14°

Tavolo istituzionale

"Non solo controlli ma educazione e dialogo per combattere il bullismo"

Riunione in prefettura: si punta su famiglie, scuola e volontariato. Il prefetto auspica che gli aggressori del 15enne siano puniti "in modo esemplare"

"Non solo controlli ma educazione e dialogo per combattere il bullismo"
10

Il bullismo fra i ragazzi è un problema educativo e sociale, prima ancora che di ordine pubblico. Le istituzioni studiano una serie di iniziative per coinvolgere di più i genitori, educare i giovani ai valori positivi e anche a un uso più responsabile di internet. Sono questi gli obiettivi del tavolo istituzionale che si è riunito oggi in prefettura, per coordinare le azioni contro il bullismo giovanile.
Nei prossimi giorni ci sarà una riunione di carattere più operativo, in base agli obiettivi individuati oggi. Come fa notare il provveditore Giovanni Desco, per il contrasto al bullismo bisogna lavorare nel lungo periodo, «invito tutti a diffidare da soluzioni immediate come salvifiche. Educare richiede la perseveranza e la costanza di perseguire un obiettivo. A cadenza bisettimanale incontro la giunta della Consulta degli studenti: ho già potuto instaurare un dialogo costruttivo e proficuo, nell'ottica di incentivare il più possibile il lavoro fra pari. A fronte di ragazzi con comportamenti sbagliati, ne esistono tantissimi che dimostrano uno slancio ideale, una generosità con i compagni o nel volontariato». Tutto ciò «va messa a frutto perché niente è più contagioso dell'esempio positivo».

Il prefetto Luigi Viana sottolinea che sull'episodio di via Gramsci  «l'attività investigativa è in corso. Speriamo che a breve chi si è reso colpevole possa essere punito in modo doveroso ed esemplare». In generale, però, «la problematica (del bullismo, ndr) ha diverse sfaccettature». Quello di oggi è stato «un tavolo di riflessione ed indirizzo» che le istituzioni - Prefettura, questura, carabinieri, Diocesi, Comune, polizia municipale, Ufficio scolastico provinciale - meditavano da tempo. Viana assicura che i controlli delle forze dell'ordine ci sono e continueranno ma, oltre all'aspetto dell'ordine pubblico, bisogna lavorare sul rapporto con i ragazzi, sensibilizzare le famiglie e coinvolgere associazioni e volontariato. «Fermo restando che l'attività di prevenzione delle forze di polizia è costante e assidua, bisogna operare su altri livelli», aggiunge il prefetto. Stamattina si è parlato di «una necessità della mappatura delle risorse, di una maggiore collaborazione con la scuola e con il mondo genitoriale, con attività concrete che porremo in essere al più presto». 

Alla riunione partecipano anche il sindaco Federico Pizzarotti, il vicesindaco Nicoletta Paci e l'assessore alla Sicurezza Cristiano Casa. «Cominciamo dalla mappatura dei servizi esistenti - spiega la Paci -. Si tratterà di incentivarli, di ampliarli e di fare sinergie per coprire lo spettro dei possibili utenti». Il vicesindaco fa notare che l'amministrazione è impegnata sul sociale e fa l'esempio di «più di due milioni per il sostegno alle famiglie in difficoltà». «Noi crediamo molto al fatto di fare squadra nella nostra città e di poter raggiungere risultati soprattutto per le persone».
Per il sindaco, i binari da seguire sono due:
* prevenire il bullismo, responsabilizzando i genitori;
* fare controlli dal punto di vista della sicurezza ma «anche dal punto di vista sociale e sociologico».
Il primo cittadino sottolinea l'importanza di «coinvolgere le famiglie» perché il bullismo nasce in parte anche da «una mancanza di controllo, di tutela e insegnamento da parte dei genitori. Da una parte ci sono i genitori preoccupati ma ci vuole una maggiore consapevolezza di cosa fanno durante la giornata, magari dargli indicazioni sulle attività da svolgere o meno». Bisogna poi puntare sulla prevenzione, «a partire dall'ambiente scolastico». 

La nostra diretta Twitter 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • SILENZIOSO

    20 Febbraio @ 10.08

    Signor Maurixio, grazie. Ha interpretato alla perfezione q

    Rispondi

  • Biffo

    20 Febbraio @ 09.04

    Le parole della componente comunale, sindaco, Paci e Casa, sono di un politichese che sfiora il ridicolo,,a base di definizioni da geometra e da dilettante di sociopsicologia dell'età evolutiva, a base di squadra, mappature e copertura totale di spettri.

    Rispondi

  • Maurizio

    19 Febbraio @ 19.27

    Appunto, riflettiamo su quello che ha detto silenzioso, basta guardare l'esempio di grillo con renzi e vediamo il modello che hanno i giovani, certamente non un'accusa al movimento ma alla persona, di grillo la televisone e i partiti sono pieni e i giovani imparano, se i giovani amano fare una cosa è quella di schierarsi, prima vi erano i leghisti, i nazifascisti e i comunisti, ora ci sono anche i fan di grillo.... Si qualcuno mi darà dello stupido ma è da questi modelli che parte tutto.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    19 Febbraio @ 19.14

    SI CONTINUA A RIPETERE CHE IL TEPPISMO GIOVANILE " C' ERA ANCHE UNA VOLTA" . Allora , siccome io , purtroppo per me , "una volta" l' ho vissuta , confermo che il fenomeno dei "teddy boys" esisteva , in Italia ed all' estero . Holliwood ci fece anche alcuni film celebri. Ma, in Italia, costituiva un problema nelle grandi Città , come Milano e Roma , ma, a Parma , era scarsamente percepito , perchè si riduceva a qualche rara scazzottata tra ragazzi , che finiva non appena arrivava un adulto che diceva di smetterla. MA IL RAGIONAMENTO NON FUNZIONA PROPRIO A LIVELLO LOGICO. Una volta la tubercolosi faceva la strage che il cancro fa oggi, allora dobbiamo smettere di cercare di curare il cancro , perchè , tanto , si moriva anche di tubercolosi ?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    19 Febbraio @ 17.34

    LE DICHIARAZIONI SECONDO ME MENO CONDIVISIBILI SONO QUELLE DEL DIRETTORE DELL' UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE ( EX PROVVEDITORE AGLI STUDI). "invito tutti a diffidare da soluzioni immediate come salvifiche". Certo che la bacchetta magica del Mago Merlino per risolvere all' istante ogni problema non ce l' ha nessuno , ma questo non significa che ci se ne possa stare con le mani in mano in attesa del giorno del Giudizio. QUALCHE PROVVEDIMENTO OPERATIVO CONCRETO ED IMMEDIATO , PER QUANTO IMPERFETTO , VA COMUNQUE ADOTTATO . " A fronte di ragazzi con comportamenti sbagliati, ne esistono tantissimi che dimostrano uno slancio ideale, una generosità con i compagni o nel volontariato ". E vorrei ben vedere che fossero tutti delinquenti ! " Niente è più contagioso dell'esempio positivo ". Veramente , di solito , si dice che è la mela marcia che fa marcire le sane , non le sane che guariscono la marcia , anche se non è proibito sperare che non sia sempre così............ Piuttosto , il "Provveditore" ha notato che la maggior parte dei teppisti , più violenti e pericolosi , viene da un determinato Plesso Scolastico ? Convocare Presidi ed Insegnanti di quegli Istituti e farci due chiacchiere no ? SONO D' ACCORDO CHE NON SI POSSA AFFRONTARE IL PROBLEMA SOLO CON MISURE DI POLIZIA , PUR SE SONO NECESSARIE ANCHE QUELLE. Bisogna identificare i teppisti , guardare se provengano in prevalenza da uno specifico contesto sociale , qualunque sia . Sono in maggioranza Parmigiani ? Va bene. Sono in maggioranza meridionali ? Va bene. Sono in maggioranza stranieri ? Va bene. Poi bisogna implementare interventi su quello specifico contesto. Vanno convocati i ragazzi , e bisogna raccogliere la storia della loro vita , delle loro esperienze , della loro educazione . Bisogna cercar di capire come e perchè si sono avviati su una brutta strada. Bisogna parlare coi loro genitori , per sapere come si sono occupati della maturazione dei loro figli . QUESTO E' UN LAVORO DI COMPETENZA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SOCIALE , CON L' AUSILIO DELLA FAMOSA "PSICOTERAPEUTA" , CHE , QUI, POTREBBE RENDERSI VERAMENTE UTILE , INVECE DI ANDARE AD ETERODIRIGERE LE ASSEMBLEE DI QUARTIERE , O LE FESTE DELLA TORTA FRITTA AL PALAZZETTO DELLO SPORT. E BISOGNA STANARE LE FEMMINUCCE , CHE FINORA HAN LANCIATO IL SASSO E NASCOSTO LA MANO.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

1commento

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Parma espugna 1-0  Salò

lega pro

Basta un gol: il Parma espugna Salò (1-0) e risponde al Venezia Gallery Video: il gol

Mazzocchi e Corapi: "Partita rognosa, ma aabiamo portato a casa i tre punti" (Video) - Pacciani: "Poco brillanti, ma conta la vittoria" (Video)La squadra saluta gli oltre ottocento tifosi (Video)Il Venezia schiaccia la Samb 3-1. Anche il Padova vince (Risultati e classifica)

2commenti

parma-feralpi

D'Aversa. "Risultato importante, ma vorrei più personalità" Video

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

11commenti

gazzareporter

Il soffitto della palestra "Del Chicca" perde i pezzi

1commento

Carabinieri

Legna e pellet non pagati: commerciante di Parma raggirato nel Reggiano

Bagnolo in Piano: denunciato un 52enne di Crotone, la nipote e il suo compagno

Borgotaro

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Marocchino bloccato dai carabinieri 

7commenti

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

1commento

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

CURIOSITA'

Cartello «anti-rudo» al Campus

1commento

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

IL CASO

Sorbolo, contro furti e degrado il controllo si fa correndo

Nasce il progetto «Arrestiamoli»: lo sperimentano il sindaco e due runner

1commento

Sos animali

Cinque cuccioli cercano casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

10commenti

ITALIA/MONDO

brescello

Ristoratore respinge due rapinatori armati di scacciacani

ROVIGO

Errore in un documento: niente funerale, la defunta risulta viva

SOCIETA'

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

il libro

Vita, morte e miracoli: i Pearl Jam "scritti" da due fan

SPORT

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

SEI NAZIONI

L'Italia perde lottando a Twickenham

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia