19°

verde pubblico

La Cittadella "nuda": ecco perchè

La Consulta del verde ha incontrato i cittadini per spiegare i massicci "tagli" - E il consigliere Savani spiega l'intervento

Cittadella dopo il taglio degli alberi, gennaio 2014
12

 

In questi giorni i tantissimi frequentatori della Cittadella sono rimasti  un po' perplessi, nel vedere uno dei principali parchi pubblici cittadini completamente trasformato, e praticamente "denudato", dopo il taglio di molti alberi e l'eliminazione dei cespugli verdi che hanno sempre fatto da cornice ai viali nei quali i parmigiani corrono o camminano.

Molti hanno espresso dubbi sull'opportunità di un intervento così radicale: e così c'è stato un incontro fra un gruppo di cittadini e la Consulta del Verde, di cui riferisce un comunicato diffuso dal consigliere comunale M5s Fabrizio Savani, che ha anche illustrato le motivazioni di un intervento così radicale. Ecco il testo del consigliere:

COMUNICATO STAMPA

In questo periodo, a cavallo delle Feste Natalizie del 2013, è stato eseguito un importante intervento in Cittadella orami improcrastinabile. Il lavoro di manutenzione straordinaria, resosi necessario a seguito di anni di mancata cura ordinaria, ha restituito ampi spazi verdi alla cittadinanza. Diversi autocarri di rifiuti indifferenziati sono stati raccolti e smaltiti. Siringhe, preservativi, fazzolettini vari, rifiuti organici di origine animale ed umana, bottiglie rotte, lattine, residui di cantieri, chiodi e pezzi di ferro arrugginiti, lamiere, giocattoli, palloni, ecc. 

Mi sono quindi recato in Cittadella insieme al presidente della Consulta del Verde comunale anche per capire le rimostranze di alcuni cittadini che manifestavano un forte disagio per l’intervento. Alla Consulta del Verde, dove era stato discusso l’intervento, erano stati invitati (ne fanno anche parte) diverse associazioni ambientaliste di Parma fra le quali le Guardie Ecologiche (G.E.L.A.), Legambiente, il WWF, l’Associazione Ornitologi dell'Emilia Romagna, il Corpo Guardie Ecologiche Volontarie (C.G.E.V.), la Società Italiana Arboricoltura, il Consorzio Fitosanitario Provinciale, oltre all’Università degli Studi di Parma. Si è poi svolta una conferenza stampa alla presenza dei cittadini e degli organi di stampa dove si spiegava nel dettaglio i lavori. La Cittadella, nata per scopi difensivi, fu adibita inizialmente a caserma poi utilizzata come parco pubblico a fine ottocento. Ultimamente si era trasformata in giungla urbana per una storica mancanza di manutenzione. Personalmente sono un teorico dei giardini e delle riserve in movimento ovvero aree verdi con una piccola opera di controllo e di manutenzione dove la natura sia libera di muoversi e di prendersi i propri spazi. Ma per Parma la Cittadella era e resta un parco urbano e considero prioritaria la salvaguardia degli utenti, ovvero i cittadini. Non si poteva più lasciare che madri e bambini usufruissero di una struttura non sicura col rischio di ferirsi raccattando ogni sorta di schifezza. L’importante lavoro di manutenzione ha riportato alla luce la vista dell’Ostello che ora, dopo la profonda pulizia, risulta molto più visibile. Si è in tal modo recuperata una vasta area di terreno ora fruibile dai cittadini. In questo modo attività poco lecite, penso ad esempio allo spaccio, potranno essere ostacolate con l’aumentata visibilità. La fruizione della zona, l’accessibilità, sono azioni che disincentivano la presenza della delinquenza. Non si pretende di risolvere la situazione con un’opera di manutenzione del verde ma sicuramente l’ordine e la pulizia possono aiutare. Diverse piante sono state potate ed alcune sono state abbattute. E’ prevista la loro compensazione come stabilito durante la seduta di novembre 2013 della Consulta del Verde. E’ anche prevista l’installazione di nidi artificiali per garantire la consueta nidificazione dei volatili. Il lavoro è stato eseguito anche grazie all’aiuto di cittadini con urgenti necessità economiche utilizzando un contributo di duecentomila € stanziato dal Comune per lavori socialmente utili.

Si è cercato di impattare il meno possibile sull’ecosistema intervenendo anche con l’obiettivo di ripristinare le condizioni minime di sicurezza soprattutto su torrioni, bastioni e baluardi (rischio di caduta di pietre, mattoni o piante morte o pericolanti, ecc). Il lavoro, evidenziato anche grazie ad installazioni esplicative per i cittadini nei pressi degli accessi alla Cittadella, è in fase di ultimazione. Rimangono alcuni interventi da pianificare in alcune modeste aree secondarie e limitrofe ai torrioni. Il Comune ha ripristinato un’importante area verde che sta a cuore a molti cittadini. Ringrazio tutti coloro che con le loro segnalazioni e sollecitazioni mantengono viva l’attenzione della pubblica amministrazione anche su temi così importanti.
Sta ora ad ognuno di noi cercare di mantenere bello e pulito questo straordinario ambiente verde.


Fabrizio Savani, consigliere comunale M5S Parma

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Sergioker

    18 Gennaio @ 22.09

    Buzzi ha ragione. Se serviva legna da pellets dovevano proprio radere al suolo uno storico polmone verde della città ?

    Rispondi

  • Henricus

    18 Gennaio @ 21.16

    Giustificare l'intervento anche con la necessità di togliere spazi alla microcriminalità mi sembra una mossa grossolana. Oltretutto non si capisce perché, dunque, le piante saranno rimpiazzate; per agevolare i criminali del futuro? Non sono un esperto ma anche la scelta di potare tutto per pulire meglio il terreno dai rifiuti accumulatisi negli anni appare quasi altrettanto grossolana. Non esistono metodi più lunghi ma meno radicali? Gli alberi ricresceranno, certo, e forse in modo più ordinato di prima. Ma un albero e un parco hanno una propria identità sviluppata negli anni e nei decenni, e non può essere un assessore qualsiasi a stravolgerla così recisamente solo per un bisogno di pulizia e, forse, per il piacere di imporre al parco il proprio ordine

    Rispondi

  • Tribux

    17 Gennaio @ 17.37

    Ritengo che un albero, specie se centenario, debba essere abbattuto solo se ammalato o pericolante. Non è assolutamente accettabile la motivazione di aumentare la visibilità di un’area, perché altrimenti, con la stessa logica, molti altri alberi di parchi e giardini sarebbero a rischio. Non è facendo tabula rasa che si garantisce la sicurezza dei cittadini. Ma ormai quel che è fatto è fatto. Mi aspettavo però che finalmente venisse posto un rimedio alle numerose pozzanghere che si creano dopo una giornata di pioggia sul percorso sterrato dei bastioni. Decine di podisti percorrono i bastioni ogni giorno infangandosi e schizzando chiunque si trovi nelle vicinanze, trasportando successivamente il ‘souvenir’ della cittadella in auto, scale condominiali, pavimento dell’abitazione. E’ un intervento ridicolo in termini di spesa: si tratta solo di ricoprire con un po’ di brecciolino gli avvallamenti oppure di migliorare il deflusso dell’acqua dalla strada verso la scolina. Lo farei volentieri anch’io, a mie spese, se fossi autorizzato a farlo.

    Rispondi

  • Parmigiano

    17 Gennaio @ 16.12

    "Si è cercato di impattare il meno possibile sull’ecosistema..." dice savani, allora, coro Consigliere chi ha fatto l'intervento non c'è riuscito. E' chiaro che Lei si difenda ma la condanna è inevitabile, avete distrutto il cuore verde della città, dico poco.....

    Rispondi

  • Parmigiano

    17 Gennaio @ 16.09

    Villifor, ci sei stato? Sai com'era? Se approvi sei un "poco" di qualcosa

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

MILTO 5

Fotografia

Un alieno a Parma: ecco chi è Milto5, "campione di selfie"  Video

3commenti

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Hashish e marijuana: sequestri di droga a scuola e nel parcheggio fra viale dei Mille e viale Vittoria

Controlli

Hashish e marijuana: sequestri di droga a scuola e nel parcheggio fra viale dei Mille e viale Vittoria Foto

Stupefacenti anche nel parco Falcone e Borsellino

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Gazzareporter

Vetri in frantumi: auto prese di mira nel parcheggio di via Palermo Foto

1commento

Montechiarugolo

«Mio nipote sequestrato in Tunisia»

Droga

San Leonardo, stavolta niente «rito»

9commenti

Viabilità

Il Comune: corsie per bus, traffico ridotto fra Lungoparma e ponte di Mezzo

Annunciati controlli della Municipale in via Farnese

Tragedia

«Giovanni adesso è insieme a Dio»

borgotaro

Oggi i funerali di Danilo Savani

Imprenditori

Morto Primo Ferrari, una vita per il latte

CALCIO

Buffon a quota 1000

Fidenza

Sottopasso, i residenti propongono un progetto alternativo

CONCERTO

Mario Biondi al Regio, voce e ricordi

PROGETTO

Sala, c'è una badante per te: apre uno sportello

LEGA PRO

Parma, Ferrari: "Crediamo nei play-off, servono nuovi stimoli" Video

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

2commenti

EMERGENZA CRIMINALITA'

La 48 ore dei ladri: quattro case svaligiate, razzie sulle auto e spaccate Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

L'ATTACCO

Il sindaco di Londra: sventati 13 attacchi in 4 anni Video

Luca Donadel

"La verità sui migranti": il video che fa discutere il web

5commenti

SOCIETA'

COLORNO

Con il Fai a scoprire l'appartamento del duca don Ferdinando Fotogallery

PGN

In campo con la Polisportiva gioco

SPORT

F1: SI PARTE

Il calendario 2017 e le dirette tv

LA POLEMICA

Cipollini disintegra il ciclismo italiano

MOTORI

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery

LA PROVA

Fiat 500L Living a metano