12°

22°

commercio

Ascom e Confesercenti unite: "Un nuovo centro commerciale? Un'assurda follia"

La reazione alla notizia della possibile apertura nei pressi dell'Ikea, riportata nei giorni scorsi da Ghiretti (Parma Unita)

Ascom e Confesercenti unite: "Un nuovo centro commerciale? Un'assurda follia"
2

 

Reagiscono ad alcune ora di distanza, ma il messaggio che lanciano all'Amministrazione Pizzarotti è lo stesso: "Una follia", secondo Confesercenti. "Assurdo", continua Ascom. Nel mirino, la possibile apertura di un nuovo centro commerciale nell'area Ikea, denunciata nei giorni scorsi dal consigliere di minoranza Roberto Ghiretti, di Parma Unita.

Ecco gli interventi delle due associazioni di categoria.

Ascom: "Smentite le promesse di non autorizzare nuovi insediamenti?"

 "Leggiamo con estrema preoccupazione quanto apparso sulla Gazzetta di Parma del 12 febbraio in merito alla possibile apertura di un nuovo centro commerciale presso l’area Ikea denunciata dal consigliere Ghiretti. L’area in questione è stata oggetto di discussione nei mesi scorsi in sede di commissione comunale e sin dall’ora la nostra Organizzazione aveva inviato in data 15 Aprile 2013 a tutti i consiglieri comunali un’approfondita scheda tecnica che evidenziava come gli strumenti urbanistici attualmente vigenti non permettono nessun ampliamento commerciale nell’area in questione. 

Non comprendiamo e questo ci preoccupa ulteriormente la presa di posizione del Presidente della commissione urbanistica Roberto Furfaro in risposta alla denuncia di Ghiretti, presa di posizione i cui contenuti sembrano difendere una volontà di codesta Amministrazione di procedere verso un’approvazione di questa nuova superficie commerciale dietro il paravento di una “concreta operazione di no consumo suolo”. Da quanto ci risulta pubblicamente l’Amministrazione Comunale ha sin dal suo insediamento professato la volontà di non autorizzare nuove grandi superfici commerciali e ogni qualvolta (riportiamo ad esempio la recente apertura del Decathlon e del Parma Retail) ha dovuto subire nuove aperture ha spostato la responsabilità di tali scelte sulle precedenti Amministrazioni.
In questo caso si sta invece parlando di una nuova superficie commerciale mai inserita nei precedenti piani urbanistici che prevedono nell’area Ikea esclusivamente aree commerciali per 18.000 mq già utilizzati totalmente dall’insediamento Ikea.
Vista la gravissima situazione del comparto commerciale di Parma che oltre alla situazione generale di crisi sta subendo pesantemente anche le ripercussioni relative alla recente apertura del centro commerciale Parma Retail, riteniamo assurdo pensare di permettere l’apertura di ulteriori grandi strutture commerciali. Credere che decisioni di questo tipo possano essere fatte “digerire” alla collettività utilizzando i paraventi della realizzazione di opere pubbliche è un film già visto nelle precedenti Amministrazioni; Amministrazioni che, ricordiamo, per questo motivo furono pesantemente e costantemente criticate anche dal Movimento che oggi governa la città e che si sperava di non vedere più ripetersi.
Ci aspettiamo pertanto da parte Sua Signor Sindaco o da parte dell’Assessore competente una chiara presa di posizione che evidenzi la contrarietà della Sua Amministrazione a deliberare adesso e in futuro l’apertura di nuovi grandi centri commerciali nel territorio comunale.
Restiamo in attesa di un sollecito riscontro, ed alleghiamo la nostra precedente comunicazione inviata ai consiglieri comunali il 15 aprile 2013 che illustra compiutamente i termini tecnici relativi all’area di ampliamento Ikea oggetto della presente".

Confesercenti: "Una presa in giro ed un grave danno nei confronti del territorio, delle imprese commerciali e dei suoi consumatori"


"Confesercenti Parma considera le ultime indiscrezioni apparse sulla stampa locale, relative alla possibile costruzione di un nuovo centro commerciale nell'area Ikea, come una pura follia. Solo l'idea di autorizzare la costruzione di tale progetto e di parlare di ulteriore allargamento all'offerta commerciale, è da considerarsi una presa in giro ed un grave danno nei confronti del territorio, delle imprese commerciali e dei suoi consumatori.


E' sotto gli occhi di tutti il momento molto difficile che vive la nostra città, sono moltissime le piccole e medie imprese del commercio che stanno chiudendo, a fronte di migliaia di metri quadrati ancora disponibili sul mercato. Servono altre idee per rispondere ad una crisi di consumi che risulta essere tra le peggiori vissute dal dopoguerra, non la costruzione di un altro centro commerciale. L'obiettivo deve essere quello di difendere e preservare i posti di lavoro di chi già opera da anni nel mercato cittadino, non quello di fare cassa alle spalle del commercio, del nostro centro storico, delle imprese e dei lavoratori.


Stupefacente poi la risposta arrivata mezzo stampa dal Presidente della Commissione Urbanistica Roberto Furfaro, secondo cui si tratterebbe di un'operazione non fine a se stessa, ma di una concreta operazione di non consumo del suolo. Sarà anche così, su questo non entriamo nel merito, forse non consumeremo il suolo, ma è sicuro che un solo metro quadrato di commercio in più consumerà la pazienza degli imprenditori."

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Angela

    13 Febbraio @ 18.51

    proprio cosi

    Rispondi

  • Maurizio

    13 Febbraio @ 14.04

    Ascom e Confesercenti hanno ragione ma per essere veramente coerenti dovrebbero spiegare meglio tutto quello che c’è dietro alla zona Ikea e Parma Retail, dai pasticci (ben raccontati dalla Gazzetta di Parma alcuni anni fa con un’intera pagina sui nuovi centri commerciali previsti in città e autorizzati dalla vecchia giunta, cui fecero seguito anche articoli riguardanti ipotesi di richieste di risarcimento danni al Comune di Parma) combinati in passato, dalle autorizzazione a costruire non inserite nei piani urbanistici e non solo di nuova superficie commerciale mai inserita nei piani urbanistici, magari Ghiretti potrebbe spiegare bene visto che faceva parte della giunta Vignali. L’area in questione è già in parte costruita quindi i casi sono due, o il cantiere è abusivo e allora si provvede alla demolizione, ripristino dell’area e individuazione dei responsabili, oppure il cantiere è regolarmente autorizzato, allora si individuano i responsabili dell’autorizzazione a costruire, cosa molto complessa che tra 10 o 20 anni sarà rispolta magari con vittoria da parte del comune, società fallita e il comune che magari si deve pagare pure le spese per ripristinare l’area. Per chi non si ricorda nell’area fu dato il via libera per costruire centri commerciali sia al Parma Retail che all’area proprio a fianco l’Ikea per una metratura superiore a quella consentita in zona, alla fine se non ricordo male Parma Retail minacciò una richiesta di risarcimento danni al comune di qualche decina di milione di euro. secondo me la soluzione non è semplice, se non si fa aprire il centro commerciale si apre verosimilmente una richiesta di risarcimento d’anni con buone probabilità di accoglimento e a farne le spese sarebbero come sempre i cittadini di Parma, se il centro commerciale si fa aprire il comune non rischierebbe nulla, ci sarebbero i soliti approfittatori per fini elettorali ma sarebbe al tempo stesso una decisione scellerata perché appunto parma non ha bisogno di altri centri commerciali, tenendo conto che deve ancora aprire poi l’esselunga e credo due conad nel comune di parma…. a proposito dell’esselunga ricordo le parole famose di ubaldi, “fino a quando ci sarò io al posto della Battistero non ci sarà nessuna apertura dell’Esselunga, sono invenzioni giornalistiche!”…. in effetti aveva ragione, fino a quando è stato sindaco l’esselunga non ha aperto. C’è comunque sempre la soluzione migliore, pizzarotti che tentenna per qualche anno, verso elezioni nega le autorizzaz

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'abbraccio di Samuele Bersani

PILOTTA

L'abbraccio di Samuele Bersani

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

«Parma Gestione Entrate non poteva riscuotere le multe»

Consiglio

Il bilancio del Comune, polemica di Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre"

Nel 2016 avanzo di 54 milioni. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

1commento

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

2commenti

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

2commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

Anno 2016

Emilia-Romagna, distretti industriali in crescita. I salumi di Parma tra i migliori

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

2commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

risposta a un tifoso

Lucarelli su Fb: «Non volevo andare sotto la curva per decenza»

1commento

INCHIESTA

Chi chiami per salvare un animale selvatico?

1commento

imprese

Polo Industriale Chiesi: sottoscritto l’accordo di programma per l’ampliamento

carabinieri

Il Nucleo Antifrode sequestra 126 kg di latte liofilizzato

sos animali

Bocconi sospetti ritrovati al Montanara: parco chiuso  Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

cinema

Morto Jonathan Demme, il regista del "Silenzio degli Innocenti"

Politica

E' morto Giorgio Guazzaloca: strappò il Comune di Bologna alla sinistra nel 1999

SOCIETA'

TECNOLOGIA

Smartphone, i giovani italiani sono meno "dipendenti" in Europa

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

SPORT

36^Giornata

Parma - Sudtirol 0-1: gli highlights del match Video

crisi del parma

Ferrari: "Chi non ci crede si faccia da parte. Tifosi sosteneteci" Video

1commento

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport