23°

Ospedale

Cura dimagrante per i dipartimenti del Maggiore

Le strutture passano da 12 a 5: esigenze di razionalizzazione, ma anche di risparmio

Cura dimagrante per i dipartimenti del Maggiore

Ospedale Maggiore

6

 

Rivoluzione nell'organizzazione interna dell'Azienda ospedaliero-universitaria. L'annunciato riordino dei dipartimenti (di cui si parla da oltre due anni, ossia dal varo della riforma Gelmini sull'università), dopo alcune false partenze e lo stop imposto dalle elezioni universitarie per il rinnovo del rettore, è in dirittura di arrivo e promette una drastica cura dimagrante, con i dipartimenti che passano da dodici a cinque.

Il lavoro, ci tiene a ribadire il direttore generale dell'ospedale Maggiore, Leonida Grisendi, è «in progress» (nei giorni scorsi il piano è stato presentato alla Conferenza territoriale sociale e sanitaria, ieri mattina al Collegio di direzione dell'ospedale Maggiore, il 3 marzo toccherà ai sindacati medici e il 6 marzo a quelli dei paramedici) e potrebbe subire modifiche nel corso dell'iter istituzionale prima della definitiva approvazione. Ma il progetto, redatto d'intesa fra il rettore dell'ateneo Loris Borghi - ex preside della facoltà di Medicina - e il direttore generale, è comunque già chiaro e abbastanza definito.
............................Tutti i particolari sulla Gazzetta di Parma

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • The Jolly Joker

    22 Febbraio @ 18.47

    Ai sensi di legge, non esiste più l' "infermiere professionale", ma l'INFERMIERE e basta. Professionista della salute.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    21 Febbraio @ 18.09

    " THE JOLLY JOKER" HA RAGIONE . Oggi , per fare l' Infermiere Professionale , bisogna essere laureati all' Università . C'è la "triennale " , e poi, volendo , anche la "Magistrale" . Questo dà , alla figura dell' Infermiere , una certa autonomia nel lavoro e gli consente di non essere più solo un "manovale" del Medico. ALL' OSPEDALE DI PARMA C' E' UN REPARTO AFFIDATO AD INFERMIERI , NEL QUALE I MEDICI ACCEDONO SOLO SU RICHIESTA DEGLI INFERMIERI STESSI . E' LA L.I.D.I. ( LUNGODEGENZA INTEGRATA A DIRIGENZA INFERMIERISTICA ). Nel primo periodo di applicazione di questo nuovo ordinamento professionale può sorgere qualche conflitto di competenze , che , però , dovrebbe essere superabile con un pò di buona volontà e di chiarezza di idee da una parte e dall' altra. In linea di massima , al Medico competono la prescrizione delle procedure diagnostiche e della terapia e l'esecuzione degli interventi chirurgici , mentre , all' Infermiere , compete l' organizzazione e la gestione del "nursing". Un ordinamento del genere esiste anche all' estero. Bisognerà però che anche la Magistratura ne prenda atto , perchè , finchè l' Infermiere era solo una figura subordinata , senza una propria autonomia , il Medico doveva rispondere di qualunque cosa facesse , ma , laddove diventa una figura professionale almeno in parte , autonoma , deve anche rispondere direttamente di ciò che fa. Questo non è ancora sempre chiaro a tutti. POST SCRIPTUM : gli Infermieri Professionali diplomatisi prima del nuovo ordinamento sono "todos caballeros" . Il termine "paramedic" esiste anche all' estero. Negli Stati Uniti , per esempio, viene attribuito agli Infermieri specializzati nel soccorso pre-ospedaliero , sulle ambulanze.

    Rispondi

  • Attolo

    21 Febbraio @ 16.52

    Queste sono le famose "riforme" di cui parlano i Monti, i Letta e i Renzi: tagliare, tagliare e ancora tagliare, fino a che la gente avrà bisogno di pagare un'assicurazione privata per potersi curare. Sarebbe ora che la gente aprisse gli occhi e, nonostante la disinformazione di stampa e tv, capisse dietro a queste meravigliose "riforme" esiste un progetto di riduzione dello Stato sociale e di cessione dei servizi pubblici a gruppi privati.

    Rispondi

  • The Jolly Joker

    21 Febbraio @ 13.11

    Non esistono più i paramedici!!!! Gli INFERMIERI sono professionisti laureati col titolo accademico di Dottore e con una loro autonomia!! Redazione, rettificate.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    21 Febbraio @ 12.41

    IO HO SEMPRE DIFESO , E I LETTORI ME NE SONO TESTIMONI , GLI OSPEDALI, I MEDICI , IL SERVIZIO SANITARIO PUBBLICO , PERO' IN QUESTI ULTIMI ANNI , A FORZA DI CHIUSURE DI OSPEDALI (scesi da 7 a 3 nella Provincia di Parma negli ultimi 30 anni ) E CHIUSURE DI POSTI-LETTO (scesi da oltre 2500 a poco più di 1000 negli ultimi 30 anni solo in Parma Città ) , SI RISCHIA DI SUPERARE DAVVERO I LIMITI DEL TOLLERABILE ! Ormai le parole d' ordine che dilagano in Ospedale sono : ricoverare il meno possibile , e , nei casi in cui si ricoveri , dimettere al più presto. E' vero che, una volta , si esagerava nei ricoveri , c' erano quelli che "svernavano" con due pillole al giorno , c' era "il vecchietto dove lo metto " che stava in Ospedale intanto che i famigliari andavano al mare. Che si sia posto fine a tutto questo è stato un bene , ma ora si esagera al contrario. Vengono dimessi pazienti in gravi condizioni , con l' alibi dell' affidamento ai Servizi Territoriali , che più di pochi minuti di assistenza al giorno non fanno, e non possono certamente sostituire l' Ospedale. I famigliari si sentono dire , dagli Operatori Sanitari , di mettere l' ammalato "da qualche parte" , spendendo migliaia di euro al mese . NO, SIGNORI , SIETE VOI AD AVERE IL DOVERE ISTITUZIONALE DI ASSISTERE GLI AMMALATI , NON IO , CHE , COI MIEI DUE SOLDI DI STIPENDIO, DEVO TIRARE AVANTI A STENTO TUTTA LA FAMIGLIA ! Il discorso sulle "badanti" in Ospedale poi , lo faremo magari un' altra volta.........A me è capitato , negli ultimi tempi, per due volte , di sentirmi dire di "portare a casa" miei parenti , chiaramente in condizioni terminali , perchè "tutto sommato, non stavano così male"... Io, a casa , non li ho portati e sono morti , in Ospedale, pochi giorni dopo. BISOGNA CHE I MEDICI NON SI LASCINO COINVOLGERE E SOPRAFFARE DALLA GESTIONE SALUMIERISTICO-BOCCONIAN-MANAGERIALE CHE , IN QUESTI ANNI , HA DEVASTATO LA NOSTRA SANITA'. DEVONO AGIRE SECONDO SCIENZA E COSCIENZA , NEL RISPETTO DEL GIURAMENTO DI IPPOCRATE ! Il Giuramento di Ippocrate viene prima del Direttore Generale. ANCHE I SINDACI DEI COMUNI , che compongono la Commissione Sanitaria Territoriale , non devono accontentarsi di un comizio annuale di circostanza dei Direttori Generali, ma farsi interpreti dei bisogni delle proprie Popolazioni. Va bene che , la Commissione Territoriale , conta come il due di coppe con briscola denari , perchè i Direttori Generali dipendono direttamente dalle Regioni .....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Samsumg volta pagina, affida il rilancio al Galaxy S8

hi-tech

Samsung, esce il Galaxy S8: lo smartphone del rilancio

Polemiche per il «ritocco» alla Cardinale

CANNES

Polemiche per il «ritocco» alla Cardinale

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria degli Argini

Osteria degli Argini

CHICHIBIO

«Osteria degli Argini», tutto fatto in casa con cura

Lealtrenotizie

Uccide la moglie malata e si taglia la gola

A Felegara

Uccide la moglie malata e si taglia la gola

SAN LAZZARO

Medico aggredito e rapinato nel suo studio

TRAVERSETOLO

Il rock «di centrodestra» del Primo Maggio

Ozzano

Vandali al cimitero: auto danneggiate

VIA VERDI

Arrestato studente con 60 grammi di «fumo»

Calcio

Parma, l'abbraccio dei tifosi

TERENZO

L'Asiletto, i bimbi a scuola dalla natura

TORNOLO

Don Massimo lascia le sue cinque parrocchie

dramma

Felegara, con un coltello uccide la moglie malata e si suicida Foto Video

I corpi di Wilma Paletti e Gianfranco Carpana ritrovati dai figli

Molinetto

Supermercato: mette in vendita salumi inserendo nel prezzo la tara. Denunciato

3commenti

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

4commenti

xxx

notizia 4

lutto

E' morta Alice Borbone-Parma, la nipote dell'ultimo duca di Parma Foto

1commento

anteprima gazzetta

Omicidio-suicidio: Felegara sotto choc

intervento

Pellacini: "Comune e Provincia svendono quote delle Fiere di Parma"

convegno

Barilla, Chiesi e Dallara: la lezione in Università di tre "big"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Trump assume la figlia come dipendente federale

La testimonianza

Carminati: "Sono un fascista degli anni '70"

SOCIETA'

Chat

Dal velo islamico allo yoga: arrivano 69 nuove emoji

Musica

Stoccolma: finalmente Dylan ritirerà il Nobel

SPORT

Sport

Tuffi: Tania Cagnotto verso l'addio

tg parma

D'Aversa: "Serie B ancora raggiungibile". Calaiò: "Serve miracolo"

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon