a prendere provvedimenti drastici e immediati per salvaguardare la salute dei cittadini. Il problema ovviamente va oltre anche l'ambito regionale e coinvolge tutto il bacino padano, un vero e proprio catino dei veleni, un'area considerata fra le più inquinate al mondo, un concentrato di polveri che uccidono, silenziosamente, le persone più deboli e a rischio come anziani e bambini. Pronto Soccorso con incrementi di accessi, medici di base con paziente perennemente affetti da problemi respiratori, la gravità della situazione è conclamata, ma nulla si muove.

Ci aspettiamo misure straordinarie allineate con la straordinarietà della situazione. Ma tutto sommato vince la paura di andare contro gli interessi delle grandi lobbies che vivono del grande circo del mezzo privato, che assiepa i centri storici, pullula i centri commerciali, visita le pompe di benzina, festeggia con allegria il proprio suicidio globale. Smettiamola di far finta di niente. Guardiamo con coraggio la realtà e agiamo."

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    26 Dicembre @ 11.49

    LA RACCOLTA SPINTA PORTA A PORTA INTRODOTTA A PARMA NON VA BENE PERCHE' E' INEFFICIENTE.. E' inefficiente perchè è cervellotica e confusa , al punto che il Comune si è inventato la comica figura del "rifiutologo" , al quale il cittadino dovrebbe telefonare , prima di buttar qualcosa in pattumiera , per sapere in quale pattumiera va. E' inefficiente perchè è antiigienica , obbligando le famiglie a tenersi in casa rifiuto maleodorante ed in putrefazione fino al giorno di raccolta , che può venire dopo settimane , nel caso si parta per una vacanza o per un viaggio di lavoro , tempo durante il quale la casa diventa albergo di pantegane. E' inefficiente perchè l' utente dev' essere messo in condizione di scaricare la propria immondizia quando lo ritiene necessario , compresa la notte di Natale , se gli avanzi del capitone puzzano. QUESTE SONO SEMPLICI DEDUZIONI DETTATE DA ELEMENTARE BUON SENSO , CHIUNQUE SIA IL SINDACO , UBALDI , VIGNALI , PIZZAROTTI O SANT' ILARIO ! Come dev' essere fatta una gestione corretta dei rifiuti lo abbiamo già detto e stradetto : cassonetti per raccolta indifferenziata , con differenziazione successiva , in apposito stabilimento , con apposito personale ed apposite attrezzature . Questo sarebbe il sistema migliore , consentendo una differenziazione completa e ben fatta al 100 %. In subordine : isole ecologiche stradali con contenitori differenziati . In ulteriore subordine : bidoni condominiali differenziati . L' ESSENZIALE E' CHE I CITTADINI POSSANO VUOTARE LA PATTUMIERA QUANDO NE AVVERTONO IL BISOGNO, SENZA DOVER ARZIGOGOLARE SU UN PASTROCCHIO DI ORARI E DATARI DIVERSI. QUESTO LO AVEVANO CAPITO ANCHE I VISIGOTI , MA , EVIDENTEMENTE , NON LO HA ANCORA CAPITO CHI HA SACRIFICATO LA PERSPICACIA A RIPICCHE E PUNTIGLI IDEOLOGICI !

    Rispondi

  • Vercingetorige

    25 Dicembre @ 18.27

    IN REALTA' UNA SPERANZA CE L' HO ! Che chi fa scempiaggini di questo genere solo per ripicca ideologica , ai danni dei suoi concittadini, dopo che gli è stato ripetutamente spiegato quali sono i metodi corretti di affrontare il problema , abbia la compiacenza d' andarsene !

    Rispondi

  • Vercingetorige

    25 Dicembre @ 18.00

    IL BUIO FITTO E' QUELLO CHE C' E' FUORI DALLA FINESTRA , DAVANTI AGLI OCCHI , E NON SOLO , di quelli che non vedono come una gestione dissennata dei rifiuti stia riducendo Parma un cumulo d' immondizia , com' è quotidianamente testimoniato da scritti e foto che i cittadini inviano a profusione su questo "sito".

    Rispondi

  • tiziana

    25 Dicembre @ 15.08

    @ "HANNO UNA FIFA BLU..." Lei vive FUORI dal tempo, dalla conoscenza ed anche dalla speranza. Un buio fitto, insomma!

    Rispondi

  • Vercingetorige

    25 Dicembre @ 11.46

    E' PROVATO CHE , questi "blocchi" del traffico veicolare limitati nel tempo e nello spazio , servono ad un beneamato cavolfiore ! O meglio , servono a prendere finanziamenti dalla Regione , per cui , da questo punto di vista , può pure convenire farci un pensierino...............La circolazione "per targhe alterne" è stata già fatta , a Parma , come altrove, tanti anni fa , mi pare negli anni settanta , ma, se ben ricordo , non fu tanto per l' inquinamento quanto per la crisi petrolifera . Senza dubbio provocava notevoli disagi. Qualcuno , senza problemi economici , che aveva in casa due macchine , si faceva dare , per una , la targa che finiva con numero pari , e , per quell' altra , una targa che finiva col numero dispari , suscitando le ire di quei poveri cirenei che, di macchine , ne avevano una sola..................

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

SERIE B

Parma, batti un colpo

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

MONCHIO

Rubata un'auto, razzia di attrezzi da lavoro e tentato furto in un bar

Cultura

Cimeli verdiani, Ministero interessato

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

6commenti

Anteprima Gazzetta

Caso Florentina: la procura chiede l'archiviazione per Devincenzi

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

LECCE

Bimbo di due anni muore schiacciato dal televisore

SPORT

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

F1 GP USA

Libere: domina Hamilton. Vettel (terzo) gira poco

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

MOTORI

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va

IL MINI SUV

Da oggi la nuova Citroën C3 Aircross: