-3°

Parma

Via Burla, carcere modello che rischia di scoppiare

Via Burla, carcere modello che rischia di scoppiare
Ricevi gratis le news
2

Monica Tiezzi
Il carcere di via Burla sta per scoppiare: 450 detenuti contro una capienza massima  di  350;  304   poliziotti  contro un organico fissato in 479; agenti con una valanga di giorni di riposo  da recuperare, oltre che con straordinari non pagati. Tanto che è in corso un contenzioso legale con il direttore. «Il 7 giugno sarà raggiunta la massima capienza. Occorrono misure per evitare il caos»  dice  Gaetano Catalano, vicesegretario provinciale del Sappe, Sindacato autonomia polizia penitenziaria.
E' con queste premesse che ieri mattina il senatore del Pdl   Filippo Berselli, presidente della Commissione giustizia del Senato, è arrivato in via Burla - ultima tappa di un tour di tutte le carceri regionali - per visitare quello che più tardi ha definito un «fiore all'occhiello» del sistema carcerario italiano «grazie - ha aggiunto -  alla dedizione e alla professionalità degli agenti».
Gli agenti incassano i complimenti, ma non rinunciano a una lunga lista di lamentele. Oltre all'organico, c'è il problema dell'edificio (infiltrazioni d'acqua nella mensa, nella sala colloqui, nelle aule didattiche,  cavi pericolosamente scoperti),  degli automezzi  (quattro  blindati con le gomme ormai lisce, altri due fermi per mancanza di manutenzione, due Punto del '96 da rottamare) e persino delle divise, centellinate. «Chiediamo di poter utilizzare la nuova tuta  anche all'interno del carcere, in luogo della tenuta ordinaria» dice il segretario regionale del Sappe Vito Guerra. Oltretutto, fanno notare alcuni agenti,  la cravatta della divisa ordinaria è solo d'impaccio e di pericolo in caso di aggressione.
Problemi comuni a tutte le carceri italiane che, passato   il momentaneo sollievo del dopo-indulto,  sono tornate a gonfiarsi. «Abbiamo superato in tutta Italia i 70mila detenuti, cui se ne aggiungono  ogni mese altri 1.300. Significa un agente ogni 70 carcerati» dice Donato Capece, segretario generale del Sappe, che suggerisce un maggior ricorso  alle misure alternative come il braccialetto elettronico e i lavori socialmente utili.
 Berselli prende nota, visita la struttura accompagnato dal direttore Silvio Di Gregorio e dal candidato alla provincia Giampaolo Lavagetto, promette investimenti in edilizia carceraria. Nel frattempo,  stigmatizza «l'eccessivo ricorso alla custodia cautelare, che da eccezione è diventata regola. Risultato: i due terzi dei detenuti sono in attesa di giudizio, in un'ingiusta anticipazione della pena». Mentre invece, continua Berselli, bisogna essere rigorosi sulla certezza della pena, senza sconti e libertà anticipate, una volta arrivata la sentenza definitiva. «E questo è possibile solo se si interviene nell'ordinamento penitenziario», dice il senatore.
 Da condannare, continua Berselli, anche l'eccessivo turn-over di detenuti, molti dei quali restano in carcere  meno di 72 ore, il tempo per la convalida dell'arresto, e poi vengono liberati.  Intanto però c'è tutto l'iter di immatricolazione, la visita ambulatoriale, le procedure burocratiche che rubano tempo e risorse. «Il carcere di Parma, assieme a quelli di Ferrara e Reggio Emilia, è in Regione quello che effettua più immatricolazioni annuali: il 42%», fanno notare i vertici del Sappe.
Si potrebbe anche, incalzano i rappresentano del Sappe, esigere che le udienze di convalida  si svolgano in carcere - come prevede il codice di procedura penale - anzichè in Tribunale, come oggi avviene. «Significherebbe impiegare solo un agente che  preleva  il magistrato e lo porta in via Burla, invece dei tre-quattro e fino a otto agenti necessari per muovere i detenuti con un blindato».
Certo, non tutto è nero.  Parma ha, unica in Regione e in Italia, un innovativo dispositivo antiaggressione ed è uno dei carceri più sicuri, nonostante i tanti 41 bis e soggetti sottoposti ad alta sicurezza. C'è anche un centro clinico per paraplegici che ha suscitato l'ammirazione di Berselli. Peccato  che, dicono alcuni agenti a telecamere spente, la piscina per la riabilitazione non funzioni perchè mancano i fisioterapisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giorgio Russo

    30 Aprile @ 14.11

    Un po' di mafiosi o camorristi carcerati a casa loro e avremmo risolto due problemi: carcere meno pieno e la città pulita dai loro familiari che fanno di ogni per sporcare questa città.

    Rispondi

    • teresa

      25 Agosto @ 19.57

      ma quale carcere modello,è uno schifo ,sporcizia e incuria nelle sale d'aspetto,nn parliamo nelle gallerie che portano nelle sale colloqui,una sporcizia inaudita,e vi lascio immaginare le sale colloqui,una vergogna,ci sono dei bimbi che vanno a trovare i loro genitori,li' dentro nn c'è traccia di pulizia o igiene,che schifo!!!!

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Code in A1 per incidente

AUTOSTRADA

Incidente in A1: code fra Parma e Reggio Emilia

Problemi anche fra Lodi e Casalpusterlengo, a Modena e a Bologna

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto di Nicola Riccò

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

2commenti

LUDOPATIA

Ogni parmigiano spende 1.525 euro in azzardo

FONTEVIVO

Furto di gasolio: romeno sorpreso e arrestato

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

COLLECCHIO

Tanto verde nella nuova scuola: progetto degli studenti

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

milano

Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese. Il convivente confessa l'omicidio

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5