10°

20°

Parma

Via Burla, carcere modello che rischia di scoppiare

Via Burla, carcere modello che rischia di scoppiare
Ricevi gratis le news
2

Monica Tiezzi
Il carcere di via Burla sta per scoppiare: 450 detenuti contro una capienza massima  di  350;  304   poliziotti  contro un organico fissato in 479; agenti con una valanga di giorni di riposo  da recuperare, oltre che con straordinari non pagati. Tanto che è in corso un contenzioso legale con il direttore. «Il 7 giugno sarà raggiunta la massima capienza. Occorrono misure per evitare il caos»  dice  Gaetano Catalano, vicesegretario provinciale del Sappe, Sindacato autonomia polizia penitenziaria.
E' con queste premesse che ieri mattina il senatore del Pdl   Filippo Berselli, presidente della Commissione giustizia del Senato, è arrivato in via Burla - ultima tappa di un tour di tutte le carceri regionali - per visitare quello che più tardi ha definito un «fiore all'occhiello» del sistema carcerario italiano «grazie - ha aggiunto -  alla dedizione e alla professionalità degli agenti».
Gli agenti incassano i complimenti, ma non rinunciano a una lunga lista di lamentele. Oltre all'organico, c'è il problema dell'edificio (infiltrazioni d'acqua nella mensa, nella sala colloqui, nelle aule didattiche,  cavi pericolosamente scoperti),  degli automezzi  (quattro  blindati con le gomme ormai lisce, altri due fermi per mancanza di manutenzione, due Punto del '96 da rottamare) e persino delle divise, centellinate. «Chiediamo di poter utilizzare la nuova tuta  anche all'interno del carcere, in luogo della tenuta ordinaria» dice il segretario regionale del Sappe Vito Guerra. Oltretutto, fanno notare alcuni agenti,  la cravatta della divisa ordinaria è solo d'impaccio e di pericolo in caso di aggressione.
Problemi comuni a tutte le carceri italiane che, passato   il momentaneo sollievo del dopo-indulto,  sono tornate a gonfiarsi. «Abbiamo superato in tutta Italia i 70mila detenuti, cui se ne aggiungono  ogni mese altri 1.300. Significa un agente ogni 70 carcerati» dice Donato Capece, segretario generale del Sappe, che suggerisce un maggior ricorso  alle misure alternative come il braccialetto elettronico e i lavori socialmente utili.
 Berselli prende nota, visita la struttura accompagnato dal direttore Silvio Di Gregorio e dal candidato alla provincia Giampaolo Lavagetto, promette investimenti in edilizia carceraria. Nel frattempo,  stigmatizza «l'eccessivo ricorso alla custodia cautelare, che da eccezione è diventata regola. Risultato: i due terzi dei detenuti sono in attesa di giudizio, in un'ingiusta anticipazione della pena». Mentre invece, continua Berselli, bisogna essere rigorosi sulla certezza della pena, senza sconti e libertà anticipate, una volta arrivata la sentenza definitiva. «E questo è possibile solo se si interviene nell'ordinamento penitenziario», dice il senatore.
 Da condannare, continua Berselli, anche l'eccessivo turn-over di detenuti, molti dei quali restano in carcere  meno di 72 ore, il tempo per la convalida dell'arresto, e poi vengono liberati.  Intanto però c'è tutto l'iter di immatricolazione, la visita ambulatoriale, le procedure burocratiche che rubano tempo e risorse. «Il carcere di Parma, assieme a quelli di Ferrara e Reggio Emilia, è in Regione quello che effettua più immatricolazioni annuali: il 42%», fanno notare i vertici del Sappe.
Si potrebbe anche, incalzano i rappresentano del Sappe, esigere che le udienze di convalida  si svolgano in carcere - come prevede il codice di procedura penale - anzichè in Tribunale, come oggi avviene. «Significherebbe impiegare solo un agente che  preleva  il magistrato e lo porta in via Burla, invece dei tre-quattro e fino a otto agenti necessari per muovere i detenuti con un blindato».
Certo, non tutto è nero.  Parma ha, unica in Regione e in Italia, un innovativo dispositivo antiaggressione ed è uno dei carceri più sicuri, nonostante i tanti 41 bis e soggetti sottoposti ad alta sicurezza. C'è anche un centro clinico per paraplegici che ha suscitato l'ammirazione di Berselli. Peccato  che, dicono alcuni agenti a telecamere spente, la piscina per la riabilitazione non funzioni perchè mancano i fisioterapisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giorgio Russo

    30 Aprile @ 14.11

    Un po' di mafiosi o camorristi carcerati a casa loro e avremmo risolto due problemi: carcere meno pieno e la città pulita dai loro familiari che fanno di ogni per sporcare questa città.

    Rispondi

    • teresa

      25 Agosto @ 19.57

      ma quale carcere modello,è uno schifo ,sporcizia e incuria nelle sale d'aspetto,nn parliamo nelle gallerie che portano nelle sale colloqui,una sporcizia inaudita,e vi lascio immaginare le sale colloqui,una vergogna,ci sono dei bimbi che vanno a trovare i loro genitori,li' dentro nn c'è traccia di pulizia o igiene,che schifo!!!!

      Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Trento doc «Etyssa», spumante di montagna nel nome dell'amicizia

IL VINO

Trento doc «Etyssa», spumante di montagna nel nome dell'amicizia

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

3commenti

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

INCIDENTE

Scontro auto-moto a Langhirano: un ferito grave

Lo scontro è avvenuto in via Roma

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

1commento

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

SERIE B

Parma, batti un colpo

MONCHIO

Rubata un'auto, razzia di attrezzi da lavoro e tentato furto in un bar

PEDRIGNANO

Pitbull assale la padrona e un suo amico

Cultura

Cimeli verdiani, Ministero interessato

Si rafforza la possibilità che possano così diventare di proprietà pubblica

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

6commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Garani è presidente del gruppo fotografico Obbiettivo Natura

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

LUCCA

E' morto il bimbo di un anno caduto dal trattore

Como

Anche la quarta figlia è morta nell'incendio

SPORT

Moto

Phillip Island: super Marquez, Dovizioso indietro

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

1commento

MOTORI

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va

IL MINI SUV

Da oggi la nuova Citroën C3 Aircross: