10°

22°

Millecolori: "Braccio di ferro Iren-Comune, pagheranno solo i cittadini?"

L'associazione: "Da una parte i milioni di danni per la sospensione del cantiere, dall'altra quelli del ristoro ambientale: no ad aumentare le tariffe"

Millecolori: "Braccio di ferro Iren-Comune, pagheranno solo i cittadini?"
Ricevi gratis le news
1

 

"Il prossimo 27 febbraio è fissata la discussione al TAR di Parma della causa per il risarcimento dei danni pretesi da IREN per la sospensione dei lavori disposta nel luglio 2011 dal Comune di Parma." Parte da quella data l'associazione Millecolori per parlare della vicenda Iren-Comune in materia di inceneritore: da una parte la richiesta di danni di Iren al Comune per la sospensione del cantiere, dall'altra la richiesta di ristoro ambientale che potrebbe avanzare il Comune verso la multiutility nel caso arrivino i rifiuti extraprovinciale. E la domanda è: "Alla fine pagheranno solo i cittadini di Parma con l'aumento della tariffa?".
"La sospensione dei lavori - ricorda Millecolori nella nota - era stata disposta dall’amministrazione Vignali e poi dichiarata illegittima dal TAR.
Ricordiamo a tutti i frenetici contatti tra quella Amministrazione ed esponenti del CGR finalizzati anche a “confezionare” tale illegittima sospensione, contatti prima negati poi ammessi a seguito della pubblicazione di stralci di intercettazioni con il consigliere regionale Villani.
IREN, a seguito di quell’improvvida sospensione dei lavori, ha chiesto al Comune di Parma un rilevante risarcimento danni, si dice di circa 27 milioni di Euro.
In relazione a questo rischio di risarcimento, già da aprile dell’anno scorso avevamo invitato il Comune ed iREN a trovare un accordo senza penalizzare i cittadini di Parma, che di certo non hanno colpa per le azioni maldestre del precedente Sindaco, coadiuvato da Villani e dal GCR.
Da piazza Garibaldi era pervenuta una risposta piccata, affidata ai soliti guardiani della rivoluzione".
"Ora però i nodi sembrano venire al pettine, poiché il TAR dovrà decidere sull’eventuale risarcimento a carico del Comune (e relativo importo).- continua l'associazione - Ma pare profilarsi all’orizzonte un nuovo scenario.Nulla è certo, ma se nell’impianto di Parma dovessero trattarsi rifiuti extra provinciali, il Comune potrebbe richiedere ad IREN un rilevante ristoro ambientale per un importo che potrebbe “casualmente” avvicinarsi al risarcimento richiesto al TAR.
Non è chiaro se parte di tali somme verrebbe poi girata ad IREN. Fin qui la partita sembrerebbe regolare, anzi a vantaggio del Comune che incasserebbe somme e scongiurerebbe e/o ridurrebbe il pericolo o comunque l’entità dei danni, o comunque troverebbe le risorse per farvi fronte.
Così però non è!"
"La ragione è semplice - spiega Millecolori - : il ristoro ambientale costituirebbe per IREN un costo che, come tale, dovrebbe poi essere considerato nella determinazione della tariffa, con la conseguenza che quei milioni di euro diventerebbero una ulteriore gabella a carico di tutti i cittadini della provincia di Parma.
La conseguenza sarebbe una bella tassa aggiuntiva che i cittadini pagherebbero, di fatto per coprire i danni causati dalla sospensione lavori voluta da Vignali-Villani-CGR.
La speranza è che questo scenario non si verifichi, ed in merito si attende un chiarimento da parte del Sindaco e dell’Assessore Folli, che è stato anche uno dei principali esponenti di quel CGR che, come detto, sembrerebbe aver compartecipato alla sospensione illegittima.
Per parte nostra faremo il possibile perché ciò non accada, a tutela delle tasche di tutti noi e del principio generale del far pagare chi ha sbagliato (sia interno che esterno al Comune) e non la collettività.
Il 27 febbraio è vicino e quindi vedremo se le parti (IREN e COMUNE) concorderanno un bel rinvio in attesa della determinazione della nuova tariffa: questo sarebbe un segnale che quanto sopra ipotizzato potrebbe effettivamente verificarsi.
Da parte nostra ci limitiamo a formulare una proposta molto semplice: se mai dovessero venire a Parma rifiuti extra-provinciali - cosa che in linea di principio ci vede decisamente contrari, fatta eccezione per l’obbligo di restituzione nei confronti di chi per oltre 10 anni ha ospitato i rifiuti parmigiani – Parma dovrà pretendere un serio e rilevante ristoro ambientale (da destinarsi per la realizzazione di seri interventi nel settore dell’ambiente, ed in particolare della qualità dell’aria, nonché per la riduzione delle tariffe a carico dei cittadini parmigiani) e tali somme dovranno gravare sulle tariffe dei cittadini delle città che non sono dotate di impianti di smaltimento e che, pertanto, debbono smaltire altrove i loro rifiuti, come Parma ha fatto per oltre 10 anni.
E’ in realtà quello che per oltre 10 anni è avvenuto in “danno” dei cittadini di Parma, che hanno subito tariffe più elevate per la mancanza di impianti di trattamento, ed è giusto che ora avvenga in loro favore.
Il tutto, ovviamente, anche in attesa del completamento dei lavori del TMB di Reggio Emilia, in merito al quale, dopo tanti proclami, da tempo non si sente più nulla."

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nocciolina

    03 Febbraio @ 08.31

    E' il GCR che deve pagare. Insieme a Pizzarotti e alla sua squadra che, fino a prova contraria, hanno fatto molta più cagnara dei precedenti amministratori che, tra l'altro, il termovalorizzatore lo volevano. Diversamente da "questi qua". Che non oso definire per decenza.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

4commenti

Anteprima Gazzetta

Caso Florentina: la procura chiede l'archiviazione per Devincenzi

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

gazzareporter

Via Cavour: sul marciapiede compare Giuseppe Verdi

Foto di Alberto

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Turista morto in Santa Croce: tre avvisi di garanzia

TRAGEDIA

Como, 49enne dà fuoco alla casa e si uccide con tre dei suoi figli Foto

SPORT

F1 GP USA

Prime libere, Hamilton davanti a Vettel

Moto

Rossi: "Qui non sai mai come andrà domani"

SOCIETA'

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

langhirano

Bellezze in passerella a Pilastro

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro