12°

Millecolori: "Braccio di ferro Iren-Comune, pagheranno solo i cittadini?"

L'associazione: "Da una parte i milioni di danni per la sospensione del cantiere, dall'altra quelli del ristoro ambientale: no ad aumentare le tariffe"

Millecolori: "Braccio di ferro Iren-Comune, pagheranno solo i cittadini?"
1

 

"Il prossimo 27 febbraio è fissata la discussione al TAR di Parma della causa per il risarcimento dei danni pretesi da IREN per la sospensione dei lavori disposta nel luglio 2011 dal Comune di Parma." Parte da quella data l'associazione Millecolori per parlare della vicenda Iren-Comune in materia di inceneritore: da una parte la richiesta di danni di Iren al Comune per la sospensione del cantiere, dall'altra la richiesta di ristoro ambientale che potrebbe avanzare il Comune verso la multiutility nel caso arrivino i rifiuti extraprovinciale. E la domanda è: "Alla fine pagheranno solo i cittadini di Parma con l'aumento della tariffa?".
"La sospensione dei lavori - ricorda Millecolori nella nota - era stata disposta dall’amministrazione Vignali e poi dichiarata illegittima dal TAR.
Ricordiamo a tutti i frenetici contatti tra quella Amministrazione ed esponenti del CGR finalizzati anche a “confezionare” tale illegittima sospensione, contatti prima negati poi ammessi a seguito della pubblicazione di stralci di intercettazioni con il consigliere regionale Villani.
IREN, a seguito di quell’improvvida sospensione dei lavori, ha chiesto al Comune di Parma un rilevante risarcimento danni, si dice di circa 27 milioni di Euro.
In relazione a questo rischio di risarcimento, già da aprile dell’anno scorso avevamo invitato il Comune ed iREN a trovare un accordo senza penalizzare i cittadini di Parma, che di certo non hanno colpa per le azioni maldestre del precedente Sindaco, coadiuvato da Villani e dal GCR.
Da piazza Garibaldi era pervenuta una risposta piccata, affidata ai soliti guardiani della rivoluzione".
"Ora però i nodi sembrano venire al pettine, poiché il TAR dovrà decidere sull’eventuale risarcimento a carico del Comune (e relativo importo).- continua l'associazione - Ma pare profilarsi all’orizzonte un nuovo scenario.Nulla è certo, ma se nell’impianto di Parma dovessero trattarsi rifiuti extra provinciali, il Comune potrebbe richiedere ad IREN un rilevante ristoro ambientale per un importo che potrebbe “casualmente” avvicinarsi al risarcimento richiesto al TAR.
Non è chiaro se parte di tali somme verrebbe poi girata ad IREN. Fin qui la partita sembrerebbe regolare, anzi a vantaggio del Comune che incasserebbe somme e scongiurerebbe e/o ridurrebbe il pericolo o comunque l’entità dei danni, o comunque troverebbe le risorse per farvi fronte.
Così però non è!"
"La ragione è semplice - spiega Millecolori - : il ristoro ambientale costituirebbe per IREN un costo che, come tale, dovrebbe poi essere considerato nella determinazione della tariffa, con la conseguenza che quei milioni di euro diventerebbero una ulteriore gabella a carico di tutti i cittadini della provincia di Parma.
La conseguenza sarebbe una bella tassa aggiuntiva che i cittadini pagherebbero, di fatto per coprire i danni causati dalla sospensione lavori voluta da Vignali-Villani-CGR.
La speranza è che questo scenario non si verifichi, ed in merito si attende un chiarimento da parte del Sindaco e dell’Assessore Folli, che è stato anche uno dei principali esponenti di quel CGR che, come detto, sembrerebbe aver compartecipato alla sospensione illegittima.
Per parte nostra faremo il possibile perché ciò non accada, a tutela delle tasche di tutti noi e del principio generale del far pagare chi ha sbagliato (sia interno che esterno al Comune) e non la collettività.
Il 27 febbraio è vicino e quindi vedremo se le parti (IREN e COMUNE) concorderanno un bel rinvio in attesa della determinazione della nuova tariffa: questo sarebbe un segnale che quanto sopra ipotizzato potrebbe effettivamente verificarsi.
Da parte nostra ci limitiamo a formulare una proposta molto semplice: se mai dovessero venire a Parma rifiuti extra-provinciali - cosa che in linea di principio ci vede decisamente contrari, fatta eccezione per l’obbligo di restituzione nei confronti di chi per oltre 10 anni ha ospitato i rifiuti parmigiani – Parma dovrà pretendere un serio e rilevante ristoro ambientale (da destinarsi per la realizzazione di seri interventi nel settore dell’ambiente, ed in particolare della qualità dell’aria, nonché per la riduzione delle tariffe a carico dei cittadini parmigiani) e tali somme dovranno gravare sulle tariffe dei cittadini delle città che non sono dotate di impianti di smaltimento e che, pertanto, debbono smaltire altrove i loro rifiuti, come Parma ha fatto per oltre 10 anni.
E’ in realtà quello che per oltre 10 anni è avvenuto in “danno” dei cittadini di Parma, che hanno subito tariffe più elevate per la mancanza di impianti di trattamento, ed è giusto che ora avvenga in loro favore.
Il tutto, ovviamente, anche in attesa del completamento dei lavori del TMB di Reggio Emilia, in merito al quale, dopo tanti proclami, da tempo non si sente più nulla."

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nocciolina

    03 Febbraio @ 08.31

    E' il GCR che deve pagare. Insieme a Pizzarotti e alla sua squadra che, fino a prova contraria, hanno fatto molta più cagnara dei precedenti amministratori che, tra l'altro, il termovalorizzatore lo volevano. Diversamente da "questi qua". Che non oso definire per decenza.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

«Leone di Lernia, non mollare»

E' grave

«Leone di Lernia, non mollare»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Carnevale della Pappa

LA PEPPA

Ricette in video: Nodini dell'amore per carnevale Video

di Paola Guatelli

Lealtrenotizie

Via Venezia, pensionata scippata

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

Finto tecnico

Ancora un'anziana truffata

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

Vandalismi

Si sveglia e trova l'auto devastata

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Associazioni

Arci Golese, la casa comune di Baganzola

Inchiesta

Multe, Parma fra le città che incassano di più: è terza in Italia Dati 

Quattroruote pubblica la top ten 2016 delle città dove gli automobilisti sono più "tartassati"

5commenti

Estorsione

Chiede soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Il fatto del giorno

L'ultima verità sulla legionella

2commenti

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

4commenti

Giustizia

Tar in via di estinzione? I ricorsi calano del 20% all'anno Video

Intervista: Sergio Conti, presidente del Tar di Parma, fa il punto nel giorno dell'apertura dell'anno giudiziario

3commenti

Marche

Due parmigiane fra le macerie per salvare le opere d'arte: "Situazione inimmaginabile"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Discoteca offre 100 euro alle donne senza slip, è polemica

tv

Rai: anche per gli artisti arriva il tetto degli stipendi

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

Europa League

Harakiri Fiorentina: il Borussia vince 4-2 e passa il turno

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

SALONE

A Ginevra 126 novità La guida