15°

29°

la polemica

Comune: "Ecco perchè abbiamo detto no ai nonni-vigili"

"Ora faremo un bando" - Le critiche di Ghiretti

Conferenza stampa giunta comunale su convenzione Auser, 10-1-2014

Conferenza stampa giunta comunale su convenzione Auser, 10-1-2014

Ricevi gratis le news
16

Nuovo capitolo della polemica sulla mancata presenza dei "nonni-vigili" davanti alle scuole e sul rapporto Comune-Auser. Questa mattina c'è stata la conferenza stampa del Comune, che poi ha emesso il comunicato che leggete qui sotto. A seguire, la replica del consigliere Roberto Ghiretti:

COMUNICATO STAMPA – COMUNE DI PARMA

Nessuna pregiudiziale alla base del mancato accordo con i volontari Auser per alcune delle attività socialmente utili in capo al Comune, ma solo ragioni di carattere tecnico e giuridico.
I rapporti con i volontari Auser che operano per conto del Comune con attività ausiliarie in diversi settori, tra cui i cosiddetti “nonni vigili”, quelli che operavano nelle biblioteche e nell’archivio comunale e quelli che presidiavano l’apertura delle sale civiche, sono stati interrotti per rispettare le norme vigenti in materia di attività di volontariato e per garantire pari opportunità nell’esercizio di queste attività (che comportano un onere a carico del Comune, sia pure a solo titolo di rimborso spese) a tutti i soggetti potenzialmente coinvolti.
In altri settori, invece, l’attività continua nel rispetto dei contratti in essere: i volontari Auser hanno in carico, fino a tutto il 2014, il trasporto disabili, per il quale è previsto un rimborso spese forfetario di 30.000 euro l’anno, e l’assistenza sugli scuolabus per l’anno scolastico corrente (23 persone impegnate con un rimborso annuo di poco superiore ai 40.000 euro).
Le ragioni del Comune sono state spiegate in una conferenza stampa dal vice sindaco Nicoletta Paci, con delega al volontariato ed associazionismo, dall’assessore alle attività produttive, commercio, turismo e sicurezza Cristiano Casa e dall’assessore alla cultura Laura Maria Ferraris.
“Conosciamo e apprezziamo il valore del lavoro svolto dai volontari Auser – ha spiegato Nicoletta Paci – ma la legge pone obblighi precisi sulla natura volontaria della prestazione. Da parte nostra continueremo a cercare soluzioni positive, ma per ora non è stato possibile sottoscrivere nuovi accordi, quindi procederemo con bandi appositi ai quali anche Auser potrà partecipare”.
Per quanto riguarda i “nonni vigili” l’assessore Casa aveva, già in passato, precisato i motivi che hanno condotto l’Amministrazione a non procedere al rinnovo dell’accordo con Auser, dopo lunghe trattative che non hanno avuto esito positivo. La normativa vigente, infatti, stabilisce chiaramente che deve trattarsi di attività a puro titolo di volontariato, e come tale non retribuita, salvo rimborsi spese documentati e connessi al progetto. Infatti il Comune ha chiesto alla Regione Emilia Romagna di fornire un chiarimento sull’interpretazione della legge regionale n.12 del 2005. E la risposta è stata inequivocabile. La Regione mette in evidenza che la normativa in materia di rapporti tra enti pubblici e organizzazioni di volontariato (L. n. 266/1991 e L.R. n. 12/2005)  stabilisce che le spese rimborsabili nell'ambito di una convenzione sono esclusivamente quelle effettivamente sostenute e connesse all'attività svolta. Pertanto le spese devono essere documentate e direttamente riconducibili alle attività: non è ammesso nessun tipo di rimborso forfettario, fatta eccezione per spese generali imputabili ai servizi solo in parte (esempio utenze), né tanto meno alcun rimborso calcolato su base oraria. “In questa situazione – ha constatato l’assessore Casa - il Comune ha ritenuto impossibile firmare una convenzione come proposto da AUSER, in cui le spese rimborsabili spaziavano ben oltre quelle strettamente connesse all’attività di vigilanza davanti alle scuole, come confermato dalla nota ufficiale della stessa Regione, che porta la data del 19 novembre 2013.
Il documento nega ogni possibilità di “compensi mascherati” e annuncia che la Regione valuterà l’opportunità di procedere ad una verifica a carico di Auser per l’iscrizione all’albo regionale. Per ora abbiamo rimediato impegnando i vigili – ha concluso Casa – ma faremo presto un bando per attribuire il servizio di vigilanza davanti alle scuole”.  
Per l’assessore alla cultura e al coordinamento delle politiche culturali Laura Maria Ferraris, la buona volontà da parte dell’Amministrazione per ricercare un accordo non è mancata, ma non vi sono le condizioni oggettive e normative per far proseguire il servizio dei volontari presso le biblioteche comunali con le modalità in essere. Fino ad oggi, infatti, veniva liquidato ad Auser un corrispettivo a forfait, ma questo non è più possibile, in base alla normativa vigente. Va aggiunto, poi, che, trattandosi di un servizio che prevede un corrispettivo in termini di rimborso spese, tutte le associazioni del territorio devono essere messe nelle condizioni di poter partecipare alla gara che si svolgerà per l’affidamento dell’attività di integrazione a quella ordinaria. “Il servizio – ha ribadito Laura Maria Ferraris – deve essere garantito dal Comune, che purtroppo si trova a scontare 15 anni di trascuratezza nella gestione delle biblioteche. Noi – ha continuato l’assessore – vogliamo tornare ad investire per il buon funzionamento in personale e strutture, e contiamo anche di valorizzare il volontariato sotto varie forme (tirocini, stage, rapporti con l’Università e associazionismo) in cui anche Auser potrà giocare il suo ruolo. La Ferraris ha preannunciato un primo avviso pubblico per le attivi-tà di supporto al sistema museale.
Analogo discorso vale per i pur preziosi servizi prestati dai volontari Auser nell’Archivio Comunale e per l’apertura e il presidio delle sale civiche, che hanno cessato l’attività il 31 dicembre, alla scadenza dell’accordo.
Per le altre attività ancora in essere (assistenza al trasporto scolastico e trasporto disabili) si procederà in modo analogo alla scadenza dei rispettivi contratti.
Questi i fatti, difficilmente contestabili, come dimostra ampiamente la risposta della Regione stessa al quesito sui volontari di presidio davanti alle scuole. Scorciatoie non ne esistono. E le prese di posizione costruite su auspici senza fondamento non possono che danneggiare un’associazione che svolge un lavoro encomiabile e importante per la collettività: pur operando con buon senso, indipendentemente dal passato, nessuno può chiedere al Comune di compiere atti che si manifesterebbero palesemente illegittimi, alla luce dei chiarimenti intervenuti dopo che si è sollevato il problema.
In ogni caso, il Comune è ben consapevole del valore dell’attività prestata dai volontari di Auser e opererà per ripristinare le attività soppresse e mantenere quelle in essere, ma nel rispetto della legalità, quindi della natura volontaria del servizio prestato, principio inderogabile della legge regionale in materia. Per alcune attività – che potrebbero trovare altre associazioni potenzialmente interessate - si procederà con bandi pubblici ai quali anche Auser potrà partecipare mettendo in campo l’esperienza e la professionalità dei soci.

Nel primo pomeriggio, come si diceva, al comunicato dell'amministrazione ha replicato Roberto Ghiretti, con questo testo:

Come spesso accade quando parliamo della nostra amministrazione, tra la teoria e la pratica c'è una bella differenza. Se il sindaco Pizzarotti a dicembre scriveva che “è assurdo andare a bando su ogni cosa”, ecco che questa mattina apprendiamo dagli assessori Paci, Casa e Ferraris che nel giro di un anno si avvieranno procedure di evidenza pubblica per quattro servizi che erano e sono attualmente svolti dall'associazione. Stiamo parlando dei “nonni vigili” e degli assistenti bibliotecari la cui assenza in questi giorni ha fatto ampiamente discutere i parmigiani, a cui si aggiungeranno a chiusura dell'anno scolastico i servizi a supporto del trasporto disabili e scuolabus.
Quattro bandi per sanare i guasti di una convenzione che, a detta dell'amministrazione, è palesemente illegittima.
Non sono un tecnico e non spetta me tutelare gli interessi dell'Auser, ma questa vicenda solleva alcune questioni tutt'altro che secondarie.
In primo luogo la tempistica. Se la convenzione è palesemente illegittima, come sostiene il Comune, perché non si è proceduto a mettere a bando il servizio in tempo utile per non lasciare scoperte scuole e biblioteche? Almeno in quest'ultimo caso i tempi tecnici per evitare il disservizio c'erano tutti.
Se la convenzione è illegittima per quale motivo viene deliberatamente e consapevolmente lasciata in vigore per quanto riguarda i servizi di trasporto scolastico e disabili, i quali prevedono rimborsi forfettari esplicitamente esclusi dall'assessore Casa nella conferenza stampa di questa mattina? Se le cose stanno come sostiene l'assessore questo configura un danno erariale di cui qualcuno dovrà pur rispondere.
E infine, più importante, come è possibile che su 44 comuni del parmense e centinaia a livello regionale, tutti convenzionati a vario titolo con Auser, solo il Comune di Parma pone una questione di legittimità della convenzione? Abbiamo interpellato altre amministrazioni per verificare in che modo vengono considerati i rimborsi spesa presentati dall'associazione? Siamo davvero sicuri di essere i più bravi o si sta facendo come nel caso dei teatri, dove si è voluto andare a bando a tutti i costi senza cercare di capire come altre realtà avevano risolto problemi che al nostro Comune parevano insormontabili?
In attesa di conoscere la posizione di Auser in merito alle precisazioni del Comune la mia sensazione è che non si sia fatto abbastanza per risolvere problemi che non metto in dubbio esistano, ma che altri hanno evidentemente risolto evitando di cancellare, come abbiamo fatto noi, servizi utili all'intera comunità per risparmiare poche migliaia di euro.

Roberto Ghiretti
Parma Unita

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • p

    24 Gennaio @ 16.07

    @redazione gazzetta: complimenti per la foto pubblicata sul sito, in un colpo solo avete beccato 4 assesori che a metterli tutti insieme ce ne fai si e no mezzo!!!! il fatto che vederli tutti insieme ti cadono a terra... i gomiti ovviamente!

    Rispondi

  • stregatta

    17 Gennaio @ 23.48

    Con buona pace di Immanuel, no. ma ho lavorato in un'associazione di volontariato e ho un diploma in materia. ed è per questo sono indignata x quello che sta succedendo con auser. il volontariato è un fondamento del paese e a causa di pochi si sta svilendo la figura dei volontari

    Rispondi

  • Immanuel

    12 Gennaio @ 23.59

    Ho l'impressione che l'amministrazione stia facendo l'ennesimo "casino". Sta riuscendo, ancora una volta, a mettersi in cattiva luce. Ma Stregatta lavora per il comune che ha messo il lo stesso commento su tutti gli articoli relativi ai volontari?

    Rispondi

  • stregatta

    11 Gennaio @ 23.30

    Approvo quanto detto da Gio su questo argomento: "Pur di far lavorare l’auser (che se da una parte risolve un problema sociale, dall’altra fa concorrenza sleale al mondo imprenditoriale, specie in un momento come l’attuale), voi cittadini di parma state istigando il Comune ad applicare l’illegalità?!? Pur di fare i vostri comodi, contestate gli amministratori che, per una volta, hanno la volontà e il coraggio di volerci veder chiaro e di farle cosa secondo la legge??! Credo che vi meritiate tutto quello che vi è successo con Vignali. Corrotto, forse, non era tanto lui, ma tutti quelli che vivono in questa città e che pensano che, pur di raggiungere il fine, non ci si deve preoccupare del mezzo che viene usato. E chi se ne frega della legge!!"

    Rispondi

  • Maurizio

    11 Gennaio @ 13.17

    Se è vero quello che è scritto sulla gazzetta di Parma, ovvero chiesti rimborsi spese anche per vestiti e altro... Beh il comune ha ragione da vendere nonostante quello che dicono i vari politici avversari, chi i soldi vadino tutti anche solo ai nonni vigili mi sta bene ma chi vengano utilizzati per andare dal barbiere, per andare a fare spesa e tanto altro.... E cosa volete scommettere che queste ricevute non sono state presentate dai nonni vigili ma da altre persone....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Magiafuoco/2

monchio

Se in Appennino arriva Mangiafuoco Video

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

6commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

2commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

10commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

2commenti

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

22commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SOCIETA'

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

Usa

Quando la "diva" Luna oscura totalmente il sole  Foto

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti