il caso

Anche a Parma un vicolo cieco intitolato a Braille. Ma senza polemiche

A Piacenza un'analoga iniziativa scatena ironie. Ma i ciechi parmigiani: sciocchezze, è lodevole. La strada, alla Crocetta, si chiama così dal 1980

Anche a  Parma un vicolo cieco intitolato a Braille. Ma senza polemiche

Via Louis Braille a Parma

Ricevi gratis le news
0

 

Piacenza dedica a Louis Braille, l'inventore dell'alfabeto che ha rivoluzionato la vita dei ciechi, una strada chiusa, ossia un «vicolo cieco». L'inaugurazione è avvenuta venerdì mattina, nella Giornata nazionale del Braille, alla presenza del sindaco di Piacenza Paolo Dosi, del Pd. E subito l'occasione è diventata motivo di scontro politico, con Giovanni Botti - consigliere comunale di Pdl-Nuovo Centrodestra - che ha parlato di decisione che «se pensata volutamente, non è stata proprio azzeccata. Mentre se è stato un puro caso, si può dire che è andata ancora peggio. Intitolare un vicolo cieco a Braille, inventore dell’alfabeto per i non vedenti, è l’ennesimo colpo basso al buon senso di questa amministrazione».
Apriti cielo: il sindaco risponde parlando di «facile ironia che ci lascia perplessi» e difende «i motivi per cui abbiamo deciso di dedicare la via a Braille, molto più seri della barzelletta del vicolo cieco», i giornali rinfocolano la polemica e la rilanciano.
Perchè ci occupiamo della vicenda? Perchè - anche se non molti parmigiani lo sanno - anche a Parma esiste un vicolo Louis Braille. E anche a Parma si stratta di un vicolo cieco, ossia una strada senza uscita.
Il vicolo Braille parmigiano è la prima laterale a destra di piazzale Martin Luther King, nella zona di via Cremonese, quartiere Crocetta. L'intitolazione venne decisa alla fine del 1979, sotto il sindaco Aldo Cremonini (precedentemente la strada era conosciuta come «vicolo Martin Luther King», dal nome del piazzale), ma l'inaugurazione del cartello stradale avvenne nei primi mesi del 1980.
E' una via lunga 90 metri e larga sette, come elenca con precisione Tiziano Marcheselli, collega della Gazzetta scomparso di recente, nel suo lavoro in tre volumi «Le strade di Parma», pubblicato nel 1988. Sulla strada - che a lungo è stata classificata come privata - si affacciano nove case unifamiliari e bifamiliari, costruite intorno agli anni Sessanta. Un vicolo silenzioso, quasi sonnacchioso, dove gli immobili - spiegano i residenti - sono passati di mano all'interno delle stesse famiglie. «Un posto tranquillo, dal quale si può raggiungere il centro in meno di venti minuti», fa notare una residente. Che ricorda, da piccola, l'inaugurazione della strada e le ironie a fior di bocca che anche allora la gente espresse sulla decisione di dedicare il «vicolo cieco» a chi tanto si era speso contro i limiti imposti dalla cecità. Ma la cosa si fermò lì.
E che la cosa si sarebbe dovuta fermare anche a Piacenza lo pensano i presidenti di due delle maggiori associazioni cittadine di ciechi. «A dire il vero, non sapevo neppure che a Parma ci fosse una strada intitolata a Braille - ammette Michele Fiore, presidente dell'Unione italiana ciechi, in strada Bixio 47 - Lo trovo lodevole perchè l'invenzione di Braille, prima dell'avvento dei pc, ha permesso a molti di noi di studiare e di lavorare, dando nuove prospettive alle nostre vite». Quanto alla polemica piacentina, per Fiore «la situazione dei non vedenti è talmente complicata che disquisire di queste minuzie è ozioso. Vorrei si parlasse di più, ad esempio, dell'iniziativa di domani (oggi per chi legge, ndr) a Prato Spilla: persone con disabilità motorie e visive insieme a normodotati per una giornata di sport e amicizia. Questa è la quarta edizione, l'anno scorso eravamo in cento. Speriamo che il bel tempo ci assista e che siano queste iniziative, e non altro, a creare attenzione verso i ciechi nella vita di tutti i giorni».
Ironico - ed autoironico - il commento di Salvatore Malta, presidente del Centro sociale ciechi cristiani, in borgo Santa Caterina: «Visto che è il secondo vicolo cieco dedicato a Braille, non è che è una coincidenza voluta? Battute a parte, non ne farei un caso: resta il valore di un'intitolazione importante, sia a Parma che a Piacenza. Per il resto, sono il primo, a volte, a scherzare sulla mia situazione», dice. Dimostrando così che gli tsunami della vita si possono affrontare con saggezza e humour.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

PACIFICO

Eruzione vulcano Papua Nuova, voli cancellati. Allarme Tsunami Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza in centro

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

59 ANNI

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

DIPENDENZA

Una sera con i Narcotici Anonimi

89 ANNI

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia

Salsomaggiore

«Serhiy Burdenyuk è scomparso: chi l'ha visto?»

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

6commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

anteprima gazzetta

Quei ragazzini terribili che imperversano in centro Video

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

violenze su minori

Abusi su due figlie: il "mostro" smascherato da un tema scolastico è il papà

SPORT

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

manifestazione

Bimbi e tifosi abbracciano il Felino (contro tutte le mafie) Gallery

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti