L'aggressione in via Gramsci

Identificati i cinque picchiatori del 15enne

Il ragazzo è stato ascoltato dai carabinieri. Annullata la conferenza stampa sull'esito dell'indagine

Identificati i cinque picchiatori del 15enne
Ricevi gratis le news
44

Hanno nome e cognome i componenti della baby gang che sabato ha pestato a sangue un 15enne in via Gramsci. I carabinieri, grazie alla testimonianza del giovane ferito (dimesso ieri pomeriggio con prognosi di 30 giorni) e di altre persone presenti all’aggressione, avrebbero identificato cinque ragazzi fra i 16 ed i 18 anni. I militari sono alla caccia dei complici del pestaggio, minorenni che, durante l’aggressione, hanno avuto il compito di "proteggere" la banda dall’eventuale intervento dei passanti. 

L'aggressione era avvenuta attorno alle 16. Il gruppo di giovanissimi si è avventato ad una fermata dell’autobus sul coetaneo "reo" solamente di avere salutato la ragazza di uno del gruppo. Il "capobanda" lo aveva invitato tramite sms ad un incontro chiarificatore ("vieni da solo, io sarò solo") ed è invece scattata la trappola. Per il ragazzo il bollettino medico parla di trauma cranico, lesioni alla mandibola e allo zigomo sinistro, varie contusioni alla schiena.
I risultati delle indagini, coordinate dalla Procura presso il Tribunale di Minori di Bologna, verranno illustrati nel pomeriggio in un incontro stampa dai Carabinieri di Parma, domani invece in Prefettura è stato indetto un summit per "individuare strategie comuni volte ad arginare l’attività deviante posta in essere da gruppi di giovanissimi".
Intanto, dopo il sindaco Federico Pizzarotti, oggi anche il Pd di Parma esprime solidarietà al ragazzo vittima dell’aggressione. "Occorre mettere in campo tutti gli strumenti utili per evitare che simili episodi possano passare in silenzio o nell’indifferenza dei più – scrivono gli esponenti parmigiani del Pd – Per questo le scuole, le associazioni, i centri giovanili, l’opinione pubblica in generale devono essere in grado di rispondere tempestivamente e con determinazione, evitando facili retoriche e risposte sensazionalistiche, ma cogliendo appieno la natura del fenomeno".

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • presente

    21 Febbraio @ 07.59

    @MAURIZIO , capisco perfettamente quello che vuoi dire, infatti io ho scritto che alcune compagnie,tipo la mia, (che certo non era di un quartiere "altolocato")non ha mai dato fastidi del genere. Ovviamente poi vi erano altri gruppi un po' più turbolenti che se le sono date di santa ragione per anni, questo è vero, tantomeno ho detto che il giorno dopo ci si faceva allegramente una birra insieme o ci si scambiava fiori, ma voler a tutti i costi paragonare queste alle bandacce multietniche che vagolano ora per il centro mi pare il massimo. Già , dimenticavo, il capo è TUNISINO , e in quanto tale deve essere difeso da persone come BERTA che avrebbe avuto più piacere se il branco fosse stato di Italiani, così da poter gridare al mondo che i giovani di Parma sin delinquenti mentre il simpatico Tunisino di turno ,prendendo a calci in testa uni di questi, lo ha fatto solo per insegnargli l' educazione......

    Rispondi

  • presente

    21 Febbraio @ 07.39

    @GIANNI COSTA, parole sante le sue. Peccato però che ci siano persone come BERTA sempre pronte a denigrare gli italiani ( vedi la fantascientifica storia dei ragazzini di scuola media eroinomani e prostituti/e) per difendere il violento straniero di turno. Peccato Gianni, peccato.....

    Rispondi

  • Gianni Costa

    20 Febbraio @ 23.16

    Galera e espatrio sono le paroline magiche che servirebbe mettere in pratica in Italia. Commetti un reato? Carcere! Se uno straniero commette errori o viene mandato subito nella sua nazione! In caso di piccoli reati. Oppure prima sconta la pena carceraria dura in cui deve anche lavorare per mangiare, è poi viene spedito alla sua nazione! Per spedire intendo accompagnato di persona.

    Rispondi

  • presente

    20 Febbraio @ 10.24

    @BERTA, forse tu hai passato la tua adolescenza in un altra città. Mai saputo che negli anni 80 ragazzini di scula media si drogavano o ,peggio ancora, si prostituivano. ( vorrei la fonte della notizia per approfondire l'argomento). Per quanto riguarda gli omicidi a sfondo politico da te citati che dire, nulla hanno a che vedere con le bandacce di oggi che di politica non sanno nulla. Per finire e mi piacerebbe che tu fornissi le fonti di quel che affermi con tanto livore e prepotenza, per quanto riguarda gli "scontri" delle compagnie di quartiere. Io so che non erano poi così tremendi (la mia fonte sono io, c'ero, la mia compagnia era quella di p.le Salsi quartiere S. Leonardo). Mai preso o dato botte da finire in ospedale o peggio. In ultimo l'eroina, è verissimo molti sono morti bucandosi, quasi tutti i morti di ero in quell epoca gravitavano intorno ai centri sociali....... Quindi cortesemente, smetti di difendere questi bulli importati

    Rispondi

  • Vercingetorige

    19 Febbraio @ 20.42

    NO , MI DISPIACE . L' UNICO "MINESTRONE" OPERATIVO E' QUELLO DI VERDURA , MA NON E' UNA TRACCIA PER RISOLVERE I PROBLEMI . FACCIAMO UN ESEMPIO, MA , SI BADI BENE , E' SOLO UN ESEMPIO A CASO . Se un giovane albanese viene fermato dalla Polizia italiana , e si mostra strafottente e riottoso , dobbiamo sapere che, in Albania , la Polizia non serve la Giustizia , serve i potenti. Se il figlio di un Ministro uccide tuo figlio, la colpa è di tuo figlio che si è fatto ammazzare. Quando ti fermano per strada , trovano mille storie , e su questo, e su quello, e su quell' altro , finchè tu non offri dieci euro e va tutto a posto. In Albania esistono ancora i sicari. Persone che uccidono a pagamento , e si guadagnano da vivere così. In alcune regioni , soprattutto del Nord , vige ancora il "Kanùn" , una specie di codice barbaricino antichissimo per cui , un "uomo d' onore" , si fa giustizia da sè . Se tu uccidi mio padre , io uccido tuo figlio. Il "Kanùn" è stato invocato anche dal ragazzo albanese che ha ucciso Guri in piazzale Sicilia. ALLORA , VOLETE DIRMI CHE , CHI PROVIENE DA UN CONTESTO SOCIALE DI QUEL GENERE , E' UGUALE A UN PARMIGIANO ? Certo , di fronte alla Legge lo è , perchè , da noi , la Legge è uguale per tutti (almeno secondo l' articolo 3 della Costituzione .............) , ma , un ragazzo che provenga da quell' ambiente , necessita di un' attenta opera di inserimento da parte dei nostri Servizi Sociali. Non sarà bello dirlo , ma, se diciamo che le persone sono tutte uguali, non caveremo il ragno dal buco. COMUNQUE , SE POTETE , ANDATE A VISITARE L' ALBANIA . E' UN PAESE BELLISSIMO , SPECIE NELLE LOCALITA' DI MARE , DOVE ANCORA NON E' ARRIVATA LA CEMENTIFICAZIONE . Oltre ai panorami bellissimi , potete alzarvi la mattina alle cinque , uscire in barca col pescatore , poi, a mezzogiorno, mangiarvi il pesce che avete pescato alla mattina. Certo , "residences" , "villaggi" , alberghi ed hotels non ce ne sono . Dovete prendere in affitto dal pescatore una stanza , che è molto , molto , ma molto "spartana".......e spendete 10 euro al giorno per mangiare e dormire..............

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Emma Chambers

Emma Chambers

Gran Bretagna

Morta Emma Chambers, sorella di Hugh Grant in "Notting Hill"

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

social

Rabbia Wanda: «Tante bugie e cattiverie su di me, pagherete!»

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

INSTAGRAM

Ferragni e Fedez: gravidanza a rischio. L'affetto social dei follower

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Furgone rubato

felino

Ladri sbadati beccati dalla polizia grazie al gps Video

METEO

La neve potrebbe tornare anche in città con il ciclone artico Buran Video

Enel e energia ellettrica: una task force per fronteggiare i disagi (leggi)

7commenti

APPENNINO

Il sindaco Lucchi: "Gelo e neve in arrivo, lunedì scuole chiuse a Berceto e Ghiare"

Serie B: 27a giornata

Empoli in testa all'ultimo istante. Cade il Frosinone. Solo il Bari ne approfitta. La Cremonese non scappa

APPENNINO

Frana sulla strada fra Varsi e Ponte Lamberti: operai al lavoro Video

VIABILITA'

Buche in A1: problemi anche nel tratto parmense dell'autostrada

PARMA

Scontro fra due auto in via Sidoli: due feriti Foto

Incidente all'incrocio con via XXIV Maggio

weekend

Neve "pigliatutto". E poi teatro, fumetti e ballo: l'agenda del sabato

GAZZAREPORTER

Caprioli vicino a ponte Caprazucca Foto

Foto di Federica Romanazzi

ALLARME MAFIE

'Ndrangheta, le infiltrazioni mettono ko le aziende sane

9commenti

RICERCA

Cuore, da Parma parte la rivoluzione farmacologica

SERIE B

Il Parma lotta e strappa un punto

2commenti

Via Mameli

Tenta di rubare una bici: "placcato" dal barista

VIA PICASSO

Furto al bar: la banda strappa il cambiamonete dal muro 

E' intervenuta la polizia. Il bottino resta da quantificare

ATLETICA

Fidenza rinnova il centro sportivo Ballotta: ecco come sarà Video

Recidivo

Ai domiciliari, continuava a spacciare cocaina

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Confronti? No grazie. Meglio i monologhi

di Francesco Bandini

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Uccide il suo datore di lavoro dopo una lite per 100 euro

ORVIETO

E' morto Folco Quilici: il grande documentarista aveva 87 anni

SPORT

olimpiadi invernali

Ester Ledecka oro anche nello snowboard, male gli azzurri

parma calcio

D'Aversa su Parma-Venezia: "I ragazzi hanno spinto dall'inizio alla fine" Video

SOCIETA'

MODA

Borsalino, la finanza sequestra il marchio: si può vendere Foto: star di Hollywood

Irruzione

Lo streaker più famoso colpisce (ancora) alle Olimpiadi Gallery

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day