16°

31°

DOPO IL DOPPIO INVESTIMENTO

Viale Piacenza, quei 50 metri da paura

I residenti: "Attraversamenti non segnalati e troppa velocità". E poi c'è la "solita" rotatoria con atterraggio a casa Bonassi

Viale Piacenza, quei 50 metri da paura
Ricevi gratis le news
3
Il giorno dopo il sangue sull'asfalto è quasi un'ombra. Ma un'ombra che non si è cancellata. E non si cancella dalla mente di chi oggi - come ieri, come tante volte nelle settimane che si rincorrono in un anno - attraversa viale Piacenza. Li raccontano come 50 metri "da paura", i residenti. Cinquanta metri che si srotolano dalle strisce pedonali su cui ieri pomeriggio sono state travolte due donne, ricoverate in gravissime condizioni al Maggiore,  fino alla rotatoria maledetta: quella dove già 18 auto - l'ultima 20 giorni fa - hanno spiccato il volo per atterrare sul prato - quando va bene - o nelle vetrine - quando va male - dell'arredo bagno Bonassi. In mezzo - in realtà quasi attaccato alla rotatoria - un secondo attraversamento pedonale, questa volta rialzato e dotato di segnaletica verticale, proprio di fronte all'istituto superiore. 
"Gli automobilisti vanno molto forte e il primo attraversamento in effetti è mal segnalato: non c'è nessuna segnaletica verticale e da lontano non lo vedono", racconta Fernanda Leporati. "Anche nelle giornate di sole rimane in ombra e non si vede - le fa eco Antonella Ferrari - . E' un peccato perchè è molto comodo: chi abita dall'altra parte del parco arriva direttamente e passa dall'altra parte per raggiungere i negozi. Certo, le auto vanno a forte velocità e non rallentano, anche se la rotatoria è vicina". "Ci vuole una grande attenzione da parte di tutti - ammette Edda Magnani, la bici a fianco e in procinto di attraversare la strada - Ma se fosse rialzato sarebbe diverso".
E poi c'è l'altra parte del problema viale Piacenza, quella rotatoria 50 metri dopo. "Da quando hanno tolto il semaforo e messo la rotatoria è un disastro - raccontano Gianfranco e Luca Bonassi, padre e figlio al lavoro nel negozio di arredo bagno che ha già ricevuto parecchie visite motorizzate. "La colpa è ovviamente la velocità, e spesso di notte l'ubriachezza, ma non si può non intervenire- si sfogano - . Siamo stati ripetutamente in Comune e a sollecitare i dossi. Ci hanno risposto che erano antiestetici e un anno e mezzo fa il sindaco e un assessore sono venuti a fare un sopralluogo. Ci hanno proposto dei vasconi "dissuasori" sul marciapiede, chiedendoci in cambio di curare il verde. Noi abbiamo accettato, ma poi ci hanno fatto sapere che non c'erano soldi per acquistarli". E tutte le volte - ammettono - pensano a quelle auto impazzite, all'affollata uscita da scuola degli studenti, alle signore che vanno al supermercato E alla possibilità che prima o poi su quel marciapiede stia passando qualcuno. Di incolpevole. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nocciolina

    22 Gennaio @ 09.14

    Gente, sveglia però! Negli ultimi 30 anni è aumentato il volume di traffico (di tutti i mezzi) e cosa hanno fatto le amministrazioni? Hanno ristretto le strade, fatto piste ciclabili CHE NON VENGONO MAI USATE per le scuse più stupide (sì perché i ciclisti di PR pretendono di correre senza mai fermarsi per un attraversamento, un pedone, un tombino, una cacca di cane) e non sia mai che vengano multati e disciplinati come dio comanda. Poi abbiamo i pedoni, anche loro che camminano a naso per aria, magari con l'ipod che spara musica a tutto volume nelle orecchie, che spesso si lanciano in strada in attraversamenti azzardati pretendendo che le auto inchiodino all'istante. E infine gli automobilisti che devono stare attenti a 3000 cose contemporaneamente perché poi sono sempre loro i capri espiatori di ogni disgrazia stradale! Certo, con questo non dico che siano tutti guidatori provetti eh, tra anziani rincoglioniti, donnette troppo impegnate a chiacchierare, quelli al telefono, quelli che han paura ad andare per strada ma ciononostante invece del bus continuano a prendere la macchinina... Qua se non si fa qualcosa di drastico rischiamo di avere la città paralizzata! Tra quelli che "il blocco del traffico" quegli altri che "tutti ai 30" ecc. c'è da mettersi le mani nei capelli! Di certo ci vorrebbe più responsabilità da parte di chi usa le strada a prescindere dal mezzo. ma se le regole non le fai rispettare a tutti allora è inutile.

    Rispondi

  • fabio

    21 Gennaio @ 17.14

    Sono un' automobilista e percorro Viale Piacenza quotidianamente da 20 anni, se devo essere sincero la viabilità in città è molto peggiorata negli ultimi anni. Vuoi per girotonde veramente piccole e inutili (vedi Via Emilia Est), vuoi per un attraversamento ciclabile o pedonale ogni 50 metri. Viale Piacenza, come Barriera Repubblica ,Viale Fratti e Barriera Garibaldi sono molto pericolose per pedoni e ciclisti, per il grande traffico. La colpa non è solo degli automobilisti ma anche di ciclisti che attraversano a palla e pedoni che neanche guardano dove vanno.

    Rispondi

  • Francesco

    21 Gennaio @ 13.18

    C'è anche da dire che recentemente ci son sempre più pedoni che, confidando nell'attenzione degli automobilisti, attraversano completamente a caso senza neanche guardare a destra e a sinistra

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Terrorismo, posizionate le fioriere antintrusione in centro

sicurezza

Terrorismo, posizionate le fioriere antintrusione in centro Video

COLORNO

"E' morto assiderato", il pranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

2commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

6commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

1commento

Due colpi in poche ore

Nuova rapina ad un bancomat

2commenti

COLORNO

50 anni fa Mazzoli divenne il re della motonautica

TRIBUNALE

Blitz notturno nel bar di via Bixio, condannato il ladro

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

7commenti

ITALIA/MONDO

danimarca

Trovato decapitato il corpo di Kim, la giornalista scomparsa sul sottomarino

taranto

Gioca 2 euro al 10eLotto e vince 1 milione

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti