22°

Tribunale

Caso Bonsu: iniziato il processo d'appello a Bologna

Il procuratore generale chiede l'inasprimento delle pene

Caso Bonsu: iniziato il processo d'appello a Bologna
8

Ha preso il via a Bologna davanti alla Corte di Appello il processo di secondo grado per la vicenda di Emmanuel Bonsu, lo studente ghanese che il 29 settembre 2008 fu arrestato per errore perché scambiato per il "palo" di un pusher. Il tribunale, a ottobre 2010, aveva condannato otto vigili accusati, a vario titolo di di sequestro di persona, lesioni, insulti razzisti e minacce.
Secondo quanto riferito dal TgParma, il procuratore generale ha chiesto un inasprimento delle pene. 

La pena più alta, sette anni e nove mesi, era stata inflitta a Pasquale Fratantuono, agente ritratto nella fotografia "trofeo" che fu trovata nel corso di indagini sul suo computer di servizio. Hanno fatto ricorso anche Simona Fabbri, vice comandante del Corpo all’epoca dei fatti, Stefania Spotti (sei anni e otto mesi), Mirko Cremonini, Marco De Blasi, Andrea Sinisi, Giorgio Albertini e Graziano Cicinato. La sentenza è stata impugnata anche dalla parte civile, che ha chiesto la condanna del Comune di Parma (rappresentato dall’avvocato Pierluigi Collura) al risarcimento come responsabile civile. 

L’udienza è stata aggiornata a domani davanti alla Corte (Magagnoli, Ghedini, Mori). 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Maurizio

    09 Gennaio @ 22.21

    Io se fossi stato amico di quel vigile, sarei stato ben contento di aver visto la foto, se è colpevole (questo lo vedremo a sentenza definitiva, per ora ci sono testimonianze dirette, comportamenti non proprio consoni alla prassi, qualche video...) meglio sapere con chi si ha a che fare, sinceramente non mi piacerebbe essere amico di una persona che fa una foto del genere e magari anche altro

    Rispondi

  • Gazzetta

    09 Gennaio @ 07.29

    REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Glielo rispiego. Quella foto fu presentata dagli inquirenti, non fu una iniziativa della Gazzetta (e di tutti gli altri giornali, siti e tv: o forse lei ricorda solo la Gazzetta?). Quindi è stato ed è un documento importante delle accuse (ripeto: stavamo parlando di accuse, non ancora di un giudizio processuale e men che meno definitivo); quindi, come tale, era logico pubblicarlo. Dopo di che (e qui i giornali non c'entrano nulla, come già le ho spiegato), i casi sono due: 1) se hanno ragione gli inquirenti, sul significato della foto, abbiamo già finito di discutere. E tocca ai giudici (non certo ai giornalisti, che si limitano a raccontare ciò che succede in città) valutare quei comportamenti; 2) se il protagonista di quella foto, e lo stesso vale per gli altri, uscirà innocente dalla vicenda processuale, allora sono d'accordo con lei che ha ricevuto un enorme danno. Lui potrà rifarsi (con i magistrati, non con chi ha correttamente raccontato quella vicenda). E noi giornalisti avremo certamente il dovere morale di dedicargli almeno altrettanto spazio per poter amplificare la sua acclarata innocenza - Ma questo, caro lettore, vale per chiunque sia coinvolto (non dai giornalisti) in una vicenda giudiziaria: tutti ricordano l'errore giudiziario clamoroso a danno di Enzo Tortora: ma non è che i giornalisti potessero tacere quel clamoroso arresto (con relative foto), aspettando a dare la notizia alcuni anni, come ce ne vollero per accertare l'inconsistenza di quelle accuse. - Morale: giusto chiedere a noi giornalisti equilibrio e rispetto. Giusto, ma inutile, perchè questo mestiere lo facciamo da decenni e ne conosciamo le regole. Altrettanto giusto che lei si batta, fino a sentenza definitiva, per proclamare l'innocenza di queste persone. Ma glielo ripeto: non è con accuse - infondate - ai giornalisti, che lei aiuterà i protagonisti di una vicenda che solo i giudici possono giudicare. E noi, quel giudizio, lo racconteremo con la stessa serenità di sempre: che sia di assoluzione. come auguro a lei e alle persone coinvolte, o di condanna. (G. B.)

    Rispondi

  • Stefanus

    08 Gennaio @ 17.17

    Rispondo all'inutile provocazione e rimango dell'idea che pubblicare una foto trofeo ha contribuito a infangare l'immagine di uno ed uno solo. Non parlo di colpevolità od inncocenza, non spetta a me, ma quando ho visto la foto ho escalamato "ma guarda, quel vigile lo conosco" e come l'ho fatto io l'hanno fatto in tanti. Pensate a vicini di casa, compagni di scuola, bottegai o quant'altro. Sarebbe stato molto ma molto più professionale dare la notizia (per dovere di cronaca) ma evitare la foto scoop. STEFANO MELANI

    Rispondi

  • teddy

    08 Gennaio @ 17.11

    Un fatto spiacevole, che ancora annovera stascichi. Un errore evitabile, che oltre alla cruenza ed all'opinione pubblica, ha favorito il quadro generale della criminilità, incoraggiandola ad affermarsi sempre più. Anche l'inasprimento delle condanne agli agenti coinvolti, non costituirà deterrente al dilagarsi dello spaccio di stupefacenti, nè renderà dignità alla vittima.

    Rispondi

  • Oberto

    08 Gennaio @ 15.04

    Si è vero, cosa fa adesso quello studente modello che era Bonsu ?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Parma 360»:uno speciale sul festival

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Uccide la moglie malata e si suicida: il dramma di Felegara Foto Video

I corpi senza vita ritrovati dai figli in camera da letto

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

2commenti

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

elezioni 2017

Salvini domani a Parma: "Per sostenere la candidatura della Cavandoli"

evento

Piovani alla presentazione del Gola Gola festival a Milano Video

omicidio

Delitto Habassi, chiuse le indagini: "C'è stata premeditazione"

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

6commenti

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

tg parma

D'Aversa: "Serie B ancora raggiungibile". Calaiò: "Serve miracolo"

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

3commenti

tribunale

Abusi nelle assunzioni a Stt, tutti prosciolti tranne Costa

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

11commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

Mondo

Debbie devasta l'Australia Video

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

SOCIETA'

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

roma

Omofobia, Shalpy: "Sputi e insulti per strada: un trauma"

1commento

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon